Jump to content
betadine

i Bambù

Recommended Posts

... con lo spirito di un viandante, protetto da Jizō, al pari dei bambini mai nati (senza dimora anche loro) percorro tra le righe un pò di isole, restando colpito da centinaia di giovani studenti alla Shizutani, che chiaccherano e ridono, ma, incredibilemente, non scorrazzano né urlano.

Questo connaturato comportamento mi porta a Confucio, passando per un giardino zen e fermandomi ad un okonomiyaki ..

(che significa tanto letteralemente quanto concretamente.. «cucinate come volete»).

 

Con queste settantadue parole volevo segnalarvi questo simpatico libretto (nel senso che è proprio piccolo):

Taccuino Giapponese, Lindau editor (2018) a pochi euri, secondo me, ben spesi.

Share this post


Link to post
Share on other sites

Anche se non fa parte della serie dei "bambù".. questo viaggiatore nell'animo, greco di nascita - da cui il nome - si sposterà nella paterna Dublino, passando poi per Francia e Inghilterra ed infine a Cincinnati in Ohio, dove verrà piegato dalle "necessità di stato" (già ammericano con due emme) e pur lasciando la sua amata "negra", passando per le Indie, non perderà l'innata resistenza del bambù, in basso radicato e lo spirito nomade, che fluttuando ancor, lo porterà ad adattarsi alle nuove isole, prendendone sembianze, nazionalità e nome (Koizumi Yakumo) oltre che moglie.. e lì vivrà fino alla fine dei suoi giorni, nel settembre del 1904, in Tokio.

Da poco ri-pubblicata una raccolta di "storie", tra i 18 scritti (abbastanza introvabili): Ombre Giapponesi, di Lafcadio Hearn, Ed. Adelphi (2018)

 

e ..considerato che tra poco è Natale, ve lo segnalo.

anche questo a pochi euri.. ma con più pagine.

Share this post


Link to post
Share on other sites

Grazie per la segnalazione.

 

Lo scorso anno, mentre navigavo tra le isole Ioniche della Grecia, mi è capitato di fermarmi a Corfù per qualche giorno. Ho scoperto che proprio lì esiste il museo di Arte Orientale più importante della Grecia e avendo un pomeriggio a disposizione ho voluto passare a visitarlo. Si tratta in verità di un museo abbastanza modesto per quanto riguarda i pezzi esposti, pur se encomiabile per impianto espositivo, che è moderno e piacevole. Lì ho avuto modo di notare, esposti nel migliore dei modi, una bella serie di libretti originali di Hearn e sono rimasto molto incuriosito dalle tematiche affrontate da questo poliedrico autore. Storie di fantasmi, leggende, favole e folklore: il tutto trattato con occhio attento e attingendo a documenti d epoca talvolta umili (come il diario personale di una donna, scritto in piena era Meiji) ma preziosi e introvabili.

Spinto dalla curiosità ho fatto qualche ricerca con Amazon e ho scoperto non solo la disponibilità di moltissime riedizioni abbastanza moderne ma ho pure trovato, per pochi dollari, due o tre originali. Naturalmente non in italiano.

 

Comunque consiglio pure io di cercare le opere di questo sfizioso autore, per alleggerire la mente tra un jigane e laltro.

Share this post


Link to post
Share on other sites

Grazie a te.. :arigatou:

«.... adesso lascia che ti dia un ultimo consiglio, e cerca di non dimenticarlo mai: "Evita i posti grandi di notte, rimani nel piccolo!" »

 

La vita di Hearn, o meglio di Yakumo, fu basata sul concetto di "cosa ho visto, cosa ho ascoltato e cosa ha risuonato nel cuore"

 

Entrò così tanto nel cuore delle persone freuquentate che queste vollero celebrare "il suo lavoro" fondando The Hearn Society, ora museo: http://www.hearn-museum-matsue.jp/english.html

 

Qua, se volete, alcuni articoli ..

https://www.alfabeta2.it/2018/09/16/lafcadio-hearn-esperimento-con-il-giappone/ ( Lafcadio Hearn, esperimento con il Giappone)

https://www.musubi.it/it/costume/pionieri/316-personaggi-hearn (La breve e intensa vita di Lafcadio Hearn)

http://viaggiappone.com/blog/lafcadio-hearn.html (L'uomo che volle farsi giapponese)

 

 

..il mondo degli insetti è nel suo insieme, tutto sommato, un mondo di folletti e di fate:

creature con organi dei quali non conosciamo funzione e sensi, di cui non riusciamo a immaginare la natura

creature con miriadi di occhi, o con gli occhi sulla schiena, o che si muovono in cima a proboscidi e corna

creature con le orecchie sulle gambe o sulla pancia, o col cervello nello stomaco!

Se capita che qualcuna abbia la voce fuori del corpo, anziché dentro, è un fatto che non dovrebbe sorprendere.

".. vorrei che le giovani generazioni vedano il mondo senza pregiudizi"

Lafcadio Hearn (1850 –1904)

Share this post


Link to post
Share on other sites

Ho trovato una degna conclusione per questo post.. ...

 

 

36.120.79_001may2014.jpg 36.120.79_002may2014.jpg

Inscribed by Ishiguro Masayoshi (Japanese, 1772–after 1851)

Date: 19th century

Copper-gold alloy (shakudō), gold, copper-silver alloy (shibuichi), copper

Dimensions: H. 7.3 cm; W. 6.7 cm; thickness 0.8 cm; Wt. 153.1 g

Classification: Sword Furniture-Tsuba

Credit Line: The Howard Mansfield Collection, Gift of Howard Mansfield, 1936

The MET - NY

Share this post


Link to post
Share on other sites

... non è mai troppo, quando si parla piccole storie di vita e di morte.. (perchè tutto è legato.)

Onore ai fù.. che ci lascian tante tracce da seguir, per non lasciar invano il loro sacrificio.. e noi, quei "puntini" del fondo, apparentemente uguali tra un flebile, ma tenace, bambù.

 

"Mi piego ma non mi spezzo"

... anzi, megliochenò..

mi piego e mi spezzo, ma rinasco

e tuttalpiù muoio.

Kunta Kinte

Share this post


Link to post
Share on other sites

Join the conversation

You can post now and register later. If you have an account, sign in now to post with your account.

Guest
Reply to this topic...

×   Pasted as rich text.   Paste as plain text instead

  Only 75 emoji are allowed.

×   Your link has been automatically embedded.   Display as a link instead

×   Your previous content has been restored.   Clear editor

×   You cannot paste images directly. Upload or insert images from URL.

Loading...

×
×
  • Create New...