Vai al contenuto

Musashi

Socio INTK
  • Numero di messaggi

    3691
  • Registrato dal

  • Ultima visita

  • Giorni ottenuti

    3

Musashi ha vinto l'ultimo giorno in 31 agosto 2009

Musashi ha il contenuto che piace di più!

Reputazione comunità

38 Good

Che riguarda Musashi

  • Rango
    南部の戦士
  • Compleanno 05/04/1984

Profile Information

  • Sesso
    Uomo
  • Provenienza
    Sicilia

Ospiti recenti del profilo

28262 lo hanno visualizzato
  1. Quoto integralmente. L'ipotesi più frequente è quella della compravendita di orologi.
  2. Gianluca, condivido in toto le tue riflessioni ad eccezione della integrale fiducia riposta nel sistema di pagamento Paypal. Ribadisco che occorre diffidare dai feedback 0, anche se talvolta ci sono nuovi venditori che mettono per la prima volta in vendita oggetti. Concordo sul fatto che bonifici,ricariche postepay, western union o altri pagamenti in forma giuridicamente astratta sono rischiosi (però ad esempio in Germania Paypal non è popolarissimo). Paypal è un ottimo strumento di pagamento e offre delle tutele che garantiscono gli acquisti. Sì ma non del tutto. Ti faccio un esempio diretto: un mio cliente mi racconta di essere stato truffato per un acquisto online e mi riferisce di aver pagato con Paypal. Gli rispondo che ci sono degli strumenti di tutela e lui mi guarda come a dire "non sono il primo sprovveduto". Ed invero, mi racconta di aver acquistato un orologio, spedito con Posta assicurata (viaggia con portavalori), ricevuto il pacchetto e dentro c'era un sasso da fiume. Inizia una disputa Paypal, il venditore nega e anzi accusa di truffa l'acquirente. Dimostra la spedizione del pacco e la ricezione dell'acquirente. Epilogo? Paypal chiude respingendo il reclamo dell'acquirente truffato perché non ci sono prove della mancata ricezione dell'oggetto e presumendo la correttezza del venditore dall'avvenuta spedizione e ricezione. Beh, in questo caso Paypal non tutela e occorre adire le vie legali. Potrei anche narrarti di un altro episodio in cui il venditore aveva spedito onestamente, il compratore aveva ricevuto il pacco con cartacce ma qualcosa era accaduta a Fiumicino....ma questa è un'altra storia. Quindi, in definitiva, nulla è sicuro a priori, occorre sempre verificare tutte le circostanze di fatto e conoscere il venditore.
  3. L'asta è stata aggiudicata e il venditore non è stato rimosso ma si è cancellato... Mi auguro anch'io che nessuno, dei nostri o meno, ci sia cascato. In ogni caso, ho conservato il numero di telefono!
  4. Salve a tutti, vi scrivo per raccontare (ma anche segnalare) ciò in cui mi sono imbattuto qualche giorno fa. “Girovagando” su eBay avevo trovato un’inserzione di un venditore italiano, feedback 0, dal titolo “SPADA SAMURAI GIAPPONESE KATANA kanenori”. Il testo dell’inserzione era scarno, indicativamente veniva riportato “spada giapponese kanenori, lunghezza 70 cm, con certificato”. Le foto erano ben fatte, c’era la lama in koshirae, lama nuda, nakago, shirasaya. Incuriosito dalla dizione “con certificato” (presumendo fosse un certificato locale) chiedevo al venditore dove avesse acquistato la lama e di inviarmi del certificato. Mi veniva risposto che l’acquisto era avvenuto online. Pertanto, chiedo il numero telefonico, lo contatto (vi risparmio altri dettagli): mi spiegava che non ne se ne intende, sapeva soltanto che risale al 1945. Poi in un messaggio mi allegando la foto seguente: Visto che trattavasi di certificato NBTHK, Tokubetsu Hozon, avevo quindi supposto che doveva esservi traccia da qualche parte sul web. D’altra parte era una Echizen Kanenori con un certificato alquanto recente (2009)! Così, dopo qualche minuto, trovavo due negozi online (uno americano, più o meno noto, l’altro tedesco mai visto prima) e la medesima lama contrassegnata come venduta. Stessa lama, stesso koshirae, stesso certificato, stessa descrizione. Notavo tuttavia che sul sito tedesco, rispetto al sito americano, veniva aggiunta una foto della shirasaya. Sicché, raffrontavo le suddette foto con quelle relative all'inserzione eBay e riscontravo che quest’ultime erano tratte dal sito tedesco. E tuttavia…notavo, invero dopo qualche minuto, che il certificato inviatomi dal venditore eBay presentava delle differenze rispetto ai due siti di cui sopra: la data e la numerazione del certificato erano diverse! Il certificato sui siti web americano e tedesco riportava il medesimo n. di certificato (a destra, n° 154029) e la medesima data (a sinistra, 21200905 ossia 21 maggio 2009). Il certificato inviatomi dal venditore eBay aveva n. 140290 e data 21029905 (ossia, sorprendentemente, 21 maggio del 299, ossia ai tempi dell’imperatore romano Onorio!). Si trattava palesemente di un falso… L’asta, comunque, è stata aggiudicata (gli offerenti erano 3, suppongo che siano i medesimi che seguivano il venditore). Ho notato, tuttavia, che il venditore non è più registrato e la pagina dell’inserzione non è più visibile sulla piattaforma. Qualora necessario posso offrire maggiori dettagli. Non (solo) per raccontarvi l’aneddoto (ed al netto delle valutazioni anche sul piano giuridico) ma il post voglia fungere da segnalazione rivolta ai membri del forum, qualora qualcuno si sia aggiudicato l’oggetto ovvero, in futuro, qualche nuovo utente ci riferisca l’accaduto. Qui di seguito le foto della spada
  5. Era prevedibile, oltre che auspicabile.
  6. Un grande ringraziamento per aver consentito a INTK e NBTHK Italian Branch di conseguire questa riconosciuta autorevolezza anche internazionale. Forza ragazzi, fatevi valere, sarà una bella vetrina!
  7. Musashi

    Buone vacanze di agosto

    Buone vacanze a tutti! E per chi passa dalla Sicilia...fate un fischio e ci sarò!
  8. Mi rammarico per non aver avuto la possibilità di raggiungervi ma improrogabili impegni mi hanno trattenuto, mannaggia! Alla prossima e ancora complimenti a tutti per gli ottimi riscontri relativi alla buona riuscita dell'evento.
  9. Ben tornato Elia! grazie per averci reso partecipi delle tue esperienze, buona lettura.
  10. Musashi

    Ciao a tutti

    Benvenuto!
  11. Fossi in te mi farei restituire quanto già pagato. Non mi fiderei di qualcuno che, in buona o mala fede, mi ha già venduto aliud pro alio.
  12. Arrivo venerdì e riparto domenica...
  13. Ok, i biglietti aerei sono stati fatti...

Chi è I.N.T.K.

La I.N.T.K. – Itaria Nihon Tōken Kyōkai (Associazione italiana per la Spada Giapponese) è stata fondata a Bologna nel 1990 con lo scopo di diffondere lo studio della Tōken e salvaguardarne il millenario patrimonio artistico-culturale, collaborando con i maggiori Musei d’Arte Orientale ed il collezionismo privato. La I.N.T.K. è accreditata presso l’Ambasciata Giapponese di Roma, il Consolato Generale del Giappone di Milano, la Japan Foundation in Roma, la N.B.T.H.K. di Tōkyō. Seminari, conferenze, visite guidate a musei e mostre, viaggi di studio in Europa e Giappone, consulenze, pubblicazioni, il bollettino trimestrale inviato gratuitamente ai Soci, sono le principali attività della I.N.T.K., apolitica e senza scopo di lucro.

Come associarsi ad I.N.T.K.:

Potete trovare QUI tutte le informazioni per associarsi ad I.N.T.K..
Associandovi ad I.N.T.K. accettate in maniera esplicita il Codice Etico e lo statuto dell'associazione ed avrete accesso ad una serie di benefici:
- Accesso alle aree riservate ai soci del sito e del forum;
- Possibilità di partecipare agli eventi patrocinati dall'associazione (ritrovi, viaggi, kansho, ecc...);
- Riceverete il bollettino trimestrale dell'Associazione.

"Una singola freccia si rompe facilmente, ma non dieci frecce tenute assieme."

(proverbio popolare giapponese)

×
×
  • Crea nuovo/a...

Informazione importante