Vai al contenuto
Simone Di Franco

Vale Tudo E Freefight

Messaggi consigliati

Non lo conosci?? :ohmy: ...E' un tipo di campionato internazionale di lotta senza esclusione di colpi (nel quale si firma una liberatoria in previsione di un eventuale morte di uno o entrambi i contendenti;si possono spezzare braccia,ossa,ecc. fino al K.O o fino a quando uno dei due atleti non getta la spugna) da cui il nome "Vale Tudo" (Vale tutto :gocciolone: )... :arigatou:


La vittoria è di colui,

ancor prima del confronto,

che non pensa a sè

e dimora nel non-pensiero della grande origine.

Condividi questo messaggio


Link al messaggio
Condividi su altri siti

il vale tudo k1 ecc .. non lo concepisco :gocciolone:

Il rispetto per se stessi e per gli altri è fondamentale.. e menarsi alla cieca non è certo prova di grande intelligenza (parere personale :ok: )

Condividi questo messaggio


Link al messaggio
Condividi su altri siti

Anch'io penso che il rispetto per gli altri sia fondamentale ( pratica ormai fin troppo in disuso ultimamente ) e condivido il tuo pensiero C3CCo :arigatou: ,tuttavia ritengo che nei combattimenti al limite come quelli del "Vale Tudo" si possa testare la reale efficienza delle tecniche marziali apprese ( anche effettuare dei paragoni tecnici).

Non credo che il concetto di scontro fisico/prova di forza sia strettamente legato all'inteligenza intesa come preservazione dell'integrità fisica e morale di un individuo (tendono a ritenere che in uno scontro diretto sia indispensabile una certa dose di logica mista a improvvisazione ,immaginazione e creatività durante uno scontro e in casi in cui è in gioco la sopravvivenza l'etichetta è totalmente inutile).Non saprei forse potrei sbagliarmi ma anche Scuole storiche di scherma (Hitto ryu,Niten ichi Ryu,Yagyu ecc ecc ecc) d'altronde sono nate da esperienze al limite dell'umano (in quei casi e in quel contesto storico ad esempio come ben saprete si usava la letale lama di acciaio di una Katana invece dello shinai odierno e anche quando era il bokken l'arma ufficiale di un allenamento questo poteva risultare mortale).


La vittoria è di colui,

ancor prima del confronto,

che non pensa a sè

e dimora nel non-pensiero della grande origine.

Condividi questo messaggio


Link al messaggio
Condividi su altri siti

Io invece sono dell'opinione contraria,

aldilà delle tecniche utilizzate, che sono molte e diverse, quando ci si picchia senza regole vince la natura: chi è più veloce, più abile, più forte o resistente.



Condividi questo messaggio


Link al messaggio
Condividi su altri siti
aldilà delle tecniche utilizzate, che sono molte e diverse, quando ci si picchia senza regole vince la natura: chi è più veloce, più abile, più forte o resistente.

 

Campionati come quelli sopra citati non sono aperti a persone comuni...

Non è forse ,oltre alla relativa forza fisica, proprio la capacità di canalizzare le diverse emozioni (rabbia,paura ecc.), lo studio assiduo delle tecniche di offesa/difesa (fino ad interiorizzarle e renderle parte della propria natura) che rendono l'artista marziale diverso dal comune picchiatore?...


La vittoria è di colui,

ancor prima del confronto,

che non pensa a sè

e dimora nel non-pensiero della grande origine.

Condividi questo messaggio


Link al messaggio
Condividi su altri siti

infatti ho scritto anche "più abile". Forse mi sono spiegato male, intendevo

 

più veloce o più forte o più abile o più resistente

 

o comunque una combinazione di questi elementi che alla fine valgono di più di quella dell'avversario.

Ripensandoci si potrebero aggiungere anche altri elementi, come quelli di carattere psicologico, ma quello che voglio dire è che è questa combinazione di elementi a far emergere il vincitore in un incontro senza regole e non la tecnica adottata in sè stessa. Almeno per quel poco che ho visto sull'argomento.



Condividi questo messaggio


Link al messaggio
Condividi su altri siti
...è che è questa combinazione di elementi a far emergere il vincitore in un incontro senza regole e non la tecnica adottata in sè stessa.

 

E' proprio questo che lo rende differente da un incontro di pugilato o un Kumite all'interno di un Dojo


La vittoria è di colui,

ancor prima del confronto,

che non pensa a sè

e dimora nel non-pensiero della grande origine.

Condividi questo messaggio


Link al messaggio
Condividi su altri siti

Come un incontro di polli da combattimento :happytrema:

scusate la provocazione :arigatou: ma penso che le arti marziali siano più profonde non voglio imporre nulla è solo il mio punto di vista..

mi ricordo un incontro favoloso di un certo johmod aveva una tecnica incredibile faceva thai boxe.. mi pare fosse all'oktagon qualche anno fa shimi l'hai mai visto?

Condividi questo messaggio


Link al messaggio
Condividi su altri siti

sono daccordo con te C3CCO la violenza inutile del Vale Tudo non ha senso ..........penso che invece gli incontri di karate o judo anche se prevedono mazzate da orbi e ossa rotte siano molto più sensati e "ragionevoli".......non c'è infatti un accanimento sul proprio avversario per fargli del male gratuito e soddisfare la propria vane sadica

Condividi questo messaggio


Link al messaggio
Condividi su altri siti

vale tudo, free fight ,e monate varie li valuto un confronto tra scimmie... ne più ne meno...

niente hanno a che fare con le arti marziali....

ho praticato per un po kali, alcune cose sono interessanti... altre un po troppo da film...

Condividi questo messaggio


Link al messaggio
Condividi su altri siti
vale tudo, free fight ,e monate varie li valuto un confronto tra scimmie...

 

... :hehe:

Hai ragione,però alcuni dei partecipanti ,come diceva C3CCO,hanno un certo stile (diciamo che sono invogliati pure a partecipare per i premi da capogiro).

 

P.S.: scusate forse mi sono perso qualcosa,ma il Karate prevede davvero ,in un Kumite nel Dojo, la rottura delle osse dell'avversario?...:confused:

Modificato: da shimitsu masatsune

La vittoria è di colui,

ancor prima del confronto,

che non pensa a sè

e dimora nel non-pensiero della grande origine.

Condividi questo messaggio


Link al messaggio
Condividi su altri siti

quelli che hanno un cero stile vengono dalla lotta greco-romana o da discipline da cropo a corpo... non avendo "sfondato" li tentano queste cretinate per soldi....

 

nella kickbox puoi trovare molti ex pugili che non avendo raggiunto grandi livelli in questa disciplina si improvvisano marzialistri (non so quanto la kick possa essere considerata arte marziale :brooding: ) per far soldi...

 

onestamente preferisco vedere un incontro di pugilato pesi leggeri che due scimmioni che si rotolano a terre come fossero ubriachi....

 

gli indicenti nel karate capitano, come nel kendo come nello judo.... dipende anche dal dojo e dalle persone ... io ho mollato shotokan anche per questo....

Condividi questo messaggio


Link al messaggio
Condividi su altri siti
gli indicenti nel karate capitano, come nel kendo come nello judo.... dipende anche dal dojo e dalle persone ... io ho mollato shotokan anche per questo....

 

idem...


______________________
Giuseppe Piva
www.giuseppepiva.com

Condividi questo messaggio


Link al messaggio
Condividi su altri siti

Unisciti alla conversazione

Adesso puoi postare e registrarti più tardi. Se hai un account, Registrati adesso per inserire messaggi con il tuo account.

Ospite
Rispondi

×   Incolla come testo formattato.   Incolla invece come testo normale

  Sono permesse un massimo di 75 faccine.

×   Il tuo link è stato inserito automaticamente.   Visualizza invece come link

×   Il tuo contenuto precedente è stato ripristinato.   Editor trasparente

×   Non puoi incollare le immagini direttamente. Carica o inserisci immagini dall'URL.

Caricamento

Chi è I.N.T.K.

La I.N.T.K. – Itaria Nihon Tōken Kyōkai (Associazione italiana per la Spada Giapponese) è stata fondata a Bologna nel 1990 con lo scopo di diffondere lo studio della Tōken e salvaguardarne il millenario patrimonio artistico-culturale, collaborando con i maggiori Musei d’Arte Orientale ed il collezionismo privato. La I.N.T.K. è accreditata presso l’Ambasciata Giapponese di Roma, il Consolato Generale del Giappone di Milano, la Japan Foundation in Roma, la N.B.T.H.K. di Tōkyō. Seminari, conferenze, visite guidate a musei e mostre, viaggi di studio in Europa e Giappone, consulenze, pubblicazioni, il bollettino trimestrale inviato gratuitamente ai Soci, sono le principali attività della I.N.T.K., apolitica e senza scopo di lucro.

Come associarsi ad I.N.T.K.:

Potete trovare QUI tutte le informazioni per associarsi ad I.N.T.K..
Associandovi ad I.N.T.K. accettate in maniera esplicita il Codice Etico e lo statuto dell'associazione ed avrete accesso ad una serie di benefici:
- Accesso alle aree riservate ai soci del sito e del forum;
- Possibilità di partecipare agli eventi patrocinati dall'associazione (ritrovi, viaggi, kansho, ecc...);
- Riceverete il bollettino trimestrale dell'Associazione.

"Una singola freccia si rompe facilmente, ma non dieci frecce tenute assieme."

(proverbio popolare giapponese)

×
×
  • Crea nuovo/a...

Informazione importante