Rss

  • youtube
  • facebook

Nihontō no kanshō – 19 Novembre 2016, Sesto Fiorentino (FI)

Incontro autunnale

a cura di Manuel Coden e Francesco Marinelli

Sabato 19 Novembre presso la consueta location di Casa del Guidi di Sesto Fiorentino, si è tenuto l’ultimo incontro dell’anno 2016.

Foto di gruppo I.N.T.K. (se pur non al completo).

L’incontro è stato caratterizzato da un programma estremamente interessante e completo, la partecipazione è stata considerevole con oltre 30 presenti (tant’è che le dispense preparate non sono state sufficienti), alcuni dei quali persino da Sicilia e Sardegna.

Con un leggero ritardo per attendere alcuni soci rallentati dal maltempo si è dato inizio all’evento partendo dalla proiezione di un video in cui il nostro Massimo Rossi ha guidato i partecipanti in tutte le fasi della politura di un wakizashi firmato Terukado, che era possibile visionare anche dal vivo. Massimo ha poi introdotto la lama descrivendo la scuola e sottolineando la fortuna che abbiamo avuto a poterla apprezzare, in quanto le lame di questo autore non sono molte nel mondo delle nihonto.

Sempre il nostro Segretario ci ha introdotto alla scuola Shitahara, scuola della provincia di Musashi, rinomata per produrre lame di eccellenti qualità come armi da battaglia. Era inoltre presente come esempio della scuola una Naginata, da lui recentemente polita, firmata Bushu Masashige (vedi foto sottostanti).

La parola è poi passata a Manuel Coden e Francesco Marinelli che ci hanno introdotto alla scuola Shimada, il cui principale esponente fu Sukemune, inventore del Osoraku zukuri, del quale erano presenti ben due lame portate dai relatori, oltre ad un Osoraku tanto di fattura moderna.

Foto del tantō e del katate uchi firmati da Sukemune

A seguire Gianluca Venier ha tenuto un’interessante riflessione sui tachi sugata tra Heian e Kamakura, proiettando molti esempi e fornendo anche un ripasso su alcuni termini fondamentali che a volte non vengono presi sufficientemente in considerazione, ma che sono basilari per comprendere più a fondo le lame di quel periodo.

Immagine della tachi recante la più antica data: jūyō bijutsuhin, nagasa di 82.5 cm, nakago ubu, mei e nengo in kakikudashi “Yukimasa” (行正) – “Heiji gannen hachigatsu futsuka” (平治元年八月二日) (2 Agosto 1159). Sull’altro lato porta inscritto “Kuniyasu” (国安), non è chiaro, ma si ritiene che sia il nome del proprietario di quel tempo.

Nella foto sottostante sul katanakake potete osservare sotto un utsushi in stile Kamakura e sopra una tachi suriage attribuita alla scuola Ko Naminohira di circa 800 anni fa!

Dopodiché  è stato il tempo di prendere una pausa ed i soci si sono goduti un ottimo pranzo a buffet con leccornie locali e come piatto principale polenta con una scelta di sughi.

Con la pancia piena i partecipanti hanno poi assistito alla presentazione del nuovo Data Base online I.N.T.K. a cura di Enrico Ferrarese, un’eccellente piattaforma di studio e ricerca che sarà presto disponibile per tutti i soci e che sarà sviluppata ulteriormente con il contributo di tutti gli utenti, che diventerà un punto di vanto per tutta l’associazione.

C’è stata anche l’occasione per visionare le lame portate dai soci delle quali avevamo parlato nei mesi sul nostro Forum.

Per concludere è stato un incontro estremamente interessante, grazie sopratutto al lavoro di squadra dei relatori ed alla partecipazione attiva dei presenti. Questo fa ben sperare per il vicino futuro dell’associazione e con il contributo di tutti i contenuti saranno ancora migliori nei prossimi eventi.

Grazie a tutti e alla prossima!

Galleria fotografica:

(Foto del nostro socio Roberto Rovere)

Comments are closed.