Vai al contenuto

Bryan Dagnes

Membri
  • Numero di messaggi

    5
  • Registrato dal

  • Ultima visita

Reputazione comunità

0 Neutral

Che riguarda Bryan Dagnes

  • Rango
    appena arrivato

Profile Information

  • Sesso
    Uomo
  • Provenienza
    Aosta

Previous Fields

  • ID Ebay
    BryxD92
  1. Salve a tutti! Dal mio ultimo post ormai qualche mese fa riguardo l'importazione di katana affilati e in questi mesi ho fatto delle ricerche molto approfondite e volevo esporvi i risultati. il katana è un arma propria a tutti gli effetti se affilata e/o appuntita. Detto ciò, come ormai si sa, l'articolo 49 del T.U.L.P.S. vieta nel modo più assoluto l'introduzione sul territorio dello stato di armi per le quali non è concesso il porto. Il katana rientra tra queste quindi non si scappa. Non esiste modo di importare tale arma da provato. Bisogna per forza acquistarla già in Italia o essere un commerciante in possesso della licenza di armi da punta o da taglio, o collezionisti di armi antiche o rare (e per questo bisogna provare che la lama che si sta acquistando sia effettivamente nata prima del 1890. Di recente però sono stato in contatto con l'avvocato Edoardo Mori, massimo esperto di legislazione riguardante questo campo in Italia. Lui mi ha confermato tutto quello che già sappiamo e che ho scritto sopra. Leggendo il suo libro "resoconto sulle armi" aggiornato al 2017 però viene citato che in base alla legge italiano esiste la licenza di porto di bastone animato per difesa personale, (il prefetto in questo caso la può rilasciare solo se si presenta una valida giustificazione di reale bisogno). Nelle mie ricerche ho scoperto che una lama in Shirasaya è esattamente il corrispettivo giapponese del bastone animato. Ho quindi chiesto al signor Mori se fosse realmente possibile importare una lama in shirasaya affilata e lui mi ha risposto che, essendo questa effettivamente considerata un bastone animato giapponese, non rientra sotto la restrizione dell'articolo 49 del T.U.L.P.S. e che quindi non serve nemmeno la licenza di porto d'armi, ma basta una richiesta al questore per l'importazione di bastone animato con lama superiore ai 65 cm, poi si deve specificare dove la di compra (da chi) e quando a grandi linee dovrebbe arrivare il pacco. Si allegano due bolli alla domanda e si consegna in questura dove loro sottoscriveranno la suddetta domanda. Poi bisognerà mandare una fotocopia al mittente del pacco e assicurarsi che venga mandata assieme ad esso. Questa lunghissima ricerca la ho fatta su internet, andando personalmente in questura (Aosta) diverse volte e in comunicazione diretta con l'Avvocato Mori. Adesso mi accingo a fare la domanda alla mia questura e vi farò sapere come va. Ma a quanto pare, a livello di legge italiana questo è quanto. Bryan
  2. Ok grazie mille! Ma non si potrebbe fare una petizione alla cassazione o quello che è tutto assieme per chiarire la faccenda e dare la possibilità anche a noi in Italia di avere e importare armi bianche giapponesi affilate a scopo sportivo o decorativo? Tipo change.org o non so... non sono molto pratico
  3. Ok ma quindi la mia domanda rimane... se io ne importo una, mi denunciano per importazione illecita di armi se la mia questura mi ha detto che devo solo denunciarne la detenzione e la dogana mi ha detto che posso tranquillamente importarla? Lo rileggerei ancora i post per l'importazione ma ogni singolo post è diverso!!!!
  4. Salve a tutti! Mi chiamo Bryan e da diversi anni ho a che fare con spade giapponesi, iaido e Kendo. Purtroppo abitando quassù in Valle d'Aosta dove non c'è assolutamente nessuno che pratica non pratico più però continuò la mia collezione di katana. Ho una domanda. Per importare lame affilate qui in Italia ho visto che c'è una gigantesca confusione. Volevo chiedere. Quale è la norma che vige adesso? Io mi sono informato e la questura qui mi dice che per le spade affilate basta la denuncia e via. Ho telefonato alla dogana e parlato con il responsabile di queste cose che mi ha detto che non ci sono problemi per importazione di lame affilate basta che queste non siano a "doppia lama" che non vuol dire doppio filo ma è una specie di lama particolare. Mi ha inoltre detto che per quanto riguarda qualsiasi tipo di katana affilati, non affilati, nihonto o qualsiasi altra cosa simile non ci sono assolutamente problemi... a qualcun altro risulta lo stesso? Grazie
  5. Bryan Dagnes

    Buongiorno a tutti!

    Mi chiamo Bryan e vengo da chatillon in provincia di Aosta

Chi è I.N.T.K.

La I.N.T.K. – Itaria Nihon Tōken Kyōkai (Associazione italiana per la Spada Giapponese) è stata fondata a Bologna nel 1990 con lo scopo di diffondere lo studio della Tōken e salvaguardarne il millenario patrimonio artistico-culturale, collaborando con i maggiori Musei d’Arte Orientale ed il collezionismo privato. La I.N.T.K. è accreditata presso l’Ambasciata Giapponese di Roma, il Consolato Generale del Giappone di Milano, la Japan Foundation in Roma, la N.B.T.H.K. di Tōkyō. Seminari, conferenze, visite guidate a musei e mostre, viaggi di studio in Europa e Giappone, consulenze, pubblicazioni, il bollettino trimestrale inviato gratuitamente ai Soci, sono le principali attività della I.N.T.K., apolitica e senza scopo di lucro.

Come associarsi ad I.N.T.K.:

Potete trovare QUI tutte le informazioni per associarsi ad I.N.T.K..
Associandovi ad I.N.T.K. accettate in maniera esplicita il Codice Etico e lo statuto dell'associazione ed avrete accesso ad una serie di benefici:
- Accesso alle aree riservate ai soci del sito e del forum;
- Possibilità di partecipare agli eventi patrocinati dall'associazione (ritrovi, viaggi, kansho, ecc...);
- Riceverete il bollettino trimestrale dell'Associazione.

"Una singola freccia si rompe facilmente, ma non dieci frecce tenute assieme."

(proverbio popolare giapponese)

×
×
  • Crea nuovo/a...

Informazione importante