Vai al contenuto

Messaggi consigliati

Ciao ragazzi,avevo bisogno di una piccola delucidazione riguardo l'utilizzo di queste due pietre.Ultimamente stò studiando molto riguardo la politura delle lame e mi sono cimentato nella mia prima politura che non è stò granchè ma almeno non ho gettato via la lama,ho mantenuto la geometria originale(malgrado si stia parlando di una lama da pratica,non giapponese).Tuttavia sono arrivato al problema fondamentale che mi assilla da parecchio,ovvero l'uso delle pietre Hazuya e Jizuya.Non ho la benchè minima idea di come fare ad utilizzarle.So esattamente a cosa servono,ma non so proprio la tecnica da utilizzare per ottenere dei buoni risultati.Malgrado io mi sia accorto che tante nozioni si possono apprendere solo attraverso la pratica,qualche buona anima potrebbe per favore darmi degli accorgimenti da seguire?Grazie infinite,spero di non aver sbagliato sezione.Ho usato il tasto cerca ma non ho trovato un granchè a riguardo.Grazie mille

 

Condividi questo messaggio


Link al messaggio
Condividi su altri siti

Caro Michael, credo tu possa capire da solo che stai parlando di una forma di artigianato molto complessa che di certo non si può apprendere attraverso qualche consiglio su un forum. E' un pò come se chiedessi come si fa a dipingere un quadro o a scolpire una statua...

Oltretutto iniziare a lavorare su una spada quando non si sa nemmeno come si può finire il lavoro non è proprio una bella idea, per fortuna che è solo una lama da pratica.

 

La fase di jizuja e hazuja poi sono molto particolari, è importante scegliere le giuste varietà di pietra a seconda dell'acciaio della lama. E' una scelta di esperienza che può venire solo da molte prove e da un maestro che sappia istruirti.



Condividi questo messaggio


Link al messaggio
Condividi su altri siti

ah ok....mannaggia....vorrà dire chè probabilmente la lascerò così.Il mio scopo era più che altro mettere in evidenza l'hamon dato che è presente e volevo imparare a farlo emergere.Grazie mille dei consigli!!!

Condividi questo messaggio


Link al messaggio
Condividi su altri siti

ciao, essendo una lama da pratica, presumo che non sia presente un "vero" hamon, ma bensì fatto a mola o tramite acidi, e quindi con tali pietre non lo potrai tirar fuori!


Prossimamente al cinema... "Indiana Jones e la lama perduta"

Condividi questo messaggio


Link al messaggio
Condividi su altri siti

Non sempre è così, alcune lame, per esempio Hanwei, hanno un vero e proprio hamon, chissà che non ne risultino aspetti interessanti.


"Io sono Anarca non perché disprezzi l'autorità ma perché ne ho bisogno. Così, non sono nemmeno un miscredente, bensì uno che esige cose degne di fede".

 

Ernst Jünger

Condividi questo messaggio


Link al messaggio
Condividi su altri siti

Ragazzi,volevo in primo luogo ringraziarvi per il vostro aiuto,malgrado non stiamo parlando di una lama d'antiquariato giapponese. :)

La lama ha un vero Hamon in stile notare,che se devo essere onesto è leggermente visibile anche dopo l'uso dell'ultima pietra che ho adoperato nel ji.

Come ha ipotizzato mauri,vorrei(per mia curiosità) provare a vedere quanto mi posso spingere in là con questa lama e inoltre voglio vedere quanto la Hazuya sbianca la martensite,ma sopratutto vorrei mettere in risalto la grana dell'acciaio con la jizuya per poterne osservare la fattura(diciamocelo,non mi aspetto niente,anzi livelli piuttosto bassi).Posto una foto,ma fotografare un hamon poco visibile non è un gioco da ragazzi.Dopo decine di scatti vi posto quello venuto meno peggio.Se volete osservare nelle vicinanze del flash si può vedere la zona martensitica.Grazie ancora per la vostra disponibilità ragazzi!!

 

http://img38.imageshack.us/img38/6929/vlf.JPG

Condividi questo messaggio


Link al messaggio
Condividi su altri siti

Simone chi ti dice che non ha hada? a volte persino i pezzi di ferro hanno hada che si rivela se sono politi in modo particolare.

il tipo di hada è effetto della piegatura, ma l'hada non è una conseguenza della piegatura!

Condividi questo messaggio


Link al messaggio
Condividi su altri siti

comunque, a scanso di equivoci penso sia bene ricordare che è assolutamente deprecabile un intervento non professionale su di una lama originale, per scarsa che sia.

Condividi questo messaggio


Link al messaggio
Condividi su altri siti

Gian, abbiamo continuato questa discussione solo perché si parla di una lama da pratica, concordo con te l' hada c'è in tutti i pezzi di ferro, basta tirarla fuori, poi naturalmente c'è hada e c'è pelle, ma comunque qualcosa si vede sempre.


"Io sono Anarca non perché disprezzi l'autorità ma perché ne ho bisogno. Così, non sono nemmeno un miscredente, bensì uno che esige cose degne di fede".

 

Ernst Jünger

Condividi questo messaggio


Link al messaggio
Condividi su altri siti

dico che non ha hada perchè nella foto non c'è hada.


Su una superficie del genere con la jizuya puoi andarci quanto vuoi che da li non ti viene fuori praticamente niente.


Ma soprattutto che senso ha esercitarsi su una superficie che non risponde nello stesso modo di quella originale?


E' come cercare di imparare a scolpire il marmo esercitandosi sul legno.




----- discussione divisa ----



http://www.intk-token.it/forum/index.php?showtopic=8104




Condividi questo messaggio


Link al messaggio
Condividi su altri siti

 

dico che non ha hada perchè nella foto non c'è hada.

Su una superficie del genere con la jizuya puoi andarci quanto vuoi che da li non ti viene fuori praticamente niente.

Ma soprattutto che senso ha esercitarsi su una superficie che non risponde nello stesso modo di quella originale?

E' come cercare di imparare a scolpire il marmo esercitandosi sul legno.

----- discussione divisa ----

http://www.intk-token.it/forum/index.php?showtopic=8104

vero, ma hada o non hada, senza jizuya non tiri fuori l'hamon (se c'e :zitto: )

Condividi questo messaggio


Link al messaggio
Condividi su altri siti

vero, ma hada o non hada, senza jizuya non tiri fuori l'hamon (se c'e :zitto: )

La Jizuya non è per tirare fuori lo hamon, cè un tipo di Jizuya che si passa sullo hamon ma soltanto per preparare la lama al nugui e di conseguenza Hadori.

Il passaggio della Jizuya è il più imprtante, non ammette distrazioni.

Condividi questo messaggio


Link al messaggio
Condividi su altri siti

La Jizuya non è per tirare fuori lo hamon, cè un tipo di Jizuya che si passa sullo hamon ma soltanto per preparare la lama al nugui e di conseguenza Hadori.

Il passaggio della Jizuya è il più imprtante, non ammette distrazioni.

SI, mi scuso per l'imprecisione. Intendevo al fatto che, dopo uchuigumori e hazuya servisse a pulire hiraji differenziando così ji da ha, ma non sono molto bravo ad esprimermi. Se non c'è hamon risulterebbe una superficie tutta ugulamente polita, giusto?

Condividi questo messaggio


Link al messaggio
Condividi su altri siti

Sashimi: Non è semplice a spiegare, se hai tempo puoi venire a Scarperia del Mugello il 19 /20 ottobre ci sarà il M. Yoshindo, Leon Kapp ed io, inieme a Lonnie, faremo dimostrazione di Togi.

Condividi questo messaggio


Link al messaggio
Condividi su altri siti

Unisciti alla conversazione

Adesso puoi postare e registrarti più tardi. Se hai un account, Registrati adesso per inserire messaggi con il tuo account.

Ospite
Rispondi

×   Incolla come testo formattato.   Incolla invece come testo normale

  Sono permesse un massimo di 75 faccine.

×   Il tuo link è stato inserito automaticamente.   Visualizza invece come link

×   Il tuo contenuto precedente è stato ripristinato.   Editor trasparente

×   Non puoi incollare le immagini direttamente. Carica o inserisci immagini dall'URL.

Caricamento

Chi è I.N.T.K.

La I.N.T.K. – Itaria Nihon Tōken Kyōkai (Associazione italiana per la Spada Giapponese) è stata fondata a Bologna nel 1990 con lo scopo di diffondere lo studio della Tōken e salvaguardarne il millenario patrimonio artistico-culturale, collaborando con i maggiori Musei d’Arte Orientale ed il collezionismo privato. La I.N.T.K. è accreditata presso l’Ambasciata Giapponese di Roma, il Consolato Generale del Giappone di Milano, la Japan Foundation in Roma, la N.B.T.H.K. di Tōkyō. Seminari, conferenze, visite guidate a musei e mostre, viaggi di studio in Europa e Giappone, consulenze, pubblicazioni, il bollettino trimestrale inviato gratuitamente ai Soci, sono le principali attività della I.N.T.K., apolitica e senza scopo di lucro.

Come associarsi ad I.N.T.K.:

Potete trovare QUI tutte le informazioni per associarsi ad I.N.T.K..
Associandovi ad I.N.T.K. accettate in maniera esplicita il Codice Etico e lo statuto dell'associazione ed avrete accesso ad una serie di benefici:
- Accesso alle aree riservate ai soci del sito e del forum;
- Possibilità di partecipare agli eventi patrocinati dall'associazione (ritrovi, viaggi, kansho, ecc...);
- Riceverete il bollettino trimestrale dell'Associazione.

"Una singola freccia si rompe facilmente, ma non dieci frecce tenute assieme."

(proverbio popolare giapponese)

×
×
  • Crea nuovo/a...

Informazione importante