Vai al contenuto

Welcome to INTK Forum
Register now to gain access to all of our features. Once registered and logged in, you will be able to create topics, post replies to existing threads, give reputation to your fellow members, get your own private messenger, post status updates, manage your profile and so much more. If you already have an account, login here - otherwise create an account for free today!
Foto

The Nezu Museum, Tokyo


  • Per cortesia connettiti per rispondere
8 risposte a questa discussione

#1
G.Luca Venier

G.Luca Venier
  • Socio INTK
  • 2717 messaggi
  • Sesso: Uomo
  • PN - FI - LU no kuni jū

Il Nezu Museum (根津美術館 Nezu Bijutsukan) si trova a Tokyo, nel quartiere Minato, e contiene le preziose collezioni raccolte nel corso della sua vita da Nezu Kaichiro, un politico, industriale e filantropo giapponese vissuto a cavallo tra ‘800 e ‘900.

Egli fu, oltre che appassionato di opere d’arte giapponese ed asiatica, un assiduo praticante della cerimonia del tè e questi due aspetti della sua vita si riflettono a pieno in questa piccola ma straordinaria struttura museale.

 

Dopo la sua morte, nel 1940, il figlio decise di rendergli omaggio creando una fondazione e un museo dove conservare ed esporre la collezione privata del padre; fu così che l’edificio che fino ad allora era stata la residenza di Nezu Kaichiro si trasformò nell’odierno museo Nezu. Dal 2006 al 2009 il museo è stato chiuso per poter effettuare degli importanti lavori di rinnovamento, su progetto dell’architetto Kengo Kuma.

Oggi il museo comprende anche una serie di giardini in cui si trovano vari chashitsu (茶室), sale da tè.

 

Le collezioni sono costituite da opere di ogni genere, sculture, pitture, scritture, tessuti, ceramiche e oggetti artigianali in bambù e metallo oltre ad una preziosa raccolta di oggetti per la cerimonia del tè. Sono esposte anche alcune spade di pregio ma, soprattutto, vi è una collezione di tōsogu di altissimo livello.

 

Nezu Kaichiro infatti acquistò nel 1909 la straordinaria collezione di Mitsumura Toshimo, anch’egli uomo d’affari, appassionato di spade e suoi annessi, che nel corso della sua vita mise insieme una raccolta di circa 3000 pezzi, la maggior parte dei quali fornimenti per la spada. Mitsumura selezionò con scrupolo oggetti di importanza storica ma volle inserire nella sua collezione anche opere di artisti viventi nella sua epoca, attivi in Kyoto e Osaka, in certi casi diventandone vero e proprio mecenate. Considerato che molti di questi artisti produssero solo poche opere, la raccolta di Mitsumura assume oggi un’enorme importanza dal punto di vista documentale.

 

Il Nezu Museum conserva attualmente circa 1200 pezzi di quella raccolta e si tratta della più importante collezione di tōsogu in Giappone, sia per numero che per qualità delle opere.

 

(Da non confondere con il Nezu Memorial Museum che si trova a Yamanashi ed è la residenza originaria della famiglia Nezu.)

 

Il museo è aperto dalle 10 alle 17 e il giorno di chiusura è il lunedì. 
La stazione metro più vicina è Omotesando; da qui si può arrivare al museo con una breve passeggiata.

 

6-5-1 Minami-Aoyama, Minato ku, Tokyo

 

http://www.nezu-muse.or.jp/en/

 

File Allegati  Aoyama-Nezu-Museum-6-1024x676.jpg   287,24KB   0 Numero di downloads

 

File Allegati  exterior-nezu-museum-tokyo-japan-japan_main.jpg   73KB   0 Numero di downloads

 

File Allegati  original.jpg   228,82KB   0 Numero di downloads

 

File Allegati  02_1393.jpg   42,99KB   0 Numero di downloads

 

File Allegati  4486074013_397c2236d5.jpg   122,87KB   0 Numero di downloads

 

 

 

 



#2
G.Luca Venier

G.Luca Venier
  • Socio INTK
  • 2717 messaggi
  • Sesso: Uomo
  • PN - FI - LU no kuni jū

Abbiamo avuto la possibilità di visitare l'ultima mostra temporanea allestita in questo museo, dal titolo "Pinnacle of Elegance, Sword Fittings of the Mitsumura Collection", incentrata proprio sui sensazionali tōsogu di cui sopra.

 

Mi preme segnalare che l'impianto museale è veramente eccellente. In mostra vi erano anche alcune lame ed è l'unico caso, nella mia esperienza personale, in cui l'illuminazione ha permesso l'esame delle spade come tenendole in mano. Allestimento perfetto.

 

Le parole non sono abbastanza per dare l'idea della qualità degli oggetti in mostra. Allego dunque alcune immagini che ho preso dal catalogo della mostra.

La qualità è un pò bassa, per ovvi motivi di copyright.

 

 

File Allegati  IMG_8446.jpg   480,18KB   0 Numero di downloads

Kashira con motivo di Fenice, firmato Imai Nagatake. Fa parte di una coppia di fuchi e kashira datati 1857.

 

 

File Allegati  IMG_8448.jpg   1MB   0 Numero di downloads

Particolare di tsuba con motivo di galli, firmata Kikukawa Nanpo

 

 

File Allegati  IMG_8449.jpg   753,65KB   0 Numero di downloads

Tsuba con motivo di fiori autunnali, firmata Hata Nobuyoshi, XIX secolo

 

 

File Allegati  IMG_8450.jpg   445,86KB   0 Numero di downloads

Kashira con motivo di Kappa, spirito dell'acqua. Il relativo fuchi è firmato Kono Haruaki e datato 1844

 

 

File Allegati  IMG_8452.JPG   708,44KB   0 Numero di downloads

Particolare di tsuba con motivo di drago e nuvole, firmata Shibahara Toshiyoshi, XIX secolo

 

 

File Allegati  IMG_8458.jpg   929,85KB   0 Numero di downloads

File Allegati  IMG_8455.JPG   669,13KB   0 Numero di downloads

Bellissima tsuba con motivo di carpa che risale una piccola cascata, firmata Hagiya Katsuhira, XIX secolo

 

 

File Allegati  IMG_8466.JPG   665,53KB   0 Numero di downloads

Coppia di Kozuka. Quello a sinistra rappresenta Guan Yu ed è firmato Ichinomiya Nagatsune, XVIII secolo, quello a destra rappresenta Li Bai ed è firmato Ichinomiya Nagayoshi, XVIII / XIX secolo

 

 

File Allegati  IMG_8480.JPG   705,12KB   0 Numero di downloads

Kashira con motivo di Guan Yu. Il relativo fuchi è firmato Okamoto Naoshige, XVIII secolo

 

 

File Allegati  IMG_8501.JPG   582,91KB   0 Numero di downloads

Straordinario menuki con demone. La coppia è firmata Otsuki Mitsuhiro, XIX secolo

 

 

File Allegati  IMG_8514.jpg   722,26KB   0 Numero di downloads

Tsuba con motivo di elefante, firmata Minayama Oki, XIX secolo

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 



#3
Francesco Marinelli

Francesco Marinelli

    Keiji

  • Socio INTK
  • 2412 messaggi
  • Sesso: Uomo
  • Italia, Prato no kuni jū

Grazie Gian per l'interessante articolo!
 
Sperando di fare cosa gradita posto alcune foto che avevo trovato online di questa mostra:
 
File Allegati  1.jpg   64,86KB   0 Numero di downloadsFile Allegati  2.jpg   23,71KB   0 Numero di downloadsFile Allegati  3.jpg   28,7KB   0 Numero di downloadsFile Allegati  4.jpg   40,9KB   0 Numero di downloadsFile Allegati  5.jpg   34,48KB   0 Numero di downloadsFile Allegati  6.jpg   41,82KB   0 Numero di downloadsFile Allegati  7.jpg   36,32KB   0 Numero di downloadsFile Allegati  8.jpg   29,53KB   0 Numero di downloads
 
Paul Martin ha tradotto i pannelli informativi della mostra ed il catalogo in inglese. Questa un'anteprima dello stesso:

https://www.facebook...57105138043636/


Prossimamente al cinema... "Indiana Jones e la lama perduta"

#4
Massimo Rossi

Massimo Rossi

    Togishi

  • Membri
  • 1916 messaggi
  • Sesso: Uomo
  • sesto fiorentino Fi no kuni jū

:arigatou:  :arigatou:  Che dire alta qualità, ed il museo  poterlo visitare (per noi appassionati) è un bagaglio culturale importante.

Bella giornata abbiamo passato !



#5
rob

rob
  • Membri
  • 389 messaggi
  • Sesso: Uomo
  • SU no kuni jū

Devo dire che, indipendentemente dal pregio degli oggetti, la qualità espositiva del Nezu Museum (根津美術館 Nezu Bijutsukan) è la più alta che mi sia capitato di vedere a Tokyo. Concordo pienamente con Gian Luca: in quelle sale la fruibilità delle opere d'arte era veramente a portata dell'osservatore e poi la cura e il rispetto dei singoli pezzi, posizionati ciascuno in uno stand di adeguata proporzione dedicato alla valorizzazione degli stessi. Le luci, gli sfondi, la pressochè assoluta assenza di fastidiosi riflessi sulle superfici dei metalli, sembravano allestimenti creati per un set fotografico ma ci siamo guardati bene dall'approfittarne o meglio: tutto era cosi ben visibile e di pregio che ce ne siamo dimenticati e poi eravamo li a goderci le varie opere con l'ausilio del  fantastico visore zoom che avevamo noleggiato a costo zero(versamento di un deposito cauzionale) all'ingresso e che ha ci amplificato letteralmente la visione, che meraviglie!

allego un paio di immagini da web

 

File Allegati  pinnacle_of_elegance_01-2.jpg   31,12KB   0 Numero di downloadsFile Allegati  IMG_20171216_122254.jpg   99,62KB   0 Numero di downloadsFile Allegati  【4】刀_月山貞一作-1-1024x99.jpg   14,32KB   0 Numero di downloads

 

File Allegati  IMG_20171216_144832.jpg   123,72KB   0 Numero di downloadsFile Allegati  p12-haruhara-swords-a-20171122.jpg   335,39KB   0 Numero di downloadsFile Allegati  Screenshot_2017-12-16-12-12-23-572_com.android.chrome~2.png   84,52KB   0 Numero di downloads

 

e questo il visore

File Allegati  IMG_20171216_144408.jpg   800,61KB   0 Numero di downloads



#6
Renato Martinetti

Renato Martinetti
  • Socio INTK
  • 732 messaggi
  • Sesso: Uomo
  • Asti no kuni jū

Grazie Gian, museo bellissimo.

Ebbi la fortuna di visitarvi la mostra per i 200 anni della nascita di Kiyomaro, mai viste tante sue lame tutte insieme

File Allegati  kiyomaro.jpg   7,58KB   0 Numero di downloads



#7
Enrico Ferrarese

Enrico Ferrarese

    Dash Kappei

  • Socio INTK
  • 2113 messaggi
  • Sesso: Uomo
  • Venezia no kuni jū
una chicca di museo! che figata il visore... come si usava? sarei curioso di vedere questo museo al pari di quello nbthk... un allestimo do scarsa qualità non permette di fruire appieno dell'oggetto esposto...
come soni riusciti ad avere un simile risultato? mi piacerebbe capire anche questo

#8
G.Luca Venier

G.Luca Venier
  • Socio INTK
  • 2717 messaggi
  • Sesso: Uomo
  • PN - FI - LU no kuni jū

una chicca di museo! che figata il visore... come si usava? sarei curioso di vedere questo museo al pari di quello nbthk... un allestimo do scarsa qualità non permette di fruire appieno dell'oggetto esposto...
come soni riusciti ad avere un simile risultato? mi piacerebbe capire anche questo


Per quanto riguarda le lame: base chiara, sfondo scuro, luce a led incastonata nella vetrina con il giusto angolo di incidenza, penombra attorno.

#9
rob

rob
  • Membri
  • 389 messaggi
  • Sesso: Uomo
  • SU no kuni jū
Designed and engineered for making detailed observations of exhibits and artwork at museums and galleries, the Vixen Optics 4x12 Multi Monocular boasts an exceptionally short 7.9" (20cm) close focus distance with a wide 11.5° angle of view. Its BK7 roof prism corrects images horizontally and vertically for correct image-orientation, and anti-reflection fully coated optics ensure maximum light transmission to produce bright and clear high-contrast views. The aluminum alloy housing is finished with a black anodized coating for corrosion and scratch-resistance, with a ribbed rubber focus collar for easy handling, and a fold-down rubber eyecup to make it comfortable to use with or without eyewear. The Multi monocular is made in Japan, and comes with a hard case and carrying strap.<p>In the BoxVixen Optics 4x12 Multi Monocular (Black)
  • Strap
  • Hard Case
  • Limited Lifetime Transferrable Warranty
File Allegati  Immagine.jpg   127,85KB   0 Numero di downloads C'è anche stabilizzato- i prezzi in Giappone erano più bassi ma il normale(ottimo) si trova intorno ai 90$ mentro lo stabilizzato più del doppio. Io non ne ho sentito la necessità dato il rapporto focale favorevole è già molto stabile




1 utente(i) stanno leggendo questa discussione

0 members, 1 guests, 0 anonymous users