Vai al contenuto
Simone Di Franco

Vale Tudo E Freefight

Messaggi consigliati

visto... meglio se non dico cosa penso... ho visto solo un combattimento con uno chiuso all'angolo che veniva preso a ginocchiate sulla testa...

 

Era un nero ma con i capelli tinti biondi ? .. Se la risposta è affermativa trattavasi di un campione di wrestling awaiano che stava mettendo in atto la famosa e raffinata arte di parare le ginocchiate con la fronte :gocciolone: ( stò scherzando )


Alla fine del vento

Ancora cadono le foglie ..

..Un falco lancia il suo grido

Si fa più fondo il silenzio dei monti

Condividi questo messaggio


Link al messaggio
Condividi su altri siti
Non mi ricordo... ma quello che le prendeva era bianco

 

Sissi..era lui , hai visto la fine dell'incontro ..è diventato bianco in seguito ad un naturale fenomeno che sopraggiunge poco dopo e , a volte , durante la morte .. ( ri-scherzo ) :gocciolone:


Alla fine del vento

Ancora cadono le foglie ..

..Un falco lancia il suo grido

Si fa più fondo il silenzio dei monti

Condividi questo messaggio


Link al messaggio
Condividi su altri siti
da estremista dico botte tra scimmie

 

 

Non è da considerarsi un commento da estremista ma semplicemente da persona intelligente

Condividi questo messaggio


Link al messaggio
Condividi su altri siti

In un mondo dove accade quel che accade sotto gli occhi di tutti , tutti i giorni, in tutti i posti e in tutti i momenti non vedo che ci sia di strano nel vedere questo genere di combattimenti.

Mi meraviglierei se l'essere umano non li organizzasse a dir il vero.

Modificato: da Funboy

Condividi questo messaggio


Link al messaggio
Condividi su altri siti

cmq anche il vale tudo e chi per lui puo essere chiamato "arte marziale".

arte marziale non significa metodo orientale o disciplina elaborata.

è solo un arte di marte, e quindi un arte della guerra. menare alla cieca è un arte della guerra.

 

è come paragonare musica da consolle a musica classica: serono caratteristiche diverse per praticare e (io nel mio piccolo) penso che la classica sia superiore alla musica da consolle cosi come le arti orientali siano superiori alla lotta libera.

senza pero denigrare ne la lotta libera ne tanto meno la musica da consolle.


234.gif

兵法二天一流, 宮本 武蔵, Heiho Niten Ichi Ryu, Miyamoto Musashi.

ex Fudo Myoo, ho cambiato nick.

Condividi questo messaggio


Link al messaggio
Condividi su altri siti

Il Vale Tudo è Marziale e basta, non sprecherei la parola Arte per un simile sport :arigatou:

Condividi questo messaggio


Link al messaggio
Condividi su altri siti
Il Vale Tudo è Marziale e basta, non sprecherei la parola Arte per un simile sport :arigatou:

 

Concordo in pieno e quoto! :arigatou:


アンドレア プリフィカト

Condividi questo messaggio


Link al messaggio
Condividi su altri siti

Speravo, da studioso di arti marziali quale sei, nel tuo sostegno :arigatou:

Condividi questo messaggio


Link al messaggio
Condividi su altri siti
Il Vale Tudo è Marziale e basta, non sprecherei la parola Arte per un simile sport :arigatou:

 

mi pare un compromesso accettabile :)

sia chiaro che nemmeno io valuto la lotta libera al pari di una disciplina (ho studiato judo per 10 anni) orientale, che consiste di filosofia e pratica assidua. pero denigrarla nn mi sembra giusto, tanto + per chi come me "venera" i samurai, che a conti fatti non sono molto distanti.

(duelli mortali in cui di regole nn ce ne erano molte.. addirittura gli sfidanti avevano stili e armi diverse, basti vedere la vita di Musashi...)


234.gif

兵法二天一流, 宮本 武蔵, Heiho Niten Ichi Ryu, Miyamoto Musashi.

ex Fudo Myoo, ho cambiato nick.

Condividi questo messaggio


Link al messaggio
Condividi su altri siti

Al di la che si parli di un "do" o di un "jutsu" le discipline orientali a noi più care sono nate per dei bisogni specifici; sia quello di accrescere l'uomo nella sua spiritualità e armonia con gli altri o siano più semplicemente sistemi di difesa o di maneggio di armi, in questo caso mi sento di dire che il Vale Tudo ha come unico scopo quello di far soldi con le scommesse...

 

In ogni disciplina o sport c'è un fondo di etica e di rispetto dell'avversario... laddove uno di questi punti viene a mancare per me c'è qualcosa che non va :glare:

 

I samurai hanno attraversato periodi profondamente diversi tra loro, periodi di tumulti in cui si sono sviluppate tecniche estreamente efficaci e periodi di pace in cui sono nati gli aspetti più filosofici del bushido, ma tutto è scaturito da un bisogno che necessitava di essere colmato in fretta.

 

Oggi scannarsi in un recinto, ignorando migliaia di anni di evoluzione dell'uomo, lo trovo piuttosto da bifolchi! :hehe:


アンドレア プリフィカト

Condividi questo messaggio


Link al messaggio
Condividi su altri siti

Credo che, con l'ultimo intervento di Andrea, non vi sia più nulla da aggiungere alla discussione :arigatou:

Condividi questo messaggio


Link al messaggio
Condividi su altri siti

a parere mio nn bisogna confondere le arti mazriali con le arti da combattimento.....

 

la vale tudo, il freefight e il krav maga nn sono arti marziali.

 

sono arti da combattimento/eliminazione dell'avversario, per questo vengono date in dotazione agli eserciti di mezzo mondo....

 

se vi ritrovaste in mezzo a una guerriglia privi di armi avreste solo una cosa da fare..... SOPRAVVIVERE usando tutte le vostre abilita'....

 

nella sopravvivenza nn c'è onore....

 

nella sopravvivenza ci siete voi o gli altri.....

 

vorrei propio vedere se in mezzo a un'attacco di piu' persone contro di voi se iniziate a tirare di karate, jugitsu, kung fu o altro.....

 

nn penso che avreste il tempo di fare calci volanti o qualche altro colpo spettacolare a vedersi......

 

secondo me tentereste di abbattere piu' avversari nel minor tempo possibile cercando di sprecare meno energie possibili.....

 

quindi evitiamo di confondere le arti marziali con le arti da combattimento......


non c'è vento favorevole per chi non sa dove va.

 

il valore di un guerriero si vede dal valore dei suoi nemici.

 

c'è una legge che sta' al potere.... dice che l'essere sta' nell'avere.

Condividi questo messaggio


Link al messaggio
Condividi su altri siti
a parere mio nn bisogna confondere le arti mazriali con le arti da combattimento.....

 

la vale tudo, il freefight e il krav maga nn sono arti marziali.

 

sono arti da combattimento/eliminazione dell'avversario, per questo vengono date in dotazione agli eserciti di mezzo mondo....

 

se vi ritrovaste in mezzo a una guerriglia privi di armi avreste solo una cosa da fare..... SOPRAVVIVERE usando tutte le vostre abilita'....

 

nella sopravvivenza nn c'è onore....

 

nella sopravvivenza ci siete voi o gli altri.....

 

vorrei propio vedere se in mezzo a un'attacco di piu' persone contro di voi se iniziate a tirare di karate, jugitsu, kung fu o altro.....

 

nn penso che avreste il tempo di fare calci volanti o qualche altro colpo spettacolare a vedersi......

 

secondo me tentereste di abbattere piu' avversari nel minor tempo possibile cercando di sprecare meno energie possibili.....

 

quindi evitiamo di confondere le arti marziali con le arti da combattimento......

 

 

 

non voglio mancarti di rispetto ma temo che la tua cultura sulle arti marziali orientali provenga da b-movie degli anni 70.

in particolare insisto sulle ultime 3 frasi.

1) i colpi spettacolari nelle am non sono particolarmente frequenti e quando ci sono sono anche estremamente efficaci. vale la regola "la forma consegue la funzione". i colpi non sono spettacolari, i colpi sono efficaci, poi possono essere anche spettacolari ma è una conseguenza spesso nemmeno desiderata.

2) le arti marziali (parlo nell'ottica di un judoka ma lo stesso principio è applicabile anche al jujutsu e credo aikido) sono un sistema di combattimento elaborato per vincere, ed è chiaro che per vincere devi risparmiare il + possibile le forze, le tecniche spettacolari sono bandite per questo: non bisogna perdere energie per mosse coreografiche, solo colpi essenziali. in molte AM giapponesi compare il principio di massima efficacia (l'aikido ne prende anche il nome se non erro). quindi anche questo è palesemente errato.

non mi intendo di spada ma nel go rin no sho Musashi critica le scuole che insegnano tecniche elaborate dicendo che l'essenza del budo è in mosse semplici e lineari, mirate all'abbattimento del nemico.

 

riguardo agli eserciti, che mi risulti i campionati di am orientali interni all'esercito non sono rari, il MGA insegnato alle varie guardie di sicurezza è basato su judo e aikido. in italia e suppongo anche all'estero i carabinieri tengono specialisti di judo e karate (i campioni olimpionici spesso provengono da qui).

 

apro e chiudo una piccola parentesi sulla tua visione delle risse.. sicuramente se vengo attaccato non mi comporto come nel dojo, ne tanto meno baso la mia sopravvivenza sulla conoscenza delle arti marziali.. ma non credi che il combattere ogni 2 giorni ti formi proprio la mente? non credi che essere abituato a un combattimento ti dia un enorme vantaggio quando combatti sul serio? io credo di si, e credo pure che sviluppato un certo istinto infilare qualche tecnica venga anche naturale.

 

inoltre ultimissima parentesi, nelle AM (non scordiamo che i ryu nascono dopo il 1600) l'avversario non è + il nemico ma se stessi, e vinti se stessi si può vincere chiunque.


234.gif

兵法二天一流, 宮本 武蔵, Heiho Niten Ichi Ryu, Miyamoto Musashi.

ex Fudo Myoo, ho cambiato nick.

Condividi questo messaggio


Link al messaggio
Condividi su altri siti

Ciao Vendicatore, mi sembra che qui si torni sempre al solito discorso: " Quale arte marziale è più efficace ? ". Se fosse vero quello che dici tu dovremmo fare tutti Vale Tudo, Free Fight e così via... E potrebbe anche essere così, se una cosa è migliore di un'altra altra sono il primo a riconoscerlo. Tuttavia questo è il mio ragionamento: tu credi davvero che i Samurai ( parlo del Giappone ) abbiano codificato dei sistemi di combattimento che all'atto pratico si rivelassero inefficaci? Inoltre per quale motivo non potrei tirare di Jūjutsu ( che pratico ) ? Il mio Sensei dice sempre che se ci capita di doverci difendere a tutti i costi, di utilizzare tecniche semplici ed efficaci: se sono per strada ed indosso dei jeans o dei pantaloni è improponibile tirare calci volanti a girare oppure fare tecniche acrobatiche. E penso che qualsiasi praticante intelligente ragioni così. Le acrobazie che vedi durante gli allenamenti servono solo a creare una codizione fisica che consenta di eseguire tecniche adatte ad una difesa urbana. Ad esempio nella mia Scuola di Jūjutsu si utilizza una guardia totalmente laterale rispetto all'avversario in modo da offrirgli la minor porzione possibile del nostro corpo. Ti faccio un esempio pratico: una persona di mia conoscenza praticava Muay Thai e Free Fight e andava in giro facendo lo spavaldo in quanto si sentiva il più forte del paese. E' stato sbattuto a terra da un ragazzo ( che lui stava provocando insieme ai suoi amici ) di 15 anni con un semplice calcio ai genitali. E questo è accaduto perchè SPORT come il Muay Thai o i combattimenti nelle gabbie non prevedono la difesa delle zone intime con una gamba avanzata, per il semplice motivo che in gara questi colpi sono proibiti e quindi non c'è alcun bisogno di preoccuparsene. Te lo immagini un combattimento di Thai con i combattenti in guardia totalmente laterale? Verrebbero eliminati il 90% dei colpi. Ma in strada è diverso e tirano di tutto, dai colpi bassi alle coltellate. Infine vorrei citare questa tua frase: " secondo me tentereste di abbattere piu' avversari nel minor tempo possibile cercando di sprecare meno energie possibili.....". Concordo pienamente con quello che hai detto, ti consiglio di andare a vedere quindi un allenamento di Aikidō, di Jūjutsu, di Aikijūjutsu,ecc... Nel forum troverai tantissimi praticanti esperti.

 

Alla fine penso che tutte le Arti Maziali siano efficaci, ma ce ne sono alcune che ti usurano 1000 volte in più rispetto ad altre ( Free Fight, Vale Tudo, Muay Thai ). Dal momento che quando avrò 50 anni vorrei continuare a praticare Spada Giapponese ( che per me è una ragione di vita ) ho bisogno che il mio corpo sia integro il più possibile. Non mi è mai capitato di dovermi difendere e penso che mai mi capiterà. Ma se è destino che dovrò essere pestato oppure no, non credo che nessuna Arte Marziale possa cambiare la situazione :arigatou:

Condividi questo messaggio


Link al messaggio
Condividi su altri siti

Quoto appieno Fudo...

Ma voglio ribattere due cose:

1- Le mosse spettacolari non esistono. Sono invenzioni moderne.

2- Oggigiorno gli sport da combattimento hanno canali, eventi, sponsor, e un giro d'affari dietro che fa storcere il naso. I famosi Vale Tudo del brasile anni 80-90 hanno lanciato questa "disciplina" in tutto il mondo. Effettivamente però il livello tecnico e marziale degli atleti che vi si cimentano è veramente straordinario. Se non si è ben al di sopra della media non si ha spazio televisivo.

Nel mondo delle AM invece, non essendoci spesso eventi in cui si compete contro altri stili od avversari, questo fatto spinge molte, troppe persone a definirsi maestri, sifu e chi ne ha più ne metta, senza la possibilità che costoro vengano dimostrati tali o semplicemente contraddetti. A volte la loro cecità arriva a talmente tanto da mettere i loro personali ( o della loro scuola ) video sul loro unico canale disponibile: youtube. Ecco perchè purtroppo le AM sono viste in tale maniera dal mondo occidentale: combattimenti che si risolvono in colpi a caso, tao lu o kata eseguiti in maniera imprecisa, oltre che evidenti lacune tecniche ed inutili spettacolarità.

Il luogo comune è questo: Sport da competizione= efficacia; Arte Marziale: tutto fumo e niente arrosto, od attività da nerd.

Per quelli che tirano in ballo in continuazione il "contesto reale", per esperienza personale ti posso garantire, caro vendicatore, che in tali situazioni accade di tutto, ma difficilmente il combattimento si protarrà a terra per minuti ( ad esempio UFC, K1 ) e che le occasioni in cui capiterà di usare leve proiezioni sono rarissime ( e qui tiro in ballo il krav maga ).

E i calci, non quelli volanti od a livello viso, ma ad altezza bocca dello stomaco, aiutano. :samurai:

Con buona pace della boxe :arigatou:

Condividi questo messaggio


Link al messaggio
Condividi su altri siti

Crea un account o accedi per commentare

Devi essere un utente per poter lasciare un commento

Crea un account

Registrati per un nuovo account nella nostra comunità. è facile!

Registra un nuovo account

Accedi

Hai già un account? Accedi qui.

Accedi ora

Chi è I.N.T.K.

La I.N.T.K. – Itaria Nihon Tōken Kyōkai (Associazione italiana per la Spada Giapponese) è stata fondata a Bologna nel 1990 con lo scopo di diffondere lo studio della Tōken e salvaguardarne il millenario patrimonio artistico-culturale, collaborando con i maggiori Musei d’Arte Orientale ed il collezionismo privato. La I.N.T.K. è accreditata presso l’Ambasciata Giapponese di Roma, il Consolato Generale del Giappone di Milano, la Japan Foundation in Roma, la N.B.T.H.K. di Tōkyō. Seminari, conferenze, visite guidate a musei e mostre, viaggi di studio in Europa e Giappone, consulenze, pubblicazioni, il bollettino trimestrale inviato gratuitamente ai Soci, sono le principali attività della I.N.T.K., apolitica e senza scopo di lucro.

Come associarsi ad I.N.T.K.:

Potete trovare QUI tutte le informazioni per associarsi ad I.N.T.K..
Associandovi ad I.N.T.K. accettate in maniera esplicita il Codice Etico e lo statuto dell'associazione ed avrete accesso ad una serie di benefici:
- Accesso alle aree riservate ai soci del sito e del forum;
- Possibilità di partecipare agli eventi patrocinati dall'associazione (ritrovi, viaggi, kansho, ecc...);
- Riceverete il bollettino trimestrale dell'Associazione.

"Una singola freccia si rompe facilmente, ma non dieci frecce tenute assieme."

(proverbio popolare giapponese)

×
×
  • Crea nuovo/a...

Informazione importante