Vai al contenuto

Ricordiamo a tutti i soci che a fine mese verranno resettati gli status utente e seguiremo le nuove iscrizioni 2022.
Prego vedere QUI come rinnovare, grazie! Se doveste avere già rinnovato e il vostro status sul forum non dovesse essere ancora sistemato, avvisate l'admin Enrico Ferrarese.

ghemon74

Membri
  • Numero di messaggi

    25
  • Registrato dal

  • Ultima visita

Reputazione comunità

0 Neutral

Che riguarda ghemon74

  • Rango

  1. Non credo che nessuno compri una ferrari per tenerla chiusa nel garage , ma neanche per far corse clandestine. Credo che la via di mezzo sia la soluzione. L'arte dell'estrazione della spada , praticata con una lama vera non è il massimo , ma mica si affettano persone
  2. ghemon74

    Una Considerazione

    Diciamo che questo è il mio personale modo di intendere le nihonto , e sinceramente mi fà molto piacere che sia una linea di pensiero condivisa anche da voi.
  3. ghemon74

    Una Considerazione

    Ciò che mi ha colpito , dopo aver letto i vari post del forum che analizzano l'affascinante mondo delle nihonto è stato proprio lo spirito e l'entusiasmo che traspira dalle varie discussioni trattate. Ragazzi in tutta franchezza , collezioniamo e veneriamo strumenti che pochi secoli fà erano considerate armi idonee ad arrecar gravi danni all'avversario se non la morte , ed in questo i giapponesi eccelsero creando quanto di più sofisticato , perfetto e tecnologico ci potesse essere nello scontro diretto , (escludendo la mera polvere da sparo). Ma oggi avere tra le mani una lama storica , romanticamente simo portati a pensare ai samurai , ai duelli da films ecc , ma questo , dandolo anche per scontato e rappresentandolo al mondo d'oggi ci fà riflettere. Le armi sono progettate per l'offesa , ma le nihonto simbolicamente per me rappresentano l'impegno che porta all'eliminazione del male , diciamo l'impegno verso le virtù , quali il rispetto , l'onore e la vita morale e quanto di più nobile possa venire dall'uomo. Non potrei concepire e collezionare lame giapponesi senza questo spirito nobile.
  4. ghemon74

    Il Mio Primo Waki!!!!!!

    Sarà per un mio gusto personale ma vedrei benissimo questa lama in shirasaia .
  5. ghemon74

    Il Mio Primo Waki!!!!!!

    La tsuka non da l'idea di un gunto? Scusate l'ignoranza
  6. ghemon74

    Prima Lezione Di Iaido.

    Ci sono insegnati di iaido nel Leccese ?
  7. ghemon74

    Ningyo

    I criteri per la classificazione di una bambola giapponese sono molti come ad esempio i materiali impiegati per la realizzazione , la provenienza , ecc. Tra le nigyo vi si distinguono le kyoto ningyo (le bambole che di cui ho inviato le foto) il loro nome è legato essenzialmente all'omonima città di produzione. Poi similmente a queste ma più pregiate abbiamo le ukiyo ningyo ispirate al teatro kabuki che rappresentano belle geishe e a volte noti attori teatrali, avvolti in splendidi kimono. Altre bambole interessanti ma estremamente stilizzate , realizzate al tornio , sono le kokeshi ,delle quali vi posto una foto di due molto antiche della mia collezione. Se qualcuno vuole saperne di più sulla storia la realizzazione ecc delle bambole giapponesi sarà mia premura realizzare un articolo più vasto.
  8. ghemon74

    Ningyo

    La mia passione per il Giappone non è riferita solo alle lame e alle arti marziali , ma anche al senso estetico che questo paese ha verso tutte le arti come ad esempio il giardinaggio , la scrittura , il teatro e le bambole. Io colleziono anche quelle le ningyo (figura umana) la dovizia dei particolari nella realizzazione di queste opere d'arte mi affascinano direi quasi quanto le nihonto. Strano connubbio bambole e spade , i piloti giapponesi durante la IIG le portavano con loro come supporto morale durante gli scontri aerei ,tali bambole erano regalate dalle fidanzate . Vi sono varie feste nel sol levante dedicate alle bambole , la più suggestiva è quella che si svolge in un tempio scintoista particolare , tale ricorrenza viene detta della liberazione dell'anima delle bambole , perche si crede che alcune di esse possano ospitare uno spirito malefico . Vi invio alcune immagini quella singola è della mia collezione.

Chi è I.N.T.K.

La I.N.T.K. – Itaria Nihon Tōken Kyōkai (Associazione italiana per la Spada Giapponese) è stata fondata a Bologna nel 1990 con lo scopo di diffondere lo studio della Tōken e salvaguardarne il millenario patrimonio artistico-culturale, collaborando con i maggiori Musei d’Arte Orientale ed il collezionismo privato. La I.N.T.K. è accreditata presso l’Ambasciata Giapponese di Roma, il Consolato Generale del Giappone di Milano, la Japan Foundation in Roma, la N.B.T.H.K. di Tōkyō. Seminari, conferenze, visite guidate a musei e mostre, viaggi di studio in Europa e Giappone, consulenze, pubblicazioni, il bollettino trimestrale inviato gratuitamente ai Soci, sono le principali attività della I.N.T.K., apolitica e senza scopo di lucro.

Come associarsi ad I.N.T.K.:

Potete trovare QUI tutte le informazioni per associarsi ad I.N.T.K..
Associandovi ad I.N.T.K. accettate in maniera esplicita il Codice Etico e lo statuto dell'associazione ed avrete accesso ad una serie di benefici:
- Accesso alle aree riservate ai soci del sito e del forum;
- Possibilità di partecipare agli eventi patrocinati dall'associazione (ritrovi, viaggi, kansho, ecc...);
- Riceverete il bollettino trimestrale dell'Associazione.

"Una singola freccia si rompe facilmente, ma non dieci frecce tenute assieme."

(proverbio popolare giapponese)

×
×
  • Crea nuovo/a...

Informazione importante