Vai al contenuto
Klaus

Un tsuba misteriosa...

Messaggi consigliati

Ovviamente, misteriosa per me, ma sono certo che per voi non lo sia.

Apparsa di recente sul mercato.

Forse, come spesso accade, qualcuno di voi l'aveva vista, forse invece a qualcuno era sfuggita.

Nulla di pregiato.

Patina bruttina, forse migliorerà con una pulizia o con restauro attento e ben fatto.

Mi è piaciuta per quelle decorazioni insolite, molto tenui, che raffigurano, credo, alcuni oggetti della cerimonia del tè.

Cosa ne pensate?

Io francamente decorazioni così tenui e delicate non le avevo mai viste.

Non mi sembra particolarmente antica, ma forse sbaglio.

 

Tsuba tenue fronte 2.jpg

Tsuba tenue retro.jpg

 

Dimensioni : 6.6cm x 6.0cm, spessore: 0.4cm, Peso 91.4g. 6x 6,6 x 0.7cm

Peso : 91.4g

Condividi questo messaggio


Link al messaggio
Condividi su altri siti

Le condizioni non sono ottimali ma con un restauro non troppo impegnativo sono migliorabili.

Come periodo direi che siamo in pieno periodo Edo, il tema come hai capito da solo sono gli attrezzi per la cerimonia del tè.

La lavorazione è quel nunome zogan che ti avevo spiegato nel post precedente, una tsuba semplice ma onesta

Condividi questo messaggio


Link al messaggio
Condividi su altri siti

I disegni in basso sono senz'altro legati alla cerimonia del tè.

Quelli in alto sono meno figurativi e più simbolici.

A sinistra in alto, mi sembra di intravedere una penna di falco.

Queste sono spesso raffigurate nei mon di casate nobiliari antiche.

Così antiche da fondare il loro valore non tanto sulla spada, quanto su un'arma se possibile ancora più nobile.

Sto parlando dello yumi, l'arco asimmetrico giapponese.

Quella penna simboleggia una freccia.

Anche il simbolo in alto a destra sembra più astratto.

Spesso questi cerchi si trovano pure nei mon delle casate nobiliari.

Il numero otto dei cerchi è un numero sacro nell'antica Cina. Fa riferimento all'i-Ching, il Libro dei Mutamenti.

Ma il sincretismo Giapponese lo reinterpreta aggiungendo un cerchio centrale.

In questo modo, i cerchi diventano nove, numero magico per il Buddismo Shingon.


 

月の道

Condividi questo messaggio


Link al messaggio
Condividi su altri siti

Ah, ragazzi, mi state facendo felice... pensavo fosse un pezzo quasi insignificante, e invece.. mi accorgo che è carico di fascino...

Condividi questo messaggio


Link al messaggio
Condividi su altri siti

A sinistra in alto, mi sembra di intravedere una penna di falco.

Queste sono spesso raffigurate nei mon di casate nobiliari antiche.

Così antiche da fondare il loro valore non tanto sulla spada, quanto su un'arma se possibile ancora più nobile.

Sto parlando dello yumi, l'arco asimmetrico giapponese.

Quella penna simboleggia una freccia.

 

Veramente pure quello è un utensile, si chiama Habōki (羽箒), viene usato per pulire la cenere del braciere

f233a9f87a7280a00eea2b9b9f7c4da9.jpg

 

Mentre quel "mon" in realtà è la rappresentazione semplificata del Kamashiki 釜敷 che serve ad appoggiare il bollitore, sul quale vediamo anche gli Hibashi 火箸, le bacchette in metallo per maneggiare il carbone

Condividi questo messaggio


Link al messaggio
Condividi su altri siti

Accidenti...

So che la cerimonia del tè ha una notevole importanza, nella cultura giapponese, ma non mi aspettavo che potessero raffigurarla su una tsuba.

 

No vedo l'ora di riceverla: ho chiesto una spedizione veloce, anche perchè il prezzo di acquisto non è stato elevato... ma il venditore aveva già spedito...

Condividi questo messaggio


Link al messaggio
Condividi su altri siti

Unisciti alla conversazione

Adesso puoi postare e registrarti più tardi. Se hai un account, Registrati adesso per inserire messaggi con il tuo account.

Ospite
Rispondi

×   Incolla come testo formattato.   Incolla invece come testo normale

  Sono permesse un massimo di 75 faccine.

×   Il tuo link è stato inserito automaticamente.   Visualizza invece come link

×   Il tuo contenuto precedente è stato ripristinato.   Editor trasparente

×   Non puoi incollare le immagini direttamente. Carica o inserisci immagini dall'URL.

Caricamento

Chi è I.N.T.K.

La I.N.T.K. – Itaria Nihon Tōken Kyōkai (Associazione italiana per la Spada Giapponese) è stata fondata a Bologna nel 1990 con lo scopo di diffondere lo studio della Tōken e salvaguardarne il millenario patrimonio artistico-culturale, collaborando con i maggiori Musei d’Arte Orientale ed il collezionismo privato. La I.N.T.K. è accreditata presso l’Ambasciata Giapponese di Roma, il Consolato Generale del Giappone di Milano, la Japan Foundation in Roma, la N.B.T.H.K. di Tōkyō. Seminari, conferenze, visite guidate a musei e mostre, viaggi di studio in Europa e Giappone, consulenze, pubblicazioni, il bollettino trimestrale inviato gratuitamente ai Soci, sono le principali attività della I.N.T.K., apolitica e senza scopo di lucro.

Come associarsi ad I.N.T.K.:

Potete trovare QUI tutte le informazioni per associarsi ad I.N.T.K..
Associandovi ad I.N.T.K. accettate in maniera esplicita il Codice Etico e lo statuto dell'associazione ed avrete accesso ad una serie di benefici:
- Accesso alle aree riservate ai soci del sito e del forum;
- Possibilità di partecipare agli eventi patrocinati dall'associazione (ritrovi, viaggi, kansho, ecc...);
- Riceverete il bollettino trimestrale dell'Associazione.

"Una singola freccia si rompe facilmente, ma non dieci frecce tenute assieme."

(proverbio popolare giapponese)

×
×
  • Crea nuovo/a...