Vai al contenuto

Welcome to INTK Forum
Register now to gain access to all of our features. Once registered and logged in, you will be able to create topics, post replies to existing threads, give reputation to your fellow members, get your own private messenger, post status updates, manage your profile and so much more. If you already have an account, login here - otherwise create an account for free today!
Foto

Tesori perduti nel Giappone postbellico


  • Per cortesia connettiti per rispondere
73 risposte a questa discussione

#1
mauri

mauri

    Venator

  • Membri
  • 4492 messaggi
  • Sesso: Uomo
  • Toscana no kuni jū

Approfitto di un' interesse che si è manifestato in questo ultimo periodo sia sul forum che in una trasmissione televisiva (Focus) dove si parlava di spade scomparse, sequestrate in Giappone in conformità ai trattati di resa e di cui si sono perse le tracce.
Ho tradotto un articolo che di queste tratta, spero possa essere di un vostro interesse.

Preso da: http://www.sydneytok...new-page-10.htm

Alla fine della seconda guerra mondiale si è creata una situazione molto spiacevole che ha determinato la perdita di parecchie Nihonto importanti, così come quelle minori. Queste erano entrambi Kokuho (Tesori nazionali) e Juyo Bijutsu (importanti beni culturali). Ciò è avvenuto in diversi modi. Le spade giapponesi dovevano essere consegnate per decreto, e distrutte dalle forze alleate. Ma il Kokuho e Juyo Bijutsu dovevano essere risparmiate. Tuttavia a volte anche loro sono state sequestrate illegalmente dai militari, e altre volte non erano solo restituite dopo la registrazione. Questo è accaduto alla fine del 1945 e nella prima parte del 1946. Un altro problema era che in alcune circostanze, le spade sono state portate via dalle case da funzionari giapponesi sia ben intenzionati o corrotti . Alcune di queste spade potrebbero non aver mai lasciato il Giappone, ma è ben noto che altre sono talvolta riapparse negli Stati Uniti.

In realtà molte spade non sono state distrutte, ma sono state inviate in diversi paesi alleati. E in quasi tutti i paesi che sono stati invasi dal Giappone sono state prese tutte le spade al momento della consegna da parte delle forze giapponesi. Così, nelle Filippine molte Nihonto sono state utilizzate per tagliare la canna da zucchero. I militari cinesi tenevano le spade prese lì per uso militare. Le forze di occupazione statunitensi hanno distrutto le spade minori, ma spesso hanno dato lei migliori ai loro soldati. Ancora una volta il Kokuho e Juyo Bijutsu dovevano essere restituite ai loro proprietari, ma in realtà il comandante della zona ha avuto l'ultima parola. E alcuni Militari velocemente hanno inviato tutte le spade migliori confiscate alle loro case negli Stati Uniti.

C'era anche un altro gruppo di Lost Nihonto perdute. Queste erano quelle vendute durante il Muzukashii Jidae = momenti difficili dopo la seconda guerra mondiale. Oltre ai normali disagi connessi con la perdita di una grande guerra, molti in Giappone hanno sofferto a causa delle riforme introdotte dal Alleati dopo la guerra. Prima della seconda guerra mondiale alcune delle importanti famiglie feudali erano proprietarie di grandi quantità di terra. Gli alleati hanno concesso solo a coloro che effettivamente coltivato la terra di continuare a possederla (molti nel nord del Giappone). Ma in Giappone centrale molti proprietari sono stati costretti a vendere le loro quote. Queste erano state la loro fonte di reddito, in questo modo non ne avevano più. Nessuno aveva molto denaro, non avrebbero riscosso molto per la terra che hanno dovuto vendere. Alcune di queste famiglie ha finito per vendere i loro tesori di famiglia. Questi potevano essere Nihonto, kodogu, armature, mappe, dipinti o quantaltro. Questi a volte avrebbero incluso ex Kokuho, o Juyo Bijutsu. E credo che il Juyo Bijutsu Awataguchi Hisakuni Tachi che è stato visto negli Stati Uniti era solo uno di questi. Bob Wainwright (che era di stanza in Giappone nei primi anni '50) dice che il prezzo standard per tutto ciò era di circa $ 113. Se mi ricordo proprio bene il tasso di cambio pari a 480 yen per dollaro. Quindi 113 dollari sarebbero stati circa 50.000 a 60.000 yen.

Comunque dalla seconda guerra mondiale c'è stata una ricerca per recuperare alcuni di questi oggetti importanti. Nei primi anni del 1960 del Dott. Homma inviato con Mr. Nakajima una serie di fotografie di alcune delle spade mancanti. Copie di queste foto sono state successivamente lasciate ad alcuni collezionisti al di fuori del Giappone. Nel suo Nihonto Newsletter nei primi anni del 1970 Albert Yamanaka ha pubblicato le informazioni che aveva su queste spade (14 Kokuho e 25 Juyo Bijutsu). Da quello che so non c'è mai stata una pubblicazione generale delle fotografie. Suppongo che questo è stato fatto allo scopo di mantenere molti ignoranti su ciò che possedevano, in modo che non richiedessero somme ecessive. Ma immagino anche che queste spade, forse sono state danneggiate anche solo per questo motivo. Ammettiamolo, dopo 50 anni, se queste spade non sono riemerse potrebbe esserci bisogno di aiuto per riportarle in superficie. Certo ci sono ancora le spade come Juyo Bijutsu Tomomura che è stata venduta a un asta di vendita a Detroit per $ 60 parecchi anni fa. La volta dopo che è stata venduta il prezzo era 100 mila dollari e un orologio Rolex d'oro. Solo forse se ci saranno più informazioni di queste spade si potranno restituire. Auguro a tutti lettori la fortuna nella loro ricerca.

Abbiamo raggiunto il punto in questo articolo, dove ci siamo soffermati a quelle 14 lame e che eravamo Kokuho - Tesori Nazionali. Ricordate che non sono più Kokuho perché retrocesse dopo il 1953, quando tutti Kokuho sono stati retrocessi a Juyo Bunkasai. Trovare purtroppo fotografie, o ôshigata di queste spade si è dimostrato essere estremamente difficile. Nella serie di fotografie inviate da Kanzan Sato con Nakajima, sono stato solo in grado di trovare uno dei Tanto mancante. E questo è in realtà un koshirae che soddisfa solo la descrizione di base.
John Garcia mi ha prestato una serie di Kokuho Token Zufu. Questo è un insieme di 163 fotografie, e ôshigata del Kokuho Nihonto, stampata nel 1939. Io assolutamente non posso credere che nessuna di quelle lame mancanti siano state trovate lì. Quindi, in questo momento ho solo un piccolo numero di foto delle Kokuho mancanti. 25 dei 25 dispersi Juyo Bijutsu, e 3 possibili su 14 Kokuho dispersi.

Nel 1986 l'editore giapponese Seishôsha ha pubblicato una serie di libri di collezioni di spade giapponesi Registrati come oggetti importanti darte da parte del governo. Questo set contiene foto e informazioni disponibili su 999 Nihonto (alcuni includono accessori) e 91 altri accessori. Questo ha interessato solo gli oggetti Juyo Bijutsu e non ha incluso l'ex Kokuho.

In realtà dovrei spiegare parecchie cose su Kokuho e Juyo Bijutsu. Con la Restaurazione Meiji il governo giapponese ha istituito una commissione per valutare e registrare tesori nazionali - Kokuho. La ragione di questo è che alcuni dei santuari giapponesi e le famiglie li hanno venduti in passato, agli stranieri. Per evitare che le migliori di queste ultime fossero esportate dovevano essere designate Kokuho. In questo modo non potevano essere esportate dal Giappone senza il permesso del governo.
Nel 1933 un'altra legge ha permesso la nomina di Juyo Bijutsu. Questi oggetti avevano un valore nazionale minore rispetto al Kokuho. Né Kokuho né Juyo Bijutsu dovevano essere esportate dal Giappone, perchè avevano importante significato storico per il Giappone. Nel 1950 un nuovo sistema è stato istituito. Questo ha fatto decadere tutte le valutazioni precedenti. Il Kokuho è stato cambiato in Juyo Bunkazai, e la prima Juyo Bijutsu diventato inclassificabile. Tutti gli oggetti dovrebbero essere ripresentati per mantenere la loro posizione precedente.

Un altro importante gruppo di oggetti sono quelli della raccolta imperiale, Gyôbutsu così come quelli nella Shosoin (in Nara). Questi in realtà sono tutti al di sopra del titolo di Kokuho e Juyo Bunkazai. Fondamentalmente quel comitato sarebbe tanto sciocco nel dire che una spada di proprietà del Imperatore non è abbastanza importante da essere Kokuho? E il solo fatto che un elemento è in Shosoin significa che il Giappone ha conservato per oltre 1.200 anni. Chi potrebbe dire che non è storicamente importante?

Mentre in Giappone alcuni anni fa ho avuto la fortuna di parlare con il signor Tamio Tsuchiko in un paio di occasioni. Stava lavorando a un suo libro Tosho Tanbo . Purtroppo sarà in giapponese, ma avrà immagini di queste spade mancanti. Ha anche portato alla luce molti degli "articoli" da parte delle forze americane sulla restituzione dei beni d arte depredati. Mr. Tsuchiko ed io abbiamo discusso quello che sapevamo, e congiuntamente e individualmente prima del nostro incontro abbiamo pensato che era una vergogna quello che è successo alla fine della seconda guerra mondiale. Ma ciò che è importante ora è fare in modo che queste lame siano conosciute, in modo che non vengano dimenticate per ignoranza. Questo è accaduto in passato. Sembra che almeno una delle spade mancanti è stata esportata dalle forze di occupazione. Come ho già detto una è stata venduta ad un incanto di vendita per $ 60. Questa avrebbe potuto benissimo subire un danno estremo, se non fosse stata riconosciuta per quello che era.
Mr. Tsuchiyo ha scoperto che c'erano circa 55 spade mancanti. C'erano 2 liste di queste, e solo una è stata rintracciata negli Stati Uniti. Alcune delle spade sono state restituite al Giappone. E alcune delle spade 'trovate non avevano mai lasciato il Giappone. Le varie forze di polizia erano di tanto in tanto intervenuti, ed hanno stornato fuori da questo sistema alcune spade. Ovviamente questo stratagemma era illegale per il sistema in vigore in quel momento. Ma sono convinto che è stata anche una fortuna per tutti i soggetti coinvolti.
Recentemente ho parlato di una spada mancante che era stata restituita al Giappone nel passato. Le persone che la volevano restituire contattato la famiglia, questi hanno detto che non hanno più interesse a rientrare in possesso della spada e che non l avrebbero acquistata di nuovo. Il governo giapponese (Sword Museum?) Non aveva alcun diritto su questa spada dato che era bottino di guerra, ma auspicava che sarebbe stato bello se il possessore lavesse donata a un museo (il loro?). Dal momento che il possessore (un commerciante) ha investito una discreta somma in questa spada, egli non era intenzionato a donarla e perdere il suo investimento. Così lha venduta ad un commerciante giapponese.
La storia di cui sopra è triste, ma cera da aspettarselo. La seconda guerra mondiale è finita da 50 anni. Il bottino di guerra è stato preso da tutti i vincitori. La maggior parte di coloro che inizialmente ha preso queste spade sono probabilmente morti. E se non sono riapparse queste spade in 50 e più anni, perché dovrebbero ora? Essi o i loro eredi possono decidere di incassare per queste lame. Essi probabilmente (si spera) sanno quello che valgono, e si aspettano una discreta quantità di soldi. Quindi il passo successivo è per queste spade , essere vendute a un collezionista o ad un rivenditore. Tale
persona deve disporre il denaro per comprare queste spade. Che può ammontare a oltre 100.000 dollari in alcuni casi. Ora solo pochissime persone in questo mondo possono aspettarsi mangiare quel tipo di perdita.
Anche se una persona buona con un buon carattere era per acquistare una di queste spade per un prezzo che avrebbe contrastato se fosse stata data via. Chi avrebbero dovuto darle?
Io so che nessun museo al di fuori del Giappone garantisce di prendersi adeguatamente cura di Nihonto. Persino i più grandi sono stati conosciuti per vendere alcune ottime spade, quando un curatore cambia o hanno bisogno di un po di denaro. Perché un tale museo dovrebbe tenere ciò che donandolo diviene più prezioso?
Poi ci sono i musei in Giappone. Il museo della spada è una scelta logica, ma ha già un gran numero di spade. E molti sono il top assoluto della linea, non può essere battuto ad ogni prezzo il tipo di spada. Ci sarà qualcuno realmente interessato del Museo Spada ad avere un'altra spada, anche se è Kokuho? E bisogna mettere in discussione e uno deve porre la questione di tutte le grandi spade in un punto. Che cosa accadrebbe se il Museo Spada bruciasse? O è stato colpito da un forte terremoto, e poi bruciato? Oppure potrebbe anche essere derubato, o distruggersi. Quello che sto dicendo è che mettendo tutte le uova nello stesso paniere non ha mai avuto molto senso.

Poi ci sono altri importanti musei in Giappone. I Musei nazionali sono probabilmente una scelta eccellente per Juyo Bunkasai, o Kokuho Swords. È vero che
probabilmente hanno poco bisogno di alcuna delle spade minori, che si incontrano. Ma il Museo Nazionale Giapponese sembra essere la migliore possibilità in cui un importante spada sarà apprezzata, e non può essere venduta quando è il momento opportuno. E sembra non abbiano anche avere una quantità abbondante di spade importanti.

Così ho pubblicato tali informazioni (fotografie comprese, e ôshigata), che ho raccolto sulle mancanti Juyo Bijutsu così come su Kokuho. Mi auguro che, così facendo si aiuti a recuperare molte di queste spade. Anche se non sono immediatamente restituiti al Giappone almeno gli attuali proprietari dovrebbero prendersi cura di loro.


1) Ô-Tanto firmato Soshu ju Akihiro - Juyo Bijutsu

2) Mumei katana attribuita a Aoe - Juyo Bijutsu

3) Tachi è firmato Bishu Osafune Iesuke

4) Un Tachi firmato Bishu Osafune Kanemitsu - Juyo Bijutsu

5) Una tachi firmato Rai Kunimitsu - Juyo Bijutsu

6) L'ex mancante Kokuho Kunimune

7) Tachi firmato Kamakura ju toroku Sakon Kunitsuna - Juyo Bijutsu

8) Una katana firmata Kuniyasu - Juyo Bijutsu

9) Tachi firmato Soshu Ju Masahiro - Juyo Bijutsu

10) The Missing Kokuho Honjo Masamune - Kokuho

11) Tachi Aoe Masatsune , un Kokuho

12) Mumei naginata attribuita a Osafune Mitsutada - Juyo Bijutsu

13) Un tachi firmato Motoshige - Juyo Bijutsu

14) Un Tachi firmato Nagamitsu - Juyo Bijutsu

15) Tachi firmato Narimune - Juyo Bijutsu

16) A Ko-Dachi firmato Norifusa - Juyo Bijutsu

17) Mumei naginata attribuita a Ichimonji Norifusa - Juyo Bijutsu, e altri due

18) Un tachi firmato Sagami no Kuni Jyûnin Sa - Juyo Bijutsu

19) Una katana firmata Bizen no Kuni ju Osafune Yozozaemon no Jo Sukesada Saku - Juyo Bijutsu

20) tachi in montatura  arcaica  Phoenix Head   (gli uccelli si dirigono tachi) Kokuho

21) Un secondo tachi simile Phoenix Head  è stato portato anche dal Santuario Niu di Kawahara Mura, posto di polizia Naka , Prefettura di Wakayama

22) Mumei naginata, il set Juyo Bijutsu dice attribuito a Sukeyoshi , e Yamanaka dice attribuito a Sukemura - Juyo Bijutsu

23) Katana firmata Hizen no Kuni Jyunin Tadayoshi - Juyo Bijutsu

24) Il tachi mancante di Tametoshi - Juyo Bijutsu

25) Un tachi firmato Tomomura - Juyo Bijutsu

26) The Missing Juyo Bunkasai set di 10 corrispondenti Umetada yari

27) Un Tachi firmato Unjô - Juyo Bijutsu

28) Tachi firmato Hakushu Yasuie - Juyo Bijutsu

Si tratta di una traduzione libera gli eventuali errori sono da ascrivere a mie omissioni o mancanze.
 
 
 
Allego all'articolo la scheda e la storia della sparizione della lama sicuramente considerata la più importante di questo lotto, la Honjō Masamune:

La più importante delle Nihonto mancante è senza dubbio la Honjo Masamune . Questa è stata la katana che ha rappresentato lo Shogunato durante la maggior parte dll Era Tokugawa. Pensate che! I Tokugawa erano in grado di avere qualsiasi spada in Giappone per passaggio tra Shogun, quando il potere veniva loro trasferito. E hanno scelto la Honjo Masamune .
L' Honjo Masamune era anche la spada che mi ha iniziato a questo progetto. A metà degli anni 1980 Yumoto Sensei ha chiesto a me e a un gruppo di collezionisti se avevamo sentito parlare di questa spada. Egli inoltre ci ha detto che era stata segnalata presente nella zona nord della California. Ora ho ragione di credere che un'altra spada fosse in quella zona in quel periodo, potendo essere stata scambiata per questa Masamune. Mi è stato detto che uno dei collezionisti importanti a quel tempo (che ora è morto), ha avuto un insolita Masamune. E uno degli attuali "esperti di lame» di quella zona ha alcune strane idee su ciò che è una Masamune. Questa spada ha la stessa lunghezza e la descrizione generale, ma i sori è differente, così come lo hamon base. E non è una Masamune. In ogni modo mi ha fatto dare la caccia a una grande quantità di informazioni su queste Nihonto mancanti.
Questa ed altre 14 Nihonto sono state portate nella stazione di polizia di Mejiro, a Tokyo, nel mese di dicembre del 1945, da parte del proprietario Tokugawa Iemasa. Tokugawa Iemasa era un discendente dello shogunato Tokugawa. 18 gen. 1946 la polizia Mejiro ha consegnato queste spade ed altre al sergente Coldy Bimore, del 7 °Cavalleria degli Stati Uniti. 
Bob Cole mi ha inviato una copia delle pagine pertinenti da una prima copia del Kyoho Meibutsu Cho. Questo mi ha dato informazioni che a quanto pare non erano disponibili per Albert Yamanaka, quando scrisse il suo articolo.

File Allegati  black_ink_honjo.jpg   52,16KB   13 Numero di downloads

Questa katana mu-mei è attribuita a Masamune. La lunghezza della katana mancante è 2 shaku 1 sole 5 bu = 65,2 centimetri = 25 11/16th. pollici. Il Sori è di 5 sole 5 bu = 1,7 centimetri = 11/16th. pollice.
E 'kissaki Chu, senza horimono. Questa katana è stata catalogata Kokuho il 27 maggio. . 1939
The Missing National Treasure katana - Honjo Masamune che ho scritto lo scorso mese, ha 1 mekugi ana, e ken-Gyo nakago Jiri.

Vedi: http://nihontoclub.c...ges/13667/15591


"Io sono Anarca non perché disprezzi l'autorità ma perché ne ho bisogno. Così, non sono nemmeno un miscredente, bensì uno che esige cose degne di fede".

Ernst Jünger


#2
Mc 74

Mc 74
  • Membri
  • 414 messaggi
  • Sesso: Uomo
  • lodi no kuni jū

Molto interessante, grazie per la traduzione.


Marco C.


#3
G.Luca Venier

G.Luca Venier
  • Socio INTK
  • 2717 messaggi
  • Sesso: Uomo
  • PN - FI - LU no kuni jū

Grazie Mauri, articolo molto interessante.

 

Mi ha fatto tornare alla mente le ricerche degli 'Stradivari perduti'  :arigatou:



#4
GianC.B.

GianC.B.
  • Membri
  • 989 messaggi
  • Sesso: Uomo

mi interesserebbe vedere l'oshigata della lama al numero 16( ko-tachi firmato Norifusa). non credo di averla mai vista ne, purtroppo, acquistata per 60 dollari ma mi colpisce sia l'unica lama corta... a parte l'o-tanto di Akihiro.

qualcuno ha questo oshigata? 

grazie!

 

 


Semper ad Majora - Eadem non eadem


#5
mauri

mauri

    Venator

  • Membri
  • 4492 messaggi
  • Sesso: Uomo
  • Toscana no kuni jū
Gian, se vai all'articolo originale di cui ho messo la provenienza all'inizio della discussione ci sono tutte quelle trovate, comunque è questa:
 
File Allegati  norifusa2.JPG   15,35KB   5 Numero di downloads
 
 
Vedi: http://www.sydneytok...new-page-10.htm

Sul forum c'è questa: http://www.intk-toke...?showtopic=3011

Messaggio modificato da mauri, 28 marzo 2014 - 13:42

"Io sono Anarca non perché disprezzi l'autorità ma perché ne ho bisogno. Così, non sono nemmeno un miscredente, bensì uno che esige cose degne di fede".

Ernst Jünger


#6
GianC.B.

GianC.B.
  • Membri
  • 989 messaggi
  • Sesso: Uomo

grazie Mauri!

ho guardato la lista delle lame e m'è subito venuta in mente una considerazione che si riallaccia ad un discorso iniziato tempo fa quì sul forum: molte lame importanti non sono firmate e sono solo attribuite, poi sono andato a controllare su un paio di libri che posseggo ed effettivamente, perlomeno per il periodo koto(ma non escluderei lo shinto) esistono lame considerate tesoro nazionale che non sono per nulla firmate o lo sono in maniera approssimativa(per esempio solo con un "ichi"). 


Semper ad Majora - Eadem non eadem


#7
Simone Di Franco

Simone Di Franco

    YamaArashi

  • Admin
  • 9331 messaggi
  • Sesso: Uomo
  • Tasogare no kuni jū

Grazie mille per questo articolo Mauri!




#8
Stephan

Stephan

    appena arrivato

  • Membri
  • 1 messaggi

Ciao,

   I am sorry I can not speak Italian.

Still searching for Honjo Masamune?

It might be on youtube.

 

Search:

Honjo Masamune sword, line drawing comparison

 

Thank you



#9
G.Luca Venier

G.Luca Venier
  • Socio INTK
  • 2717 messaggi
  • Sesso: Uomo
  • PN - FI - LU no kuni jū

Hello Stephan

 

no problem, you can speak english here.

 

As you are a new member please write two lines about you on section ' Presentazioni '  :arigatou:



#10
G.Luca Venier

G.Luca Venier
  • Socio INTK
  • 2717 messaggi
  • Sesso: Uomo
  • PN - FI - LU no kuni jū

About the videos: interesting, but personally, if I were convinced that I have a really important sword, I would trust a professional toghishi for polishing first.

 

All that work of interpretation of the signs on a damaged blade it seems to me a waste of time.  :arigatou:



#11
Alex D.

Alex D.
  • Membri
  • 231 messaggi
  • Sesso: Uomo
  • Milano no kuni jū

Argomento molto interessante, grazie!! :arigatou:



#12
Francesco Marinelli

Francesco Marinelli

    Keiji

  • Socio INTK
  • 2412 messaggi
  • Sesso: Uomo
  • Italia, Prato no kuni jū

Davvero bravi questi nuovi forgiatori che col crowdfunding hanno trovato i fondi per realizzare un'utsushi della famosa Hotaru Maru del 1297 di Rai Kunitoshi! La lama ha un nagasa di ben 100.4 cm. Questa fu tramandata come tesoro per generazioni nella famiglia Aso, responsabile dell'Aso jinja (santuario di Aso), nella Prefettura di Kumamoto e designata come Tesoro Nazionale nel 1931. Ma la Hotaru Maru, insieme ad altre due lame tesoro nazionale detenute dal Santuario, scomparvero dopo il sequestro da parte del Comando Generale del Comandante Supremo delle Forze Alleate (GHQ) dopo la fine della Seconda Guerra Mondiale.

 

Maggiori info: http://ajw.asahi.com.../AJ201512280004

 

File Allegati  Hotaru Maru.jpg   216,45KB   3 Numero di downloads

 

 


Prossimamente al cinema... "Indiana Jones e la lama perduta"

#13
dig1982

dig1982
  • Membri
  • 592 messaggi
  • Sesso: Uomo
  • bergamo no kuni jū
Davvero interessante e complimenti a questi forgiatori. Sarebbe davvero bello sapere dove una lama del genere sia finita...collezione privata? Distrutta? In qualche scantinato buio?

Diego T.


#14
Enrico Ferrarese

Enrico Ferrarese

    Dash Kappei

  • Socio INTK
  • 2113 messaggi
  • Sesso: Uomo
  • Venezia no kuni jū

io sarei più curioso di sapere in che stato sono più che dove sono...

poi mi chiedo: alcune lame sono veramente SPLENDIDE... come fanno a distinguere tra una kokuho da un'altra opera d'arte?? cosa cambia nel giudizio? il microgranello di strisciatina dell'ultima politura?

cioè veramente... sui siti online giapponesi vedo alcune lame splendide che non hanno un graffio a pagarlo oro... o forse sono solo io che non ho l'occhio per vedere il difetto? :confused:



#15
Massimo Rossi

Massimo Rossi

    Togishi

  • Membri
  • 1916 messaggi
  • Sesso: Uomo
  • sesto fiorentino Fi no kuni jū

Un pò di tempo fà,fui chiamato a Roma da un medico americano, suo padre aveva un Katana che era stato sequestrato durante la resa giapponese.

Mi raccontò la storia di questa lama, era rimasta senza saya e con la tsuka sfasciata.

Vado a ritrovare la scheda della politura, così la posto e vi racconto l'aneddoto.



#16
Massimo Rossi

Massimo Rossi

    Togishi

  • Membri
  • 1916 messaggi
  • Sesso: Uomo
  • sesto fiorentino Fi no kuni jū

Questa lama, fu presa al giapponese rimasto ucciso durante uno scontro a fuoco con gli americani.

(la riporto come mi fu raccontata) Alla fine della guerra tornato in America, la lama (probabilmente con un koshirae handachi)

veniva usata dai figli come divertimento ed in più la usavano per far fuori il tacchino ne giorno del ringraziamento (roba da matti).

Il figlio, cioè il medico che mi contattò, se la portò in Italia, dove tutt'ora lavora e vive, io feci la politura e feci costruire il shirasaya,

lasciandomi in regalo la tsuka ed uno dei menuki riamsti, (un bel drago di buona qualità). Non l'ho più sentito il dottore, spero che sia ben conservata; la lama è buona (come si vede dalla mei) anche l'horimono è di ottima fattura.

 

 

File Allegati  Nagakuni.jpg   81,14KB   2 Numero di downloads



#17
Francesco Marinelli

Francesco Marinelli

    Keiji

  • Socio INTK
  • 2412 messaggi
  • Sesso: Uomo
  • Italia, Prato no kuni jū

Ieri a Kumamoto la copia della meibutsu Hotarumaru (蛍丸) è stata offerta al tempio di Aso. Questa è stata realizzata da Fukutome Fusayuki (福留房幸) e Kōroki Fusaoki (興梠房興).

 

File Allegati  20160827-IMG_5390.jpg   2,96MB   0 Numero di downloadsFile Allegati  20160827-IMG_5269.jpg   1,15MB   0 Numero di downloads File Allegati  0055859768_0055859769.JPG   52,9KB   0 Numero di downloads

 

 

Questo il video durante la forgiatura, yakiire e togi: [meedia][/media]

 

Questo un disegno antico della lama originale, in cui si aggiunge che il nasasa fosse di 101.35 cm. Tratto da: http://www.geocities...01/page074.html

File Allegati  img096.jpg   17,63KB   1 Numero di downloads

 

Questo il sito del tempio di Aso, che ricordo essere andato distrutto nel recente terremoto: https://aso-kumamoto.jp/archives/1367/

File Allegati  IMG_1642-1.jpg   5,23MB   1 Numero di downloads


Prossimamente al cinema... "Indiana Jones e la lama perduta"

#18
Massimo Rossi

Massimo Rossi

    Togishi

  • Membri
  • 1916 messaggi
  • Sesso: Uomo
  • sesto fiorentino Fi no kuni jū

:arigatou:






0 utente(i) stanno leggendo questa discussione

0 members, 0 guests, 0 anonymous users