Vai al contenuto

Francesco Marinelli

Socio INTK
  • Numero di messaggi

    2424
  • Registrato dal

  • Ultima visita

Reputazione comunità

0 Neutral

Che riguarda Francesco Marinelli

Profile Information

  • Sesso
    Uomo
  • Provenienza
    Italia, Prato
  • Interessi
    Amante della storia giapponese e della nihontō, mi diletto nel restauro.
    Pratico Sogo Budo, lo studio composito delle antiche discipline di combattimento giapponesi, in particolare Tenshin Shōden Katori Shintō-ryū, presso il dojo freeBudo a Prato.
    Sono qui imparare!

Ospiti recenti del profilo

40429 lo hanno visualizzato
  1. Il viaggio, assieme al conoscere persone, sentire odori, sapori... non per forza esperienze semplici... ricordi indelebili, rende più forti. Questo viaggio non era organizzato, tappe indicative pensate il giorno prima della partenza.. e biglietto aereo preso solo 5 giorni prima, avevo bisogno di staccare la spina e voglia di fare un lungo viaggio in solitaria. A gentile richiesta di Beta.. Okayama è stata la "base" per andare a Bizen 🧐 non mancherò il resoconto! @Enrico Ferrarese non è un kirikomi nel senso di colpo, ma è proprio un "buco" causato dalla ruggine come vi spiegavo sopra..
  2. Estratto dal mio diario di viaggio (perdonate la semplicità e incongruenze verbali... 😆 ) Giorno 13 - 22 Agosto 2019 Sveglia ore 7.15, oggi sarà una lunga giornata.. fortunatamente non piove. Zaino in spalla esco dall'ostello (quasi adiacente all'epicentro della bomba di Hiroshima) e vado a prendere il tram che mi porterà alla stazione centrale, da quì shinsaken per Fukuyama (1h di attesa,..). Scendo dalla stazione centrale di Fukayama, cerco la biglietteria dei bus, fa molto molto caldo, riesco a fare i biglietti (3500 yen) per giungere alla mia meta: Oyamazumi JInja! E' da tanto tempo che mi auguravo di andarci, qui la gente non parla inglese. non è facile comunicare... Attendo un'altra ora prima che arrivi il bus, chiedo all'autista se andiamo diretti, da Google Maps non è chiarissimo, mi fa capre che dovrò fare un cambio e mi farà lui cenno di quando scendere. Dopo circa 1 h di viaggio e passati molti giganteschi ponti che collegano le isole del mar interno di Seto, arrivo in un parcheggio bus stop dell'isola di Ōmishima piuttosto isolato, sono l'unico a scendere, speriamo che abbia capito bene... però siamo relativamente vicini al tempio, quindi ok, ma quale bus locale dovrò prendere? Ne passano alcuni, chiedo, ma nessuno porta al tempio.. finalmente arriva quello giusto, ultimi Km di viaggio e finalmente arrivato, è stata più lunga del previsto. Panorami bellissimi durante il viaggio: Dal parcheggio bus stop: La fermata è proprio davanti all'ingresso, entro dal Tori principale, proseguo, gli alberi di canfora millenari sono un qualcosa di incredibile, il solo guardali trasmettono storia, i tanti samurai che ci si saranno soffermati per trovare un poco di sollievo sotto le sue fronde in quelle calde ed afose estati... bè ne' approfitto anche io. Si sale la scalinata e si entra nel tempio principale, bello ma ovviamente modesto se paragonato a quelli delle ricche "ex capitali" Kyoto e Kamakura, dopotutto qua siamo in un'isoletta... C'è una comitiva di turisti giapponesi in visita. Approfitto per prendere una rivista con dettagli sui recenti restauri. Scendo le scalinate e svolto a sinistra, si attraversa un ruscello in mezzo alla vegetazione, continuando si trova il museo del tempio con relativa sala del tesoro. Il costo del biglietto è di 1000 yen, si entra togliendo le scarpe, finalmente posso posare anche il mio pesante zaino. E' tutto giustamente video sorvegliato, dopotutto c'è un'infinità di pezzi storicamente importanti dall'immenso valore. Tachi, Odachi, qualche tanto, O-yoroi, archi, dipinti, ancora tachi ed arcaiche naginata... che dire, sono emozionato nel vedere tutti questi tesori tramandati nei secoli in questo luogo ed appartenuti a figure di primo spicco, basti ricordare Tomoe Gozen, Yoshitsune, Yoritomo ecc ecc. Davvero incredibile, vale sicuramente il viaggio la visita al museo del tempio. Il museo è diviso su due piani più una stanza contenente molte naginata e la "kokuhokan" con gli O Yoroi. Qualche scatto: Coppia di O Yoroi entrambe Tesori Nazionali, quello senza kabuto apparteneva allo Shogun Minamoto Yoritomo, l'altro a Kono Michinobu (vedi https://it.wikipedia.org/wiki/Clan_Kōno): Tachi donata dallo Shogun Minamoto Yoritomo: Video della Kokuhokan: 10000000_165532414836932_9184457847362860490_n.mp4 Armatura appartenuta alla Onna Bugeisha Tsuruhime: Naginata appartenuta a Murakami Yoshihiro: Naginata di Wakiya Yoshisuke: Naginata di Musashibo Benkei: Naginata di Tomoe Gozen: Naginata di Minamoto Yoshitsune: In generale l'illuminazione non è male considerando tutto, così come lo stato di conservazione delle opere e delle lame. In alcune di quest'ultime, in particolare sulle odachi però ci sono profondi buchi di ruggine e su alcune la politura sembra recente e per i miei gusti su un paio un po' artificiosa. Parlo come posso in giapponese con quello che dovrebbe essere il responsabile del museo, mi spiega che purtroppo con la WWII le lame erano state sotterrate e nascoste, così da non essere rubate o danneggiate dai bombardamenti, però a causa di questo si formarono i "buchi" di ruggine che vediamo oggi, e quindi furono restaurate. Ringrazio per la pazienza e gentile spiegazione, mi accompagna al piano terra dove si trova il bookshop. L' "addetta alle vendite" è una monaca anziana del tempio, è incuriosita dalla presenza di un ragazzo occidentale così interessato... così spiego ai due della nostra realtà in Italia, la passione per il restauro.. Compro il catalogo generale (2000 yen) e quello più specifico con le lame (1800 yen) - naturalmente sono in Jp, ma molto utili per confronti e studi. Accanto sembra esserci un museo marittimo con anche imbarcazioni o parti di esse, non ho modo di approfondire. Purtroppo il tempo è poco, e c'è l'incognita del viaggio di ritorno, dentro al museo il tempo è passato velocissimo... Lungo il ruscello ci sono le due statue della valorosa Tsuruhime. Ormai è pomeriggio, vedo arrivare un bus, è il mio, questa volta non ho dovuto aspettare.. Qualche fermata ed arrivo al bus stop, cambio veloce e prendo il secondo per Fukayama (1 h), in stazione centrale faccio il biglietto e mi dirigo alla volta di Okayama...però questa è un'altra storia! Statua di Momotaro alla stazione di Okayama ed il sottoscritto 😉
  3. Mi ricollego al topic per pubblicare una bellissima locandina che realizzammo con Manuel e raffigurante la celebre Tomoe Gozen circa un nostro evento a Scarperia nel 2015.. ------------------------------- Riguardo l'Oyamazumi jinja che dirvi, è davvero un luogo magico, ogni appassionato di storia giapponese, ed in particolare noi legati alla "via della spada giapponese".. ci dovremmo andare almeno una volta nella vita.. dettagli su come ho fatto a raggiungerlo, varie e video, li caricherò direttamente nella sezione dedicata in Musei. Statua raffigurante Tsuruhime: Sotto vi riporto qualche pezzo eccezionale appartenuto a Onna bugeisha che ho avuto la fortuna di vedere: "Sala del Tesoro": Armatura originale appartenuta a Tsuruhime e donata al tempio: Naginata appartenuta a Tomoe Gozen:
  4. Francesco Marinelli

    Tutto bene ?

    Grazie Beta del pensiero, effettivamente si è fatto un bel salto dal letto.. è andata bene
  5. Grazie Gian dell'integrazione.
  6. Yamashiro, Mino e Yamato sono 3 province diverse del Giappone, non credo sia il tuo anche per via della datazione. Mi spiace.
  7. Controllando meglio i kanji usati per Yasunaga sembrano essere 康長, sfortunatamente ne viene listato solo uno e piuttosto arcaico: YASUNAGA (康長), Jōji (貞治, 1362-1368), Mino – “Fujiwara Yasunaga” (藤原康長), “Nōshū Fujiwara Yasunaga” (濃州藤原康長), Akasaka-Senju’in school, it is said that he came originally from Yamato province @Beta lo Yasunaga Ishido usa i caratteri 康永
  8. Bè avendo fatto l'articolleto lo scorso inverno.. una visita era obbligatoria!! http://www.intk-token.it/forum/index.php?showtopic=9847
  9. La tsuba è comunque relativamente vecchia, suppongo tardo '800, ma come già detto da Gian sembra esser stata fatta per fusione, guarda come si presenta la zona del seppa dai. Per quanto concerne lo yari ha un bel itame nagare (tipico delle lame in asta), peccato ci siano diversi ware. Relativamente alla firma non sembra essere incisa con decisione, comunque sia trovo nei miei testi un solo Yasunaga che si firmava con i caratteri 泰長 se pur della provincia di Awa: Periodo di produzioe Daiei (大永, 1521-1528) – firme tipiche “Yasunaga saku” (泰長作), “Ashū-jū Yasunaga” (阿州住安長), “Yasunaga” (泰長), standing-out itame mixed with masame, suguha mixed with ko-notare and ashi with plenty of nie, chū-saku.
  10. Grazie mille Beta davvero interessante, in questi giorni cercherò di integrare con qualche foto scattata la scorsa estate nell'Oyamazumi jinja - isola di Omishima
  11. Ciao Navy, la lama sembra interessante e quoto quanto sopra ti è già stato scritto. Non per fare il guastafeste ma è buona norma del forum inserire il link del venditore dal quale hai preso il materiale.
  12. Qualche bella foto della passata edizione del DTI scattata da Uwe G. https://www.nihontophoto.com/dai-token-ichi-2019
  13. Purtroppo Effe anche le condizioni di questa lama non sono buone, almeno giudicando dalle foto non sembra che possa reggere un restauro e considerando anche quanto sopra scritto da Beta, non credo che ne valga la pena, mi spiace. Naturalmente se parteciperai ad un incontro INTK potremmo darci un'occhiata di persona nell'augurio che ci possa essere ancora del margine per la politura. La forma della tua lama non è delle più comuni, sotto un estratto dal Kantei Series: Katakiriba zukuri (片切刃造), detto anche katakiriha zukuri: In questo caso un lato è interpretato in hira zukuri e l'altro in kiriba zukuri. Questo tsukurikomi è apparso verso la fine del periodo Kamakura e tornò di nuovo in voga allinizio e verso la fine del periodo Edo. Una variante del katakiriba zukuri è un lato in kiriba zukuri e dall'altro in shinogi zukuri. Le scuole e forgiatori principali che hanno usato questa forma sono: Rai Kunitoshi (来国俊), Scuola Hasebe (長谷部), Nobukuni (信国), Kagemitsu (景光), Sadamune (貞宗), Akihiro (秋広), Hirotsugu (広次), Takagi Sadamune (高木貞宗), Scuola Echizen-Seki (越前関), Scuola Horikawa (堀川), Scuola Yasutsugu (康継), Onizuka Yoshikuni (鬼塚吉国) e Taikei Naotane (大慶直胤). @Beta ho il metaldetector, sai con la linea Gotica vicino casa...😁
  14. Francesco Marinelli

    Presentazione

    Benvenuto Federico anche da parte mia!
×
×
  • Crea nuovo/a...