Jump to content
Francesco Marinelli

Mostra Samurai in Sardegna

Recommended Posts

Buongiorno a tutti,

 

per la felicità degli amici sardi vi segnalo la mostra “La Via del Samurai. Bushidō” che si terrà dal 26 gennaio al 21 luglio nel museo de Sa Corona Arrubia, con opere proveniente dalla collezione del Museo Stibbert di Firenze.

 

mostra.jpg

Share this post


Link to post
Share on other sites

lo farò, se me la faranno usare. L'utima volta, ma era in quel di Tokyo e dintorni, fu un peso inutile

Share this post


Link to post
Share on other sites

Share this post


Link to post
Share on other sites

Grazie Francesco

 

una buona occasione per far due passi in Marmilla.. "il cuore pulsante della terra sarda", con una istallazione di Terry Gilliam.

(già da sola varrebbe il senso del viaggio, poi arms and armour del Giappone e.. se si arriva a fine febbraio si fa un salto a Mamoiada per il carnevale)

un porceddu, unu casu e na pattada ed un'altra foto nel libro dei ricordi.

Share this post


Link to post
Share on other sites

La location della mostra è sicuramente suggestiva, situato nella Marmilla, alle pendici della Giara su una altura immersa nel silenzio che sovrasta il vento e il gracidio discreto di corvi in lontananza. Mi hanno accompagnato i miei nipotini di 4 e 3 anni che si sono comportati egregiamente, incuriositi dalle suggestive armature e dalle maschere da guerra. La penombra illuminava le sale espositive e le opere erano protette da teche ben illuminate. Sottofondo, una discreta musica rimandava a recenti rappresentazioni di filmografia occidentale sul Giappone e i suoi guerrieri. Forse avrebbero potuto anche tralasciare questo tocco coreografico ma i visitatori non ne sembravano disturbati.
A parte questo piccolo appunto, direi trascurabile, ho potuto notare un impegno notevole nel rimanere attinenti alla storia reale e alla sua valorizzazione con una esposizione che procedendo dal percorso creativo mitologico religioso del Giappone con la conseguente nascita della stirpe divina che avrebbe popolato le isole del sol levante, passava discretamente attraverso i vari periodi storici, Nara, Heian ed epoche successive, osservate e trasposte attraverso il succedersi delle innumerevoli stirpi guerriere, i samurai, che ne forgiarono gli eventi fino all'editto imperiale dell'ultimo terzo del XIX secolo che ne sanci la fine. Una ambientazione simile mi ha ricordato la qualità espositiva del Nezu Museum visitato a Tokyo e quindi onore al curatore e ai collaboratori della struttura museale di Sa Corona Arrubia, veramente impeccabili nella proprietà del linguaggio figurativo e attinenza descrittiva di storia, costumi e in particolare del senso profondo della via, il Bushido, costantemente presente nella esposizione delle guide. Un profondo rispetto per la storia di quel popolo è la sensazione che sono riusciti a trasmettere ai visitatori presenti.
Detto questo, passando all'analisi tecnica delle opere esposte, ho osservato delle pregevoli e ben conservate armature, splendidi kabuto, pregevoli mempo, tsube di grande qualità che tutti i visitatori dello Stibbert hanno già avuto modo di apprezzare. Quello che mi ha deluso un pò sono state proprio le lame, sia per il limitato numero che per la qualità: a parte una Kanemoto di terza o quarta generazione datata fine 1500 con un hamon sambon sugi e koshirae shinshinto, bisognosa di una politura d'urgenza, le altre lame si presentavano in uno stato di conservazione penoso per una collezione tra le più cospicue al di fuori del Giappone , quale lo Stibbert rappresenta. Manca, è lampante, una attenzione alla conservazione e valorizzazione delle spade, assolutamente non all'altezza delle restanti opere in esposizione. Il museo di provenienza non l'ho visitato e non posso dire se qui è stato inviato un campione di lame secondarie, e nemmeno mi è sembrato che durante il passaggio tra le teche i visitatori abbiano percepito lo stato di degrado, per fortuna direi, perchè non erano all'altezza del contesto. Le opere più rappresentative del bushido, erano anche quelle più modeste qualitativamente. Ruggine, abrasioni, punte spezzate, lame di ignota fattura, rimaste come furono scoperte allora da quello straodinario collezionista ottocentesco che viaggiava per il Giappone dell'epoca in cerca di tesori ancora non conosciuti in occidente.









IMG_20190302_181148.jpgIMG_20190302_181234.jpgIMG_20190302_181337.jpgIMG_20190302_181354 - Copia.jpgIMG_20190302_181431.jpgIMG_20190302_181406.jpgIMG_20190302_181419.jpgIMG_20190302_181455.jpgIMG_20190302_181504.jpgIMG_20190302_181510.jpgIMG_20190302_181528.jpgIMG_20190302_181519.jpgIMG_20190302_181536.jpgIMG_20190302_181548.jpgIMG_20190302_181554.jpgIMG_20190302_181211.jpgIMG_20190302_181329.jpgIMG_20190302_181107.jpgIMG_20190302_181122.jpgIMG_20190302_181129.jpgIMG_20190302_181113.jpg

Share this post


Link to post
Share on other sites

Grazie Rob per il bel servizio.

La collezione Stibbert è talmente ampia che occorrerebbe una manovra di governo per restaurarla e manutenerla.

Share this post


Link to post
Share on other sites

Join the conversation

You can post now and register later. If you have an account, sign in now to post with your account.

Guest
Reply to this topic...

×   Pasted as rich text.   Paste as plain text instead

  Only 75 emoji are allowed.

×   Your link has been automatically embedded.   Display as a link instead

×   Your previous content has been restored.   Clear editor

×   You cannot paste images directly. Upload or insert images from URL.

Loading...

×
×
  • Create New...