Vai al contenuto
betadine

Kiku Ichimonji

Messaggi consigliati

George Bailey Sansom, Japan, a short cultural history.

 

:confused:(molte congiunzioni..)

 

Sir George Bailey Samson, guardacaso nato anche lui nei primi del 1880, dapprima grande studioso della storia giapponese, pubblica questo libro nel 1931 e di li a breve divenne rappresentante diplomatico per gli USA presso il Giappone.... e infine, nei tempi del conflitto diviene una sorta di consigliere per "la guerra economica"....


Sii immobile come una montagna ...
ma non trattare le cose importanti troppo seriamente.

Condividi questo messaggio


Link al messaggio
Condividi su altri siti

… immagino che sarete tutti impegnati con San Remo, ma allo stesso tempo sapete che da tempo sto inseguendo Go-Toba, o meglio cercando di comprendere cosa lo porta a dedicarsi completamente alle arti –>“esilio” o estromissione inclusa <– ma quella benedetta Kiku-Ichimonji deve avere un qualche legame, o qualche segno, che non siamo ancora riusciti a scorgere (e se non lo han fatto i “Giapponesi”, sarà impossibile che io ne caverò un ragno dal buco, ma continuo imperterrito a cercare di rispondere a quella domanda che tempo fa fu fatta…

 

Tra i vari reperti «in analisi» c’è questo.. che racconta brevemente di un estroverso personaggio, sicuramente baciato o abbagliato da una qualche Luna, o come scriveva un tal Robert H.Brower, in una pubblicazione del 1972.. Forse il più talentuoso dei molti imperatori del Giappone, ed in più anche un critico astuto e sensibile."

(RobertHBrower: “Gli insegnamenti segreti dell’ex imperatore Go-Toba.. Go-Toba no a Gokuden.. Harvard Journal of Asiatic Studies, edizione di Ishida e Satsukawa)

 

"Lasciando che la radiosità del suo potere e maestà risplendesse senza essere oscurata, allo stesso tempo si divertiva con ogni varietà di arte e realizzazione. In tutte queste cose non era secondo a nessuno, così che la gente si chiedeva quando e come avesse acquisito tale competenza.

E molti che erano esperti in una o l'altra di queste arti sono stati interessati o incuriositi  dall'interesse dell'ex imperatore e dalla sua voglia di raggiungere fama e fortuna.

Si dice che il Buddha conduca tutti gli uomini alla salvezza, anche quelli colpevoli dei dieci mali e dei cinque peccati capitali . Da parte sua, l'ex sovrano mostrava interesse per ogni risultato, anche quelli che sembravano del tipo più banale e insignificante.

Così che tutti i tipi di persone che avevano qualsiasi diritto di essere a conoscenza di queste cose furono convocati alla sua presenza, dove, a quanto pare, chiesero liberamente il suo favore.
Tra tutte queste arti, si può dire che la sua abilità nella poesia giapponese lasci “uno” a corto di superlativi.

La gente potrebbe pensare che parlare in questo modo significhi trarre molto dal nulla.   Ma poiché molte delle composizioni dell'ex sovrano possono essere facilmente trovate in varie raccolte, chiunque può giudicare da solo.  Si può immaginare quale deve essere stata la sua abilità in altre arti e realizzazioni.

Ma finché ci sarà qualcuno che si emoziona ai testi delle sue composizioni poetiche, al pari di quelli  che li hanno trascritti e conservati, anche le nuove generazioni potranno vedere di persona la portata della sua maestria poetica".
-  Minamoto Ienaga, private secretary, Zenchukai

 

(chissà se mai si arriverà ad una più nitida visione.. chissà??
anche se.. più scavo e più penso che al pari dei giochi dei bambini, non bisognerebbe mai indagare troppo.. si rischia di rovinare la magia e spegnre la luce negli occhi dei piccoli fantasticatori.
Al pari di chi sul fil di una lama, torna nel passato.. e tutto sommato, studia e si impegna per riviver quelle gesta e cercar di comprendere quei gesti che han portato alla forgia le ns.lame.

alla prosima..))

 


Sii immobile come una montagna ...
ma non trattare le cose importanti troppo seriamente.

Condividi questo messaggio


Link al messaggio
Condividi su altri siti

Crea un account o accedi per commentare

Devi essere un utente per poter lasciare un commento

Crea un account

Registrati per un nuovo account nella nostra comunità. è facile!

Registra un nuovo account

Accedi

Hai già un account? Accedi qui.

Accedi ora

Chi è I.N.T.K.

La I.N.T.K. – Itaria Nihon Tōken Kyōkai (Associazione italiana per la Spada Giapponese) è stata fondata a Bologna nel 1990 con lo scopo di diffondere lo studio della Tōken e salvaguardarne il millenario patrimonio artistico-culturale, collaborando con i maggiori Musei d’Arte Orientale ed il collezionismo privato. La I.N.T.K. è accreditata presso l’Ambasciata Giapponese di Roma, il Consolato Generale del Giappone di Milano, la Japan Foundation in Roma, la N.B.T.H.K. di Tōkyō. Seminari, conferenze, visite guidate a musei e mostre, viaggi di studio in Europa e Giappone, consulenze, pubblicazioni, il bollettino trimestrale inviato gratuitamente ai Soci, sono le principali attività della I.N.T.K., apolitica e senza scopo di lucro.

Come associarsi ad I.N.T.K.:

Potete trovare QUI tutte le informazioni per associarsi ad I.N.T.K..
Associandovi ad I.N.T.K. accettate in maniera esplicita il Codice Etico e lo statuto dell'associazione ed avrete accesso ad una serie di benefici:
- Accesso alle aree riservate ai soci del sito e del forum;
- Possibilità di partecipare agli eventi patrocinati dall'associazione (ritrovi, viaggi, kansho, ecc...);
- Riceverete il bollettino trimestrale dell'Associazione.

"Una singola freccia si rompe facilmente, ma non dieci frecce tenute assieme."

(proverbio popolare giapponese)

×
×
  • Crea nuovo/a...

Informazione importante