Vai al contenuto

Welcome to INTK Forum
Register now to gain access to all of our features. Once registered and logged in, you will be able to create topics, post replies to existing threads, give reputation to your fellow members, get your own private messenger, post status updates, manage your profile and so much more. If you already have an account, login here - otherwise create an account for free today!
Foto

Kyoto National Museum


  • Per cortesia connettiti per rispondere
20 risposte a questa discussione

#1
Francesco Marinelli

Francesco Marinelli

    Keiji

  • Socio INTK
  • 2385 messaggi
  • Sesso: Uomo
  • Italia, Prato no kuni jū

Inaugurato nel 1897, il Kyoto National Museum (京都国立博物館, Kyōto Kokuritsu Hakubutsukan) è uno dei musei più antichi ed illustri del Giappone. Questo è uno dei quattro musei nazionali di alto livello accanto al Museo Nazionale di Tokyo, al Museo Nazionale di Nara ed al Museo Nazionale di Kyushu.

 

File Allegati  knm 2.JPG   294,98KB   1 Numero di downloads

 

La collezione permanente del museo viene presentata al pubblico in mostre a rotazione e consiste in un'ampia varietà di beni culturali, tra cui reperti archeologici, sculture, ceramiche, calligrafia, costumi e dipinti. È ospitato nelle spaziose gallerie dell'Heisei Chishinkan, un edificio progettato da Taniguchi Yoshio e inaugurato nel 2014.

 

File Allegati  knm 1.JPG   298,9KB   1 Numero di downloads

 

Oltre alle mostre permanenti, si tengono delle esposizioni temporanee speciali nell'edificio principale originale del museo che fu costruito durante il periodo Meiji nel 1895. Rinominato Meiji Kotokan, l'edificio in mattoni rossi, insieme ai cancelli dell'ingresso principale, sono splendidi esempi dell'architettura Meiji e sono stati designati come importanti proprietà culturali.

 

File Allegati  knm 3.JPG   165,75KB   1 Numero di downloads

 

Il Kyoto National Museumsi trova dall'altra parte della strada rispetto a Sanjusangendo, vicino alla fermata dell'autobus Hakubutsukan-Sanjusangendo-mae (10 minuti, 230 yen dalla stazione di Kyoto con gli autobus numero 100, 206 o 208). In alternativa, il museo può essere raggiunto in cinque minuti a piedi dalla stazione di Shichijo lungo la linea Keihan o in 20-25 minuti a piedi dalla stazione di Kyoto.

Maps: https://www.google.c...850446364068307

 

Orari: Dalle 9:30 alle 17:00 (fino alle 20:00 nei fine settimana); l'entrata termina 30 minuti prima della chiusura.
Chiusura: Lunedì (o il giorno seguente se il lunedì è un giorno festivo), festività di fine anno.
Costo biglietto: 520 yen (mostra permanente) e generalmente 1500 yen per le mostre speciali.

 

Sito del museo: https://www.kyohaku..../eng/index.html

 

Segnalo una bellissima mostra speciale dal titolo: "Master Craftsmanship from an Elegant Culture"

 

File Allegati  top_img_katana2018_en.png   126,82KB   0 Numero di downloads

File Allegati  banner.jpg   77,74KB   0 Numero di downloads

 

Si terrà dal 29 Settembre al 25 Novembre 2018.

 

Qui tutte le info: https://www.kyohaku....atana_2018.html

 

"Collaborative Event in the Meiji Kotokan
The historic red-brick Meiji Kotokan is holding a collaborative event with the online web browser game Touken Ranbu and a shop for related goods. The event features life-size panels of the game's Touken Danshi (young male characters who embody famous historical swords—many included in the Swords of Kyoto exhibition). A replica of the meibutsu sword Honebami Tōshirō by contemporary master swordsmith Miyairi Norihiro (born 1954) is also on view. Photos are allowed inside the Meiji Kotokan for this event.
From the ancient times to the present, the former imperial capital of Kyoto has been home to some of Japan's most talented swordsmiths, who have produced many famous blades. Though swords made in various regions are associated with "Yamashiro" (the former name of the province around Kyoto), those actually made in the capital have always had the highest status, prized by nobility and samurai alike. During the Edo period (1615–1868), swords were frequently exchanged among daimyo lords, and a sword from Kyoto was considered the ultimate gift.
 
This exhibition features seventeen National Treasure swords made by Yamashiro (Kyoto), smiths together with outstanding tachi, katana, and other blades produced by associated master swordmakers between the Heian (794 –1185) and Heisei (1989–present) periods. Also on view are a selection of important paintings, works of calligraphy, dolls, and other objects that help us understand the history of the Yamashiro smiths and their influence on Japan's sword culture. These works and the stories surrounding them help clarify the role of swords in Japan, the value they were accorded by Kyoto's aristocracy, warrior class, and townspeople, and the influence they had on Kyoto culture."
 
File Allegati  naginata.JPG   32,45KB   1 Numero di downloads
 
(to be continued..)

Messaggio modificato da Francesco Marinelli, 28 settembre 2018 - 23:43

Prossimamente al cinema... "Indiana Jones e la lama perduta"

#2
G.Luca Venier

G.Luca Venier
  • Socio INTK
  • 2655 messaggi
  • Sesso: Uomo
  • PN - FI - LU no kuni jū
Grazie Francesco per la segnalazione.

#3
Francesco Marinelli

Francesco Marinelli

    Keiji

  • Socio INTK
  • 2385 messaggi
  • Sesso: Uomo
  • Italia, Prato no kuni jū

Tratte dal loro sito vi allegato anche una carina introduzione alla spada giapponese:

 

 

File Allegati  0001.jpg   639,87KB   1 Numero di downloads

File Allegati  0002.jpg   734,17KB   0 Numero di downloads


Prossimamente al cinema... "Indiana Jones e la lama perduta"

#4
betadine

betadine
  • Socio INTK
  • 1652 messaggi
  • Sesso: Uomo
  • Marte no kuni jū

... e per oltrepassare eventuali difficoltà di linguaggio, mi son permesso di aggiungere questo:

 

 

File Allegati  Kyoto and Token.pdf   431,76KB   8 Numero di downloads


Sii immobile come una montagna ...
E non trattare le cose importanti troppo seriamente.

#5
betadine

betadine
  • Socio INTK
  • 1652 messaggi
  • Sesso: Uomo
  • Marte no kuni jū

.. ma le foto son fatte da te ??  bellissimo posto.


Sii immobile come una montagna ...
E non trattare le cose importanti troppo seriamente.

#6
Francesco Marinelli

Francesco Marinelli

    Keiji

  • Socio INTK
  • 2385 messaggi
  • Sesso: Uomo
  • Italia, Prato no kuni jū
Grazie Betadine per l'integrazione!
Le foto le ho trovate online, purtroppo non ho ancora avuto l'occasione di andarci 😄
Prossimamente al cinema... "Indiana Jones e la lama perduta"

#7
betadine

betadine
  • Socio INTK
  • 1652 messaggi
  • Sesso: Uomo
  • Marte no kuni jū

  ... anche « lì » si parla sempre del ns. Gotoba (che di lame sen'intendeva) e del Kiku Ichimonji


Sii immobile come una montagna ...
E non trattare le cose importanti troppo seriamente.

#8
Francesco Marinelli

Francesco Marinelli

    Keiji

  • Socio INTK
  • 2385 messaggi
  • Sesso: Uomo
  • Italia, Prato no kuni jū

"A replica of the meibutsu sword Honebami Tōshirō by contemporary master swordsmith Miyairi Norihiro (born 1954) is also on view."

 

 

File Allegati  Miyari Norihiro.jpg   25,07KB   0 Numero di downloads

 

Questo l'originale di Awataguchi Yoshimitsu:

File Allegati  yoshimitsu5.jpg   167,13KB   0 Numero di downloads


Prossimamente al cinema... "Indiana Jones e la lama perduta"

#9
betadine

betadine
  • Socio INTK
  • 1652 messaggi
  • Sesso: Uomo
  • Marte no kuni jū

.. da quel poco che vedo nakago e horimono son abbastanza differenti  (chissa se intenzionali o per disattenzione/incapacità (relativa)..)


Sii immobile come una montagna ...
E non trattare le cose importanti troppo seriamente.

#10
Francesco Marinelli

Francesco Marinelli

    Keiji

  • Socio INTK
  • 2385 messaggi
  • Sesso: Uomo
  • Italia, Prato no kuni jū

Articolo di Paul Martin a riguardo della mostra: http://japan-forward...3LUJTQN0acOl2xU

 

A spectacular new sword exhibition has opened at Kyoto National Museum. The exhibition focuses on the sword culture of Kyoto from its earliest origins of sword making through to the last modern sword maker to work in the Yamashiro (Kyoto) tradition.
 
The exhibition features 17 National Treasure swords and other swords with cultural designations, such as Important Cultural Object and Important Art Object. There is a changeover of some of the swords at the mid-point of the exhibition in late October.
 
Kyoto was the seat of the imperial court from the start of the Heian period in 794 through the restoration of power to the Emperor in 1868. It is only natural that such an area would attract the highest level of swordsmiths and develop a rich history of sword making.
 
The large-scale exhibition and the gorgeous accompanying catalogue is broken into easily digestible sections that explain the historical and cultural influences that Kyoto swords and sword making had on the Japanese sword world.
 
Exhibition curator Toshihiko Suekane said that he “did not want to delve too deeply into the finer details of the swords themselves, but illustrate the great influence that Kyoto swords had on sword making as whole, and tell the story of the relationship between swords and the people of Kyoto.”
 
The exhibition starts with works of the earliest Kyoto swordsmiths, Sanjo Munechika and his school. It flows along the Kyoto sword making time line, introducing many excellent examples of works by the Awataguchi and Rai schools, as well as satellite schools and smiths.
 
There are several examples of swords that are said to be made, or at least quenched, by the first Emperor of the Kamakura period, Gotoba. Emperor Gotoba is said to have surrounded himself with the best swordsmiths of the day. The swordsmiths invited to work on the grounds of the imperial palace were known as the Go-bankaji, as they worked in monthly rotation assisting him in making swords. This Kyoto sword story has become a legend fundamental to sword history.   
 
The exhibition includes a section on swords and the townspeople of Kyoto, and how swords and their relationship to shrines and festival played a large part of Kyoto culture. On display are a sword and naginata that were used as part of the floats in the famous Gion Festival that has a history of over 1,000 years.
 
There is also a painting by Ito Jakuchu that is symbolic of the Fushimi Gimin incident, when swordsmith Monju (Kusuke) Kanemitsu led an peasant uprising against local magistrates and became a martyr when he died in jail.
 
This is a rare chance to see so many legendary and great works by so many great swordsmiths at one time, with the additional bonus that all have English explanations. The museum store also has some interesting gifts of large-sized prints and drawings of famous masterpiece swords. These too are a rarity for sword enthusiasts.
 
It will be quite a while before we see another sword exhibition that showcases as many of Japan’s finest treasures as this one.

Prossimamente al cinema... "Indiana Jones e la lama perduta"

#11
G.Luca Venier

G.Luca Venier
  • Socio INTK
  • 2655 messaggi
  • Sesso: Uomo
  • PN - FI - LU no kuni jū
Oggi ho avuto modo di visitare questa mostra e devo dire che si tratta di una delle più belle ed illuminanti esposizioni di oplologia giapponese che mi sia capitato di vedere.

La sola Mikazuki Munechika, in verità, valeva il viaggio. Comunque, tra le oltre 150 lame esposte, molte sono di livello eccezionale e normalmente difficili da vedere poiché distribuite tra varie collezioni, private e non. Poterle esaminare e confrontare tutte assieme è stato un privilegio raro.

Un plauso va anche al criterio espositivo, realizzato in modo esemplare.

Purtroppo non era consentito fare fotografie (e neppure usare il telefono, in realtà..) ma il catalogo è ricco di immagini ben fatte. Inserirò qualche foto e ulteriori commenti appena rientro in Italia.

Un saluto a tutti.

#12
betadine

betadine
  • Socio INTK
  • 1652 messaggi
  • Sesso: Uomo
  • Marte no kuni jū

intanto G R A Z I E

 

 

per chi là non andò... (e 'on sa nulla, ma proprio nulla sulla "falce di luna"..

 

Una delle katane più belle e importanti del Giappone si sta rivelando popolare tra gli appassionati di storia e le giovani donne. ))

Il Tokyo National Museum, nel quartiere di Ueno,  è uno dei posti migliori per vedere opere d'arte e manufatti storici giapponesi.

Gli esperti dicono che “nessuno” lo è più del Tenko Goken, o Five Swords Under Heaven.

Queste cinque lame esibiscono artigianalità e significato culturale al di sopra di tutti gli altri, e la katana considerata la più bella del gruppo, a detta di molti, la Mikatzuki Munechika, è attualmente esposta al Museo Nazionale di Tokyo.

 

Sanjo Munechika fu uno dei più abili fabbri del periodo Heian del Giappone.

La Mikazuki Munechika, creata nel tardo X secolo, è considerato il suo capolavoro e porta il suo nome personale.

Per quanto riguarda il resto del nome della spada, mikazuki su può tradurre come  "falce di luna".

Durante la tempra la katana acquisisce segni unici lungo il piano della lama.

Nel caso di Mikazuki Munechika, i segni chiamati uchi no ke, a forma di mezzaluna...  furono formati.

 

I "segni", purtroppo, sono quasi impossibili da fotografare da dietro il vetro di protezione della spada, ma l'elegante curva della lama e la lucentezza del suo acciaio sono immutate nella loro capacità di catturare l’attenzione e non solo.

 

La Mikazuki Munechika è stata nelle mani di alcune signori estremamente potenti durante la sua storia millenaria, incluso il daymo della guerra del XVI secolo, Toyotomi Hideyoshi e gli shogun Tokugawa. Ora un tesoro nazionale ufficialmente designato, la spada è diventata proprietà del Museo Nazionale di Tokyo.

 

per saperne di più..

https://markussesko....

 

ed ora.. rilassate lo sguardo ,

 

File Allegati  mikazukimunechikaS.jpg   32,41KB   1 Numero di downloads

 

File Allegati  mikazukimunechika.jpg   38,09KB   2 Numero di downloads

 

File Allegati  mikazukimunechika2.jpg   17,13KB   1 Numero di downloads

 

 

(spero di non aver scritto troppe castronerie) : File Allegati  Falce di Luna.pdf   269,03KB   4 Numero di downloads

 

.. un saluto a te.


Sii immobile come una montagna ...
E non trattare le cose importanti troppo seriamente.

#13
betadine

betadine
  • Socio INTK
  • 1652 messaggi
  • Sesso: Uomo
  • Marte no kuni jū

File Allegati  Falce di Luna.jpg   613,29KB   0 Numero di downloads


Sii immobile come una montagna ...
E non trattare le cose importanti troppo seriamente.

#14
Francesco Marinelli

Francesco Marinelli

    Keiji

  • Socio INTK
  • 2385 messaggi
  • Sesso: Uomo
  • Italia, Prato no kuni jū

Che invidia Gian, stacci bene in Jp!!  :vecchiocinese:

 

Grazie Beta per quanto riportato e per le belle fotografie; l'articolo Markus lo avevamo tradotto ed integrato, buona lettura: http://www.intk-toke...?showtopic=9168


Prossimamente al cinema... "Indiana Jones e la lama perduta"

#15
Cristiano Boscaini

Cristiano Boscaini
  • Socio INTK
  • 167 messaggi
  • Sesso: Uomo
  • Verona no kuni jū

Grazie mille Gian della condivisione!! 



#16
G.Luca Venier

G.Luca Venier
  • Socio INTK
  • 2655 messaggi
  • Sesso: Uomo
  • PN - FI - LU no kuni jū
Conto di condividere molto di più appena posso mettere le mani su un computer ed uno scanner !

Una nota importante: da segnalare una notevole affluenza di pubblico, moltissimi i giovani, segno che il crescente interesse sta portando piano piano i suoi frutti anche in madrepatria. 20 minuti di coda per la teca della Mikazuki..

#17
Walter Pozzecco

Walter Pozzecco
  • Socio INTK
  • 479 messaggi
  • Sesso: Uomo
  • Trieste no kuni jū

Tante grazie Gian ! Beato te ! Che invidia !!



#18
betadine

betadine
  • Socio INTK
  • 1652 messaggi
  • Sesso: Uomo
  • Marte no kuni jū

... so che il tempo non sarà il massimo domani, ma se hai, per caso, del tempo libero suggerirei... (forse li conosci già... ma te lo dico lo stesso)

 

Kyoto:

Padiglione D'Oro o Kinkaku-ji

lì vicino, il tempio Ryoan-ji dove c'è un bellissimo giardino karasansui (il giardino secco).

Subito alla periferia sud, ma ricordo (*) che si arriva comodamente in autobus o metro dalla Karasuma station: La villa imperiale di Katsura.. una costruzione stupefacente

.. se invece, come credo, hai di meglio da fare.. buon divertimento.

 

.. ma se adori il ramen, non puoi saltare il Nagahama Ramen Miyoshi.. un postaccio indimenticabile tra Kiyamachi e Sanjo street.

 

 

 

(*) dagli appunti di Kobe


Sii immobile come una montagna ...
E non trattare le cose importanti troppo seriamente.




0 utente(i) stanno leggendo questa discussione

0 members, 0 guests, 0 anonymous users