Vai al contenuto

GiulioC

Socio INTK
  • Numero di messaggi

    129
  • Registrato dal

  • Ultima visita

Reputazione comunità

0 Neutral

Che riguarda GiulioC

  • Rango

  • Compleanno 12/05/1982

Profile Information

  • Sesso
    Uomo
  • Provenienza
    Zurigo

Ospiti recenti del profilo

Il blocco recente degli ospiti è disabilitato e non viene visualizzato dagli altri utenti.

  1. Se proprio vogliamo essere pignoli (e non prenderla come una critica, ma come un ulteriore spunto di riflessione), le lame non andrebbero conservate nel koshirae, ma rigorosamente nella shirasaya sia per una questione di prevenzione della ruggine che di possibili graffi nelle ricorrenti operazioni di pulizia p.s. diamo per scontato qui che si parli di Nihonto e non di lame da pratica in acciaio inox etc
  2. Qui qualche info: https://new.uniquejapan.com/nbthk-nihon-bijutsu-token-hozon-kyokai-certification-paper-ranking/ O direttamente sul forum:
  3. Le teche di Nakamura sono sicuramente molto belle e curate, ma c'è da fare qualche precisazione. Prima di tutto non sono teche a temperatura e umidità controllata (ci sono spazi appositi per il gel di silice, ma nulla di più). Inoltre bisogna verificare che le braccia di supporto siano sufficientemente ampie per la Shirasaya. Sicuramente le vetrine doppie hanno almeno uno dei due supporti sufficientemente ampi, ma per le singole vale la pena di ricontrollare dato che sono pensate e presentate per lame nude. In generale, rientriamo un po' nel solito discorso di esporre le lame "nude", pratica normalmente sconsigliata se non supportata da adeguata tecnologia (che certamente esiste se si accetta la spesa).
  4. Interessante Francesco. In effetti si vede dal montaggio due tendenze discordanti. Paul tiene il discorso molto piu' sullo storico e sul tecnico, mentre la voce narrante e gli intermezzi vanno di piu' verso la mito. Lo avevo notato la prima volta che l'ho visto ma col tuo commento il tutto si spiega.
  5. Documentario NHK su Muramasa: https://www3.nhk.or.jp/nhkworld/en/ondemand/video/3022030/
  6. Sinceramente non ci vedo nulla di particolarmente sconveniente, trattano un prodotto diverso rispetto a quello di cui si discute in questo forum. Mi sono comunque incuriosito e ho dato un'occhiata al sito. Non fanno mistero della produzione in Cina e Thailandia e dell'utilizzo di acciai industriali; certo, qui e lì ci sono alcune frasi che potrebbero essere considerate pubblicità ingannevole, ma è più roba da associazione dei consumatori che non da questo forum.
  7. Se creiamo un primo video poi sarebbe un attimo aggiungerne altri sotto la medesima categoria. Se poi consideriamo che la community commenterà aggiungendo i loro contributi potrebbe diventare un ottimo modo per tenere appunti per il tuo libro 🙂
  8. Proposta: non sarebbe possibile registrarlo e poi metterlo a disposizione nella sezione soci? Rimarrebbe anche ad archivio 🙂
  9. 😅 mah Raffa, guarda, tralasciando la collezione in sè sulla quale mi sono già espresso e abbiamo già discusso, secondo me è anche e soprattutto una quesitone di allestimento... certo, da una parte c'è un museo pubblico italiano neppure tra i piu' visitati e dall'altra una collezione privata di un appassionato e facoltoso benefattore che si interessa in prima persona, siamo d'accordo. Ma anche senza pretendere ipad, illuminazione ed effetti speciali come a Berlino, credo che si possa fare molto di piu' anche con solo qualche pannello e un minimo di voglia. Voglio dire, c'è chi è riuscito ad allestire una mostra di successo con i (pochi) pezzi della collezione Mazzocchi e con un po' di marketing. Eppure mi pare che il Giappone spesso si venda da solo, basta trovare la giusta formula.
  10. Sembra ci sia scritto Masamune Kuroda 黒田正宗. Forse mi avventuro un po' troppo ma non potrebbe quindi essere Hasebe Kunishige? Ho trovato qualche riferimento al fatto che fosse legato alla famiglia Kuroda.
  11. Infatti, anche se fosse una nuove acquisizione non avrebbe comunque senso. Per una Masamune aspetti di avere una vetrina dedicata e poi la esponi, non la releghi in un angolina mentre aspetti di capire cosa farne. Poi sinceramente anche Hamon e Jihada non mi tornano pienamente.
  12. La cosa strana della "Masamune" è che era in una vetrina bassa a livello terreno, senza scheda e senza monitor che ne evidenziasse le attività. Visto che sarete li' tra poco magari chiedete. Ecco la versione a maggiore risoluzione.
  13. Come promesso ecco qualche fotografia della nuova sede. Che dire, l'allestimento è di altissimo livello e l’esperienza risulta essere di grande interesse anche per i non addetti ai lavori. Praticamente per ogni singolo oggetto (sicuramente per tutti i principali) c’è una scheda individuale digitale in doppia lingua inglese / tedesco. Lo spazio espositivo si estende su due piani con spettacoli virtuali di tanko e teatro nō ad intervalli regolari all’interno di un teatro tradizionale fabbricato in Giappone appositamente per il museo. Non è un museo enorme in maniera assoluta, ma considerando la specificità della collezione non si può certamente considerare piccolo. Spade non tantissime rispetto alle armature, ma in ogni caso di livello e ben illuminate. Per alcune anche ingrandimenti digitali ad altissima definizione per apprezzare ogni sfumatura del metallo. Questi possono essere navigati attraverso touch screen, un tocco tecnologico secondo me pregevole e interessante nella sua realizzazione. Se proprio bisogna trovargli dei difetti potrei citare: · manca forse una sezione introduttiva propriamente detta ad uso e consumo dei visitatori occasionali. La prima sala risulta un po’ dispersiva e forse poco chiara anche per una non felicissima interfaccia tecnologica; · la disposizione dei pezzi non è molto chiara e sembra mancare una divisione per aree consistente lungo tutto il percorso espositivo; · lo shop è puramente turistico e manca materiale utilizzabile per lo studio (un solo catalogo delle armature in doppia edizione tiratura semplice / numerata, un vecchio cataloghetto generale della vecchia sede e una rivista, per il resto souvenir). Detto questo, che è proprio andare a cercare il pelo nell’uovo, la qualità e la cura sono palpabili. Merita da solo il viaggio.
  14. Speriamo anche perchè al momento è piuttosto basso per quello che offrono (ad esempio è notizia di questi giorni che gli Uffizi hanno aumentato da 20 a 25). Purtroppo alzare i prezzi in Giappone puo' non essere cosi' semplice e spesso il processo diventa laborioso. Qui per di piu' si tratta di un'istituzione pubblica.
  15. Notizie preoccupanti, speriamo sia solo un modo per concentrare l'attenzione sul problema e chiedere nuovi fondi al governo. https://www.japantimes.co.jp/news/2023/01/11/national/museum-utility-prices/?utm_medium=Social&utm_source=LinkedIn#Echobox=1673499650-1

Chi è I.N.T.K.

La I.N.T.K. – Itaria Nihon Tōken Kyōkai (Associazione italiana per la Spada Giapponese) è stata fondata a Bologna nel 1990 con lo scopo di diffondere lo studio della Tōken e salvaguardarne il millenario patrimonio artistico-culturale, collaborando con i maggiori Musei d’Arte Orientale ed il collezionismo privato. La I.N.T.K. è accreditata presso l’Ambasciata Giapponese di Roma, il Consolato Generale del Giappone di Milano, la Japan Foundation in Roma, la N.B.T.H.K. di Tōkyō. Seminari, conferenze, visite guidate a musei e mostre, viaggi di studio in Europa e Giappone, consulenze, pubblicazioni, il bollettino trimestrale inviato gratuitamente ai Soci, sono le principali attività della I.N.T.K., apolitica e senza scopo di lucro.

Come associarsi ad I.N.T.K.:

Potete trovare QUI tutte le informazioni per associarsi ad I.N.T.K..
Associandovi ad I.N.T.K. accettate in maniera esplicita il Codice Etico e lo statuto dell'associazione ed avrete accesso ad una serie di benefici:
- Accesso alle aree riservate ai soci del sito e del forum;
- Possibilità di partecipare agli eventi patrocinati dall'associazione (ritrovi, viaggi, kansho, ecc...);
- Riceverete il bollettino trimestrale dell'Associazione.

"Una singola freccia si rompe facilmente, ma non dieci frecce tenute assieme."

(proverbio popolare giapponese)

×
×
  • Crea nuovo/a...

Informazione importante

Si prega di accettare i Termini di utilizzo e la Politica sulla Privacy