Vai al contenuto

Iscrizione/rinnovo NBTHK Italian Branch

comunicazione di servizio

nijuseiki

Aiuto per una mei (Gunto)

Messaggi consigliati

Salve a tutti. Intanto esordisco dicendovi che è il mio primo acquisto, purtroppo però da solo non riesco a leggere la mei. La lama è da polire, in ogni caso se può farvi piacere provvederò a postare una scheda. Grazie!

 

P.S. Mi scuso per la qualità delle foto, non sono riuscito a fare di meglio.

P8240624.JPG

P8240633.JPG

Condividi questo messaggio


Link al messaggio
Condividi su altri siti

Ciao Nijuseki, la data riporta Shōwa Kinoesaru Haru (primavera dell'anno Kinoesaru di Epoca Shōwa-1944) mentre la firma dello spadaio reca inciso Yoshiharu. A quanto sembra si tratta di una tachimei :arigatou:

Condividi questo messaggio


Link al messaggio
Condividi su altri siti

Vi ringrazio di cuore per l'aiuto! Mi metto al lavoro e ve la mostro nella sua interezza.

Condividi questo messaggio


Link al messaggio
Condividi su altri siti

Grazie per il sito che mi hai raccomandato e per l'interesse Mauri, su internet infatti ho trovato diverse firme di Yoshiharu alcune uguali e altre differenti come quella che hai postato. Ho scattato alcune foto intere, dunque, l'ito e il same sono nuovi, la lama è da polire, al massimo si intravede un suguha. Per il resto, ecco quà. Perdonate l'intasamento!

dscn1061v.jpgdscn1062l.jpgdscn1065r.jpgdscn1067fa.jpgdscn1068yr.jpgdscn1070p.jpgdscn1078yx.jpgdscn1072k.jpg

Condividi questo messaggio


Link al messaggio
Condividi su altri siti

dalla foto non molto nitida si puo' apprezzare una timida linea di tempra ma non un hada. dovresti fare piu' primi piani dei particolari senza riflesso,magari con una luce naturale.


Tutta una vita non basta ad un artista per dare alla luce le opere che si trovano nella sua mente.

Condividi questo messaggio


Link al messaggio
Condividi su altri siti

Mi sembra proprio una gunto, quindi non ti aspettare grandissime sorprese anche se la restauri.

Comunque sia è abbastanza ben tenuta/restaurata, quindi te la puoi godere anche così. :ok:



Condividi questo messaggio


Link al messaggio
Condividi su altri siti

Rispondendo a Vincent, cercherò di dare una resa migliore quanto riguarda le luci, un amico fotografo si è gentilmente offerto di darmi una mano, vediamo cosa ne verrà fuori. YamaArashi ha ragione ahimè, è una cosa che va ponderata, una politura può essere costosa e quando si parla di gunto la questione è spinosa. E' una strana sensazione, prima di diventare possessore credevo che la politura sarebbe stato l'ultimo dei miei problemi, neanche ci avrei pensato, ora invece guardo la lama e l'hamon implora di uscire fuori, benchè, certamente, si tratti di gunto. Non posso guardarla senza pensare "chissà cosa c'è sotto". Il koshirae, come dice Cesare, sembra in ottime condizioni, la saya è praticamente intonsa se non fosse per un brutto bozzo che si può notare nella prima immagine del mio precedente post. Per il resto tutte le parti del koshirae sono contrassegnate con lo stesso numero (23) come di consueto per le gunto. Dopo qualche ricerca, sono giunto ad alcune ipotesi storiche per questa lama. Con il prezioso aiuto di Sandro, la lama rivela essere stata fatta nel 1944, periodo di transizione per le gunto. Sembra essere nel periodo a cavallo tra le normali gunto da ufficiale e quelle truculente spade di fortuna la cui lama è completamente industriale e il koshirae è costruito con i più orrendi e tristi materiali ( NCO per ufficiali, in poche parole). Infatti, anche se numerati, gli elementi del koshirae sono stati messi insieme alla meno peggio. In genere le gunto hanno la classica linguetta, che può essere di vario tipo, che permette lo sblocco della lama, questa spada in particolare ha il foro sul fuchi che dovrebbe ospitare il bottoncino (quello a linguetta metallica che si incastra nel koiguchi) ma il meccanismo non c'è. Ho saputo di altre gunto con tali caratteristiche fatte intorno allo stesso periodo, ovviamente ammesso che non sia tutta una folle tirata e che semplicemente lo sgancio non sia stato asportato, cosa plausibile. Inoltre risulta che alcune lame fatte artigianalmente in tale periodo, per mancanza di tempo, anzichè polite come si deve venissero semplicemente lucidate a specchio. Se così fosse, l'hada di questa spada non ha mai visto la luce... sempre ammesso che ce l'abbia, l'hada... sob. Il fatto che non riesco a vederne le caratteristiche mi manda ai matti.

Condividi questo messaggio


Link al messaggio
Condividi su altri siti

Ottima analisi, Nijuseiki.

Aggiungi però questo : quel same è nuovo, è troppo bianco. quindi anche lo tsukaito, che per altro non mi sembra perfetto per una gunto.

E' possibile quindi che ci sia stato un semi restauro, un tentativo di rimetterlo a posto.



Condividi questo messaggio


Link al messaggio
Condividi su altri siti

Grazie Yama. E' vero la tsuka è completamente nuova, ho anche quella originale ma è in pessime condizioni, ho lasciato quello restaurato per un fatto estetico. Purtroppo l'ito è praticamente assente. Peccato, il saya è (apparte l'ammaccatura) veramente messo bene.

Condividi questo messaggio


Link al messaggio
Condividi su altri siti

Crea un account o accedi per commentare

Devi essere un utente per poter lasciare un commento

Crea un account

Registrati per un nuovo account nella nostra comunità. è facile!

Registra un nuovo account

Accedi

Hai già un account? Accedi qui.

Accedi ora

Chi è I.N.T.K.

La I.N.T.K. – Itaria Nihon Tōken Kyōkai (Associazione italiana per la Spada Giapponese) è stata fondata a Bologna nel 1990 con lo scopo di diffondere lo studio della Tōken e salvaguardarne il millenario patrimonio artistico-culturale, collaborando con i maggiori Musei d’Arte Orientale ed il collezionismo privato. La I.N.T.K. è accreditata presso l’Ambasciata Giapponese di Roma, il Consolato Generale del Giappone di Milano, la Japan Foundation in Roma, la N.B.T.H.K. di Tōkyō. Seminari, conferenze, visite guidate a musei e mostre, viaggi di studio in Europa e Giappone, consulenze, pubblicazioni, il bollettino trimestrale inviato gratuitamente ai Soci, sono le principali attività della I.N.T.K., apolitica e senza scopo di lucro.

Come associarsi ad I.N.T.K.:

Potete trovare QUI tutte le informazioni per associarsi ad I.N.T.K..
Associandovi ad I.N.T.K. accettate in maniera esplicita il Codice Etico e lo statuto dell'associazione ed avrete accesso ad una serie di benefici:
- Accesso alle aree riservate ai soci del sito e del forum;
- Possibilità di partecipare agli eventi patrocinati dall'associazione (ritrovi, viaggi, kansho, ecc...);
- Riceverete il bollettino trimestrale dell'Associazione.

"Una singola freccia si rompe facilmente, ma non dieci frecce tenute assieme."

(proverbio popolare giapponese)

×
×
  • Crea nuovo/a...

Informazione importante