Vai al contenuto
Funboy

Richieste E Domande Su Corsi, Dojo,ecc Nelle Varie Città!

Messaggi consigliati

Già faccio un corso di JO ma il BO è diverso!

 

si, so ch'è diverso ma magari fanno pure Bo, bisognerebbe mandargli una mail.

 

Nelle Marche non credo si pratichi katori...

Condividi questo messaggio


Link al messaggio
Condividi su altri siti

Grazie Andrea,

Non ci sono scuole di Katori nelle marche anche se a San Benedetto ci dovrebbe essere una scuola di Daito-ryu aikijujutsu che non sarebbe male.

Da quello che so anche Morihei Ueshiba era un allievo di aikijujutsu.

Prendero in mano il manuale BO e proverò a fare qualcosa da solo.

Condividi questo messaggio


Link al messaggio
Condividi su altri siti

Spesso le scuole di Daito Ryu studiano anhe Katori... prova a sentire...

 

si Ueshiba è stato allievo di Takeda Sokaku e dal Daito ryu ha poi sviluppato l'Aikido !

Condividi questo messaggio


Link al messaggio
Condividi su altri siti
Spesso le scuole di Daito Ryu studiano anhe Katori... prova a sentire...

 

si Ueshiba è stato allievo di Takeda Sokaku e dal Daito ryu ha poi sviluppato l'Aikido !

 

Il dojo nelle Marche citato appartiene alla scuola del Maestro Certa, la seishinkai. In quella scuola si studia come parte di scherma l'Ono ha Itto Ryu. Il Tenshin Shoden Katori Shinto Ryu viene studiato nella branca seifukai del Daito Ryu Aikijujutsu, ossia a quella che si rifà agli insegnamenti di Daito Ryu di Mochizuki Munoru Sensei, Menkyo Kaiden okuden inka di Daito Ryu Aikijujutsu. In Italia le scuole di Daito Ryu seifukai seguono il Katori del Sugino dojo di Kawasaki. Nelle Marche c'è comunque anche un Maestro di Daito Ryu che pur avendo militato per molto tempo nella seishinkai ora fa parte del nostro gruppo, il Maestro Pino Casale di Pesaro.

Condividi questo messaggio


Link al messaggio
Condividi su altri siti
Il Tenshin Shoden Katori Shinto Ryu viene studiato nella branca seifukai del Daito Ryu Aikijujutsu, ossia a quella che si rifà agli insegnamenti di Daito Ryu di Mochizuki Munoru Sensei, ...

 

Scusa se ti contraddico con decisione, ma, siccome sono stato allievo sia di Iro che di Minoru (e anche 3 volte in Giappone proprio a Shizuoka), posso affermare che il budo di Minoru Mochizuki (ed in particolare del suo aikido) è un'elaborazione personale (con molto lavoro di "sutemi") dell'aikido di Ueshiba Ohsensei.

 

Quindi, pur derivando indirettamente dalla Daito Ryu (attraverso Ueshiba stesso), non direi che si possano associare le due scuole; anche se, come tutti i più grandi praticanti, ha studiato tutte le principali scuole del Giappone.

 

Per la parte di armi (quasi esclusivamente la spada) lo stesso Mochizuki ha anche sviluppato una sorta di Katori Yoseikan che (a grandi linee) consiste nell'aggiunta di tai-sabaki allo iai-jitsu di Katori; molto del lavoro viene fatto con i kumigata, in particolare la massima espresione è il "genryu" (ken tai no itchi).

 

In Italia, chi conosce meglio il lavoro di Minoru Mochizuki è il maestro Shoji Sugiyama di Torino; chi invece è passato attraverso lo Yoseikan Budo (essendo un'elaborazione personale di suo figlio Iro) pur praticando quasi gli stessi kata, questi hanno un'impostazione così diversa che quasi non si riconosce l'antica arte.

Condividi questo messaggio


Link al messaggio
Condividi su altri siti
posso affermare che il budo di Minoru Mochizuki (ed in particolare del suo aikido) è un'elaborazione personale (con molto lavoro di "sutemi") dell'aikido di Ueshiba Ohsensei.

 

Piccola precisazione

 

Mochizuki da Ueshiba non ha appreso l'Aikido, quanto piuttosto il Daito ryu, nel periodo in cui Ueshiba era maestro del Daito Ryu appreso da Takeda e chiamava il suo particolare stile Aiki Budo,

 

Non a caso Mochizuki è una delle persone a cui Ueshiba aveva rivolto l'offerta di rilasciare l'8° Dan di Aikido nel caso in cui avessero deciso di cambiare il nome dello stile da loro praticato in Aikido, Mochizuki rifiutò e decise di continuare ad insegnare l'aikijujitsu,

 

In seguito Ueshiba ritornò alla carica su Mochizuki offrendogli di essere suo successore, avrebbe però dovuto sposare sua figlia, notoriamente, a quanto dicono, brutta ! Mochizuki pare non abbia avuto "stomaco" causando una definitiva frattura col suo vecchio maestro :-P

 

L'evoluzione nell'Aikido doveva ancora arrivare !

Condividi questo messaggio


Link al messaggio
Condividi su altri siti

Caro Cagli0str0,

 

in effetti all'epoca dei fatti che citi il termine Aikido era ancora di la da venire, posso però confermarti che negli ultimi decenni del suo insegnamento Mochizuki Sensei dava risalto al suo budo così come l'ho descritto.

 

D'altra parte nessuno nasce "gia imparato"; ogni praticante, che raggiunga il livello di Maestro o meno, percorre il suo sentiero strettamente personale, io posso solo raccontare quello che ho visto, per il tempo che ho seguito "il Maestro", tutto il resto non è esperienza diretta.

 

Quasi tutti i praticanti hanno in mente un modello (reale o idealizzato) a cui tendere: fra coloro che ho avuto la fortuna di incontrare, Minoru Mochizuki è stato il Praticante (e per certi versi anche l'uomo) che più si è avvicinato al mio modo di sentire.

Condividi questo messaggio


Link al messaggio
Condividi su altri siti

Al di la di tutto... penso tu sia ben conscio dell'onore che hai avuto ad incontrare Mochizuki...

 

incontrare grandi uomini e maestri ti segna la vita... riuscire ad incontrarli è un po la mia ambizione personale...

 

magari capiterà il giorno in cui mi racconterai di questo tuo importante incontro davanti ad una bella birra :-P

Condividi questo messaggio


Link al messaggio
Condividi su altri siti

Caro Cagli0str0,

 

hai perfettamente ragione.

 

Di Lui ho anche grandi ricordi che solitamente non racconto, ma se girovagando per l'Italia (a Mantova o a Trieste) dovessimo incontrarci, sarò lieto di farlo ... anche perché l'aggiunta di una buona birra darebbe un "tocco" alla serata che apprezzerei molto. :tioffrounabirra:

Condividi questo messaggio


Link al messaggio
Condividi su altri siti

ragazzi abito a verona e piacerebbe avvicinarmi al kendo(anche il ju-do mi affascina molto),ma tenete presente che abito in questa città da poco e,sebbene sia una persona molto sportiva,non ho mai seguito discipline marziali(ho praticato il pugilato per molto tempo... :martellate: ).Ogni suggerimento è bene accetto.Grazie a tutti

Condividi questo messaggio


Link al messaggio
Condividi su altri siti

Unisciti alla conversazione

Adesso puoi postare e registrarti più tardi. Se hai un account, Registrati adesso per inserire messaggi con il tuo account.

Ospite
Rispondi

×   Incolla come testo formattato.   Incolla invece come testo normale

  Sono permesse un massimo di 75 faccine.

×   Il tuo link è stato inserito automaticamente.   Visualizza invece come link

×   Il tuo contenuto precedente è stato ripristinato.   Editor trasparente

×   Non puoi incollare le immagini direttamente. Carica o inserisci immagini dall'URL.

Caricamento

Chi è I.N.T.K.

La I.N.T.K. – Itaria Nihon Tōken Kyōkai (Associazione italiana per la Spada Giapponese) è stata fondata a Bologna nel 1990 con lo scopo di diffondere lo studio della Tōken e salvaguardarne il millenario patrimonio artistico-culturale, collaborando con i maggiori Musei d’Arte Orientale ed il collezionismo privato. La I.N.T.K. è accreditata presso l’Ambasciata Giapponese di Roma, il Consolato Generale del Giappone di Milano, la Japan Foundation in Roma, la N.B.T.H.K. di Tōkyō. Seminari, conferenze, visite guidate a musei e mostre, viaggi di studio in Europa e Giappone, consulenze, pubblicazioni, il bollettino trimestrale inviato gratuitamente ai Soci, sono le principali attività della I.N.T.K., apolitica e senza scopo di lucro.

Come associarsi ad I.N.T.K.:

Potete trovare QUI tutte le informazioni per associarsi ad I.N.T.K..
Associandovi ad I.N.T.K. accettate in maniera esplicita il Codice Etico e lo statuto dell'associazione ed avrete accesso ad una serie di benefici:
- Accesso alle aree riservate ai soci del sito e del forum;
- Possibilità di partecipare agli eventi patrocinati dall'associazione (ritrovi, viaggi, kansho, ecc...);
- Riceverete il bollettino trimestrale dell'Associazione.

"Una singola freccia si rompe facilmente, ma non dieci frecce tenute assieme."

(proverbio popolare giapponese)

×
×
  • Crea nuovo/a...