Vai al contenuto
betadine

Minamoto no Kiyomaro

Messaggi consigliati

(Tradotto alla beneemeglio dal file allegato. Le foto, a seguire.))

MINAMOTO NO KIYOMARO - THE “MASAMUNE OF YOTSUYA”

Researched by Ken Goldstein, Ph.D. Translator & Psychiatrist Yuko Kusaka, M.D.

 


Minamoto no Kiyomaro era il più importante fabbro di spada dell'era Shinshinto, ma la sua vita è vista come un enigma completo per i collezionisti moderni di Nihonto. 
Dove ha preso la sua formazione?
Perché le sue lame successive sono così diverse dalle sue iniziali? 
Perché si è suicidato all'età di 42 anni?

Informazioni storiche riferiscono che Kiyomaro nacque il 6 marzo 1813, come Yamaura Tamaki, secondo di due figli di Masatomo e Taka Yamaura, a Komoro, nella provincia di Shinano (attuale Città di Tomi) nel nord del Giappone.  Fu chiamato Tamaki nella sua infanzia e fino all'età adulta, e suo fratello, Masao, aveva nove anni più di lui. 

Suo padre era la decima generazione della famiglia Yamaura, un Bushi regionale e statista. 
Gli fu dato il nome di Kuranosuke alla sua cerimonia di Genpuku (coming-of-age).
Tamaki crebbe rispettando e amando suo fratello Masao che, su richiesta del padre, lo portò in un viaggio a Edo (attuale Tokyo) nel 1820 per presentare una denuncia ufficiale al governo centrale per chiarire i confini regionali. 
Essendo un eccellente fabbro, durante il suo soggiorno a Edo Masao ha visitato uno dei più rinomati fabbri del tempo, Suishinshi Masahide.
Masahide incoraggiò i fabbri a tornare ai vecchi metodi Koto. 
Era noto per il suo hamon (grandi onde impetuose) e ko-choji (piccolo fiore di chiodi di garofano). 
Le sue lame erano bellissime, con intagli intricati.
Essendo un serio fabbro, Masao apprezzò la funzione sulle sculture decorate, e chiese a Masahide di fare una spada semplice. 
Quando Masao prese la spada, la girò centinaia di volte nella notte, e la mattina dopo la restituì a Masahide, dicendogli che era insoddisfatto. 
Dopo una lunga discussione, Masahide accettò di provare ancora una volta a fare una spada, ma insistette affinché Masao guardasse l'intero processo. 
A 74 anni, questa era la prima volta che a uno straniero fosse permesso di entrare nel tanren di Masahide (laboratorio), poiché il processo di produzione della spada era normalmente avvolto in segreti.    Masahide non solo lasciò Masao guardare l'intero processo, ma trasmise anche i suoi segreti di forgiatura (Masao divenne suo discepolo nel 1828). 
Al suo ritorno a Shinano, Masao iniziò a lavorare come fabbro a tempo pieno, e fu infine impiegato da Lord Sanada del clan Matsushiro. 
Morì nel 1875 all'età di 71 anni.

Tamaki iniziò a imparare le spade da adolescente sotto le istruzioni di Masao. 
All'età di 15 anni, dopo l'incoraggiamento di Masao, Tamaki prese lezioni anche da un fabbro di spada locale a Ueda, Kawamura Toshitaka, assunto dal clan Matsudaira. 
Tamaki si vantava che sarebbe stato un buon fabbro di spada in un anno, la metà del tempo di un fabbro di spada medio.  
Mostrò talento naturale fin dall'inizio e progredì con facilità, impressionando Toshitaka che, a sua volta, gli fece da insegnante.
Anche Masao divenne anche discepolo di Toshitaka nello stesso periodo.

All'età di 17 anni, Tamaki si spostò con la famiglia a Nagaoka per continuare il lignaggio della famiglia della sua sposa (della mia ventenne), e tornò a studiare sotto Masao. 
Tamaki e Mine ebbero un figlio, Umesaku.. condusse una vita ordinaria e morì nel 1868. 
Per la prima spada di successo fatta da Tamaki e Masao usarono un vecchio ferro.
Nel diario di Masao si riporta che Tamaki avrebbe fatto la maggior parte di questo lavoro da solo senza un altro assistente, e anche che il numero di volte in cui la lama sarebbe stata forgiata sarebbe stata mantenuta bassa in modo da esprimere pienamente le proprietà del metallo originale.. questo significava che ogni singolo colpo sarebbe stato estremamente importante.
A causa del talento naturale di Tamaki e della resistenza fisica (era alto quasi sei piedi e di forte costituzione), erano sicuri che solo lui sarebbe stato il migliore per le fasi successive della forgiatura.
Alla combinazione di kawagane (pelle esterna) e shingane (nucleo della lama), piuttosto che il più facile makuri (nucleo interno circondato da durezza), Tamaki e Masao scelsero honsanmai (pezzi di acciaio duro aggiunto all'esterno della lama) che produceva una spada molto più forte, ma a meno che anche la forza sia stata applicata durante la sunobe (forma della lama).. c'era il rischio che si formavano crepe nella fase finale,  se i metalli si separavano. 
Tamaki prese il sopravvento nella fase successiva di hizukuri (kissaki shaping), che definitì la spada, seguita da sensuki (rasatura ornamentale) per finalizzare la forma della lama. 
Tamaki eseguì anche tsuchitori dove si formò il hamon, e infine yaki-ire (riscaldamento poi placato) dove la bellezza della spada è cristallizzata.
Incisero i loro nomi sulla parte anteriore e posteriore. 
Masao: "Tennenshi Hirotoshi 27 Sai Korewotsukuru." Tamaki: "Ikkansai (perseguiva uno e unico modo) Masayuki (molto probabilmente intende superare Masamune e Yukimitsu) 18 Sai Korewotsukuru," aprile, tredicesimo anno di Bunsei (1830).
La spada era un wakizashi di lunghezza isshaku-yonsun (1 shaku 4 sun).  La lama aveva un gunomechoji hamon nello stile di Bizen-den; è stato annotato nel diario di Masao che hanno programmato di fare lame future con i propri stili. 

(Figura 1: Honsanmae … Figura 2: Il primo wakizashi di Tamaki e Masao)

L'intero processo ha richiesto più di mezzo mese. 
Hanno poi testato la spada con successo con tameshigiri (taglio di prova).

Nell'agosto 1830, Tamaki ricevette la sua prima commissione per fare una katana a grandezza naturale, cosa che fece con l'aiuto di un singolo discepolo, Fujigo (?). 

Tamaki si sentiva orgoglioso e fiducioso del suo lavoro, nonostante le riserve di Masao sulla lama.
Masao ha visto ara-nie (cristalli di nie grossolani o grandi) nell'habuchi (linea che definisce il bordo del hamon) e in alcuni mura-nie (cristalli di nie irregolari), e ha affermato che la lama era stata forgiata troppo duramente. 
Chiese poi a Tamaki se avesse testato la qualità della lama con tameshigiri ..  Quando gli fu detto "no", Masao la testò lui stesso e la lama si ruppe a metà.
Tamaki ha poi confessato di aver esagerato con lo yakiire, ma di aver voluto impressionare suo fratello; divenne depresso e smise di fare lame. 
Ci vollero diversi mesi prima che Tamaki recuperasse la sua autostima e tornasse alla produzione di spade, ma ci volle più di un anno prima che accettasse un'altra commissione.
Nel 1832, il diciannovenne Tamaki lasciò impulsivamente sua moglie, non dicendo a nessuno dove stava andando. 
Non tornò mai più da sua moglie, che era incinta del loro figlio. 
Fu redarguito dai suoi genitori, mostrando il rimorso e le scuse al clan Nagaoka. 
Masao era comprensivo verso Tamaki, e gli diede consigli, anche se la famiglia non riuscì a capire le ragioni di Tamaki per andarsene come lui. 
Questo fu il primo grave esempio dell'instabilità mentale intrinseca di Kiyomaro.

(Figura 3: Wakizashi mei    Figura 4: Castello di Matsushiro)

Per i due anni successivi, Tamaki fece delle spade vicino al castello di Matsushiro (Kaizu). 
Un esempio del mei che ha usato allora è "Yamaura Kuranosuke Masayuki". 
Le sue spade di questo periodo sono chiamate "Matsushiro Uchi". 
Un vassallo di Lord Matsushiro, Sakuma Keinosuke, fu così impressionato dalle lame di Tamaki parlandone del valore a Lord Matsushiro, che invitò Tamaki ad essere suo fabbricante di spada. Tamaki rifiutò educatamente, spiegando che era ancora un fabbro in allenamento, e pianificò di recarsi a Edo per allenarsi con i migliori. 
Lord Matsushiro si offrì di scrivere una lettera di presentazione, che Tamaki portò a Edo. 
Per i successivi quattro o cinque anni, Tamaki si addestrava nella forgiatura sotto l'istruzione di Kubota Sugane.
Questo fu un importante punto di svolta nella carriera di Tamaki. 
Quando arrivò per la prima volta a Edo, Sugane creò un negozio di spade all'interno della sua tenuta per l'uso di Tamaki, e aiutò anche a raccogliere spade famose per mostrare a Tamaki diversi stili di lavorazione. 
Sugane era conosciuto anche per la sua vasta conoscenza, aveva scritto libri sulle spade, era un letterario, un ricco filantropo, ed era ben collegato e ben voluto. 
Tamaki in un primo momento perplesso, e non ha fatto nulla per mesi se non per bere e ubriacarsi spesso. 
Nonostante questi problemi di personalità, all'età di 24 anni, Tamaki finalmente fece un'altra spada, un wakizashi che fu firmato "Yamaura Tamaki" (il suo nome di nascita), e fu la prima di diverse spade che seguirono. 
Il wakizashi impressionò molto Sugane.
Tamaki visse e fece le spade nella tenuta di Sugane per circa quattro anni, con Sugane che lo sostenne pazientemente, sia finanziariamente che emotivamente. 
Sugane escogitò con un piano per aiutare finanziariamente Tamaki, e formò il club di armi Bukiko dove i membri pagavano le quote a rate. 
I 50 membri “fecero una sorta di gara” per vedere chi avrebbe ricevuto la prima spada di Tamaki.
 

Il piano originale era quello di fare tre spade al mese, in modo che in un anno e mezzo tutti i membri avrebbero ottenuto le loro spade.
Tuttavia, Tamaki era ignaro di questo calendario, e la sua agenda avrebbe prodotto solo tre spade ogni due mesi. 
Nell'agosto del decimo anno di Tenpo (1839), fu completata la prima spada: "Bukiko Ichi Hyaku no Ichi", "Bukiko one of 10, Yamaura Tamaki Masayuki, August, decimo anno di Tenpo". 
Sugane e i membri rimasi senza parole per la bellezza della spada.
Ma Tamaki decise che avrebbe distrutto tutte le spade che non erano soddisfacenti; questo comportò lo spreco di un sacco di materiali costosi, e la produzione scese sempre più, rispetto al programma.
Sotto pressione, Tamaki tornò a bere pesantemente .. rovinando la sua salute. 
Sugane si rese conto che la qualità della spada di Tamaki mostrava anche la sua mancanza di fiducia, e che Tamaki doveva in qualche modo liberare la sua mente e farsi ispirare di nuovo.  Sugane decise di abbandonare l'intero concetto Bukiko nonostante le enormi perdite monetarie, sia suo che dei membri del club d'armi.   Decise di mandare Tamaki al lontano Choshu, Hagi (circa 660 miglia da Edo) per due anni per recuperare emotivamente, mentre si occupava del pasticcio finanziario di Edo.

All'età di 29 anni, Tamaki fu invitato dal Signore di Hagi - su richiesta di Sugane - a fare e insegnare la produzione di spade ai suoi allievi forgiatori. 
Ad Hagi, Tamaki aveva aperto un negozio, poteva facilmente trovare ferro di buona qualità, c'erano fabbri seri che stavano rapidamente imparando della sua abilità, e stava ricevendo commissioni.    Gli fu concesso il permesso di vedere diverse famose vecchie spade da fabbri come Samonji e Yasukichi. 
La prima spada forgiata ad Hagi fu un wakizashi, che incise con un mei a due caratteri "Masayuki"; sull'ura è stato inciso "Twelfth year of Tenpo, febbraio."
Tamaki scrisse spesso a suo fratello, dicendo a Masao che aveva completato un naga-yari (lunga lancia) e diversi katana e wakizashi, tutti su commissione. 
Fu poi commissionato per fare una naginata, seguita da un tanto. 
Tamaki scrisse ..  "Ho messo tutto nel fare questo tanto!  La mia canzone, il mio spirito, la mia energia vitale, tutto è stato forgiato nella profonda neve del ferro.  .. questa lama hira-zukuri è la mia versione di Samonji! 
Tamaki aveva chiaramente sperimentato …. e  afferrato qualcosa. 
Durante il suo soggiorno ad Hagi, le abilità di produzione di spada di Tamaki raggiunsero un livello vicino alla perfezione.
Nel 1844 Tamaki lasciò Hagi e andò direttamente a casa di Masao a Komoro, non lontano dalla loro città natale. 
Questa volta, i fratelli hanno potuto avere una discussione appassionata sulla produzione di spade.
Dal diario di Masao, raccontò Tamaki, "mi resi conto che la cosa più importante è la temperatura e lo spirito del fabbro.  La spada è la miscelazione di terra, acqua, fuoco e vento.  Ma di tutti questi elementi, il più importante è la capacità di giudicare il fuoco.  E, naturalmente, si deve forgiare con amore per il ferro. 

(Figure 5 e 6: Naga-yari & mei)

Masao rispose: "Così il successo di creare il jigane (superficie di lama) non è nel materiale, ma nella vostra tecnica?" 
Tamaki: "Questo è un po' esagerato. 
Due fabbri che utilizzano gli stessi materiali produrranno due spade diverse. 
Fare una lancia è stato un compito estremamente difficile. 
La lancia non deve avere sori (curvatura della lama) nel processo yaki-ire. 
Quello che ho fatto era hirasankaku (sezione triangolare). 
Ogni sfaccettatura aveva il suo carattere, ma tutti si sono riuniti e si sono mescolati in una lancia.   E’ stata davvero una grande esperienza, e ho imparato molto da essa".

Tamaki era felicemente circondato dalla famiglia, dal loro amore e dal loro sostegno. 
Con l'aiuto di due assistenti di Masao, Tamaki cominciò a produrre, uno dopo l'altro: katana, kodachi, tanto.
L'energia affettiva di Tamaki ha stimolato la creatività e la sana competitività di Masao. 
Hanno confrontato e criticato le creazioni reciproche, realizzate con gli stessi materiali. 
Tamaki era tagliente, potente e appassionato.  Masao era conservatore. 
Masao sapeva che non avrebbe mai raggiunto il livello di Tamaki.. non importa quanto ci avesse provato.

Nel frattempo, Sugane era rimasto al passo con i progressi di Tamaki, e lo accolse di nuovo a Edo nel 1845. 
Tamaki aveva oramai 33 anni, e Masao arrivò nella tenuta di Sugane a Kojimachi, dove Sugane fornì due assistenti che presto divennero discepoli di Tamaki. 
Tutto quello che Sugane voleva che Tamaki facesse era pensare di creare le sue migliori spade, e di non produrre mai in massa o fare un daisaku-daimei (fare spade falsamente sotto il nome di un'altra persona), mentre Sugane e un ricco mercante, Saigo Masamaro, pagavano tutto, dai materiali agli assistenti di Tamaki. 
Tamaki ha anche preso lezioni quotidiane nella lucidatura della spada per un anno, andando a Kinoya in Akasaka, immaginando che sarebbe stato in grado di saperne di più sulle strutture dei metalli.

Nel 1846, Tamaki cambiò il suo mei in Kiyomaro, prendendo un personaggio da Sugane, e un personaggio da Masamaro. 
Una delle sue commissioni proveniva da un uomo che voleva un wakizashi con un Aoe no saka-choji (aspetto fuso-insieme) che era stato in stile alla fine del periodo Kamakura. 
Questo progetto interessava Kiyomaro, ed è stato in grado di trovare una vecchia formulazione per il rivestimento yakiba-tsuchi. 
Questo consisteva in un mezzo misurino di sporcizia, un misurino e mezzo di toishi in polvere (polvere lucidatura shiagi), e due misurini di carbone ..  questi ingredienti sono stati setacciati attraverso la seta, accuratamente mescolati, e poi impastati insieme per un'intera giornata. 
Lo yakibatsuchi è stato poi diffuso su tutta la lama;  nel diario di Masao si notò che lo sporco grigio-nerastro si asciugava e diventava whitish, e poi lo sporco in eccesso veniva accuratamente raschiato. 
Lo yaki-ire procedeva perfettamente, e Kiyomaro fece lui stesso la lucidatura. 
Ciò che è stato creato è stata una lama di 1 shaku 2 sun, con un suguha biancastro (dritto) hamon che non sembrava per niente come spade tradizionali.
Kiyomaro rimase deluso e portò la lama all'agente del compratore, Amiya Soemon, per dirgli che aveva tentato di adempiere alla sua promessa, ma aveva fallito, e promise di crearne una che sarebbe stata soddisfacente. 
Come spacciatore di molte spade famose, Amiya non avrebbe lasciato andare questo wakizashi.
Kiyomaro era imbarazzato nel lasciarsi alle spalle una spada che considerava meno soddisfacente, ma alla fine hanno raggiunto un accordo: Amiya avrebbe conservato questa spada nella sua casa del tesoro senza venderla fino a quando Kiyomaro non avrà creato una spada per lui soddisfacente. 
Kiyomaro non voleva soldi per la lama, ma Amiya insistette e gli diede 15 ryo. 
Kiyomaro non ha mai scoperto che poco dopo, l'acquirente di Amiya si rifiutò di lasciare il wakizashi una volta che lo vide, e così fu venduto.

Nel 1847, Kiyomaro si sentì al punto di svolta della sua carriera. 
Iniziò a lasciarsi alle spalle il tradizionale “aquilone” honsanmae, e cominciò a creare quello che stava per diventare shin no shihozume, incorporando hagane, shingane e kawagane.
La seconda lama fu fatta per Sugane, con il mei "Yamaura Tamaki Minamoto no Kiyomaro".  La katana era 2 shaku 6 sun 4-5 bu di lunghezza, stile shihozume, con un hamon o-gunomemidare. 
Sugane determinò che era giunto il momento di assumere permanentemente il suo nuovo nome: Minamoto no Kiyomaro.

Gli anni successivi furono gli anni d'oro di Kiyomaro. 
Raramente commetteva errori.. e non riuscì a fare due spade al mese.
Ma all'inizio del 1850, la madre di Kiyomaro morì, e lui tornò a bere pesantemente.

Il diario di Masao afferma che "la produzione di spade era diventata un misto di ecstasy e sofferenza, una e la stessa". 
Kiyomaro si sentiva totalmente solo, e a volte sentiva che stava perdendo la testa nella sua ricerca della bellezza. 
Entro la fine di quell'anno, Kiyomaro entrò in un periodo di profonda e pesante svogliatezza, che per altri potrebbe essere sembrata essere pigrizia. 
A metà del 1851, Masamaro fu in grado di catturare l'attenzione di Kiyomaro chiedendogli di fare un osoraku tanto (molto grande kissaki). 
Ma dopo aver creato "il estremamente difficile alla perfezione", Kiyomaro ancora una volta si rivolse al bere pesante.
La sua salute cominciò a vacilare e la sua produttività declinò rapidamente. Le commissioni hanno continuato ad arrivare, ma la sua qualità di vita ha sofferto e non è stato in grado di tenere il passo con le richieste. 
All'età di 39 anni, era lunatico e irritabile, incoerente nelle prestazioni.  Si stancava facilmente, perdeva peso, ed era cronicamente molto malato. 
Nei due anni successivi, Kiyomaro ha lottato per continuare a fare spade.

(Figura 7: Shihozume    Figura 8: Katana di Sugane & mei)

I paesi stranieri minacciavano il Giappone di porre fine all'isolazionismo e di aprire i suoi porti al mondo esterno. 

Le spade erano molto richieste in preparazione di un possibile attacco esterno. 
Due dei suoi quattro discepoli decisero di andarsene e aprirono i propri negozi, lasciando solo Masao (non suo fratello) e un altro discepolo di nome Kiyondo. 
Alla fine del 1854, anche il discepolo Masao partì per fondare la propria "nave" (prendere la propria strada/via/rotta, ndr), lasciando solo Kiyondo.
Kiyomaro, stava male.. cominciò a tossire spesso, gestiva febbri, si sentiva stanco, tossiva sangue, ed era convinto di avere la tubercolosi, che a quei giorni era una condanna a morte. 
Non sapendo per quanto tempo doveva vivere, Kiyomaro aveva fretta di addestrare il suo unico discepolo rimasto.   Era anche depresso, pensando che tutti sembravano lasciarlo. 
Rimase sempre più indietro su una commissione di 30 spade. 
Ma fu un ultimo incidente che ha preso la sua decisione di porre fine alla sua vita. 
Ad un certo punto, c'era solo una spada che era intorno a lui, ed era incompiuta. 

Kiyomaro cercò di finirla, ma si rivelò essere un infelice fallimento, un fukure (blister), per la prima volta nella sua vita.

Così, mentre tutti erano fuori, chiuse tutte le finestre e le porte della sua casa e si impegnò a .. fare seppuku.   Era il 14 novembre 1855. 

Nel diario di Masao si riporta che le ceneri di Kiyomaro sono state restituite al cimitero del clan Nagaoka. 
Il fratello Masao, con l'aiuto dell'ultimo discepolo di Kiyomaro, Kiyondo, forgiò le ultime 30 spade che erano in commissione.

Alcune considerazioni …
Da giovane, Tamaki rimase ipnotizzato dalla bellezza di una spada che suo fratello maggiore, Masao, portava da Edo. 
L'infinita ricerca della spada perfetta da parte di Tamaki divenne un'ossessione. (come un pittore per un incarnato …)   
Da adulto ebbe l'abitudine di distruggere tutte le spade che erano a corto di soddisfazione. 
Fu questa ricerca della perfezione, tuttavia, che distrusse Kiyomaro.

Nato come secondo di due figli, nove anni dopo il fratello maggiore, Tamaki fu un po' coccolato dalla sua famiglia. 

Era un giovane impulsivo, testardo e capriccioso .. era veloce nell’agire, audace e assertivo. 
Alto (1.80espicci) era di costruzione muscolare, aveva mani grandi e forti e aveva sorprendenti buone caratteristiche..  era forte e potente, eppure allo stesso tempo sensibile e intuitivo. 
In seguito avrebbe espresso le molte sfaccettature di se stesso nelle sue creazioni.. che erano una perfetta miscela di morbido e forte, puro e appassionato, tagliente e chiaro.
Quando fu ispirato, e la sua mente purificata, queste polarità della sua esistenza si unirono in perfetta armonia e bellezza. 
Quando si scontrarono .. e si scontrarono, fu lacerato dal caos e dalla depressione, e il risultato fu la distruzione.
La sua natura temperamentale si è evoluta in evidenti sbalzi d'umore che sono stati intensificati con il suo bere pesante (disturbo bipolare con abuso di alcol associato?). 
Ci sono state fasi di produttività prolifica intervallate da periodi di inattività da ubriachi. 
Dopo la sua prima produzione di spada di successo, all'età di 18 anni con suo fratello, Tamaki continuò a fare spade e acquisì esperienza, mentre suo fratello acquisì l'approccio più conservatore di disciplinare la sua mente e il suo spirito. 
Questo è stato seguito da un periodo di relativa inattività, che è stato precipitato da una lesione narcisistica quando la sua spada si è rotta durante un test tameshigiri. 
All'età di 19 anni, Tamaki lasciò impulsivamente sua moglie senza dire alla sua famiglia dove andava.   
Dopo un periodo di difficoltà, fu finalmente in grado di fare diversi spade che impressionarono profondamente Lord Yukitsura di Matsusiro Han.
Tamaki si trasferì a Edo all'età di 23 anni.

Per un intero anno di vita all'interno della tenuta di Kubota Sugane, non creò nulla. 
Quando finalmente fu in grado di creare una spada, fu in grado di farne diverse di fila. 

Quando il club di armi Bukiko di Sugane fu fondato, ciò mise a dura prova Tamaki, e sotto questa pressione, divenne di nuovo emotivamente instabile, oltre che in crisi finanziaria..  e il Bukiko dovette essere abbandonato. 
Tamaki fu inviato alla lontana Hagi dove, circondato da fabbri entusiasti e con accesso a materiali eccellenti, la sua creatività immediatamente salì, e raggiunse un altro livello di abilità.
Riacquistò la sua fiducia. 
Dopo due anni ad Hagi, tornò vicino alla sua città natale, e rimase con la famiglia di suo fratello per un anno.   Circondato dall'amore e dal sostegno della famiglia di suo fratello, Tamaki era felice e produttivo. 
Tamaki tornato da Edo, questa volta per vivere da solo nei vicoli di Yotsuya, fiducioso con il suo stile e la sua tecnica unica.
All'età di 34 anni, si rese conto di aver perfezionato la sua abilità, era fiducioso di prendere il suo nuovo mei, e divenne orgogliosamente Minamoto-no-Kiyomaro. 
I cinque anni successivi furono gli anni d'oro di Kiyomaro.

Si sfidò con commissioni difficili ... Aoe, una daisho (coppia) di spade lunghe e corte, osoraku, ecc., e fu in grado di produrre la perfezione una dopo l'altra. 

All'età di circa 39 anni, la sua salute tornò instabile. 
Molto probabilmente aveva la tubercolosi, beveva e si ubriacava spesso per sfuggire emotivamente alla disperazione, il che lo gettò nella disperazione più profonda.   Divenne più debole e più malato. 
Incapace oramai di creare, e con il peso del debito finanziario.. della perfezione e della passione di una volta non c'era più traccia.. erano persi per sempre e non aveva altra scelta che distruggersi.
Aveva 42 anni.

 

Note:
.. sebbene le informazioni contenute in questo trattato siano state studiate al meglio delle capacità dell'autore, vi è qualche dubbio sui dettagli dovuti alla contraddizione dei dati di origine, nonché all'uso di Kanji arcaici e idiomatici in molte delle descrizioni.

Riferimenti:
1. Saito Suzuko, "Toko Minamoto-no-Kiyomaro", 5 ottobre 1954
2.  Yamamoto Kenichi, "Ore wa Kiyomaro", 6 marzo 2013
3.  Sano Art Museum, "I fiori di spada giapponese, Maestri del periodo Edo: Kotetsu e Kiyomaro,"

MINAMOTOnoKIYOMARO-The Masamune of Yotsuya.pdf

 


Sii immobile come una montagna ...
ma non trattare le cose importanti troppo seriamente.

Condividi questo messaggio


Link al messaggio
Condividi su altri siti

Grazie a te, Walter, per averlo letto.

per agevolare il percoso..

1. Honsanmae.jpg
Figura 1: Honsanmae

2. Tamaki’s & Masao’s first wakizashi.png
… Figura 2: Il primo wakizashi di Tamaki e Masao)
3. Wakizashi mei.png
Figura 3: Wakizashi mei

4. Matsushiro Castle.png
  Figura 4: Castello di Matsushiro)

5. Naga-yari.png
Figure 5 e 6: Naga-yari & mei)
6. mei.png

7. Shihozume.png
Figura 7: Shihozume 

8. Sugane's katana.png
  Figura 8: Katana di Sugane & mei)
8.. Sugane's katana mei.png

 

.. tempo fa, ne fu venduta una da Christie.. https://www.christies.com/lotfinder/Lot/a-kiyomaro-school-katana-signed-ikkansai-masayuki-4376994-details.aspx


Sii immobile come una montagna ...
ma non trattare le cose importanti troppo seriamente.

Condividi questo messaggio


Link al messaggio
Condividi su altri siti

Unisciti alla conversazione

Adesso puoi postare e registrarti più tardi. Se hai un account, Registrati adesso per inserire messaggi con il tuo account.

Ospite
Rispondi

×   Incolla come testo formattato.   Incolla invece come testo normale

  Sono permesse un massimo di 75 faccine.

×   Il tuo link è stato inserito automaticamente.   Visualizza invece come link

×   Il tuo contenuto precedente è stato ripristinato.   Editor trasparente

×   Non puoi incollare le immagini direttamente. Carica o inserisci immagini dall'URL.

Caricamento

Chi è I.N.T.K.

La I.N.T.K. – Itaria Nihon Tōken Kyōkai (Associazione italiana per la Spada Giapponese) è stata fondata a Bologna nel 1990 con lo scopo di diffondere lo studio della Tōken e salvaguardarne il millenario patrimonio artistico-culturale, collaborando con i maggiori Musei d’Arte Orientale ed il collezionismo privato. La I.N.T.K. è accreditata presso l’Ambasciata Giapponese di Roma, il Consolato Generale del Giappone di Milano, la Japan Foundation in Roma, la N.B.T.H.K. di Tōkyō. Seminari, conferenze, visite guidate a musei e mostre, viaggi di studio in Europa e Giappone, consulenze, pubblicazioni, il bollettino trimestrale inviato gratuitamente ai Soci, sono le principali attività della I.N.T.K., apolitica e senza scopo di lucro.

Come associarsi ad I.N.T.K.:

Potete trovare QUI tutte le informazioni per associarsi ad I.N.T.K..
Associandovi ad I.N.T.K. accettate in maniera esplicita il Codice Etico e lo statuto dell'associazione ed avrete accesso ad una serie di benefici:
- Accesso alle aree riservate ai soci del sito e del forum;
- Possibilità di partecipare agli eventi patrocinati dall'associazione (ritrovi, viaggi, kansho, ecc...);
- Riceverete il bollettino trimestrale dell'Associazione.

"Una singola freccia si rompe facilmente, ma non dieci frecce tenute assieme."

(proverbio popolare giapponese)

×
×
  • Crea nuovo/a...

Informazione importante