Vai al contenuto

Welcome to INTK Forum
Register now to gain access to all of our features. Once registered and logged in, you will be able to create topics, post replies to existing threads, give reputation to your fellow members, get your own private messenger, post status updates, manage your profile and so much more. If you already have an account, login here - otherwise create an account for free today!
Foto

Tameshi-giri -Prove di taglio sulle spade giapponesi


  • Per cortesia connettiti per rispondere
27 risposte a questa discussione

#1
mauri

mauri

    Venator

  • Membri
  • 4492 messaggi
  • Sesso: Uomo
  • Toscana no kuni jū

Vi posto la libera traduzione di un articolo di Clive Sinclaire per To-ken Society of Great Britain: http://www.to-ken.com/

Tameshi-giri- Prove di taglio sulle spade giapponesi

L'efficacia o l'efficienza della sua arma è ovviamente di fondamentale importanza per qualsiasi soldato o guerriero, la cui vita potrebbe dipendere da essa. Ciò è abbastanza comprensibile e si è reso necessario per il proprietario del l'arma avere piena fiducia in essa. Così è stato per il samurai, ma per la maggior parte della loro storia, certamente fino alla seconda metà del 16 ° secolo, la guerra costante è stata sufficiente per testare la maggior parte delle forme di armamenti. Questa varietà incluse lame, come yari (lance), naginata (alabarde) e le spade. Non era un problema disfarsi di uno strumento rotto o sciupato poiché nuovi sono stati costantemente costruiti provenienti da fucine di fabbri, principalmente dalla provincia Bizen (attuale prefettura di Okayama) e Mino (attuale prefettura di Gifu). Tuttavia, con l'alba del grande pace annunciata dalla vittoria di Tokugawa Ieyasu, durante la battaglia definitiva Sekigahra nel 1600, e la costituzione dello shogunato Tokugawa, la possibilità ogni giorno di utilizzare una spada si è fortemente ridotta. Dal momento che la cessazione del Sengoku jidai o il paese in guerra, erano stati necessari cambiamenti fondamentali nella fabbricazione di lame. Prevalentemente,le spade erano state precedentemente cose puramente pratiche, e spesso semplificazioni erano state compiute nel processo di produzione e realizzazione economizzando nei materiali utilizzati. Naturalmente, ci sono spade molto antiche che sono insuperabili in eccellenza ma la stragrande maggioranza non erano di questo tipo, soprattutto nel periodo Muromachi (1450-1580). Senza l'obbligo di produrre grandi quantità di lame per armare le centinaia di migliaia di persone sotto le armi, i fabbri si sarebbero concentrati per migliorarsi e rendere lame più decorative e artistiche. Influenzati dalla cultura dominante Momoyama a Kyoto, capitale imperiale, fabbri, alla fine del 16 ° secolo cominciarono a fare spade più decorative o artisticamente piacevoli. L'hamon o bordo indurito più pittoresco, così come horimono più ornati o incisioni con meno soggetti religiosi, sono state le manifestazioni evidenti di questo. Ora che le materie prime erano sempre più distribuite da fonti centrali, il metallo o jigane, ha cessato di mostrare le caratteristiche individuali regionali delle epoche precedenti e ora ha dimostrato una uniformità mai vista prima. Tuttavia, nei primi anni del 1600, mentre era ancora viva la memoria di combattimento reale, spade erano a forma e versioni ridotte delle lame di grandi dimensioni del 14 ° secolo, un tempo che potrebbe essere indicato come "età dell'oro" nella fabbricazione della spada.
tamesh2.jpg
xilografia di una esecuzione
Come lo shogunato Tokugawa si è affermata quale capitale, una cittadina nella parte orientale del paese chiamato Edo (oggi Tokyo) molti costruttori di spade accorrevano a questa città in espansione per sfruttare il clima marziale dominante. Allo stesso tempo, la capitale imperiale di Kyoto ha attirato un buon numero spadai della provincia Mino le cui famiglie da generazioni erano cultori nel costruire spade. Nel frattempo, nei pressi di Kyoto, la città di Osaka stava diventando un fiorente centro di commercio e qui si stabilirono spadai per produrre per il ceto mercantile abbiente così come per i samurai residenti. Oltre a queste tre città, alcuni fabbri fortunati sono stati mantenuti direttamente da alcuni dei grandi daimyo o signori feudali, posizioni queste che i loro discendenti spesso mantennero per molte generazioni. Lo shogunato impostò la pace con una autorità basata sulla forza militare e sarebbe esagerato chiamare questo "stato di polizia". Molte regole e regolamenti interessavano tutti gli aspetti della vita, e le classi sociali sono state fissate senza alcuna la mobilità sociale. Nella parte superiore di questa struttura erano la classe guerriera, il samurai, che formavano circa il 10% della popolazione totale. E 'stato detto essere uno stato di samurai per il samurai. L'uso del daisho o coppia di spade era obbligatorio e definiva lo status del samurai come un guerriero. Come la pace proseguita quasi ininterrotta fino alla prima metà del 17 ° secolo, la quantità di samurai con esperienza di combattimento reale era sempre meno, ma i samurai dovevano essere costantemente ad un elevato livello di prontezza. La loro stessa esistenza in quanto classe presumibilmente dipendeva dalla loro capacità nelle arti marziali, prevalentemente alla abilità con le spade. Per alcuni, questo problema di resistenza o meno della loro spada. Era in grado di veramente essere utilizzata in combattimento? In altre parole non si sarebbe piegata o rotta e avrebbe tagliato in modo efficiente? Allo stesso tempo, una serie di leggi emanate dal governo dello shogunato, limitavano la lunghezza delle spade. In molti casi sembra che questo significava il bisogno di accorciare spade già in uso e questo preoccupava alcuni che la loro arma accorciata non fosse più efficace. Per il samurai, la prova della spada era la risposta ovvia e questo quesito e sembra essere stato riconosciuto dal governo che ha nominato tester ufficiali. I motivi di realizzazione, soprattutto a Edo, era condizione di strutture eccellenti e anche "materie prime" per le prove che potevano essere considerate utili. Soprattutto in e intorno ai periodi Kanbun (1661-1672) e Enpo (1673-1680), molte delle spade sono state ufficialmente testate in questi luoghi. Ciò può essere dovuto a una serie di legislazioni sulla nuova spada in quel momento che hanno portato molte alterazioni delle lame. E 'stato anche un riflesso dello sviluppo delle shinai-kendo. La shinai o spada di bambù che era forma lineare delle spade in quel momento, soprattutto in Edo aveva una curvatura molto superficiale, nel tentativo di replicare la shinai. Questo è ancora noto come il Sugata Kanbun-scintoista o "la nuova forma-spada del periodo Kanbun". Per pochi che hanno voluto testare le loro spade, la forma illegale di prove nota come Tsuji-giri è stato fatto ricorso al taglio-strada. In questo caso il proprietario si sarebbe nascondono in qualche angolo di strada buia con la sua spada e tagliato il primo innocente passante. Ironia della sorte, il caso della più ben autenticata di Tsuji-giri è stata effettuata su un fabbro famoso di Edo di nome Hankei, di cui alcune sue spade erano iscritte con i risultati delle prove di taglio. Anche se fatti gravi, questi casi sembrano essere stati così comuni che un certo numero di storie divertenti sono nate. Per esempio, un istruttore di jujitsu stava camminando in città quando vide un samurai in un angolo di strada, improvvisamente sguainare la spada per tagliare a terra. Ha acrobaticamente effettuato tre capriole e da una distanza di sicurezza, messa fuori la lingua al samurai ha proseguito la sua strada. In un altro, un umile mendicante dormiente sul ciglio della strada era stato colpito più volte durante la notte, da samurai con spade senza valore, spuntate nel tentativo di verificare le loro spade sul mendicante. Al risveglio, borbottò: «Non c'è riposo tranquillo, anche per un verme come me, gli uomini cattivi hanno picchiato me (non di taglio!) Durante il sonno". Questi racconti illustrano anche il disprezzo arrogante di cui il samurai ha delle classi inferiori.
tamesh3.jpg
Il principale tester ufficiale a Edo erano la famiglia Yamada che aveva patronato dello shogun. Una serie di tagli progressivamente difficili sono stati inventati da loro che dovevano essere eseguiti su un cadavere, anche se ci sono registrati i test compiuti sui corpi vivi In realtà, l'umorismo nero di questa situazione può essere visto in un incidente citato in appendice Huncho Gunkiko. In un podere in provincia di Dewa un rapinatore, che lavorava come un burattinaio durante il giorno e ladro di notte, anche se uomo robusto era stato catturato e condannato a morte. Il tester, chiamato Shoami Dennosuke, è stato incaricato di tagliare il ladro in kesa-giri (dalla spalla al fianco). Il ladro è stato preparato nella prigione e sembra che il seguente dialogo abbia avuto luogo: Robber: "Sei tu che mi taglierai giù?" Shoami: "Sì, devi essere tagliato da vivo come da condanna". Robber: "In che modo mi hai taglierai?" Shoami: "io ti taglio in stile kesa" Robber: E 'troppo crudele per essere tagliato da vivo " Shoami: "E 'lo stesso prima o dopo è carestia". Robber: "Se l'avessi saputo prima, avrei inghiottito un paio di grosse pietre per rovinare la tua spada". Dopo l'esecuzione, per decapitazione o occasionalmente per crocifissione, un corpo è stato consegnato al tester che era un abile spadaccino. Si è deciso, assieme con il proprietario della spada, che taglio doveva essere utilizzato, e il corpo è stato organizzato di conseguenza. Se la spada da provare era di proprietà dello shogun poi testimoni ufficiali partecipavano al test e le formalità di rigore erano osservate, ma questo non sembra essere sempre il caso. La gestione del cadavere era affidata a membri dell'ETA o hinin, gli emarginati o classe intoccabile, come nella tradizione buddista, tale lavoro era considerato "impuro". Sembra che il taglio più popolare fosse quello noto come dò. Questo era un taglio nella zona della vita e per un tagliano do, il corpo è stato organizzato in un tumulo chiamato dodan. Gli arti del cadavere erano legati su pali di legno, mentre il tronco poggiava sul tumulo ed i tagli sono stati effettuati. Spesso i cadaveri potevano essere ammucchiati uno sopra l'altro e multipli dō potevano essere tagliati in un'unica azione di taglio.
tamesh4.jpg
Un corpo disposte sul dodan in preparazione di un taglio dò
Un altro taglio è stato il già citato kesa-kiri che è ancora un taglio favorito nel tameshigiri moderno così come in Iai-do. In questo taglio, la lama entra nella spalla alla base del collo ed esce dal corpo a livello dell'anca, seguendo la linea del colletto di una vestaglia giapponese, il Kesa. Questo è particolarmente difficile in quanto vi è una notevole quantità di corpo a tagliare. Per kesa-kiri una posizione diversa deve essere adottata e il cadavere per fare questo deve essere verticale e non orizzontale come nel dò. Il più duro di tutti i tagli è stato considerato il Ryo-guruma, attraverso un taglio sui fianchi dove, ovviamente, sono quasi completamente ossa. La lama della spada veniva montata in un mobile robusto manico di legno e non sembra che un koshirae ordinario della spada sia stato mai utilizzato e montato durante il test. Questo è stato probabilmente perché si è ritenuto che esistesse un rischio di danni e, comunque, era solo la lama a dover essere effettivamente testata. Dopo che è stato completato il test, i risultati sono stati iscritti nel dettaglio sul nakago o codolo della spada. Questi sono stati spesso intarsiati in oro e aggiunte considerevolmente sul valore della lama. Tali Iscrizioni possono essere viste spesso sulle prove delle spade dal periodo Edo menzionato in precedenza nel Kanbun. In particolare,fabbri come Yamato (no) Kami Yasusada, Kasusa (no) e Kami Kaneshige Nagasone Kotetsu sono noti per la loro nitidezza, la loro classificazione come Saijo-wazamono o "estremamente acuto" e spesso sono attestati di taglio intarsiati d'oro, chiamati saiden-mei , sui loro nakago. Infatti, si afferma da Sensei Fujishiro in Shinto-Jiten che gran parte della fama di Kotetsu e popolarità ai suoi tempi, era un risultato diretto della sua stretta relazione come tester di lame. Sebbene la maggior parte spade testate sembrano essere state katana o spade lunghe, una quantità sorprendente di wakizashi o spade corte, sembrano essere state testate con successo. Sebbene fossero apparentemente testati, non ho mai visto i risultati incisi su nakago di una yari (lance) o naginata (alabarde).

tamesh5.jpg
Spada montata per la prova
Nella mia collezione, ho una spada che stranamente ha subito due prove di taglio e questi sono descritti sul nakago in dettaglio. Si possono fare alcune deduzioni interessanti dalle iscrizioni. La spada è o-suriage è fortemente ridotta ed ha perso la firma originale del fabbro, ma è stata attribuita a Kiyomitsu della provincia di Kaga. E 'ormai un wakizashi sottile o una spada corta e ha i risultati delle due prove di taglio inciso sul nakago rimanente La prima è datata 1672 e afferma di aver tagliato attraverso due corpi. Questo può indicare che il proprietario doveva sapere che era ancora una lama efficace dopo che l'accorciamento originale avesse avuto luogo. Esso può anche essere dedotto dalla posizione del hi o solco così come più alto è il mekugi-ana o foro, che questa era tagliato nella lama dopo l'accorciamento e la prova originale di taglio, ma prima del secondo test. La seconda prova, eseguita nel 1676, solo quattro anni dopo la prima, l'esecuzione di Yotsudo Dodan Barai (4 corpi tagliati a destra attraverso il tumulo di terra) e poi Kiri-te Nakanishi Jurobei (taglio dalla mano di Nakanishi Jurobei). Si può pensare che il proprietario, una volta di nuovo avesse bisogno di essere convinto che dopo le molte modifiche che erano stati fatte per la sua spada, era ancora in grado di tagliare bene e così sembra che avrebbe potuto. Questa iscrizione completa era originariamente intarsiata in oro, kin-zogan, e ci sono ancora piccole tracce di esso a sinistra. Purtroppo è stata accuratamente tolta per la piccola quantità che valeva nella produzione di lingotti, (quasi certamente dopo la sua resa e l'importazione nel Regno Unito), ma la svalutazione della spada è di gran lunga superiore (* vedere "Un interessante Saidan Mei ", ai sensi degli articoli su questo sito web, per maggiori informazioni su questa spada) In un vecchio libro di spade intitolato Token Benran, si è detto che il tester, Nakanishi Jurobei Yukimitsu Jo no, di dargli il suo nome completo, era in grado di tagliare attraversandoli tre corpi e addirittura sette! La spada che taglia tre corpi in dodan è stata fatta da Hizen Ju Omi Daijo Fujiwara Tadahiro ed ha avuto un dritto Hamon o suguha (che è spesso considerato l' Hamon piu affilato) e questa sarebbe stata una nuova spada per quel tempo. La spada che ha tagliato sette corpi, era di Seki Kanefusa, ha aveva un Hamon midare ed è stata testata nel periodo Enpo. Quest'ultimo test è spesso pensato per dare un risultato altamente esagerato e certamente sembra strano. Tuttavia, si deve presumere che il test è stato testimone, ma non sappiamo con certezza la condizione o lo spessore dei corpi, o altri dettagli precisi del test. Vale la pena ricordare anche che vi erano molte variabili quando si testava. In primo luogo, naturalmente, era la nitidezza della lama, ma la tecnica e l'abilità del tester, così come la durezza e la durezza del corpo, potevano fare grandi differenze per il risultato del test.
tamesh6.jpg
Kinzogan Saidan Mei su una spada da Kotetsu (per gentile concessione di Bob Benson e la rivista Bushido)
Sembra che ci siano stati alcuni test nel periodo 1690-1780 e questo era un periodo in cui vi erano pochi fabbri di nota fama e la produzione di lame era molto bassa,il che riflette i tempi di pace e la perdita di spirito marziale dei Samurai. Tuttavia, circa 1780, il paese stava vivendo conflitti interni oltre ad avere i confini del paese in fase di test da parte della marina occidentale, allo scopo di aprire relazioni commerciali. Il fautore del ritorno della spada, Masahide, predicò un ritorno al vecchio modo di fare spade e questo ha segnato il cosiddetto periodo shinshinto di fare spada. Era ovvio per molti samurai, spesso piuttosto giovani membri dei loro clan, che vi sarebbe stata presto la guerra. Hanno appoggiato il ritorno dell'Imperatore con poteri pieni di governo e ha affermavano che questi era stato usurpato dalla famiglia di shogun Tokugawa. Inoltre essi ritenevano che lo shogunato permettesse incursioni straniere nel paese, in violazione delle leggi di esclusione rigorosa. Il numero dei fabbri aumentò così la pratica dei test spada divenne nuovamente popolare. Ho nella mia collezione una spada molto buona di Munetsugu Koyama, che forgiava soprattutto nello stile Bizen ichimonji in questo momento. Era un fabbro appartenente al clan Kuwana e sembrava non avere un vivo interesse per la nitidezza delle sue lame, come molte che sono state testate da samurai del clan. Sembra che anche lui ha avuto un rapporto stretto con la famiglia Yamada Asaemon, i tester ufficiali, e la mia spada è stata presentata come un dono di Yamada Asaemon Yoshimasa, il tester capo allo shogun Tokugawa. Molte delle spade Munestugu erano iscritte con i test effettuati a terra con esecuzione Senju e molti diversi tagli sono stati utilizzati e citati nelle iscrizioni nakago, come Ryo-guruma (anca), Taitai (torace) e chiwari (ascelle). Una spada ben fatta che è stata anche capace di tagli così difficili, è davvero un tesoro.
tamesh7.jpg
Infine, in tempi più moderni, i test erano spesso realizzati nel primo periodo Showa, la fase di preparazione alla guerra del Pacifico. Anche in questo caso era necessario che il samurai 20 ° secolo, intriso di patriottismo e bushido, sapessero se la sua spada avesse tagliato. Uno dei collaudatori più competente è stato un maestro di kendo chiamato Hakudo Nakayama. Le prove sono state effettuate su balle di paglia avvolte intorno a bambù, poiché questo doveva avere una consistenza simile alla carne e ossa. Hakudo ha dimostrato le sue capacità di fronte a leader politici e ufficiali dell'esercito e perfino di fronte all'imperatore in più di un'occasione. Come ancora oggi sono prodotte spade (Shinsaku-to) che sono occasionalmente testate. Ho visto fare una spada moderna dal mio Yoshindo Yoshihara, tagliare completamente un vecchio elmo di metallo e, anche se leggermente rovinata, la spada non si è piegata, scheggiata o rotta, dimostrando che gli artigiani di oggi restano fedeli alla loro vocazione.

Clive Sinclaire

Febbraio 2009
Guarda anche: http://www.intk-token.it/forum/index.php?showtopic=2956 http://www.intk-token.it/forum/index.php?showtopic=3925&hl=tameshigiri http://www.intk-token.it/forum/index.php?showtopic=773&hl=tameshigiri


"Io sono Anarca non perché disprezzi l'autorità ma perché ne ho bisogno. Così, non sono nemmeno un miscredente, bensì uno che esige cose degne di fede".

Ernst Jünger


#2
Paolo Placidi

Paolo Placidi
  • Membri
  • 5167 messaggi
  • Sesso: Uomo
  • Verona no kuni jū
Grazie Mauri per l'articolo ! :arigatou:

Messaggio modificato da Paolo, 17 agosto 2010 - 15:16


#3
Jumyo

Jumyo
  • Membri
  • 167 messaggi
  • Sesso: Uomo
  • Pavia no kuni jū
Interessante, grazie.
Avrei però una domanda, esiste davvero una correlazione tra tipologia di hamon e potere di penetrazione?

#4
GianC.B.

GianC.B.
  • Membri
  • 989 messaggi
  • Sesso: Uomo

Interessante, grazie.
Avrei però una domanda, esiste davvero una correlazione tra tipologia di hamon e potere di penetrazione?

direttamente con la tipologia no, ma con la qualità sì.
se l'hamon è corretto per qualità e altezza e la lama ha la giusta curvatura e la giusta elasticità è una lama estremamente tagliente e, altra cosa, le lame considerate "molto taglienti" sono in genere lame sempre estremamente sottili ed eleganti...

G.

Semper ad Majora - Eadem non eadem


#5
Jumyo

Jumyo
  • Membri
  • 167 messaggi
  • Sesso: Uomo
  • Pavia no kuni jū
Grazie.
In effetti ho una lama Mino con le caratteristiche da te descritte e devo ammettere che anche solo al guardarla è davvero impressionante.

#6
Leonardo Buffa

Leonardo Buffa
  • Membri
  • 773 messaggi
  • Sesso: Uomo
  • Biella no kuni jū
Grazie del bell'articolo Mauri, davvero interessante!

武士に二言無し


#7
Masahiro Hamano

Masahiro Hamano
  • Membri
  • 441 messaggi
  • Sesso: Uomo
  • Civitavecchia no kuni jū
Grazie Mauri, bell'articolo; anche se ho capito ben poco a causa del linguaggio tecnico, ma come sempre, una bella pagina completa e dettagliata, con tanto di immagini. :arigatou:

#8
Akille77

Akille77
  • Membri
  • 55 messaggi
  • Sesso: Uomo
  • varazze no kuni jū
Bell'articolo,veramente interessante.Grazie Mauri

#9
marco.80

marco.80
  • Membri
  • 40 messaggi
  • Sesso: Uomo
  • milano no kuni jū
letto anch'io, molto impressionante. Grazie




#10
swordsman

swordsman

    appena arrivato

  • Membri
  • 20 messaggi
  • Sesso: Uomo
Interessante davvero, grazie.

#11
yatoshiAmenutsu

yatoshiAmenutsu
  • Membri
  • 722 messaggi
  • Sesso: Uomo
  • Genova no kuni jū
Nasce un pensiero da questa lettura.... anzi diciamo che ogni volta che leggo di queste prove perdo un tantino la voglia di sguainare le mie lame.... a volte anche il desideio di liberarmene.... ma va Immagine inseritabeh
Il pensiero sul non pensiero...

#12
sandro

sandro
  • Membri
  • 3068 messaggi
  • Sesso: Uomo
  • Tōkyō-to, Suginami-ku no kuni jū
Complimenti per l'articolo Mauri, davvero ben realizzato. Grazie infinite :arigatou:

#13
mauri

mauri

    Venator

  • Membri
  • 4492 messaggi
  • Sesso: Uomo
  • Toscana no kuni jū
Le armi, tutte le armi aumentano la pericolosità dell'uomo, ma è lui ad essere pericoloso, l'arma è un manufatto senza volontà, che si adatta all'uso e a volte all'abuso di chi l'adopera.

Le armi da taglio sotto questo aspetto sono ancora più insidiose delle armi da fuoco perché sembrano meno letali pur risultando più cruente(basta vedere cosa sono riusciti a fare dei semplici machete in Africa nella guerra tra etnie) è anche vero che in Giappone le katane portate al fianco hanno dato a quel paese una pace di oltre 200 anni e sono state le cannoniere Americane al largo delle sue coste che hanno portato il Giappone a essere quello che è stato nel 2° conflitto mondiale, liberandolo dal suo torpore. Una katana è un'arma e come tale se posta in uso in tutta la sua potenzialità uccide, e non possiamo nemmeno nasconderci dietro al fatto che possa essere utilizzata per altri scopi è nata e morirà come arma da guerra, non possiamo pensare che possa essere stata costruita per tagliare il susci a meno che non vogliamo prenderci in giro.

"Io sono Anarca non perché disprezzi l'autorità ma perché ne ho bisogno. Così, non sono nemmeno un miscredente, bensì uno che esige cose degne di fede".

Ernst Jünger


#14
swordsman

swordsman

    appena arrivato

  • Membri
  • 20 messaggi
  • Sesso: Uomo

Le armi, tutte le armi aumentano la pericolosità dell'uomo, ma è lui ad essere pericoloso, l'arma è un manufatto senza volontà, che si adatta all'uso e a volte all'abuso di chi l'adopera.

Le armi da taglio sotto questo aspetto sono ancora più insidiose delle armi da fuoco perché sembrano meno letali pur risultando più cruente(basta vedere cosa sono riusciti a fare dei semplici machete in Africa nella guerra tra etnie) è anche vero che in Giappone le katane portate al fianco hanno dato a quel paese una pace di oltre 200 anni e sono state le cannoniere Americane al largo delle sue coste che hanno portato il Giappone a essere quello che è stato nel 2° conflitto mondiale, liberandolo dal suo torpore. Una katana è un'arma e come tale se posta in uso in tutta la sua potenzialità uccide, e non possiamo nemmeno nasconderci dietro al fatto che possa essere utilizzata per altri scopi è nata e morirà come arma da guerra, non possiamo pensare che possa essere stata costruita per tagliare il susci a meno che non vogliamo prenderci in giro.


Giusto! Concordo pienamente.

#15
snorri

snorri

    Rōnin

  • Membri
  • 449 messaggi
  • Sesso: Uomo
  • Salentino no kuni jū
Grande Mauri estremamente daccordo sul tuo punto di vista
Il pino proietta la sua ombra sul muro.
La luna riflette sull'acqua.
Davvero non siamo nulla.
Sia il cielo e dare un lungo grido



#16
Masahiro Hamano

Masahiro Hamano
  • Membri
  • 441 messaggi
  • Sesso: Uomo
  • Civitavecchia no kuni jū
Si, ammiro appieno il commento fatto da Mauri: un misto fra poesia e realtà.
Non credo si possa esprimere meglio ciò che lui ha esposto nel suo commento.

#17
yatoshiAmenutsu

yatoshiAmenutsu
  • Membri
  • 722 messaggi
  • Sesso: Uomo
  • Genova no kuni jū
Si è vero, sicuramente è l'uomo.
Devo dire però che come molti ho delle sensazioni diverse tenendo in mano una Sukesada di 500 anni, o una shinsakuto... sarà suggestione sicuramente.
Gli oggetti sono fatti di materia, la materie comprese le pietre trattiene e emana energia secondo la scienza, sicuramente le lame antiche questo concetto lo conoscono bene... e molti lo percepiscono, tutto un altro discorso dal "portare male" o bene, questo non lo credo...
Il pensiero sul non pensiero...

#18
snorri

snorri

    Rōnin

  • Membri
  • 449 messaggi
  • Sesso: Uomo
  • Salentino no kuni jū
Yatoshi discorso molto affascinante ma complicato , io personalmente considero una lama giapponese come un manufatto da trattare con rispetto ed in modo serio , ma questo è un discorso molto lungo e personale da affrontare , ognuno di noi ha i suoi punti di vista , il suo modo di rapportarsi alle cose ed il suo attegiamento morale , un arma nobile costruita per dar la vita come la morte , vita e morte concetti reali non astratti e filosofici .
Il pino proietta la sua ombra sul muro.
La luna riflette sull'acqua.
Davvero non siamo nulla.
Sia il cielo e dare un lungo grido






0 utente(i) stanno leggendo questa discussione

0 members, 0 guests, 0 anonymous users