Vai al contenuto
Simone Di Franco

Progetto Kuniyoshi

Messaggi consigliati

Mi è capitato di passare su questo vecchio sito che raccoglie e cataloga un bel numero di stampe di Kuniyoshi

 

http://www.kuniyoshiproject.com/index.htm

 

Questo artista è davvero una fonte eccezionale per l'iconografia dei samurai, sulle leggende e gli episodi di battaglia dei grandi eroi del periodo Sengoku e kamakura.

 

Se avete voglia di dare un occhiata e magari riportare qui qualche immagine da commentare insieme, ne potrebbe nascere qualche cosa di interessante.



Condividi questo messaggio


Link al messaggio
Condividi su altri siti

Io inizio con il leggendario incontro tra Takeda Shingen e Uesugi Kenshin, dove Takeda, con il suo ventaglio da guerra riesce a difendersi dalla katana di Uesugi :

 

image014.jpg

Kuniyoshi riesce a rendere in maniera maestosa tutto il contesto della scena di battaglia nel kawanakajima e propone una posizione dei guerrieri che enfatizza al massimo lo scontro tra ventaglio e spada.

Sullo sfondo sventola il sashimono del Furinkazan di Takeda.

I due eroi sembrano gli unici a resistere alla forza del fiume, combattendo tra loro come se fossero a un livello superiore rispetto a tutti gli altri e forse alla natura stessa.

 

Un esempio della capacità figurativa eccezionale di Kuniyoshi e della sua capacità fuori dal comune di rendere i toni epici



Condividi questo messaggio


Link al messaggio
Condividi su altri siti

Ragionando un' attimo dovremmo scindere la parte leggenda e lavorare sulla storica.

Non sempre è facile e sicuramente nel Giappone di questo periodo la leggenda è parte della storia stessa perché ne enfatizza le fasi rendendole quasi da "supereroi".

Combattere una lama con un ventaglio, vogliamo ragionarci?

Sicuramente una parata è fattibile altro è un combattimento vero e proprio.

Arrivare a colpire uno dei grandi personaggi dell'epoca con più di un colpo vuol certo dire che questo è rimasto sguarnito da tutti coloro che gli fornivano un cordone di sicurezza che gli permetteva di essere armato del solo ventaglio almeno a portata di mano.

Avete in mente le guardie del corpo che sono parte della scorta di un ministro o di un Presidente?

Comunque, tornando alla rappresentazione pittorica, è una scena teatrale quasi bloccata con tempi che sono propri del No Giapponese.

Modificato: da mauri

"Io sono Anarca non perché disprezzi l'autorità ma perché ne ho bisogno. Così, non sono nemmeno un miscredente, bensì uno che esige cose degne di fede".

 

Ernst Jünger

Condividi questo messaggio


Link al messaggio
Condividi su altri siti

Molto belli i dipinti di Kuniyoshi, altro artista le quali opere apprezzo è Hokusai.

 

Per quanto riguarda la raffigurazione, in molti dipinti storici si tende un pò ad enfatizzare, la resa però è quasi sempre soddisfacente :arigatou:


HAqDe6c.png

Condividi questo messaggio


Link al messaggio
Condividi su altri siti

Uno tra i pittori che più hanno scavato nel costume e negli usi Giapponesi, è senz'altro Kitagawa Utamaro, i suoi disegni hanno una estrema ricerca dei particolari pur mantenendo una sintesi che è propria dll'arte giapponese del periodo.

 

shower.jpg

 

Per i disegni di Utamaro nei vari musei, vedi: https://www.google.com/culturalinstitute/browse/Kitagawa%20Utamaro?projectId=art-project

 


"Io sono Anarca non perché disprezzi l'autorità ma perché ne ho bisogno. Così, non sono nemmeno un miscredente, bensì uno che esige cose degne di fede".

 

Ernst Jünger

Condividi questo messaggio


Link al messaggio
Condividi su altri siti

Unisciti alla conversazione

Adesso puoi postare e registrarti più tardi. Se hai un account, Registrati adesso per inserire messaggi con il tuo account.

Ospite
Rispondi

×   Incolla come testo formattato.   Incolla invece come testo normale

  Sono permesse un massimo di 75 faccine.

×   Il tuo link è stato inserito automaticamente.   Visualizza invece come link

×   Il tuo contenuto precedente è stato ripristinato.   Editor trasparente

×   Non puoi incollare le immagini direttamente. Carica o inserisci immagini dall'URL.


Chi è I.N.T.K.

La I.N.T.K. – Itaria Nihon Tōken Kyōkai (Associazione italiana per la Spada Giapponese) è stata fondata a Bologna nel 1990 con lo scopo di diffondere lo studio della Tōken e salvaguardarne il millenario patrimonio artistico-culturale, collaborando con i maggiori Musei d’Arte Orientale ed il collezionismo privato. La I.N.T.K. è accreditata presso l’Ambasciata Giapponese di Roma, il Consolato Generale del Giappone di Milano, la Japan Foundation in Roma, la N.B.T.H.K. di Tōkyō. Seminari, conferenze, visite guidate a musei e mostre, viaggi di studio in Europa e Giappone, consulenze, pubblicazioni, il bollettino trimestrale inviato gratuitamente ai Soci, sono le principali attività della I.N.T.K., apolitica e senza scopo di lucro.

Come associarsi ad I.N.T.K.:

Potete trovare QUI tutte le informazioni per associarsi ad I.N.T.K..
Associandovi ad I.N.T.K. accettate in maniera esplicita il Codice Etico e lo statuto dell'associazione ed avrete accesso ad una serie di benefici:
- Accesso alle aree riservate ai soci del sito e del forum;
- Possibilità di partecipare agli eventi patrocinati dall'associazione (ritrovi, viaggi, kansho, ecc...);
- Riceverete il bollettino trimestrale dell'Associazione.

"Una singola freccia si rompe facilmente, ma non dieci frecce tenute assieme."

(proverbio popolare giapponese)

×
×
  • Crea nuovo/a...

Informazione importante