Vai al contenuto

Messaggi consigliati

Vederlo di persona sarebbe la cosa migliore anche per valutare la fattibilità di politura, se hai la possibilità potresti venire all'incontro del 24 Novembre a Sesto Fiorentino e così lo possiamo vedere :wink:

Condividi questo messaggio


Link al messaggio
Condividi su altri siti

Non è complicato capire perché firmare una lama mumei.

I collezionisti, spesso poco preparati, cercano lame firmate.

Pertanto le lame con firma hanno mercato maggiore.

Qualcuno ha già detto anche, se del caso, opportuno firmare lame non particolarmente straordinarie con firme non particolarmente famose.

 

Si tratta di considerazioni generali, sganciate dalla lama oggetto del post.

Condividi questo messaggio


Link al messaggio
Condividi su altri siti

assolutamente generali certo.

il collezionista poco preparato però più che la firma cerca il certificato.

Cosi come la lama firmata è in linea di massima sempre preferibile, per i motivi più diversi

Condividi questo messaggio


Link al messaggio
Condividi su altri siti

Vero, ma non in assoluto.

Come dici tu, in linea di massima.

Certe mei talora le ho viste rimuovere, perché una lama mumei non è mai falsa.

...e taroccare la patina di un nakago, talora si chiama "restauro"

😂😂😂

Condividi questo messaggio


Link al messaggio
Condividi su altri siti
Il collezionista poco preparato però più che la firma cerca il certificato.

 

 

Già, peccato che oggi come oggi falsificare un certificato sia molto più facile che non falsificare la lama.

 

Dal 1948 a oggi, lo stesso NBTHK ha già dovuto correre ai ripari in più di un'occasione.

 

 

Condividi questo messaggio


Link al messaggio
Condividi su altri siti

.. che ci vuoi fare, so ragazzi.

 

Però, andando un pò in profondità.. si potrebbe capire qualcosa in più.

Dare una bella lavata, fa apprezzare meglio «l'essere» ci rende più piacevoli (a maggior ragione se tratta di rispolverare un vecchio oggetto.)

 

Poi, e io non sottovaluterei questo aspetto, pensandoci bene mi soffermerei sulla "via".. sul viaggio che questa lama ha fatto ... rispuntando chissà da dove, nel vecchio baule di un vecchio collezionista, arrivando fino a te.

Sarà un segno proveniente dal passato ?

Sarai tu il tassello che darà nuovo lustro a questo manufatto, dandogli nuova linfa ??

(in un certo senso, tu o qualcun altro dopo, farà ritornare in vita questo oggetto nato dalle mani di un qualcuno vissuto centinaia di anni fa.. e la sabbia riprenderà fulgore, prima di tornare in acqua, ricordandosi del fuoco che l'ha plasmata e facendoci ragionare, o semplicemente sognare, sui tempi andati ... ancora vivi oggi come domani.

Una sorta di rinimazione dopo il primordiale parto.

In fondo questo è il magnete che appassiona il mondo-nihonto e talvolta cattura qualcuno, fin tanto che l'energia non verrà meno.

E da questo seme, qualcosa nascerà di nuovo.

 

 

Danielsan . . fai uno sforzo, vai a Firenze o dove ti pare, ma porta questa creatura da un pediatra o da un geriatra.. quantomeno per fare una diagnosi.. a prescindere dall'anagrafica.

Condividi questo messaggio


Link al messaggio
Condividi su altri siti

Già, peccato che oggi come oggi falsificare un certificato sia molto più facile che non falsificare la lama. Dal 1948 a oggi, lo stesso NBTHK ha già dovuto correre ai ripari in più di un'occasione.

Però la falsificazione del certificato oggigiorno è piu difficile di un tempo, se sai come riconoscere un certificato autentico. Poi si può sempre chiedere conferma del progressivo.

Il problema vero dei certificati è quando il certificato è genuino, ma la decisione dei giudici della shinsa non è onesta.

 

Cmq il certificato va sempre visto null'altro per quel che è, un parere di parte.

Condividi questo messaggio


Link al messaggio
Condividi su altri siti

Io sarei un po più cauto nel fare certe affermazioni.

Parlare di onestà è sempre complicato, ma affermare certezze, meriterebbe una azione formale.

Condividi questo messaggio


Link al messaggio
Condividi su altri siti

E allora limitatevi allo studio...

Personalmente mi vergognerei di far parte di "un-tale-sistema-certificato"

(ma io non faccio testo... penso solo che uno scritto, per quanto scritto di esseri perfettibili, abbia una certa valenza.)

 

 

Alla fine vinceranno i "professionisti del settore" e gli orsi scompariranno.

 

 

 

@@Danielsan.. perdona per l'OT (ma certe cose mi generano prurito)

passo e chiudo.. eventualmente in altro post.(

Condividi questo messaggio


Link al messaggio
Condividi su altri siti

Ti capisco assai Beta! purtroppo dove girano soldi l'onesta praticamente non esiste mai!

 

la NBTHK in passato ha avuto più di uno scandalo e questo è risaputo!

 

Trovo normale essere diffidenti sui certificati...

 

Attualmente però sono top per via di giudizio...sono diventati anche molto più severi..basta vedere gli ultimi Shinsa Juyo...

 

E' sempre la lama che parla comunque, questa deve essere la regola base secondo me..

Condividi questo messaggio


Link al messaggio
Condividi su altri siti

capisco l'imbarazzo che possa creare quanto ho scritto beta... ma volenti o nolenti è storia.

Ed in giappone ha creato qualcosa di più di sempice imbarazzo se può consolarti.

Volevo però far passare un altro concetto. un certificato nbthk, nthk npo o di altra associazione solida ed in alta stima internazionalr dovrebbe darci una certa sicurezza nel poter intedere come genuina una certa attribuzione, con tutti i benefici che ne derivano in primis per chi vuole progredire nello studio attraverso il raffronto.

non è inusuale trovare opere firmate e certificate in stili totalmente diversi da quelli usualmente visti e genericamente descritti per quasi tutti i kaji.

prendere però un certificato per vangelo in maniera dogmatica è un errore. non solo perchè ce lo dice la storia. ma perchè potrebbe comunque nascere da un errore umano, senza per forza vederci la malafede.

Condividi questo messaggio


Link al messaggio
Condividi su altri siti

Unisciti alla conversazione

Adesso puoi postare e registrarti più tardi. Se hai un account, Registrati adesso per inserire messaggi con il tuo account.

Ospite
Rispondi

×   Incolla come testo formattato.   Incolla invece come testo normale

  Sono permesse un massimo di 75 faccine.

×   Il tuo link è stato inserito automaticamente.   Visualizza invece come link

×   Il tuo contenuto precedente è stato ripristinato.   Editor trasparente

×   Non puoi incollare le immagini direttamente. Carica o inserisci immagini dall'URL.

Caricamento

Chi è I.N.T.K.

La I.N.T.K. – Itaria Nihon Tōken Kyōkai (Associazione italiana per la Spada Giapponese) è stata fondata a Bologna nel 1990 con lo scopo di diffondere lo studio della Tōken e salvaguardarne il millenario patrimonio artistico-culturale, collaborando con i maggiori Musei d’Arte Orientale ed il collezionismo privato. La I.N.T.K. è accreditata presso l’Ambasciata Giapponese di Roma, il Consolato Generale del Giappone di Milano, la Japan Foundation in Roma, la N.B.T.H.K. di Tōkyō. Seminari, conferenze, visite guidate a musei e mostre, viaggi di studio in Europa e Giappone, consulenze, pubblicazioni, il bollettino trimestrale inviato gratuitamente ai Soci, sono le principali attività della I.N.T.K., apolitica e senza scopo di lucro.

Come associarsi ad I.N.T.K.:

Potete trovare QUI tutte le informazioni per associarsi ad I.N.T.K..
Associandovi ad I.N.T.K. accettate in maniera esplicita il Codice Etico e lo statuto dell'associazione ed avrete accesso ad una serie di benefici:
- Accesso alle aree riservate ai soci del sito e del forum;
- Possibilità di partecipare agli eventi patrocinati dall'associazione (ritrovi, viaggi, kansho, ecc...);
- Riceverete il bollettino trimestrale dell'Associazione.

"Una singola freccia si rompe facilmente, ma non dieci frecce tenute assieme."

(proverbio popolare giapponese)

×
×
  • Crea nuovo/a...