Vai al contenuto

Welcome to INTK Forum
Register now to gain access to all of our features. Once registered and logged in, you will be able to create topics, post replies to existing threads, give reputation to your fellow members, get your own private messenger, post status updates, manage your profile and so much more. If you already have an account, login here - otherwise create an account for free today!
Foto

Wabi-Sabi


  • Per cortesia connettiti per rispondere
12 risposte a questa discussione

#1
betadine

betadine
  • Socio INTK
  • 1813 messaggi
  • Sesso: Uomo
  • Marte no kuni jū

"La bellezza occidentale è radiosità, maestà, grandezza e ampiezza: al confronto, la bellezza orientale è desolazione, umiltà, bellezza nascosta". 

Così dice sensei Shozo Kato.

 

C'è ovviamente di più in questo concetto che apparentemente racchiude in se "desolazione" o "accettazione di caducità e imperfezione".
Fortunatamente, come molti concetti filosofici, il wabi-sabi non può essere facilmente spiegato o tradotto. Ma non c'è motivo di arrendersi.

 

Ma prima di continuare, va notato che questa filosofia non soddisfa i tentativi di essere distillata o compresa. Quindi ricorda che.. le affermazioni che seguono sono basate sul pensiero personale e sull'opinione, piuttosto che una concreta definizione di "wabi-sabi", con la speranza di dare un'introduzione largamente consapevole, consapevolmente incompleta e consapevole che qualsiasi altra cosa non si accorderebbe con una "concetto" che enfatizza l'incompletezza e l'imperfezione.


«Non c'è motivo per cui non possiamo guardare le parole e cambiare significato per prendere piede».

 

Iniziamo con wabi 侘 び.
Originariamente, il sentimento principale del wabi era la solitudine. I giapponesi hanno l'abilità di pensare parole che descrivono sentimenti specifici, e questo è uno di questi. Ciò che distingue il wabi dalla solitudine standard è che questa sensazione proviene dal vivere nella natura, lontano dalla società. Immagina un triste eremita solitario e sei sulla strada giusta.
La vita di un eremita era anche chiamata wabizumai 侘 び 住 ま い.

 

Sabi 寂 び, d'altra parte, è un po’ più semplice, è stato descritto come "freddo", "magro" o "appassito". Condivide una pronuncia con 錆 び (per arrugginire), e questa connessione con il degrado non è casuale.

 

Nel XIV secolo, queste connotazioni iniziarono a cambiare. L'eremita non era più un reietto triste, ma un uomo saggio liberato dalle trappole di una società giapponese sempre più decorata e artificiale. Le parole andarono alla deriva più vicine finché diventarono intercambiabili o, più comunemente, combinate. Wabi-sabi cominciò a implicare semplicità rustica in una luce positiva, o la grazia che deriva dall'età e dall'uso.

 

Questo non vuol dire che sono sempre combinati. Ci sono molti che sostengono che le due parole non dovrebbero essere combinate. Sentono che la combinazione crea una frase scattante, diluendo il significato separato di ciascuno.

Vale la pena notare che nei precedenti pensieri su questa estetica, il wabi è parlato molto di più, e tende ad essere la base per molte parole correlate, come wabichadō 侘 茶道 (lo stile wabi-sabi della cerimonia del tè).

Questo sottolinea l'aspetto dell'umiltà. Questa è una filosofia per le persone, piuttosto che un semplice stile di oggetti. I due che si uniscono possono essere visti come un suggerimento che la filosofia (wabi) può essere meglio esplorata, descritta e compresa usando l'estetica (sabi).

 

La natura dell'insegnamento filosofico significa che concetti come il wabi-sabi non sono quasi mai stati scritti. Invece sono comunicati personalmente dal maestro allo studente, indirettamente. Il ragionamento dietro gli indovinelli del maestro è di guidare gli studenti alla propria comprensione, piuttosto che inchiodare un concetto che è naturalmente fluido. Questo però non ha impedito alle persone di provarci.

 

Negli oggetti fisici ci si può aspettare l'uso di materiali naturali in uno stile rustico. Le imperfezioni non derivano dalla sciatteria, ma dalla natura dei materiali e dei processi o dall'uso dell'oggetto stesso. Gli oggetti saranno personali, umili e funzionali. Come visione del mondo, l'attenzione è rivolta alla transitorietà, all'armonia con la natura e al ritmo attenzione al più piccolo dettaglio.

Il professor Timon Screech della School of Oriental and African Studies presso l'Università di Londra ha sottolineato l'idea che il wabi-sabi sia contro ciò che è considerato mainstream. Ha usato Marie Antoinette come contro-esempio: "Ha vissuto a Versailles e occasionalmente fingeva di essere un pastore, ma mentre nel pensiero occidentale è una cosa molto artificiale, falsa e persino irresponsabile, nel pensiero giapponese è una cosa molto buona per allontanarti da quell’ambiente un po’ particolare della corte (chiaro no? Sarete pur stati nei precedenti vissuti a corte..) e scomparire in uno spazio auto-coscientemente rustico. …" 

Più di ogni altra cosa  sottolinea che questa filosofia è una scelta deliberata. I samurai e i ricchi mercanti avevano la possibilità di coprire d'oro tutto (a volte letteralmente). Ma hanno scelto di utilizzare invece semplici strumenti e architetture. Una critica rivolta agli occidentali che cercano di capire il wabi-sabi è che si concentrano troppo sull'aspetto visivo. Abbiamo visto prima che il lato wabi è usato di più. E penso che questo enfatizzi la natura filosofica del concetto. Tim Wong e Akiko Hirano citano Kakuzo Okakura ne Il libro del tè: la traduzione ... può essere al massimo il rovescio di un broccato, tutti i fili ci sono, ma non la sottigliezza del colore o del design. Sostengono che provare a definire la filosofia in termini fisici "è come spiegare il gusto di un pezzo di cioccolato per forma e colore". E sono propenso ad essere d'accordo con loro.

 

Mentre molti pensano al wabi-sabi come un'estetica (e giustamente), è importante conoscere un poco delle sue connessioni religiose, in particolare con il buddismo. Possiamo collegarlo ai "Tre segni dell'esistenza", o sanbōin 三法 印 che sono descritti nell'insegnamento buddista.

Descrivono come tutte le cose abbiano impermanenza (mujō 無常), sofferenza (ku 苦) e vuoto, o assenza di sé (kū 空).

Il buddismo ci dice che la saggezza viene dal fare pace con questi segni, poiché sono intrinseci alla nostra natura, e il wabi-sabi può essere visto come un modo di praticare questa pace e accettazione.  L'impermanenza ha probabilmente il collegamento più chiaro: si abbraccia l'usura, le lacrime e talvolta i danni causati dall'età. Si accetta un oggetto cambierà mentre lo si usa. Anche la sofferenza può essere collegata al danno, sempre nell'accettazione che l'usura e il danno sono possibili e probabilmente come parte della vita normale. L'assenza di sé è la più difficile.. soffermiamoci sull'apprezzamento degli oggetti come processo o stato, che si muovono da o verso il nulla.
Il nostro uso o contatto con una cosa può definire la cosa stessa per quel momento. Mentre questo contatto può lasciare un segno, non definirà mai completamente un oggetto. La zuppiera di oggi può diventare un raccoglitore di gocce domani..
Il tipo standard di buddhismo comprende templi fantastici e librerie massicce, ma lo Zen è arrivato e ha detto "No, nessuna di queste cose ti aiuta davvero. L'unico modo per capire è guardare a se stessi”.
Tutto ciò si adatta molto bene al wabi-sabi, ma questo non significa che il wabi-sabi debba essere religioso in tutti i contesti.
È come un diagramma di Eulero Venn con sovrapposizioni.. ma non è completo.
Il buddismo non è l'unica connessione a questa filosofia, naturalmente, data la ricca storia del Giappone di scambi religiosi e filosofici con la terraferma.
Possiamo vedere suggerimenti di apprezzamento per la semplicità nel minimalismo cinese del IX secolo.
Il Taoismo enfatizza l'armonia, la naturalezza e la semplicità.   Se guardiamo bene in profondità, anche nell’inconsapevole Impermanenza delle cose, troviamo "il pathos delle cose", difficile da spiegare e sentire come pervasivo.

 

Quando si cerca una genesi di wabi- sabi, il posto migliore per guardare è la cerimonia del tè. E l'uomo che più infuse la filosofia e l'estetica nella cerimonia del tè è il monaco zen Murata Shukō (o Rikyū), che visse dal 1423 al 1950.  All'epoca di Shukō, il consumo di tè riguardava soprattutto la classe dirigente e gli utensili cinesi dettagliati (chiamati karamono唐 物), mentre le classi dominanti amavano le stravaganti ceramiche.

Tuttavia, a volte viene accreditato come il creatore dello stile wabi-cha della cerimonia del tè, che è caratterizzato dall'uso di questi semplici utensili.
Quest'uomo è probabilmente l'unica influenza più importante sulla cerimonia del tè e la filosofia.
Nonostante prima servisse Oda Nobunaga (che iniziò l'unificazione del Giappone) e il suo successore Toyotomi Hideyoshi, usò minuscole stanze simili ad un eremo chiamate sōan con ingressi che richiedevano agli ospiti di rimuovere le loro spade e strisciare dentro. In uno, ha ridotto la dimensione a due soli tatami (circa 3,6mq).  Anche i movimenti utilizzati per preparare e servire il tè sono stati ridotti per essere il più efficienti possibile. Ma fu un lavoro rischioso obbligare i signori della guerra a usare tazze grumose e spazi angusti per le loro eleganti espressioni rituali. Hideyoshi voleva una sala da tè ricoperta di foglie d'oro e altre stravaganze e sentirsi dire di usare utensili da contadino non gli andava bene.

 

La cerimonia del tè potrebbe essere il metodo principale per comprendere il wabi-sabi, ma il professor Screech rileva anche che l'estetica si presenta in molte forme. Ad esempio afferma che "il Giappone ha sempre avuto la possibilità di dipingere con colori vivaci, che era considerato «il modo giapponese di dipingere» o in bianco e nero, considerato «il modo cinese di dipingere». Le sale da tè avevano spesso dipinti appesi in stile "cinese", cosa che fa parte del concetto di fuga dalle normali attività mondane: i cinesi avevano questo concetto, in un certo senso, così il giapponese lo prese in prestito e divenne parte del wabi-sabi”. E continua facendo notare anche l'intensa stratificazione della società giapponese in questo periodo.
C'era una classe mercantile con denaro, ma nessun potere, e chi non era autorizzato a prendere parte alle attività d'élite. "La classe mercantile era vasta, con tutti i tipi di persone, ma quando così tanti sono esclusi dalle attività cortigiane, a volte può essere più facile dire "al diavolo tutto, è comunque tutto insignificante" e sedersi in una piccola capanna per meditare.."

 

Nel suo libro The Unknown Craftsman, Soetsu Yanagi  afferma che sono necessari “difetti” per un pieno apprezzamento dell'oggetto e del mondo.

Noi, nelle nostre stesse imperfezioni umane, siamo respinti dal perfetto, dal momento che tutto è evidente fin dall'inizio e non vi è alcun suggerimento sull'infinito...

 

La cultura giapponese, dal cibo all'intrattenimento, rimane altamente stagionale. Esperienze come le feste Hanami per apprezzare i fiori di ciliegio o le escursioni per vedere le foglie autunnali rosse sono esempi perfetti di apprezzamento per la bellezza passeggera. In particolare con i fiori di ciliegio, una singola folata di vento può apparentemente mandare in rovina l'intero valore di un albero per essere calpestato. Quindi, qualsiasi apprezzamento di tale bellezza deve venire con la consapevolezza della sua fragilità.

Tuttavia, sappiamo che tornerà l'anno prossimo, quindi il nostro piacere può essere rilassato piuttosto che “afferrare il momento”.

Ma le foglie autunnali, piuttosto che sakura, sono forse un esempio migliore di wabi-sabi, a causa di una storia attribuita a Rikyū, come maestro o studente. Nella storia, viene ordinato a uno studente di pulire il giardino del suo padrone disseminato di foglie. Lo fa, ma quando mostra al suo padrone il terreno incontaminato, il padrone scuote un albero in mezzo al giardino, spargendo le foglie in tutti i luoghi che lo studente ha appena pulito.
Questo è un ricordo commovente del forte senso di pace della filosofia con eventi naturali. Puoi vedere l'umiltà nelle azioni del maestro, mentre rimprovera il suo studente per aver cercato di liberarsi di ciò che la natura ha fatto. Mostra anche un senso di "pulito, ma non sterile" che è presente in molti oggetti apprezzati nei pini wabi-sabi.

Qui, Bashō confronta il pino di Karasaki con lo spettacolo stagionale di sakura.
I pini Karasaki risiedono in un lussuoso giardino privato chiamato Konroku-en. Ogni anno, cinque giardinieri faticano scrupolosamente questi alberi alla perfezione. Alla luce di ciò, possiamo interpretare la conclusione di Bashō in due modi: nonostante i migliori tentativi dei giardinieri di controllare il pino, la sua bellezza non può essere espressa in modo efficace o semplicemente come il lavoro della Natura con il sakura. Quest'ultima brilla, seppur brevemente, contro i "foschi" tentativi dell'umanità di eguagliare la grandezza della Natura.
È anche possibile che Bashō stia capovolgendo l'intero sistema.
Sakura, mentre è transitoria e naturale, è rumorosa, assertiva e al centro dell'attenzione sociale.

Al contrario, il pino, con fogliame sempreverde semplice, presenta una forma più tranquilla di bellezza.
I giardinieri non stanno cercando di imbrigliare la Natura, ma piuttosto di lavorano con lei per coltivare una bellezza "vaga", più sottile, che probabilmente mancherà a tutte quelle persone che si ubriacano nel parco sotto i fiori.

Finché continuiamo a pensare all'interpretazione del poema, il lavoro è incompiuto. Non solo, ma richiede la nostra interazione per "diventare".

 

"Se non riesci a fare linee rette, impara ad amare la sfrontatezza".

 

Oggi, naturalmente, possiamo fare anche linee rette e molte altre forme.
La moda attuale del design è per bordi definiti, superfici lisce o esattamente testurizzate, mentre le tolleranze degli strumenti si riducono e i computer ottengono risultati migliori alla perfezione.  Queste sottogliezze sono morte con l’età moderna? Certo che no.
Hanami e cerimonia del tè continuano.. e i materiali naturali sono usati e l'imperfezione esiste ancora.
Dobbiamo solo guardare più da vicino per vederlo nelle nostre creazioni "perfette".

Koren usa l'esempio di una lama di rasoio: può sembrare perfettamente dritto e nitido, ma mettetene uno al microscopio e vedrete centinaia di buche, graffi, e imperfezioni: wabi-sabi non è andato perso, ma è stato diluito in tutto, quindi hai bisogno di un microscopio, sia fisico che mentale, per vederlo.

 

Quindi il ciclo continua… e tutto torna.
Come dice il professor Screech..  in realtà, il punto è scegliere di non perseguire "beni costosi" e preferire invece un approccio più utilitaristico, descrivendo tale approccio "molto vicino al minimalismo del giorno d'oggi, ma il minimalismo con una scelta consapevole".
Come il rapporto del mondo occidentale con le idee di bellezza greche, il wabi-sabi è semplicemente irremovibile dal Giappone a tutti i livelli:

«celebra l'inevitabile imperfezione in un mondo imperfetto»


Wabi-sabi è ovunque, devi solo apprendere come guardare.

 

 

 

 

 

Fonti
Andrew Juniper. Wabi-sabi: the Japanese Art of Impermanence.
Leonard Koren. Wabi-Sabi for Artists, Designers, Poets & Philosophers.
Soetsu Yanagi. The Unknown Craftsman: A Japanese Insight Into Beauty.
• Ito, Teiji & Futagawa, Yukio. Classic Tradition in Japanese Architecture: Modern Versions of the Sukiya Style.
• Suzuki Daisetz Teitarō. Zen Buddhism and its Influence on Japanese Culture.
• TouchingStone ( http://www.touchings.../Wabi_Sabi.html
• In Search of Wabi Sabi with Marcel Theroux   ( https://www.you-tube...h?v=Z2P8z7kYJW0
• History of Ideas - Wabi-Sabi  ( https://www.you-tube...h?v=QmHLYhxYVjA
• Stanford Encyclopedia of Philosophy  (  https://plato.stanfo...e-aesthetics/#3
• Noble Harbor  (http://nobleharbor.c...IsWabi-Sabi.htm
• Hermitary  (http://www.hermitary...aesthetics.html
• .. e tanta curiosità

 

n.b. per you-tube occorre togliere il trattino.. solo questione di forma.


Sii immobile come una montagna ...
ma non trattare le cose importanti troppo seriamente.


#2
betadine

betadine
  • Socio INTK
  • 1813 messaggi
  • Sesso: Uomo
  • Marte no kuni jū

(.. ora anche le tracce son collegate e ogni collegamento porta altrove.. come una strada.)


Sii immobile come una montagna ...
ma non trattare le cose importanti troppo seriamente.


#3
betadine

betadine
  • Socio INTK
  • 1813 messaggi
  • Sesso: Uomo
  • Marte no kuni jū

.

..

File Allegati  Mystic_TimWong.jpg   30,69KB   0 Numero di downloads

©Tim Wong


Sii immobile come una montagna ...
ma non trattare le cose importanti troppo seriamente.


#4
getsunomichi

getsunomichi
  • Membri
  • 788 messaggi
  • Sesso: Uomo
  • Milano no kuni jū
Grazie per l’approfondimento che idealmente va a colmare una lacuna lasciata quando parlammo proprio della morte di Sen No Rikyu.
Come dissi allora, non si celebra l'imperfezione di un mondo inevitabilmente imperfetto.
...si celebra la perfezione di tutto.

Grazie ancora.
月の道

#5
betadine

betadine
  • Socio INTK
  • 1813 messaggi
  • Sesso: Uomo
  • Marte no kuni jū

...si celebra la perfezione di tutto.               molto più bello e corretto, il tuo concetto. (*) :arigatou:

 

 

.

               Namida)                                     un momento d'armonia, nel frastuono del mondo.

 

 

 

 

 

 

(*) anche se i giapponesi poco erano propensi ad accettare le imperfezioni, sia fisiche (leggasi Bennosuke) sia nel caso delle donne, figlie o mogli ..

 (ma questa è un'altra storia).

 

(Namida : Lacrime)ndr


Sii immobile come una montagna ...
ma non trattare le cose importanti troppo seriamente.


#6
betadine

betadine
  • Socio INTK
  • 1813 messaggi
  • Sesso: Uomo
  • Marte no kuni jū

(non credo ci sia bisogno della traduzione)

Tea is only this:
First you heat the water
Then you make the tea
Then you drink it properly
That is all you need to know

 

 

questo il suo ultimo (haiku)

Gratitude to you,
O Sword of Eternity!
Cutting through Buddha,
And through Bodhidharma, too
You’ve prepared the way for me!

 

Sen no Rikyū, monaco buddhista giapponese


Sii immobile come una montagna ...
ma non trattare le cose importanti troppo seriamente.


#7
betadine

betadine
  • Socio INTK
  • 1813 messaggi
  • Sesso: Uomo
  • Marte no kuni jū

Al di là di particolari vicissitudini (leggasi cerimonia del tè... forse di troppo semplice lettura) e per riportare il tutto nel mondo-nihonto pensate ad un hamon..

 

a molti verranno in mente hamon fiammeggianti.. hataraki a perdere .. eppure, leggendo qual e là, paresse che una acculturata nicchia ritenga che....

 

 

 

 

Ora pensate ad un sugu-ha.. apprentemente una "tempra dritta" (non poi così facile da controllare) e, talvolta, di una grazia e potenza  inaudite..


Sii immobile come una montagna ...
ma non trattare le cose importanti troppo seriamente.


#8
Altura

Altura
  • Membri
  • 336 messaggi
  • Sesso: Uomo
  • rm no kuni jū

E' allora? Mi piaceva il concetto della "semplicità" di certe tempre, trovo l'hamon sugu-ha molto più affascinante di molti giochi di tempra elaborati. Ma continua, mente contorta che altro non sei, facci bere….. poi ti dico la mia :ciuccio:

Che ne dici di dedicargli un nuovo topic di approfondimento  "hamon sugu-ha"?

 

 

(sogno di una tempra di mezza estate)…..


Antonio Vincenzo


#9
betadine

betadine
  • Socio INTK
  • 1813 messaggi
  • Sesso: Uomo
  • Marte no kuni jū

nuovo topic ?? non ne ho le capacità!!   (posterò la scheda della lama, corredata di notizie on the net..

 

intanto beccatevi questo antipasto..

 

File Allegati  Aoe-Sadatsugu.jpg   349,91KB   0 Numero di downloads

 

File Allegati  zoom.jpg   77,92KB   0 Numero di downloads

 

 

 

p.s.  questa "discussione" è dedicata alla semplice complessità ..


Sii immobile come una montagna ...
ma non trattare le cose importanti troppo seriamente.


#10
getsunomichi

getsunomichi
  • Membri
  • 788 messaggi
  • Sesso: Uomo
  • Milano no kuni jū
Vi riporto il mio pensiero, che avevo già espresso in proposito qualche anno fa.
Un punto di vista.


Grazie per le belle parole di apprezzamento.Più che aprire nuovi topic di dubbio interesse, potrebbe invece valere la pena di sottolineare una grande lezione che ci arriva dal prezioso lavoro di Sen No Rikyu, che ha un'importante attinenza con il mondo delle Nihonto.Il Maestro viene infatti considerato, a torto o a ragione, il codificatore di quella sobria, semplice ed elegante estetica francescana che migra dal buddismo zen nel raffinato mondo di corte. Una vera e propria rivoluzione estetica allora non immediatamente compresa.Anzi, contrastata con forza.Rikyu bandisce una sorta di interpretazione barocca dell'arte cinese, allora ancora in voga, per passare a definire criteri artistici più propriamente nipponici. Mi scuso ancora per la banalizzazione che il mezzo è lo spazio impongono.Sto ovviamente parlando dei concetti di wabi sabi e yugen.Non sto a discuterne, anche perché tra i lettori c'è gente più titolata di me a parlarne. Amo talvolta riassumere questi concetti con una semplice frase della nostra splendida Anna Magnani: "Volete togliermi queste rughe?!? Ma se ci ho messo una vita a farmele venire!".C'è invece un importante fraintendimento che talvolta mi capita di leggere.Si parla talvolta di elogio dell'imperfezione.Non è completamente corretto.Si dovrebbe invece parlare di perfezione del tutto.Soprattutto quando questo tutto ci arriva come prodotto di elementi naturali che generazioni precedenti hanno elaborato, utilizzato e hanno poi inteso preservare e tramandare ai posteri.Sono oggetti che hanno una sorta di preziosità collettiva.Se oggi chiamassero a Sen No Rikyu, maestro di estetica, ad arredare uno dei nostri salotti bene, sceglierebbe una delle meravigliose produzioni del maestro Yoshihara o prenderebbe invece una lama del suo periodo, prodotta per essere usata, magari con qualche kizu evidente, posta in un semplice buke zukuri magari rabberciato?Insomma, uno di quegli oggetti che qui, di tanto in tanto, schifiamo?!?


月の道

#11
Altura

Altura
  • Membri
  • 336 messaggi
  • Sesso: Uomo
  • rm no kuni jū

Ricordo benissimo questo tuo intervento.

Ricordo anche che apprezzando ciò che avevi espresso citai testualmente: quei kizu evidenti? Perché toglierli,  ci ho messo una vita a farmeli venire...

a testimoniare la complessità della semplicità :arigatou:


Antonio Vincenzo


#12
betadine

betadine
  • Socio INTK
  • 1813 messaggi
  • Sesso: Uomo
  • Marte no kuni jū

per la serie "sangue e arena" ..

 

Chiyoko quella volta disse (sul kizu..)

ne ho salvata una

ma ne ho tolte tante

per farti venire

 

 

Buona giornata a tutti.


Sii immobile come una montagna ...
ma non trattare le cose importanti troppo seriamente.


#13
betadine

betadine
  • Socio INTK
  • 1813 messaggi
  • Sesso: Uomo
  • Marte no kuni jū

.. vabbè, facciamola più semplice


.

. .

. . .

ne  una

ma  tante

per  venire


Sii immobile come una montagna ...
ma non trattare le cose importanti troppo seriamente.





1 utente(i) stanno leggendo questa discussione

0 members, 1 guests, 0 anonymous users