Vai al contenuto

Tutte le attività

Aggiornamento automatico di questo flusso dati     

  1. Ultima settimana
  2. @Enrico Ferrarese lo davo per scontato, grazie per le tue parole 🙂 @G.Luca Venier sono ancora in fase di revisione, ho voluto stamparne una prima copia di "bozza" per rendermi meglio conto di come stava prendendo forma e vedere l'impaginazione, la quale non mi soddisfaceva e ho provveduto a sistemarla. Ora che mi ci hai fatto ripensare ho rivisto le foto della cartina in questione, se vuoi sentiamoci in privato in questi giorni, potrebbe essere interessante dedicarle un'appendice.
  3. Si, è quella. Stilisticamente compatibile con alcune carte realizzate nel primo Edo che sono conservate all’Edo Museum di Tokyo.
  4. Mè la ricordo anch'io Gian Luca, è molto interessante quella cartina, ne parlammo con Yutaka San, è quella ?
  5. Appena avremo modo di vederci dal vivo sarò più che lieto di vedere il tuo lavoro. Peccato che non mi hai accennato nulla, avrei condiviso volentieri un po’ di materiale, tra cui una cartina originale seicentesca con indicato il castello di Kuwana (e zone limitrofe) che ho pescato da un rigattiere a Tokyo un paio d’anni fa !
  6. mi rendo conto solo ora che non te l'ho ancora detto: metticuna copia in stampa anche per me, son troppo curioso di vedere come è venuta la parte sull'hamon e qualche altro paragrafo che trovo molto interessante. Un anno ricco questo, più studi in stampa/arrivo... E non c'è nulla di piu gratificante di sapere che sono fatti da sempai e comagni di percorso😁
  7. Grazie a tutti, mi sto appuntando i nomi e prima di mandare in stampa vi scriverò @Renato Martinetti 😉
  8. " il tanto materiale trovato in anni di ricerche...." possiamo anche leggerlo in modo diverso 😉 Ovviamente mi prenoto anch'io..
  9. Complimenti anche da parte mia Francesco! Anche io mi prenoto per una copia.
  10. Complimenti Francesco! Non so se è già il momento per confermare, ma anch'io mi prenoto per una copia. Grazie
  11. Mi segno tutto e cercherò di tornare quanto prima con maggiori dettagli. Grazie ancora per l'interesse
  12. GiulioC

    Mi presento

    Grazie mille @betadine, si' i due articoli li avevo già visti e stampati proprio a tal fine, ma grazie tantissimo dell'interesse! Ottima miniera di informazioni il sito del libraio. Il libro che mi indichi è reperibile su Abebooks (per chi non lo conoscesse è uno dei motori di ricerca per librerie antiquarie e in generale libri usati piu' grande del monfo): https://www.abebooks.it/servlet/SearchResults?sts=t&cm_sp=SearchF-_-home-_-Results&an=&tn=&kn=Hakusui+and+The+Book+of+the+Sword&isbn=
  13. betadine

    Mi presento

    .. mi permetto di postare un paio di cosucce che riguardano la scuola da te citata.. Ko Mihara (forse le conosci già, ma forse può interessare a qualcun altro.)) Perdona la forma, ma io faccio solo un copia-incolla.. (e talvolta approfondisco altre questioni., ma tu mi pare di capire che sei ben strutturato per andare oltre.. alle parole.)) Troverai alla fine ripotati testi, per la maggior parte in giapponese, talvolta con un semplice elenco in inglese.. ma, come immagino ben sai, seguendo il filo della curiosità -la vera molla che spinge le passioni- potresti trovare ganci "on-the-net" che ti porteranno a testi o approfondiomenti di varia natura. e la Natura ha molto a che vedere con la spada (e la società giapponese). The Koto Bingo Mihara School.pdf questo sembra terminato, ma il libraio talvolta da buone indicazioni.. https://www.japaneseswordbooksandtsuba.com/store/books/m140-nippon-hakusui-and-book-sword# e sicuramente avrai anche già letto questo .. http://www.intk-token.it/forum/index.php?/topic/8538-la-scuola-ko-mihara/&tab=comments#comment-96920 (metto le note di Pressley sulla KoMihara in pfd, considerata la seconda natura del sito.)pardon
  14. Con piacere invitiamo tutti gli amici che ci seguono e i soci della ns. associazione a partecipare alla seconda conferenza on-line di I.N.T.K. L'evento si terrà Sabato 30 Gennaio dalle ore 15.00, è gratuito e aperto a tutti. Gli argomenti trattati saranno: - ”Lo studio della Tōken: come usare i testi e le fonti documentali”. A cura di Gianluca Venier. - "La sala del tesoro dell'Ōyamazumi Jinja (大山祇神社) - la più importante raccolta di armi antiche di tutto il Giappone". A cura di Francesco Marinelli. Verrà trasmessa sempre tramite Google Meet, la piattaforma di Google, a questo link: http://meet.google.com/bgy-ajey-njh Per partecipare basterà accedere al link sopra riportato dalle ore 14.45 alle 15.00 e provvederemo ad accettare le vs. richieste. Per facilitare la gestione degli accessi, non garantiti a conferenza iniziata, chiediamo a chi fosse interessato di inviarmi il suo indirizzo mail via messaggio privato qui sul Forum, così potrò invitarvi all’evento e potrete entrarvi autonomamente. Ci vediamo presto, se pur virtualmente!
  15. GiulioC

    Mi presento

    Grazie mille @raffa delle bellissime parole e di aver condiviso l'origine deella tua passione. Sarà anche un sermone, ma è una bellissima dichiarazione d'amore per questo mondo. Concordo sul fatto che una conocenza piu' approfondita renda l'esperienza piu' piena e appagante. Proprio per questo ho comprato alcuni testi da studiare prima dell'arrivo della spada e mi sono iscritto al forum per approfondire tutte le tematiche e accrescere la mia conoscenza. Altrimenti avrei soltanto messo la spada in vetrina per impressionare qualche ospite, ma, come avrai capito, non è questo che mi muove. Ad esempio mi sto informado sulle caratteristiche tipiche della scuola Ko-Mihara per poi andarle a riverificare una per una e quindi impratichirmi (mi sono anche dotato di calibro). Sono tutti piccoli passi per prendere dimestichezza con la materia e districarmi tra tutti i termini tecnici. Certamente rimarremo in contatto, sperando che la situazione contingente si risolva presto per poi avere piu' possibilità di incontri interattivi.
  16. raffa

    Mi presento

    Ciao Giulio , Grazie per il tuo sincero racconto. Io devo dire la verità, ti capisco. Io ad esempio la prima katana l’ho presa un po’ come te. La mia prima spada è stata un acquisto abbastanza a colpo di fulmine, preceduto, fin da bambino, da anni di passione per la storia, i manga , le arti marziali, le armi bianche, i samurai, il Giappone ecc ecc. Fin da bambino volevo una katana e quel sogno l’ho più che realizzato. Credo che ci possano essere diverse vie…e molte di queste possono portare al monte Fuji. Devo dire che mi sono avvicinato ai libri successivamente. Molti qui nel forum, con molta più esperienza, conoscenza e consapevolezza di me , ti suggerirebbero di leggere molti libri prima dell’acquisto, ma devo dire che pure io mi sono approcciato in maniera diversa. Questo approccio di studio profondo, prima dell’acquisto è anche per aiutare e un po’ guidare le persone nella scelta, anche perché, visto i costi, non parliamo di prendere due patine al bar. La mia prima lama è stata una gunto(poi rivelatasi gendaito), ma devo dire che forse, anzi molto probabilmente, è stato quell’acquisto che mi ha portato nel tempo ad avere sempre una maggior passione, curiosità…fino ad un vero proprio amore, quasi ossessivo, verso le nihonto e il suo mondo, accessori compresi. Io ,ad esempio, prima di leggere libri ho visto dal vero e guardato in internet(cosa che ancora faccio) moltissime lame, anche senza troppa conoscenza. Poi piano piano mi sono accorto di quanto complesso sia questo mondo e di quanto se uno vuole, non finisce mai di imparare. Da quella lama col tempo ne sono arrivate altre, ma ti posso dire che tutte le lame che ho le guardo con lo stesso rispetto, affezione e amore. Alla più scarsa sono affezionato come alla più bella. Pure io credo che l’arte sia qualcosa che a volte va oltre le regole. Ho preso dipinti nel mondo, pagati anche molto molto poco che onestamente non reputo meno belli, ne scambierei con moltissime opere famose, se non fosse per il valore economico intrinseco che ,con una vendita, mi farebbe cambiare la vita radicalmente J. Poi però a differenza di un dipinto, col tempo per le nihonto si iniziano ad apprezzare dettagli artistici e costruttivi, le varie caratteristiche, si inizia a capirne sempre un pochino di più la qualità costruttiva e via dicendo, iniziando a capire e riuscendo a vedere livelli di qualità di lame e forgiatura differenti. Quindi piano piano l’occhio inizia a riconoscere le lame di alto livello, che esempio Aoi chiama masterpiece. Ad esempio guardando moltissime lame Masterpiece( che sono anche le più care) ho iniziato a percepire le differenze e le caratteristiche peculiari ed ho iniziato a guardare altre lame con altri occhi. Amo guardare le lame masterpiece sul sito di Aoi perchè ha foto molto dettagliate di alta qualità. Molte volte guardo la lama in se, e non mi soffermo su chi l’ha fatta. Un’opera d’arte o quello che ti piace, per me, dovrebbe essere bella a prescindere dal nome. Van gogh è morto povero. Poi il livello di studio , se uno vuole (e secondo me non per forza) va sempre più profondo e si arriva a riconoscere i vari forgiatori , fino a poter partecipare attivamente ad un kantei (non è il mio caso). Qui nel forum vedrai persone che sapranno identificare le lame, solo dalle varie caratteristiche. Io ad esempio sono ancora molto indietro, su questo, ma sui nomi nello specifico non so quanto andrò avanti. Diverso è per le scuole e i loro stili, il periodo storico, le caratteristiche ecc. Questo personalmente è quello che mi interessa di più. Da quanto ho capito, però, presumo che tu abbia già preso una lama di un certo valore. Quindi buon per te se ne hai avuto la possibilità. Presuma sarà anche bella. Quindi mi raccomando posta delle belle foto. Ti auguro che la passione cresca e si alimenti, trovando la tua via, che forse non può essere uguale per tutti e che quindi ci rivedremo qui sul forum o ad un incontro Intk o sulla via per il monte Fuji. Scusate il lungo sermone personale.
  17. Davide dotta

    Mi presento

    Benissimo, grazie per la risposta e appena arriva, non dimenticare le foto!
  18. GiulioC

    Mi presento

    Ciao @Davide dotta, devo dire che con le poste, anche recentemente, non ho avuto grossi problemi. Se poi passi da corriere non c'è alcun problema. Le varie spedizioni verso la Svizzera (dove abito) sono andate tutte lisce. Non ci sono problemi per quanto mi riguarda a chiedere il luogo dell'acquisto. Non credo poi che questo sia contro le regole del forum ("2. Non diamo consigli per gli acquisti né forniamo pareri su lame (o fornimenti) che sono oggetto di inserzioni di vendita in corso.") non trattandosi di consiglio ed essendo riferito ad acquisto ormai già effettuato. Se cosi' non fosse mi scuso fin da subito con gli amministratori e mi impegno a rimuovere/modificare il post. Avevo valutato inizialmente una lama da Piva, ma purtroppo è stata venduta prima che potessi acquistarla io. Ho poi, dopo una non brevissima ricerca, trovato una spada che rispondeva alle caratteristiche desiderate nella galleria di Tsuruta san, che mi pare di aver capito essere una vecchia conoscenza di questo forum.
  19. Davide dotta

    Mi presento

    Benvenuto anche da parte mia, aspettiamo le foto dei tuoi acquisti allora. Hai scelto però il momento sbagliato per comprare, causa Corona adesso le poste giapponesi viaggiano decisamente a rilento. Se posso chiedere, dove hai comprato la tua lama?
  20. Grazie Francesco. Ne desidero anche io una copia, quando sarà possibile.
  21. getsunomichi

    Mi presento

    Non credo che esista un unico approccio allo studio. Ma esiste talora il buon senso di difendere persone prive di cultura e disponibilità finanziarie da Sè stesse, specie se agiscono sotto impulsi irrazionali di cui generalmente si pentono presto, incappando in persone che approfittano della situazione. Un profilo che, francamente, mi sembra molto diverso del tuo. Benvenuto.
  22. GiulioC

    Mi presento

    Ciao @raffa, ho già letto diverse opinioni sul forum e so già che la mia risposta non piacerà ai piu' 🙂. Ma hai chiesto e rispondo. Non è stato propriamente un colpo di fulmine, ma una ricerca sistematica alla quale ha fatto seguito un colpo di fulmine. Il mio interesse nasce come appasionato di storia e di arte oltre che come collezionista. Conseguentemente, mi sono basato sostanzialmmente ed in ordine su tre parametri: rilevanza del periodo storico (fine Kamakura/inizio Nanbokucho), Sugata (una Token che, seppure o-suriage, rimanesse comunque abbastanza slanciata) e rilevanza dal punto di vista della creazione di una collezione (certificazione Tokubetsu Hozon). Sono conscio di non poter apprezzare, in questo modo ed al momento, dettagli quali Yakiba, Jihada e Jigane, ma credo anche che un approccio piu' dinamico allo studio si confaccia maggiormente al mio carattere. Rispetto profondamente l'approccio oposto, classico e, se mi passi il termine, "giapponese", con una lunga fase propedeutica di studio solo successivamente messa in pratica, ma sono anche consapevole e sereno nel mio personale approccio alle cose. Ho studiato qualche rudimento tecnico prima dell'acquisto per avere un indirizzo di massima, mentre lo studio di dettaglio ho preferito effettuarlo con una lama già mia come primo oggetto di analisi. Credo cosi' di instaurare un maggiore coinvolgimento personale nello studio della Token che mi darà, inoltre, il giusto sprone per affrontare nella maniera piu' approfondita e sistematica il lungo percorso per conoscere a fondo la materia. Se poi mi permetti di spezzare una lancia per me stesso, nel mondo dell'arte (piu' ampiamente considerata e non limitata alle token), molte collezioni, anche rivelatesi poi filologicamente pregevoli, sono nate da acquisti "di pancia". Come detto so che questo approccio non verrà condiviso da molti, ma spero di rifarmi quando postero' la prima analisi di dettaglio (sperando di non fare eccessivi strafalcioni).
  23. raffa

    Mi presento

    Grande Giulio, Benvenuto. Una curiosità, hai detto che da poco ti sei avvicinato al mondo delle spade. Su che base hai fatta la scelta della tua spada dal Giappone? Periodo, forma , consiglio,ecc ? Ti chiedo, visto che hai detto che sei nuovo . E quindi è stata scelta a colpo di fulmine? :))
  24. GiulioC

    Mi presento

    Grazie mille a tutti. Una volta arrivata la mia prima Token (sono al momento in corso le procedure di autorizzazione all'esportazione in Giappone) postero' una descrizione nella sezione apposita del forum cosi' da condividere le informazioni e impratichirmi circa l'analisi techica delle parti. Ovviamente ogni commento, correzione o "bacchettata" sarà molto gradita.
  25. G.Luca Venier

    Mi presento

    Benvenuto Giulio
  1. Carica più attività

Chi è I.N.T.K.

La I.N.T.K. – Itaria Nihon Tōken Kyōkai (Associazione italiana per la Spada Giapponese) è stata fondata a Bologna nel 1990 con lo scopo di diffondere lo studio della Tōken e salvaguardarne il millenario patrimonio artistico-culturale, collaborando con i maggiori Musei d’Arte Orientale ed il collezionismo privato. La I.N.T.K. è accreditata presso l’Ambasciata Giapponese di Roma, il Consolato Generale del Giappone di Milano, la Japan Foundation in Roma, la N.B.T.H.K. di Tōkyō. Seminari, conferenze, visite guidate a musei e mostre, viaggi di studio in Europa e Giappone, consulenze, pubblicazioni, il bollettino trimestrale inviato gratuitamente ai Soci, sono le principali attività della I.N.T.K., apolitica e senza scopo di lucro.

Come associarsi ad I.N.T.K.:

Potete trovare QUI tutte le informazioni per associarsi ad I.N.T.K..
Associandovi ad I.N.T.K. accettate in maniera esplicita il Codice Etico e lo statuto dell'associazione ed avrete accesso ad una serie di benefici:
- Accesso alle aree riservate ai soci del sito e del forum;
- Possibilità di partecipare agli eventi patrocinati dall'associazione (ritrovi, viaggi, kansho, ecc...);
- Riceverete il bollettino trimestrale dell'Associazione.

"Una singola freccia si rompe facilmente, ma non dieci frecce tenute assieme."

(proverbio popolare giapponese)

×
×
  • Crea nuovo/a...

Informazione importante