Vai al contenuto
betadine

Il violino e la spada

Messaggi consigliati

In questa fase di limbo informatico apro una parete..si

(tralascio per un momento "la Onna" anche se di fatto non è cosi.. lei ci ha portato qui. ... ma questa è un'altra storia).

 

 

Il Violino e la Spada

LA SPADA GIAPPONESE
UNO SPECCHIO DI ECCELLENZA E ANTICHITÀ

 

Questo saggio prende le mosse da un'analogia distante, ma non così lontana, tra il violino e la spada giapponese, e continua a giustificare il nostro studio della spada [come se fosse davvero necessario] invocando la contemplazione dei valori.

Nella società giapponese la Spada è sempre stata più di un semplice oggetto materiale.

Incarna il rispetto per l'eccellenza e l'antichità che caratterizza la cultura giapponese. Il suo significato non può essere preso alla lettera, come non lo sono quegli altri enigmatici simboli nazionali, il Gioiello e lo Specchio.

Le grandi spade giapponesi dell'est hanno qualcosa in comune con i grandi violini dell'ovest.

Entrambi sono prodotti dell'ingegno umano, costruiti in parametri molto ristretti.

A prima vista, disinvolta, un violino o una spada giapponese assomigliano molto a un altro.. in realtà ogni singola lama, come ogni singolo violino, sono un'opera d'arte altamente individuale con un proprio carattere singolare.

Il fabbro e il liutaio erano (o sono) artigiani altamente qualificati, che non si occupavano principalmente di estetica.

Il risultato letalmente elegante delle loro capacità è il risultato di considerazioni profondamente pratiche e di sensibilità alle proprietà dei materiali.

Il violino e la spada sono molto più di opere d'arte.

Sono sculture funzionali e oggetti di contemplazione, per non dire strumenti di musica e di guerra, opere d'arte e oggetti di commercio.

Le loro curve sottili, la loro tensione e il loro equilibrio, scaturiscono dal cuore del sentimento tanto come dalla mente pragmatica. Entrambi rispondono minuziosamente ai cambiamenti di temperatura e umidità.

Le loro superfici delicate sono suscettibili all'impressione di un dito.

Entrambi manifestano la bellezza del grano e la struttura dei loro materiali costitutivi.

Ognuno è pieno di dettagli sottili che esaltano e determinano le loro qualità in uso e come opere d'arte.

Entrambi sono strutturati per combinare tensione e sottomissione, durezza e morbidezza.

Il violino mette le proprietà del morbido abete del ventre contro quelle del denso acero nella parte posteriore.

La spada fa uso della martensite dura del bordo in combinazione con la forza duttile della perlite nel corpo. L'impegno e l'acquisizione lavorano insieme.

Come oggetti di contemplazione ci insegnano quanto sia importante imparare a guardare, quanto sia difficile imparare a eseguire.

Una conoscenza più ravvicinata porta a una comprensione di valori che non sono necessariamente percepiti a prima vista e di bellezze che a prima vista potrebbero non piacere, ma che aumentano con la conoscenza.

Entrambi sono test della nostra comprensione.

Il violino e la spada confermano che né l'opinione degli esperti né i pregiudizi popolari sono sempre corretti. Ognuno può avere un'attribuzione scritta, il violino sulla sua etichetta e la spada cesellata sul suo codolo.

Da ciò apprendiamo che la parola scritta non è necessariamente affidabile.

A volte possiamo dire anche senza un'etichetta che questo o quel capolavoro è di un certo tempo, come di un tale uomo.. il grande storico dell'arte del 18° secolo, Winckelmann ha sottolineato: "Non tutto è possibile in qualsiasi momento".

Il tempo e l'uomo incorporano ciascuno nella creazione di un'opera d'arte alcuni archetipi inestimabili.

Questi non sono semplicemente "condizionati socialmente", perché il lavoro dei "loro coevi" può essere visibilmente inferiore.

Anche senza il suo sigillo personale, diventa possibile attribuire un'opera d'arte a qualcuno il cui nome possiamo o meno conoscere.. e di chi ha messo qualcosa del proprio tempo e spirito nel proprio lavoro.

Come prodotti della mano e dell'occhio umani, né le singole lame prodotte da Masamune, né i violini di Stradivari e Guarneri, sono mai stati migliorati.

Le loro forme si sono evolute nel corso di molti secoli e difficilmente miglioreranno ulteriormente senza diventare qualcosa di diverso.

Furono prodotti nei più umili laboratori, con i mezzi tecnici più modesti, ma con la più alta sensibilità istintiva alle proprietà fisiche dei loro materiali costituenti.

Come il lavoro dei classici ceramisti cinesi, sia la spada che il violino trasformano la più umile delle materie prime - argilla, legno, minerale di ferro - in oggetti di bellezza e valore duraturo.

Sono stati creati con amore e orgoglio, a volte con la paura del fallimento.

In molti casi il loro prodotto era quasi industrializzato, i loro creatori spesso umili uomini le cui creazioni dobbiamo imparare a rispettare, poiché sono dotate della dignità dell'antichità.. e il fatto è che ci sopravviveranno.

Ciò ci fa riflesstere con la domanda.. "Che cos'è l'eccellenza? E perché è così rara?"

In alcuni periodi della storia umana non c'è stata una cosa grandiosa come "Arte".

Le persone hanno semplicemente fatto tutto il meglio che potevano.

Do [Tao] o The Way, un tranquillo impegno per ciò che si sta facendo, è sempre stato incarnato nel guardare la lama giapponese. La spada era davvero un'espressione di forza, che era e rimane la massima realtà politica.

Allo stesso tempo è stato riconosciuto un rispetto semi-religioso ed è diventato un oggetto di conferma.

Al contrario, nella nostra società, i valori contemplativi e la santità del momento presente ricevono scarso rispetto, o persino considerazione cosciente.

[per i negazionisti o per i sempliciottisti o per altri "isti" si dovrebbe forse aggiungere "..come no!". Come ha sottolineato George Orwell "Ciò che il pacifista vuole davvero è essere sconfitto".].. ma anche questa è un'altra storia.

 

La forgiatura della spada giapponese fu consacrata dal rituale e divenne dotata di un significato più ampio di Excalibur nella leggenda arturiana.

Come lo espresse Yamaoka Tesshû [1836-1888] il grande spadaccino e fondatore nel 1883 del tempio Zenshô-an di Tokyo.. la spada è "il lampo del lampo che taglia la brezza primaverile".

Si dice che una grande spada sguainata in un lungo corridoio del palazzo crei un brivido momentaneo e influenzi il clima.

Una spada del genere non poteva legittimamente essere estratta pubblicamente dal suo fodero, senza trarre anche sangue..

La sua magnificenza si manifestava meglio quando brillava come era nella mente .. sempre all'interno del fodero.

Se uno si porge abitualmente alla lama, come una «icona», non per adorazione, ma per rispetto dell'eccellenza.. per l'uomo che l'ha forgiata, per coloro che hanno posseduto e curato, e per quelli che forse ne hanno sofferto, dove anche forze più codardi e impersonali hanno soppiantato il coraggio individuale dell'antichità in difesa di donne, bambini, cultura e patria, si comprenderebbe la sua importanza come mediatore per la contemplazione del valore..

Un valore giapponese fondamentale che trova espressione nella cultura della spada è lo shibui, che denota una combinazione di durevole gusto e moderazione.

I koshirae del periodo Tensho esprimono la moderazione del sabi.

I Kami sono quei poteri che evocano rispetto, stima e sentimenti di eccellenza e sono quindi sacri.

"Qualunque cosa suscita un brivido di soggezione, mistero o affetto, qualunque cosa abbia un merito superiore, è in un certo senso miracolosa e quindi sacra, kami" (Drexler 1955. The Archit­ect­ure of Japan.)

Ovidio espresse una visione romana del numinoso (elemento essenziale, oggettivo e soggettivo, del sacro .. circondato da un alone di sacralità, che incute spavento e riverenza insieme) quando disse del sacro boschetto di alberi sulla collina dell'Aventino a Roma: "numen inest" - al suo interno c'è uno spirito .. o un kami.

E’ diventato difficile rilevare il rispetto per il numinoso nella cultura europea, ma i kami non hanno del tutto abbandonato il Giappone. .. … e forse neanche il boschetto.

Good and Evil
L'eccellenza è una funzione dell'esistenza del bene e del male.

Senza il bene e il male, non può esserci eccellenza.

Una cultura come la nostra che cerca di sorvolare la distinzione tra queste non può pretendere di eccellere.

I volti contrapposti dell'ideogramma cinese Fu « 黻 » rappresentano l'eccellenza oltre l'eccellenza.

 

Fu.jpg

 

Fu è uno degli shi'er zhang o dodici simboli della sovranità, almeno dai tempi della dinastia Han nel 206 a.C.- 220 d.C., che influenzarono così profondamente la cultura giapponese e le sue spade, questo simbolo è stato raffigurato sulle vesti dell'imperatore cinese.

Fu è un'immagine raddoppiata, o ancora uno specchio.. il simbolo della riflessione e dei due principi del bene e del male, e quindi della discriminazione e dell'eccellenza.

Fu è mostrato sulla parte anteriore della veste imperiale con il simbolo di «una testa d'ascia», una su ogni petto che fiancheggia il drago centrale.. fu a destra e l'ascia a sinistra.

Insieme rappresentano il potere investito nell'imperatore cinese per giudicare e amministrare la punizione.

Presi come «simboli centrali» del ruolo imperiale nel pensiero cinese, esiste una certa corrispondenza con i simboli centrali del potere imperiale giapponese, rappresentati dai T T .. Tre Tesori sacri conservati negli Shoden.

Il Gioiello simboleggia la saggezza.

La Spada, chiamata Murakumo "The Cloud Cluster", o Kusanagi no Tsurugi - "The Grass-Sword", significa autorità divina.

Lo Specchio ha molti significati e la purezza della sua immagine riflessa simboleggia la giustizia.

Una lunga lama di Masamune e una spada corta di Kunimitsu formavano le insegne dello Shogun.

Non sono simboli letteralisti.

Lo specchio è forse il più sacro di tutti, ma ognuno di questi tre oggetti simbolici poteva servire da solo come shintai, in cui la presenza terrena di una divinità shintoista risiede in un santuario.

L'autorità simboleggiata dalla spada può essere meglio intesa come principalmente divina, e il gioiello come hokyu, il gioiello del tesoro dell'impegno buddista.

L'imperatore del Giappone è tenuto a rintracciare la sua discesa ai tumuli del periodo Kofun nel IV-VI secolo d.C.

Nel suo ruolo di Ten-no, è il principale intermediario tra il suo popolo e gli spiriti che hanno donato questi tesori ai suoi antenati ed è il custode dello specchio sacro.

Il 25 aprile dell'anno del grande terremoto del 1185, il clan Taira fu annichilito da Yoshitsune, fratello di Minamoto no Yoritomo, nella battaglia navale e terrestre di Dan-no-ura.

Il bambino di sette anni, l'imperatore Antoku, morì tra le braccia di sua nonna Nii no Ama, la vedova di Taira no Kiyomori (1118-81).

Si narra che saltò con lui dalla nave verso il mare, portando con sé gli emblemi sacri .. erano una Spada, un Gioiello e uno Specchio.

Queste sono semplicie riflessioni sulla contemplazione del violino e della spada giapponese.

 

 

Liiberamente dedotto e tradotto da un articolo del Programme of the Token Society of Great Britain No.168, 1995; 21-5. John Nandris 1995. FSA (Fellow, Society of Antiquaries)

Riporto una citazione già utilizzata nella ... tradizione.

 

C’è qualcosa di immutabile all’interno,

che tuttavia si evolve spontaneamente con le cose che si presentano al suo cospetto.

Lo specchio le riflette istantaneamente le une dopo le altre, pur restando intatto e sereno. ....

 

 

Fudōchishinmyōroku (La Testimonianza Segreta della Saggezza Immutabile) - Takuan Sōhō (monaco, 1573-1645)

e con questo chiudo l'apparente..si.. :arigatou:

(pseudojap ... senza dediche)


Sii immobile come una montagna ...
ma non trattare le cose importanti troppo seriamente.

Condividi questo messaggio


Link al messaggio
Condividi su altri siti

 

___National treasure By Soushū Masamune.png_____________________________________________________________________ The Vieuxtemps.png___

                                                 

Masamune, comunemente noto come Gorō Nyūdō, era un fabbro della provincia di Sagami (l'attuale prefettura di Kanagawa) attivo alla fine del periodo Kamakura (1185-1333).

Ben noto come abile artigiano, si pensa che sia stato il figlio reale o adottato di Tōsaburō Yukimitsu.

Sebbene questa lama sia piuttosto stretta in larghezza, la qualità fine della finitura e lo scintillio delle particelle fini (Ji nie) sono ineguagliabili.

Il codolo originale è stato ridotto, accorciando la lunghezza; ma l'incisione, che include una lettera sanscrita, rimane intatta.

Si chiama Kanze Masamune perché originariamente era in possesso dei Kanze, una famiglia di spicco attiva nel mondo del teatro Noh.

Tuttavia, secondo il Manuale delle opere famose di Kyōhō (J. Kyôhô meibutsuchô), un manuale di spada del periodo Edo (1615-1868), Tokugawa Ieyasu (1542-1616) la prese dalla famiglia Kanze per darla a suo figlio Hidetada (1578-1632).

Passò quindi per mano di alcuni servitori ("gente di lato? saburai?") della famiglia Tokugawa.

Dopo la Restaurazione Meiji (1868), la famiglia Tokugawa lo presentò alla famiglia Arisugawa-no-miya e fu tramandata all'interno della casa dei loro successori, il Takamatsu-no-miya.

Attualmente custodita nel Tokyo National Museum.

Questo strumento di Guarneri del Jesu ha guadagnato il suo nome dopo essere stato di proprietà del violinista belga del XIX secolo Henri Vieuxtemps.

Lo strumento è stato successivamente utilizzato da Yehudi Menuhin, Itzhak Perlman e Pinchas Zukerman.

E' diventato il violino più costoso del mondo, venduto per circa ... una cifra ragguardevole.

Il suo nuovo proprietario ha donato anonimamente lo strumento storico alla violinista Anne Akiko Meyers.. in prestito per il resto della sua vita.

Due lame .. ops .. due violini     Vabbé, due..in un unico destino.

 

In ordine di apparizione: National treasure By Soushū Masamune e The Vieuxtemps   (non so cosa apparirà nei vs.lefoni,tablet,monitor.. ma v'assicuro che son centrati ed affiancati.))


Sii immobile come una montagna ...
ma non trattare le cose importanti troppo seriamente.

Condividi questo messaggio


Link al messaggio
Condividi su altri siti

Ciao beta, anche se adesso l’hai tolta ti ringrazio comunque per la “dedica” !

Condivido quanto scritto nel testo. Vorrei aggiungere che l’imprescindibile destinazione d’uso di questi oggetti implica, storicamente, uno sforzo conoscitivo ben diverso rispetto a quello riferito ad altri “collectibles”.

Provo a spiegarmi meglio.

Armi e strumenti musicali sono probabilmente l’accoppiata più antica destinata ad abbellire le magioni dei più abbienti. Vanno assieme perché, tradizionalmente, il percorso educativo dei privilegiati prevedeva sia l’uso delle armi che la pratica musicale (da notare che anche al Museo Stibbert esiste una piccola raccolta di strumenti musicali) ed il percorso durava anni.

Occorre dunque tener presente che tutte quelle lame (e/o fucili) e i violini (e/ o chitarre) appesi al muro, al di la del valore estetico e storico, potevano essere anche maneggiati o suonati con grande perizia dai loro possessori. Indipendentemente dal fatto che poi la “pratica” rimanesse circoscritta alle mura di casa oppure no. Tra questi personaggi storici c’è chi non ha mai fatto neanche un duello, pur essendo un maestro del maneggio, e chi non ha mai fatto un vero concerto, pur suonando come un professionista. Quindi l’inquadramento “storico-pratico” ha relativa importanza mentre resta fondamentale la formazione individuale.

Questo per dire che il moderno collezionista di strumenti, che non sa trarne neppure una nota, ed il collezionista di spade, che non sa neanche come si impugnano correttamente, si perde inevitabilmente una grossa fetta del mondo in cui si è immerso.

L’associazione giapponese del kendo ha, a suo tempo, creato uno stile di iaido proprio perché appariva paradossale che un praticante “di spada” non avesse idea di come si debba maneggiare correttamente una vera spada (dal momento che lo shinai, tutto sommato, è più simile ad un bastone).

Quando ho tenuto in mano la prima volta una Nihonto, nel dojo, mi tremavano le ginocchia.

Mi tremavano le ginocchia anche quando ho tenuto in mano un Guarneri del Gesù, in una bottega di liuteria in Firenze. Rimasi in attesa tutto il giorno, finché non arrivò il proprietario; dato che lo strumento era valutato 8 milioni di euro, non dava mai un appuntamento preciso per evitare furti lungo la strada.

Poi, col tempo, ho studiato, praticato e preso confidenza con le cose. Non considerando più questi oggetti solo come pezzi da appendere ad una parete o da apprezzare ogni tanto con mano malsicura.

Così, adesso, sono in grado di impugnare una lama di Tomonari e sentirla immediatamente parte di me, “sentirla” senza turbamento. Come pure posso “rigettare” una lama di Sanemori perché sbilanciata. A dispetto del suo status di Juyo.

E ho potuto strimpellare vari strumenti preziosi del ‘700, godendo unicamente del piacere di farlo (senza alcuna altra pretesa).

Forse, per chi si limita a conservare questi oggetti in una teca, traendoli qualche volta come fossero reliquie, si tratta di un aspetto di difficile applicazione, arduo da comprendere. 

In effetti, è proprio così.

Nihonto e strumenti musicali inducono (e, necessariamente, prevederebbero) un proficuo allargamento degli orizzonti personali. Peccato non approfittarne.

 

Condividi questo messaggio


Link al messaggio
Condividi su altri siti

.. nel citare, come sopra riportato, che «taluni manufatti dell'ingegno e dell'impegno, in diversi ambiti, ci insegnano quanto sia importante imparare a guardare e quanto sia difficile imparare a eseguire.» hai sottolineato forse l'aspetto più importante. (al pari del contesto..)

 Ti ringrazio.. era proprio quello che speravo germogliasse..

 

A questo punto, tralasciando ogni forma di etichetta che non mi appartiene, e mettendomi a nudo, come faccio ogni volta che condivido "qualcosa" per me viscerale, sentita, e intima, riposto l'iniziale ringraziamento per quello che fai per noi e per l'Associazione..... 

in questo connubio di spada e viola, dedicato a GianLuca, che delle sue ancestrali passioni ne fa tesoro e ne condivide l’essenza, senza bramosia alcuna.

Grazie Presidente, per la dedizione e per la pax.ienza.

 

.. c'è un atto di amore quando per la prima volta accarezziamo la mano del nostro pargolo, al pari di quando stringiamo la mano di una persona a noi cara.

Il bello sta nel non limitarsi solo a quel gesto.


Sii immobile come una montagna ...
ma non trattare le cose importanti troppo seriamente.

Condividi questo messaggio


Link al messaggio
Condividi su altri siti

Grazie a te, beta, per lo spirito e l’inesauribile energia nello scandagliare gli aspetti meno omote di questo sodalizio.

In questo periodo vivo in venti di tempesta e sono impegnato a regolare vele, scotte e drizze. So che puoi capirmi. Anche se non sono lesto nel rispondere, ho sempre orecchie e occhi per cogliere i tuoi stimoli. Arrivano sempre a segno.

Condividi questo messaggio


Link al messaggio
Condividi su altri siti
On 11/12/2019 at 16:09, betadine said:

.. nel citare, come sopra riportato, che «taluni manufatti dell'ingegno e dell'impegno, in diversi ambiti, ci insegnano quanto sia importante imparare a guardare e quanto sia difficile imparare a eseguire.» hai sottolineato forse l'aspetto più importante. (al pari del contesto..)

 Ti ringrazio.. era proprio quello che speravo germogliasse..

 

A questo punto, tralasciando ogni forma di etichetta che non mi appartiene, e mettendomi a nudo, come faccio ogni volta che condivido "qualcosa" per me viscerale, sentita, e intima, riposto l'iniziale ringraziamento per quello che fai per noi e per l'Associazione..... 

in questo connubio di spada e viola, dedicato a GianLuca, che delle sue ancestrali passioni ne fa tesoro e ne condivide l’essenza, senza bramosia alcuna.

Grazie Presidente, per la dedizione e per la pax.ienza.

 

.. c'è un atto di amore quando per la prima volta accarezziamo la mano del nostro pargolo, al pari di quando stringiamo la mano di una persona a noi cara.

Il bello sta nel non limitarsi solo a quel gesto.

Gian per favore prendi in considerazione una collaborazione nel bollettino con Betadine :).

 

potevo mandare un pm ma ho preferito fare un piccolo ot pubblico.

non esiste solo la tecnica (cit.)

Condividi questo messaggio


Link al messaggio
Condividi su altri siti

... intanto vi ringrazio per gli immeritati ringraziamenti.

.. in fondo in fondo non faccio altro che raccogliere da quasi mezzo secolo "cose" che mi intrigano e appassionano, poi le digerisco e rigetto un composto.

. quello che condivido è vostro. Fatene ciò che volete

Del resto lo stimolo siete Voi e tra voi, i molti che ne sanno molto di più delle profondità incise da una lama.


Sii immobile come una montagna ...
ma non trattare le cose importanti troppo seriamente.

Condividi questo messaggio


Link al messaggio
Condividi su altri siti

Unisciti alla conversazione

Adesso puoi postare e registrarti più tardi. Se hai un account, Registrati adesso per inserire messaggi con il tuo account.

Ospite
Rispondi

×   Incolla come testo formattato.   Incolla invece come testo normale

  Sono permesse un massimo di 75 faccine.

×   Il tuo link è stato inserito automaticamente.   Visualizza invece come link

×   Il tuo contenuto precedente è stato ripristinato.   Editor trasparente

×   Non puoi incollare le immagini direttamente. Carica o inserisci immagini dall'URL.

Caricamento

Chi è I.N.T.K.

La I.N.T.K. – Itaria Nihon Tōken Kyōkai (Associazione italiana per la Spada Giapponese) è stata fondata a Bologna nel 1990 con lo scopo di diffondere lo studio della Tōken e salvaguardarne il millenario patrimonio artistico-culturale, collaborando con i maggiori Musei d’Arte Orientale ed il collezionismo privato. La I.N.T.K. è accreditata presso l’Ambasciata Giapponese di Roma, il Consolato Generale del Giappone di Milano, la Japan Foundation in Roma, la N.B.T.H.K. di Tōkyō. Seminari, conferenze, visite guidate a musei e mostre, viaggi di studio in Europa e Giappone, consulenze, pubblicazioni, il bollettino trimestrale inviato gratuitamente ai Soci, sono le principali attività della I.N.T.K., apolitica e senza scopo di lucro.

Come associarsi ad I.N.T.K.:

Potete trovare QUI tutte le informazioni per associarsi ad I.N.T.K..
Associandovi ad I.N.T.K. accettate in maniera esplicita il Codice Etico e lo statuto dell'associazione ed avrete accesso ad una serie di benefici:
- Accesso alle aree riservate ai soci del sito e del forum;
- Possibilità di partecipare agli eventi patrocinati dall'associazione (ritrovi, viaggi, kansho, ecc...);
- Riceverete il bollettino trimestrale dell'Associazione.

"Una singola freccia si rompe facilmente, ma non dieci frecce tenute assieme."

(proverbio popolare giapponese)

×
×
  • Crea nuovo/a...