Vai al contenuto

Welcome to INTK Forum
Register now to gain access to all of our features. Once registered and logged in, you will be able to create topics, post replies to existing threads, give reputation to your fellow members, get your own private messenger, post status updates, manage your profile and so much more. If you already have an account, login here - otherwise create an account for free today!
Foto

Cosa ne pensate delle gare nelle Arti Marziali?


  • Per cortesia connettiti per rispondere
28 risposte a questa discussione

#19
Mc 74

Mc 74
  • Membri
  • 414 messaggi
  • Sesso: Uomo
  • lodi no kuni jū

Ciao idk, che dire, penso che questa tua discussione sia veramente affascinante!

La mia opinione riguardo alle gare nelle arti marziali e per gare intendo un combattimento agonistico/sportivo, è la seguente.

Parlando per esperienze personali,  nella gara vedo un modo per poter progredire nel percorso di apprendimento della disciplina marziale,  mettersi alla prova  con un avversario che non è uno dei tuoi soliti compagni di dojo è anche un modo per vedere i propri progressi ed i propri limiti e il fine ultimo non deve essere per forza la vittoria o una medaglia ma l'esperienza. PIù gare si fanno  maggiore sara' l'esperienza e la malizia del praticante,  personalmente mi sento di dire che ho imparato più dalle sconfitte che dalle vittorie.

Concludendo, non penso che le gare danneggino le arti marziali e che  la vera marzialità rimane nel sapere di quei maestri e di come loro la sanno trasmettere a quei loro allievi che con  fatica, sudore , sacrificio sono disposti ad accettarla.

 

 

ciao Marco


Marco C.


#20
sandro

sandro
  • Membri
  • 3068 messaggi
  • Sesso: Uomo
  • Tōkyō-to, Suginami-ku no kuni jū

Grazie mille, Shoto, per il video che ci hai mostrato. Era esattamente il tipo di comportamento a cui mi riferivo nel mio primo intervento. In questo caso la parte sportiva prende totalmente il sopravvento su quella marziale, ed anche il rispetto per l'avversario viene meno. Anche nella scherma olimpica si verifica spesso la stessa cosa, nonostante si presuma che anche questa disciplina provenga da un'arte militare.

 

Concordo inoltre con quanto detto da Gianluca e Marco: una pratica in cui non vengano osservati minimamente degli incontri con qualcuno che sia al di fuori del proprio dōjō avrà probabilmente delle lacune. Come ho scritto anche nell'altra discussione, a partire dalla seconda metà del periodo Edo il combattimento in armatura ed i confronti tra le varie scuole erano una prassi comune a tutti. Oggi definiamo erroneamente kenjutsu soltanto un allenamento che preveda il katageiko, mentre appelliamo Kendō l'esercizio con il bōgu ignorando che fino all'epoca Taishō esisteva soltanto la prima denominazione. Dal secondo dopoguerra in poi c'è stato un grande impegno da parte delle federazioni giapponesi affinché le due cose fossero ben distinte, creando il divario e la disinformazione che esistono oggi. :arigatou:


Messaggio modificato da sandro, 09 luglio 2014 - 06:40


#21
te-do

te-do
  • Membri
  • 72 messaggi
  • Sesso: Uomo
  • Treviso (provincia) no kuni jū

E' indiscutibile che vi siano sempre stati momenti di confronto tra  scuole di a.m.  Dallo scontro , al duello , ove il premio era la vita , piano piano si è passati a confronti sempre meno cruenti per arrivare al "shiai" attuale. Sono convinto però che più ci si e allontanati  dal conflitto  e più si è persa una condizione insita nell'esperienza.  La questione attuale  è come dare futuro alle arti marziali? Trarre dalla tradizione vuol dire far rivivere quel rapporto tra vita-morte , cosa che tende a perdersi nello sport. La tradizione rischia di rimanere un puro formalismo racchiuso in regole imposte, che oramai nessuno comprende . La mia non è una critica alla gara , piuttosto una riflessione verso quale direzione si volgono le arti marziali oggi , cosa acquisiscono e cosa perdono. :arigatou:  



#22
sandro

sandro
  • Membri
  • 3068 messaggi
  • Sesso: Uomo
  • Tōkyō-to, Suginami-ku no kuni jū

Condivido pienamente il tuo pensiero Te-do, in poche righe hai sintetizzato uno dei grandi dilemmi della pratica odierna nelle arti marziali. :arigatou:



#23
Shoto

Shoto
  • Membri
  • 153 messaggi
  • Sesso: Uomo
  • Milano no kuni jū

Condivido anche io Te-Do!

Un'altra cosa che mi piacerebbe vedere nei dojo è qualche lezione di storia su quello che si sta studiando con il corpo!

Personalmente ho imparato a capire e apprezzare ancora di più le arti marziali che pratico, dopo aver studiato e essermi informato sulla loro storia!



#24
idk

idk
  • Membri
  • 59 messaggi
  • Sesso: Donna
  • Novara no kuni jū

Hai proprio ragione te-do! E quasi dispiace ammetterlo...



#25
Alex D.

Alex D.
  • Membri
  • 231 messaggi
  • Sesso: Uomo
  • Milano no kuni jū

E' indiscutibile che vi siano sempre stati momenti di confronto tra  scuole di a.m.  Dallo scontro , al duello , ove il premio era la vita , piano piano si è passati a confronti sempre meno cruenti per arrivare al "shiai" attuale. Sono convinto però che più ci si e allontanati  dal conflitto  e più si è persa una condizione insita nell'esperienza.  La questione attuale  è come dare futuro alle arti marziali? Trarre dalla tradizione vuol dire far rivivere quel rapporto tra vita-morte , cosa che tende a perdersi nello sport. La tradizione rischia di rimanere un puro formalismo racchiuso in regole imposte, che oramai nessuno comprende . La mia non è una critica alla gara , piuttosto una riflessione verso quale direzione si volgono le arti marziali oggi , cosa acquisiscono e cosa perdono. :arigatou:

Concordo!
Purtroppo è vero, si sta tralasciando la tradizione.

#26
G.Luca Venier

G.Luca Venier
  • Socio INTK
  • 2740 messaggi
  • Sesso: Uomo
  • PN - FI - LU no kuni jū
Giustissima riflessione.

Chiaramente al giorno d'oggi fare esperienza di "vita o di morte", che non sia vista in senso spirituale ma reale, è piuttosto difficile...a meno di non partire come 'Operatore Straniero' in zona di guerra (il che equivale a dire mercenario).

L'artista marziale in generale considera con diffidenza lo sport. Sarebbe da chiedersi innanzitutto come si è evoluto il concetto stesso di sport in occidente. Lo 'sport spettacolo' che viviamo oggi è talmente connesso con il mercato che le esternazioni di gioia degli atleti diventano sempre più coreografiche poiché servono a fare show, quindi audience.
Ma questo è un fenomeno piuttosto recente.

Se si pensa che le olimpiadi dovrebbero essere svolte da atleti 'non professionisti' ...viene davvero da sorridere ( o da piangere) !

E se dico che la questione va posta nei termini del tipo di insegnamento e non nel tipo di disciplina non penso di affermare niente di illuminante. Il Maestro è essenziale. Se un maestro ammette che un proprio allievo balli Gagnam Style dopo una vittoria....sarà mica un ulteriore effetto collaterale della globalizzazione?

Messaggio modificato da G.Luca Venier, 09 luglio 2014 - 16:55


#27
mauri

mauri

    Venator

  • Membri
  • 4492 messaggi
  • Sesso: Uomo
  • Toscana no kuni jū

Belle riflessioni, ma perchè "vita e morte" devono essere viste come un fatto cruento e non come un fatto normale?

Certo sono anche questo ma non solo, bisogna darne una giusta collocazione e forse diventano anche altro, sono solo i due opposti che si possono applicare a tutto: luce tenebra, freddo caldo, buono cattico, ecc.....visti in questa chiave divengono punti fermi in cui applicare la propria azione Marziale ed a questo punto l'esaltazione per una vittoria non ha più ragione di essere.

Anche nello sport ai suoi esordi forse era così, poi lo sport di massa ha tolto tutto ciò che riteneva superfluo compreso appunto questo aspetto.

Perchè in alcuni sport considerati minori questo ancora avviene? (vedi l'atletica dove quasi sempre anche il vincitore si complimenta magari abbracciandoli con quelli che sono arrivati dopo di lui)

Forse perchè non si vede la vittoria come un buono finanziario da risquotere.


"Io sono Anarca non perché disprezzi l'autorità ma perché ne ho bisogno. Così, non sono nemmeno un miscredente, bensì uno che esige cose degne di fede".

Ernst Jünger


#28
Mc 74

Mc 74
  • Membri
  • 414 messaggi
  • Sesso: Uomo
  • lodi no kuni jū

Giustissima riflessione.

Chiaramente al giorno d'oggi fare esperienza di "vita o di morte", che non sia vista in senso spirituale ma reale, è piuttosto difficile...a meno di non partire come 'Operatore Straniero' in zona di guerra (il che equivale a dire mercenario).

L'artista marziale in generale considera con diffidenza lo sport. Sarebbe da chiedersi innanzitutto come si è evoluto il concetto stesso di sport in occidente. Lo 'sport spettacolo' che viviamo oggi è talmente connesso con il mercato che le esternazioni di gioia degli atleti diventano sempre più coreografiche poiché servono a fare show, quindi audience.
Ma questo è un fenomeno piuttosto recente.

Se si pensa che le olimpiadi dovrebbero essere svolte da atleti 'non professionisti' ...viene davvero da sorridere ( o da piangere) !

E se dico che la questione va posta nei termini del tipo di insegnamento e non nel tipo di disciplina non penso di affermare niente di illuminante. Il Maestro è essenziale. Se un maestro ammette che un proprio allievo balli Gagnam Style dopo una vittoria....sarà mica un ulteriore effetto collaterale della globalizzazione?

ciao a tutti,

secondo me G.Luca con questa tua prima affermazione hai colto in pieno l'essenza di tutta questa "filosofica" discussione. Non avresti potuto fare un esempio

migliore!

Personalmente,  non ho mai pensato  all'arte marziale come uno sport, ma come a un percorso per poter  migliorare alcuni aspetti del mio modo di vivere.

Alla domanda, perchè vuoi iniziare con le arti marziali ?  cosa rispondereste, o cosa probabilmente avete già risposto ai vostri maestri?

 

Sicuramente non che è un modo come tanti per mettersi in forma!

 

Tralasciando il discorso vita o morte che nel nostro contesto storico sociale è abbastanza estremo, penso sia questa la differenza tra chi vive l'arte marziale come sport piuttosto di chi rimane più aggrappato alle vere radici, le gare non fanno male alle arti marziali o alla tradizione, al contrario un'approccio sbagliato alle gare danneggia sia l'aspetto agonistico che la tradizione, rimane comunque mia convinzione che molta responsabilità è nelle mani di chi insegna.

 

ciao marco


Marco C.


#29
idk

idk
  • Membri
  • 59 messaggi
  • Sesso: Donna
  • Novara no kuni jū

Tante risposte, tante altre domande... sono in vena, provo ad aprire un'altra discussione!     :seratinaamici:






0 utente(i) stanno leggendo questa discussione

0 members, 0 guests, 0 anonymous users