Vai al contenuto
Mc 74

The school of Hizen Tadayoshi

Messaggi consigliati

Ma è chiaro! Secondo voi basta un libro (o 10) per ricoscere con certezza una tadayoshi?

Come hai giustamente ricordato tu stiamo parlando del gruppo di forgiatori più imitati, copiati e falsificati, senza per forza intendere le goji mei dello shodai. Le hizento si forgiarono anche con lo specifico scopo di essere smerciate fuori dal giappone...

No. È evidente che bisogna poterne studiare molte anche dal vivo. Sia di genuine che non.

Spero comunque che se mai mi capiterà, potrò riconoscerne una semza dover appunto fare confronti.

 

In ogni caso non è una firma che fa una lama...

Ad esempio: tra un paio di giorni chiude un asta proprio da tsuruta (visto che lo hai nominato) di una omi daijo tadahiro. "Solo" 400k jpy eppure è certificata proprio del nidai della linea principale hizen! Un yoyo saku oowazamono! E non c'è ancora una bet.

Ma se la si guarda con attenzione, pur non avendo kizu, si nota un boshi forse un pò stanco, il nioiguchi pur essendo "lontano" da quello dello shodai e del sandai, è poco brillante rispetto ad altri suo lavori, non ci sono hataraki... insomma davvero sembra una lama "mediocre", una tra le tante mille mila che ha fatto durante la sua lunga vita...

Pure la hada che dovrebbe essere tra le migliori non entusiasma poi granchè. Imparagonabile alla hizen proposta al tempo ad esempio da betadine (ricordate il thread vero?)

Condividi questo messaggio


Link al messaggio
Condividi su altri siti

Ciao Renato,

 

ma la foto del nakago da te postata si riferisce alla lama "non buona"?

 

Ho provato ha dargli un'occhiata, ovviamente con tutti i miei limiti. Per il momento la cosa che salta all'occhio è il Kanji KUNI che sembra incompleto, per vedere i dettagli degli altri e mi riferisco all'inclinazione e al senso d'incisione servirebbe una risoluzione migliore. Oltre le varie sfumature a livello costruttivo le firme di questa scuola sono ricche di dettagli individuali.

 

 

Comunque se vorrai renderci partecipe sarò lieto di ascoltare.

:arigatou:


Marco C.

Condividi questo messaggio


Link al messaggio
Condividi su altri siti

È dura per me fare dei raffronti SERI su una mei per giudicarne autonomamente la genuinità. Mi ci vuole un sacco di tempo in raffronti.

È vero che ci sono tendenze e particolarità tipiche di ogni singolo forgiatore con le quali si possono distinguere anche generazioni di solo 1 o 2 gradi di parentela, ma spesso è davvero molto difficile coglierle...

 

Io ad esempio ho impiegato 4 settimane di confronti su decine di oshigata certificate genuine per cogliere le particolarità della mei dello shodai yamashiro no kami kunikiyo rispetto a quelle del nidai... ( nel primo le incisioni superiori del kanji "shiro" sono meno orrizzontali e formano idealmente quasi 2 linee che corrono parallele, nel secondo sono meno inclinate e tendono a formare una unica linea ideale; poi nel primo nel kanji "wara" l'incisione verticale del radicale è circa la metà di tutto il kanji rispetto al secondo. Altre particolarità non sono poi così evidenti (come l'angolo inferiore destro del kanji "kuni")...

 

I parametri da considerare non sono pochi:

Profondità, omogeneità, stile, direzione, dimensioni, sicurezza dell'incisione... per parlare solo di come appare quest'ultima...

Poi si parla di parametri relazionati tra loro: distanza tra kanji, posizione tra loro e nel nakago, inclinazione, stile generale...

E ancora siamo distanti dal considerare tutto quello che serve...

Condividi questo messaggio


Link al messaggio
Condividi su altri siti

Ciao Renato,

 

ma la foto del nakago da te postata si riferisce alla lama "non buona"?

 

Ho provato ha dargli un'occhiata, ovviamente con tutti i miei limiti. Per il momento la cosa che salta all'occhio è il Kanji KUNI che sembra incompleto, per vedere i dettagli degli altri e mi riferisco all'inclinazione e al senso d'incisione servirebbe una risoluzione migliore. Oltre le varie sfumature a livello costruttivo le firme di questa scuola sono ricche di dettagli individuali.

 

 

Comunque se vorrai renderci partecipe sarò lieto di ascoltare.

:arigatou:

Direi che hai visto bene ;-)

 

Questa mancanza salta subito all'occhio e deve far pensare, a quel punto uno deve andare a controllare le peculiarità di tutti i kanji, possibilmente confrontando il lavoro con un altro del medesimo periodo.

 

Sicuramente questa è fatta piuttosto bene, ma si nota ancora una mancanza di "decisione/profondità" del tratto.

 

Negli ultimi anni ho fatto qualche ricerca e raffronto... so bene Enrico cosa intendi eheh


Prossimamente al cinema... "Indiana Jones e la lama perduta"

Condividi questo messaggio


Link al messaggio
Condividi su altri siti

purtroppo, la faccenda risale a prima dell'era della foto digitale, tutto quello che ho è la fotocopia malfatta di una fotografia a colori del nakago. In realtà il Kuni era completo, il tratto inferiore è mascherato dal riflesso. La lama aveva anche una buona provenienza, anche se il koshirae aveva un aspetto piuttosto vistoso, un pò da samurai buzzurro.

Da qualche parte dovrei avere la foto del nakago di un'altra Tadayoshi, appartenente addirittura ad un daisho, comprato nella notte dei tempi in Francia, da un piemontese che non ci capiva niente e che per qusto fece arrugginire il wakizashi..

Condividi questo messaggio


Link al messaggio
Condividi su altri siti

Unisciti alla conversazione

Adesso puoi postare e registrarti più tardi. Se hai un account, Registrati adesso per inserire messaggi con il tuo account.

Ospite
Rispondi

×   Incolla come testo formattato.   Incolla invece come testo normale

  Sono permesse un massimo di 75 faccine.

×   Il tuo link è stato inserito automaticamente.   Visualizza invece come link

×   Il tuo contenuto precedente è stato ripristinato.   Editor trasparente

×   Non puoi incollare le immagini direttamente. Carica o inserisci immagini dall'URL.

Caricamento

Chi è I.N.T.K.

La I.N.T.K. – Itaria Nihon Tōken Kyōkai (Associazione italiana per la Spada Giapponese) è stata fondata a Bologna nel 1990 con lo scopo di diffondere lo studio della Tōken e salvaguardarne il millenario patrimonio artistico-culturale, collaborando con i maggiori Musei d’Arte Orientale ed il collezionismo privato. La I.N.T.K. è accreditata presso l’Ambasciata Giapponese di Roma, il Consolato Generale del Giappone di Milano, la Japan Foundation in Roma, la N.B.T.H.K. di Tōkyō. Seminari, conferenze, visite guidate a musei e mostre, viaggi di studio in Europa e Giappone, consulenze, pubblicazioni, il bollettino trimestrale inviato gratuitamente ai Soci, sono le principali attività della I.N.T.K., apolitica e senza scopo di lucro.

Come associarsi ad I.N.T.K.:

Potete trovare QUI tutte le informazioni per associarsi ad I.N.T.K..
Associandovi ad I.N.T.K. accettate in maniera esplicita il Codice Etico e lo statuto dell'associazione ed avrete accesso ad una serie di benefici:
- Accesso alle aree riservate ai soci del sito e del forum;
- Possibilità di partecipare agli eventi patrocinati dall'associazione (ritrovi, viaggi, kansho, ecc...);
- Riceverete il bollettino trimestrale dell'Associazione.

"Una singola freccia si rompe facilmente, ma non dieci frecce tenute assieme."

(proverbio popolare giapponese)

×
×
  • Crea nuovo/a...