Vai al contenuto

Welcome to INTK Forum
Register now to gain access to all of our features. Once registered and logged in, you will be able to create topics, post replies to existing threads, give reputation to your fellow members, get your own private messenger, post status updates, manage your profile and so much more. If you already have an account, login here - otherwise create an account for free today!
Foto

risposta della polizia su importazione katana


  • Discussione bloccata Questa discussione è bloccata
75 risposte a questa discussione

#37
Taito

Taito
  • Membri
  • 562 messaggi
  • Sesso: Uomo
  • Soliera (MO) no kuni jū
La discussione è molto interessante e sentita, ma sta diventando sempre più articolata.

Se la domanda di Iron è :- " posso fidarmi ad importare una nihonto dall' estero o rischio che la blocchino in dogana e la rispediscano ? ",
io mi sento di rispondergli che, in base alla mia esperienza personale non ci dovrebbero essere problemi.

Per fortuna, nonostante il " buco " normativo, evidentemente chi provvede allo sdoganamento ha l' elasticità ed il buonsenso di valutare
le singole situazioni o forse, per mancanza di voglia o di tempo, nel caso di situazioni non chiare come questa si limita alla corretta valutazione
dei dazi, lasciando all' importatore la competenza e la responsabilità del discorso legalità.

Se viene dichiarato che una spada Giapponese è da collezione, magari con tutti i segni dell' età nel caso in cui sia antica, è probabile che se
durante il controllo doganale, per un motivo o per l' altro, tale dichiarazione viene ritenuta credibile, l' importazione possa avvenire senza problemi.
Magari il mittente è già registrato più volte, e quindi noto, proprio perchè venditore di oggetti da collezione, e quindi anche questo fattore
potrebbe giocare a favore di chi importa.
E' ovvio che sia molto rischioso affidarsi solo alla buona fede, magari poi con la mia bella lama koto che ho dichiarato che terrò solo in casa
dentro una teca a temperatura controllata, preso da un raptus omicida ci vado al supermercato ad affettare qualcuno,
ma per fortuna o purtroppo siamo in Italia ed è così che le cose vengono gestite.

Anche per il trasporto delle nostre lame tante volte dovremmo avere più problemi, ma alla fine se vieni fermato per un controllo, anche se
sprovvisto di richiesta alla questura, è molto probabile che se vedono che la spada è dentro un certo tipo di custodia, foderata in modo particolare,
e quindi non pronta all' uso ed ha l' aria più di un oggetto di antiquariato che di un' arma, magari esibendo anche il tesserino della INTK,
gli addetti delle forze dell' ordine affidandosi al proprio buonsenso lascino correre la cosa.
In queste situazioni poi molta importanza ce l' ha anche la prima impressione, nel senso che, è brutto dirlo, ma se hai l' aspetto da brava persona
e magari una normalissima e sobria utilitaria corri meno rischi rispetto a quello che magari ha i capelli lunghi, la barba incolta, la cicatrice sul viso
ed un' auto tamarra o mezza scassata ... ma mi fermo qui sennò rischio anche io di divagare oltremodo.

E' brutto ammetterlo ma in Italia queste cose hanno un grosso peso nella quotidianità.

:checcevofa:
Ognuno di noi nasconde dentro di sè una scintilla divina, basta saperla cercare.

#38
Lorenzo

Lorenzo
  • Membri
  • 4989 messaggi
  • Sesso: Uomo

Se la domanda di Iron è :- " posso fidarmi ad importare una nihonto dall' estero o rischio che la blocchino in dogana e la rispediscano ? ",
io mi sento di rispondergli che, in base alla mia esperienza personale non ci dovrebbero essere problemi.



Iron se fai cosi' pero' poi non dire "me lo ha detto l'INTK" mi raccomando :happytrema:
Scusami Taito ma davvero non posso condividere il fatto di consigliare di importare qualcosa senza aver proprio chiesto nulla alla questura di competenza. Non prendertela male, lo dico nell'interesse di Iron a me non ne viene in tasca nulla.
https://www.facebook.com/pages/Lorenzo-Amati-Japanese-Metalwork/204598096238840

#39
Taito

Taito
  • Membri
  • 562 messaggi
  • Sesso: Uomo
  • Soliera (MO) no kuni jū

Iron se fai cosi' pero' poi non dire "me lo ha detto l'INTK" mi raccomando :happytrema:
Scusami Taito ma davvero non posso condividere il fatto di consigliare di importare qualcosa senza aver proprio chiesto nulla alla questura di competenza. Non prendertela male, lo dico nell'interesse di Iron a me non ne viene in tasca nulla.


... figurati, sono io il primo a dire che la prudenza non è mai troppa.
Forse fino ad ora mi è andata troppo bene, se fossi rimasto scottato magari non mi azzarderei a dare questi consigli.
Io ho chiesto al comando dei Carabinieri della mia zona e non ne sapevano niente ... e non sapevano neanche a chi chiedere. :checcevofa:
Ognuno di noi nasconde dentro di sè una scintilla divina, basta saperla cercare.

#40
ironman

ironman
  • Membri
  • 97 messaggi
  • Sesso: Uomo
  • Roma no kuni jū

... figurati, sono io il primo a dire che la prudenza non è mai troppa.
Forse fino ad ora mi è andata troppo bene, se fossi rimasto scottato magari non mi azzarderei a dare questi consigli.
Io ho chiesto al comando dei Carabinieri della mia zona e non ne sapevano niente ... e non sapevano neanche a chi chiedere. Immagine inserita



Beh... vedo che l'argomento è stato decisamente sviscerato...
Comunque l'intenzione di andare in questura a chiedere info c'è... speriamo solo di trovare qualcuno comprensivo dall'altra parte dello sportello...
Ma insomma una procedura da utilizzarsi approvata dalle forze dell'ordine, vedo che alla fine non esiste...
Vi farò sapere cosa mi verrà risposto a rguardo..
Ciao e grazie a tutti.

#41
Simone Di Franco

Simone Di Franco

    YamaArashi

  • Admin
  • 9331 messaggi
  • Sesso: Uomo
  • Tasogare no kuni jū

Tra l'altro se posso comperare liberamente un fucile o una pistola ad avancarica, che senso ha non
poterlo fare con una sciabola che possiede potenzialità offensive di gran lunga inferiori ?


Sei sicuro?
il divieto di porto delle armi bianche rispetto a quello delle armi da fuoco è legato essenzialmente alla silenziosità, alla occultabilità e all'infinità delle volte che si può usare.
Le armi da fuoco sono rumorose e l'uso è limitato dal munizionamento, anch'esso strettamente regolamentato.
In un contesto sociale cosa è più pericoloso?



#42
Wolverine

Wolverine
  • Membri
  • 420 messaggi
Indubbiamente un'arma da fuoco yama... un'arma da fuoco è leggera, può uccidere a distanza, è facilissima da usare (basta puntare e tirare il grilletto) e ti consente di uccidere o ferire almeno dieci persone in rapida successione senza neanche doversi muovere... una spada è grossa, pesante, ti obbliga ad entrare in stretto contatto col bersaglio e richiede abilità tecniche e fisiche avanzate per essere usata con profitto... mi spiace ma non esiste nessun motivo logico perché siano più vietate rispetto alle armi da fuoco...



il tutto nasce semplicemente dal fatto che non sono oggetti comuni e quindi nessuno le ha regolamentate a dovere...

#43
Gabriele

Gabriele
  • Membri
  • 492 messaggi
  • Sesso: Uomo
  • Trieste no kuni jū

Sei sicuro?
il divieto di porto delle armi bianche rispetto a quello delle armi da fuoco è legato essenzialmente alla silenziosità, alla occultabilità e all'infinità delle volte che si può usare.
Le armi da fuoco sono rumorose e l'uso è limitato dal munizionamento, anch'esso strettamente regolamentato.
In un contesto sociale cosa è più pericoloso?


Attenzione io non ho parlato di "porto" ma ho parlato di libera vendita, purchè a soggetti maggiorenni, e detenzione.
Come ben saprai sono due cose Completamente diverse.
Nel campo della "detenzione" in casa propia; un'arma da fuoco, di qualsiasi natura essa sia, è infinitamente più micidiale
di qualsiasi arma bianca. Lo dice la logica, la cronaca(purtroppo anche recente), e non ultima la Storia.
Ti immagini se io ho a disposizione 10 o 20 tra fucili e pistole ad avancarica a casa mia detenute liberamente, quanto potenziale
offensivo posso produrre rispetto a spade, coltelli, alarbarde, ecc.

Per quanto attiene al Porto, mi trovo perfettamente d'accordo con Te. Un'arma bianca, sopratutto se di piccole dimensioni,
può essere più micidiale di un'arma da fuoco, oltre che di più facile reperibilità.
Motivo per il quale la legge Italiana ne vieta, appunto, sempre e comunque il porto.
:arigatou:

Giuro sul mio Onore di Cintura Nera; di Preservare anziché Distruggere; di Evitare lo scontro anziché Confrontarmi; di Confrontarmi anziché ricevere del Male; di fare del Male anziché Storpiare; di Storpiare anziché Uccidere; di Uccidere anziché di Morire; di Morire anziché disonorare la mia Cintura.


#44
mauri

mauri

    Venator

  • Membri
  • 4492 messaggi
  • Sesso: Uomo
  • Toscana no kuni jū
E' importante capire che sono due cose totalmente diverse, detenere qualcosa, in questo caso una lama vuol dire tenerla nella propria abitazione o altro luogo dove è custodita in sicurezza, portare una lama è averla su di sè pronta all'uso , questo è proibito dalla legislazione Italiana, nemmeno gli addetti delle forze dell'Ordine hanno deroghe in tal senso a meno che non facciano parte di Reparti Speciali (G.I.S., N.O.C.S., G.I.C.O.) ed anche per loro la Lama fà parte di un corredo operativo da usare in divisa.
Difatti anche durante il trasporto, la lama deve essere chiusa ed imballata in maniera tale da non poter essere considerata pronta all'uso.
Non rientrano in questa categoria atrezzi da lavoro o altro che però devono essere Trasportati e non portati fino al loro luogo d'uso abituale, per intenderci non si può andare in giro con un macete nell'abitacolo di un mezzo ma lo si deve trasportare chiuso nel bagagliaio ed anche in quel caso non pronto all'uso.

"Io sono Anarca non perché disprezzi l'autorità ma perché ne ho bisogno. Così, non sono nemmeno un miscredente, bensì uno che esige cose degne di fede".

Ernst Jünger


#45
Akille77

Akille77
  • Membri
  • 55 messaggi
  • Sesso: Uomo
  • varazze no kuni jū
Buongiorno a tutti,tanto per rimanere in tema vi porto la mia esperienza di ieri sugli "usi e costumi"della Questura di Savona dove mi sono recato per chiedere informazioni su come mettermi in regola riguardo ad eventuali acquisti all'estero,licenza di collezione,etc.Ebbene è stato un po',se mi passate la battuta,come buttare una faina in un pollaio.A dire il vero l'agente allo sportello ha inteso all'istante cio'a cui mi riferivo e mi ha lasciato con un "vado un attimo a chiedere.."Ne è seguita una disputa di mezzora tra lui e due non meglio identificate "streghe",nell'ufficio accanto,in cui l'uno cercava di far capire che non esiste porto d'armi per le spade,che si tratta di oggetti d'arte, che se si va in armeria ci sono coltelli a go-go di libera vendita,che "se una persona cerca di mettersi in regola con la legge,come al solito,si cerca di renderle le cose difficili"..Le due hanno obiettato con tanto di testo unico alla mano (ma interpretazione loro..),in sequenza:che sono armi,che serve il porto d'armi,che non si puo' aver licenza di collezione se non se ne hanno almeno 8 (?),che comunque acquistare dall'estero non si puo' perche' gli altri paesi non vogliono(?)..Il buon agente è tornato abbacchiato dicendomi:"mi spiace,la legge è un po' ambigua"e con un eloquente:"comunque bisogna sempre vedere con quali teste si ha a che fare.."riferito alle due.Infine mi ha consigliato di fare richiesta di rilascio del porto di fucile per tiro a volo dicendo che per ora è l'unico modo per agire con relativa tranquillita'.Cosi' sappiamo come viene interpretata la legge anche in quel di Savona..Immagine inserita Immagine inserita



#46
ikkiù

ikkiù

    Shokunin

  • Membri
  • 758 messaggi
  • imola no kuni jū
scusate ma esiste una legge che esenta dall'obbligo della licenza se il manufatto é antecedente al 1856 ( o 1868 ?) ed é quindi considerato un oggetto storico da collezione , sia esso una pistola ad avancarica a colpo singolo , un alabarda , una spada , un pugnale o chicchesia.

Ovviamente , il porto , non é comunque mai consentito , nemmeno nelle rievocazioni storiche .

Lo so perché ho fatto parte di un gruppo storico di balestrieri , sfilavamo in costume con balestre da 40 kg sulle spalle fino al luogo adibito al tiro , e spesso dovevamo dimostrare ai vari tutori dell'ordine che la carica e l'uso di tali balestre non era possibile senza l'apposito argano a manovella detenuto dal maestro d'arme .

le gunto , ad esempio , essendo state utilizzate da un esercito durante la WWII sono di fatto ancora classificabili come armi da guerra , anche se c'é da dire che quasi mai vengono trattate legalmente come tali , ma la loro importazione potrebbe incontrare ostacoli nel caso incontrino funzionari di dogana annoiati e zelanti .

Comunque é vero , una pistola ad avancarica a colpo singolo fa meno danni di un coltello , spesso la loro potenza di penetrazione in rapporto al calibro del pallettone é uguale ai 18 Kilojaul di una buona pistola ad aria compressa , molti duelli dei secoli scorsi dai 20 passi di distanza si sono conclusi con la morte per danni interni o grosse contusioni senza che la palla riuscisse a penetrare a causa del loro diametro .

Alla fine del vento
Ancora cadono le foglie ..
..Un falco lancia il suo grido
Si fa più fondo il silenzio dei monti

#47
mauri

mauri

    Venator

  • Membri
  • 4492 messaggi
  • Sesso: Uomo
  • Toscana no kuni jū
Guardate che le rogne della licenza di collezionismo non finiscono quì, in molti casi viene richiesto il sistema allarme del luogo dove sono custodite, porta blindata e con i più scrupolosi nel caso anche le inferiate alle finestre, senza contare armadi blindati, nel caso di armi da fuoco la cosa più semplice (se così si può dire) è blindare un ambiente della casa, con finestra con inferiate e porta blindata all'interno.
Insomma un pò come essere in prigione.

"Io sono Anarca non perché disprezzi l'autorità ma perché ne ho bisogno. Così, non sono nemmeno un miscredente, bensì uno che esige cose degne di fede".

Ernst Jünger


#48
Simone Di Franco

Simone Di Franco

    YamaArashi

  • Admin
  • 9331 messaggi
  • Sesso: Uomo
  • Tasogare no kuni jū
La legge per le armi antecedenti al 900 (non ricordo la data) è relativa a quelle da fuoco esclusivamente.
Una spada, una alabarda e le armi bianche rimangono sempre armi.



#49
GTO

GTO
  • Membri
  • 364 messaggi
Ho resuscitato questo post per un ulteriore quesito.

Al commissariato mi era stato detto che per richiedere la collezione di armi artistiche, antiche o rare, ossia l'unica eventualità che il TULPS contempli per l'importazione di armi dall'estero per il quale non è consentito il porto, avrei dovuto essere prima titolare di un porto d'armi.

Oggi sono andato al commissariato (Roma) a ritirare il porto d'armi e consegnare la richiesta di autorizzazione alla collezione di armi antiche.
Il funzionario non mi ha accettato la domanda, motivando che in italia, con non meglio specificate nuove norme, non è più possibile introdurre armi che non siano registrate nel catalogo nazionale (quindi anche le spade, come ha poi specificato, che si possono acquistare in territorio nazionale e senza denuncia di detenzione....).

Ora semplicemente, al di là delle interpretazioni e commenti, vorrei sapere se vi risulta tale nuova norma, se per vostra esperienza il porto d'armi è più che sufficiente all'importazione di una spada ferma in dogana, e quale che sia la vostra esperienza in merito all'importazione (ovviamente mi riferisco al caso di acquisto fuori dalla comunità europea).

Prima di trovarmi in situazioni spiacevoli vorrei avere tutte le informazioni possibili, purtroppo la normativa è poco chiara sia per chi la applica che per chi ne fruisce.

Vi ringrazio anticipatamente,

GTO
"come le belle donne, anche le spade, ad un certo punto si stancano di essere solo osservate"

#50
ironman

ironman
  • Membri
  • 97 messaggi
  • Sesso: Uomo
  • Roma no kuni jū

Modifico perchè ho risolto oggi tutto.

GTO

ti rispondo lo stesso: come hanno ammesso più o meno tutti, dipende sempre chi trovi in polizia e dogana. La mia personale esperienza non mi ha fatto avere nessun problema in dogana, e risposte contrastanti in polizia. In un commissariato hanno detto prima che non era un arma, per poi rimangiarsi tutto e chiedermi il porto d'armi. In un altro invece mi hanno risposto fai come ti pare, a noi non interessa. Comunque per non sapere ne leggere ne scrivere io ne ho denunciato il possesso...

#51
GTO

GTO
  • Membri
  • 364 messaggi
Grazie della risposta ! Immagine inserita
"come le belle donne, anche le spade, ad un certo punto si stancano di essere solo osservate"

#52
Simone Di Franco

Simone Di Franco

    YamaArashi

  • Admin
  • 9331 messaggi
  • Sesso: Uomo
  • Tasogare no kuni jū
il catalogo nazionale è per le armi comuni da sparo....



#53
GTO

GTO
  • Membri
  • 364 messaggi
E' vero e le spade non hanno numeri di matricola, infatti credo che neanche il funzionario delle PS sapesse rispondermi.
"come le belle donne, anche le spade, ad un certo punto si stancano di essere solo osservate"

#54
mauri

mauri

    Venator

  • Membri
  • 4492 messaggi
  • Sesso: Uomo
  • Toscana no kuni jū
Questa è materia molto elastica, nel senso che può essere restrittiva o molto lasca.
La prassi più corretta è di vedere come usano l'elastico nei propri Commissariati di zona, ed adeguarsi di conseguenza.
Penso che ogni consiglio scisso da questi fattori sopra indicati, porti solo ad incrementarne il caos legislativo.

"Io sono Anarca non perché disprezzi l'autorità ma perché ne ho bisogno. Così, non sono nemmeno un miscredente, bensì uno che esige cose degne di fede".

Ernst Jünger





0 utente(i) stanno leggendo questa discussione

0 members, 0 guests, 0 anonymous users