Jump to content
Francesco Marinelli

Kimura Art Museum 木村美術館

Recommended Posts

Al recente evento FdF ha nominato il Kimura Art Museum 木村美術館, noto anche come Sōshū-tō Art Museum, dove appunto vi possiamo trovare lame appartenenti a questa scuola.

 

5157552faf0eafd8658ee1e85c878e73.jpg14384cc3290030169_1.jpg

Il museo è situato a Yugawara nell'attuale prefettura di Kanagawa (antica provincia Sagami, abbreviata anche in Sōshū), a poco meno di 1.30 h di treno da Tōkyō, vicino alle mete turistiche di Kamakura e Hakone, più precisamente: https://www.google.com/maps/place/Kimura+Museum/@35.1588297,139.1095162,15z/data=!4m5!3m4!1s0x0:0x261ec1dc4d997c91!8m2!3d35.1588297!4d139.1095162

 

Nel museo sono esposte opere prodotte attraverso l'uso del fuoco: ceramiche e spade.

 

Al primo e terzo piano sono in mostra una 5oina di ceramiche antiche e moderne del Sud Est Asiatico, cinesi, coreane e naturalmente giapponesi.

 

1508728993278.jpg1508728358469.jpg

 

Al secondo troviamo importanti lame, tra cui meitō, jūyō bunkazai e Masamune.

 

1508728166634.jpg1508727928089.jpg 1508727494290.jpgkimura-art-museum_01_2.jpg

 

Sotto vi riporto alcune delle Sōshū-tō esposte:

 

Ōsuriage mumei Masamune-gō Jitsugetsu Masamune (大磨上無銘 正宗・号 日月正宗)

download.jpgkimura-art-museum_02_2.jpg

 

Kinzōganmei Masamune-gō Higurashi Masamune (金象嵌銘 正宗・号 ひぐらし正宗)

kimura-art-museum_02_3.jpg

 

Motochika saku (元近作) - Muromachi jidai

kimura-art-museum_02.jpg

 

Minamoto Masanaga (源正長) - Edo jidai

aP1020960.jpg

 

Tsunaie saku (綱家作) - Muromachi jidai

aP1020965.jpg

 

Mumei - Kamakura jidai

aP1020972.jpg

 

Mumei - den Tōgenji Sukezane (藤源次助真) - Kamakura jidai

aP1020991.jpg

 

Mumei - den Kuniyoshi (國吉) - Kamakura jidai

aP1020994.jpg

 

Mumei - den Yukimitsu (行光) - Kamakura jidai

aP1020998.jpg

 

Mumei - Shizu Saburō Kaneuji (志津三郎兼氏) - Nanbokuchō jidai

aP1030001.jpg

 

Sōshū-jū Akihiro (相州住秋廣) - datato Jōji 3 (貞治, 1364)

1508727622626.jpg24132000_1554415907968527_4562261227554903623_o.jpg

24131847_1554416237968494_4858879827815018837_o.jpg24059606_1554416327968485_2663623266125971247_o.jpg akihiro.png24130190_1554416411301810_5767630535512336006_o.jpg24059739_1554416501301801_9006042850543078797_o.jpg24059569_1554416594635125_9103368792681416967_o.jpg24068836_1554416654635119_5649817913305977157_o.jpg

 

Altre lame:

 

aP1020988.jpgaP1020989.jpg

 

aP1020964.jpg

 

1508727903562.jpg

 

aP1020976.jpg

 

http://lovingcspot.hatenablog.com/entry/2017/11/01/230540

http://shizuoka.mytabi.net/hakone/archives/kimura-art-museum.php

http://beautifulearth17.web.fc2.com/200701kimura-bi.html

Share this post


Link to post
Share on other sites

Erano almeno due anni che mi riproponevo di visitare questo museo e, infine, sono riuscito nell'intento.

La distanza da Tokyo non è eccessiva, circa un'ora e mezza di treno dal centro, e in apparenza basta inserire "Kimura Museum" su Google per ottenere tutte le info necessarie.
Nella realtà non bisogna fidarsi degli orari che appaiono alla prima schermata; gli orari giusti sono quelli visibili nel sito in giapponese http://shizuoka.myta...-art-museum.php

Nel sito si indica il martedì come giorno di chiusura o, nel caso in cui una festa nazionale capiti quel giorno, sarà chiuso anche il mercoledì. Si badi bene che questo sistema, che è chiamato "provvedimento per tutelare i giorni di riposo", vale per tutti i luoghi visitabili e può causare confusione. Innanzitutto, quando la festa nazionale cade nel giorno di riposo settimanale, non è detto che il luogo cui si vuole accedere sia necessariamente chiuso. Per esempio, in occasione della Festa della Cultura, molti musei (e anche i giardini del Palazzo Imperiale) restano comunque aperti anche se la festa cade di lunedì (che sarebbe il consueto giorno di chiusura). La chiusura avviene dunque il giorno successivo. Ci sono, però, anche luoghi che tengono chiuso tutti e due i giorni, approfittando sia della festa che del "recupero del riposo settimanale". Quindi occorre informarsi bene.

Per quanto riguarda il Kimura la faccenda è un pò più complicata.
Si tratta di un museo privato, dunque la visita si svolge seguendo le regole di una visita in una casa privata ma il vero problema è questo: il custode è già molto anziano e pare che il museo non venga più molto visitato quindi...di fatto il museo è aperto molto sporadicamente e le visite si fanno, in pratica, su appuntamento.
Se volete programmare una visita vi consiglio caldamente di prendere accordi telefonici in anticipo, per evitare sorprese.
Il numero è: 0456 624429
Se non avete un amico in loco che può aiutarvi nella telefonata, è sempre possibile chiedere nella hall dell'albergo in cui alloggiate di fare una chiamata per voi e fissare un giorno e un orario.

Il Kimura Museum si trova a Yugawara, una piccola località che si affaccia sulla baia di Sagami, in una zona collinare a picco sul mare che ricorda vagamente la Liguria, e che rivendica per sè il ruolo di città natale di Masamune. Questo fatto spiega bene come le lame esposte siano di scuola Sōshū.

Il museo dista dalla stazione ferroviaria di Yugawara circa due km. C'è un autobus che porta molto vicino ma passa ogni 20 min e il mio consiglio è di fare la strada a piedi (se il tempo è buono, ovviamente). Ciò vi permetterà di assaporare il clima particolare che si respira in una cittadina di provincia, in cui ancora ci si saluta incrociandosi sul marciapiede e dove agli angoli delle strade si possono trovare piccoli banchetti improvvisati con sacchetti caserecci pieni di frutta e verdura. Nessuno li accudisce: c'è il prezzo su ogni busta e una cassettina in cui mettere i soldi. Inoltre, la passeggiata vi scrollerà via la "frenesia" di Tokyo, vi darà il senso del "pellegrinaggio" e vi consentirà di arrivare al museo nelle migliori condizioni di spirito.

Purtroppo devo dire che il museo, pur essendo estremamente affascinante, non versa in buone condizioni. Si nota chiaramente che i visitatori scarseggiano e la "gestione" è portata avanti con fatica. Le sale sono ben chiuse da porte blindate ma al piano terra, dove sono conservate le ceramiche, le stuoie (dentro le teche) su cui stanno appoggiati gli oggetti pullulano di muffe multicolori. Molto probabilmente le ceramiche non soffrono l'umidità ma l'impressione che può trarne un visitatore "standard" non può essere che sconcertante.
Le lame sono al primo piano, che non è così umido, e sono tenute ben oliate (anche i nakago). Quindi sono in ottime condizioni di conservazione e non sembrano a rischio.
Molte spade mostrano un tipo di politura "vecchio stile" con hadori bianchissimo che rende difficile vedere bene le attività nell'habuchi (di contro la hada si vede nei minimi dettagli) ma...bisogna accontentarsi.

Molti pezzi sono straordinari e la visita è d'obbligo per gli appassionati del Sōshū. Assolutamente consigliato.

EB4B4D6B-3F3D-444C-97DA-934F5B1BBC83.jpeg

30BE3559-901E-4F87-B445-A4FFB3C3F5C5.jpeg

86A03977-8BD2-4769-AA1A-EFF3949CED47.jpeg

33B931AA-A16A-4103-8B33-CCC8BD56D9F5.jpeg

Share this post


Link to post
Share on other sites

Join the conversation

You can post now and register later. If you have an account, sign in now to post with your account.

Guest
Reply to this topic...

×   Pasted as rich text.   Paste as plain text instead

  Only 75 emoji are allowed.

×   Your link has been automatically embedded.   Display as a link instead

×   Your previous content has been restored.   Clear editor

×   You cannot paste images directly. Upload or insert images from URL.

Loading...

×
×
  • Create New...