Vai al contenuto
betadine

Onna Bugeisha

Messaggi consigliati

.. come promesso tempo fa ad AkaiHana, ho raccolto un pò di materiale su questo intricato e in parte sconosciuto aspetto della storia giapponese.

 

Così Stephen Turnbull definisce "le imprese delle guerriere giapponesi . . . il più grande segreto della storia dei Samurai."

 

 

HangakuGozen_Yoshitoshi.jpg

 

 

Le donne guerriero non erano una rarità nel Giappone feudale.

L'onna-musha ( ) o onna-bugeisha viveva all'interno di una guerra tra cultura e tradizioni, ma anche per lei era indispensabile una certa abilità nelle arti marziali, nel tiro con l'arco e nell’equitazione.

“Nel Sengoku le battaglie spesso assumevano la forma di assedi in cui tutta la famiglia avrebbe combattuto per difendere il castello ”.. e così è stato.

Generalmente le vediamo rappresentate in armatura, armate di naginata e arco.

Le rappresentazioni storiche di queste femmine non sono comuni, tuttavia, a causa dei crescenti cambiamenti e dalla turbolenza politica e sociale che inizia nel Periodo Kamakura, l'apparente “scarsità di riferimenti indica che le donne costituivano una netta minoranza di guerrieri”, ma, al contrario, era più probabile registrare i loro successi in diverse battaglie in diverse epoche.

L'esistenza e le esperienze dell'onna musha sono cambiati nel corso della storia, anche se spesso son viste come una curiosa novità dell’epoca, anziché esser valutate come semplici eccezionali individui.

 

Tomoe Gozen ( 御前) è forse l’onna-musha più conosciuta nella storia giapponese.

“L'archetipica guerriera donna samurai”, era citata nelle cronache del Heike Monogatari, che dettagliava il suo coinvolgimento nelle battaglie dei Gempei del XII secolo e tra le varie guerre tra i clan Taira e Minamoto.

Lei era famosa come amazzone, abile nel tiro con l'arco e coraggiosa in battaglia.

Tomoe era un potente combattente, pari a mille, in grado di affrontare anche i demoni o gli dei.”

Lady Tomoe era la serva, l'amante e in alcuni rapporti, una moglie, del generale Minamoto Kiso Yoshinaka.

Il padre di Tomoe era Nakahara Kaneto, sua madre, citata come balia, “una serva/assistente” di Yoshinaka, il menoto.

“Era l'usanza del Giappone pre-moderno per i bambini di rango essere accuditi da un menoto ... un onore di solito concesso come ricompensa per il servizio.

Il menoto e la sua famiglia han giocato un ruolo essenziale nel crescere ed educare un bambino affidato a loro e loro han identificato i propri interessi con quelli del bambino.”

Yoshinaka e i suoi fratelli di sangue erano predestinati alla competizione politica tra loro, ma il loro affidamento, in quanto fratelli, Tomoe inclusa, non lo permise..

Il potere passò attraverso l'eredità maschile e la faida letterale poiché il potere politico era comune nelle famiglie nobili.

Questo era probabilmente il motivo della sua stretta relazione con Tomoe, poiché non c'era motivo di temere il suo tradimento dovuto all'influenza della strategia politica.

Yoshinaka era impegnato in una competizione politica con suo cugino Minamoto Yoritomo, che avrebbe in seguito istituito lo Shogunato di Kamakura.

Tomoe accompagnava Yoshinaka nelle sue campagne militari e lo ha servito lealmente sul campo di battaglia.

Significativamente, le fu affidato l'autorità con il grado di “ ippo no taisho , o leader/comandante” per guidare le truppe in battaglia.

Nel Heike Monogatari viene descritta nell'ultimo combattimento sul campo di battaglia di Awazu, dopo la ferita mortale di Yoshinaka, che ordina di inviare notizie della sua morte imminente alla sua famiglia a Shinano..

Tomoe non voleva abbandonare il campo, ma Yoshinaka insistette fino a quando alla fine lei disse: “Almeno mi piacerebbe un degno avversario. Vorrei mostrarti, mio Lord Kiso, il mio ultimo combattimento al tuo servizio. "

Quindi aspettò un nemico.

E da lì a poco si presentò, famoso per la sua forza in tutta la provincia di Musashi, Onda no Hachiro Morishige, con trenta cavalieri.

Tomoe si getta in mezzo a loro e va dritta da Onda no Hachiro.. lo afferrò ferocemente e gli inchiodò la testa sul pomello della sella, poi con uno strappo, la tagliò e la gettò via.

Subito dopo si tolse la sua armatura e galoppò verso est.

 

Le cronache di Tomoe Gozen nel Heike Monogatari sono descritte nella versione estesa del Genpei josuiki.

"Vengono attribuiti diversi avversari a Tomoe", contribuendo al mistero della storia di questo onna musha.

Allo stesso modo rimangono molte speculazioni su Lady Tomoe.

Stephen Turnbull afferma che era la concubina Wada Yoshimori.

Afferma che Yoshimori la prese come sua moglie nella speranza di produrre forti figli guerrieri, dotati di abilità che si dimostrerebbero favorevoli per Yoritomo.

"... Una donna così valorosa avrebbe sicuramente supportato lui con figli valorosi.”

Asahina Yoshihide, famoso per la sua "forza colossale", è stato descritto in leggende come il figlio di Tomoe e Yoshimori.

Inoltre, vari resoconti raccontano che, malgrado donna, Tomoe fosse destinata alla decapitazione di Yoritomo per il suo ruolo di comandante nemico.

Altre fonti dicono che Tomoe sia fuggita; poi si nascose e alla fine divenne una suora, morta all'età di novanta anni.

Comunque sia, Tomoe Gozen e la sua reputazione come onna-musha è stata celebrata a Kyoto, nel Jidai Matsuri , Festival of the Ages, che commemora la storia e la cultura dell'antica Kyoto, con una rappresentazione nella parata del festival dedicata alle storiche figure medievali.

Tomoe è stato immortalata in anime, videogiochi, film e libri, inclusi una trilogia storica di fantascienza e fantasy scritta da Jessica Salmonson, intitolata The Tomoe Gozen Saga .

 

The Jitō

Durante l'era Kamakura, il governo militare nominava un “amministratore” delle terre dello shogunato, noto come jitō.

Questo titolo implicava i doveri di direzione provinciale, esattore delle tasse e responsabile delle forze di polizia che attuavano, applicavano e proteggevano il controllo sulle terre del daimyo.

Lo Shogun nominò individui, in genere uomini, in queste posizioni, ma i titoli e l'autorità potrebbe essere passata in successione attraverso la volontà di un uomo alla sua vedova o ai figli, come le donne del Kanto.

È da notare che “nessun'altra legge tranne l'indifferenza escluse le donne da questo tipo di autorità.

Così riporta M.R. Beard, The Force of Women in Japanese History(Washington, DC: Public Affairs Press, 1953)

Anche le donne nel Kamakura erano legalmente autorizzate a nominare altri a questa posizione al loro posto, se fossero così propensi.

Occorre considerare che queste donne erano di classe bushi e quindi non era inusuale che fossero addestrate in autodifesa o per maneggiare un tantō o una naginata (polearms).

 

Hangaku Gozen

Hangaku Gozen era un membro del clan Taira che viveva con la sua famiglia ad Echigo.

Conosciuta anche come Hangaku Itazaki, era la figlia di Jo Sukenaga, che fu sconfitto da Kiso Yoshinaka in battaglia.

Lei si unì allo zio, Jo Nagamochi, e suo cugino, Jo Sukemori, nella Kennin Rebellion del 1201, e divenne parte integrante delle loro operazioni difensive nel castello di Torisaka.

Hangaku è nota per la sua leadership e per il coraggio mostrato durante i tre mesi di difesa del Castello, in cui lei e Sukemori guidarono l’esercito bakufu di Sasaki Moritsuna, che era fedele al Kamakura's Shogunate.

“Vestita da ragazzo, Hangaku ritta in piedi sulla torre del castello .. e tutti quelli che arrivarono per attaccarla furono abbattuti dalle sue frecce che trafissero le loro casse (toraciche) o le loro teste. ”

(Così cita sempre M.R.Beard)

Alla fine, ferita e trafitta in una coscia, Hangaku venne catturata e i combattimenti cessarono.

Fu catturata e descritta "senza paura come un uomo e bella come un fiore ” .. come prigioniero di guerra dello Shogun Minamoto Yoriiye, che, incuriosito da la sua bellezza e reputazione, le risparmiò il suicidio rituale e per suo ordine, sposò il suo servitore, Asari Yoshito.

Secondo quanto riferito, ebbe un figlio.. ma ci sono poche testimonianze sul resto della sua vita.

 

Tsuruhime dell'isola di Omishima

Tsuruhime_OyamazumiShrine.jpg

Tsuruhime è nata dal sommo sacerdote di Santuario di Oyamazumi, Ohori Yasumochi, sull'isola di Omishima durante un periodo di conflitto tra il Clan Kono, sotto il quale era governata la sua famiglia, e il clan Ouchi, che si sforzò di prendere il controllo della regione.

Tsuruhime ereditò la posizione di suo padre quando morì di malattia e anche lei assunse la guida di Omishima contro la minaccia dell'invasione militare da parte del Clan Ouchi.

Nel 1541, sedicenne , Tsuruhime condusse un attacco contro l'esercito di Ouchi.

"Allenata fin dall'infanzia nelle arti marziali ... se ne presero cura alcuni membri militari ", difese con successo l'isola.

Si narrava che Tsuruhime fosse “una manifestazione di Mishima Myojin”, Omishima Kami del guardiano dell'isola .

Non era semplicemente autorizzata a causa della sua posizione ereditaria, ma più a causa della sua divina convinzione che lo scopo della sua vita fosse difendere il popolo dell'isola di Omishima e il clan Kono.

Gli Ouchi tornarono varie volte .. diversi raid guidati dal comandante Obara Nakatsukasa no Jo.

Ma Tsuruhime con un attacco a sorpresa contro le truppe di Ouchi, colpì Obara una sera durante un momento di tregua.. “Usando un rastrello per zampe d'orso è salita a bordo e cercò il generale …. ”

Obara veniva descritto come «sorpreso», non solo dall'attacco a sorpresa, ma soprattutto perché era una donna al comando.

Armata di una spada, Tsuruhime sconfisse rapidamente Obara, mentre l'esercito di Kono e gli alleati sfruttarono il vantaggio delle loro armi e scatenarono una raffica di horokubiya , "bombe esplosive sferiche" contro la flotta di Ouchi e li spinse a ritirarsi. S.R. Turnbull, Samurai Women: 1184-1877 (New York: Osprey Publishing, 2010)

L'armatura di Tsuruhime fu raccolta nel 1543 dopo la sua morte, per suicidio rituale per annegamento, a seguito della morte del suo amanto in battaglia contro il Clan Ouchi, aveva diciotto anni.

La sua armatura è custodita nel tempio di Oyamazumi.

Il santuario shintoista ha avuto storicamente una particolare valenza sul culto dei guerrieri e militari.

Questi guerrieri fecero offerte e pregarono Mishima Myojin per la loro protezione in battaglia.

Col tempo, l'armatura di Tsuruhime e le offerte di altri guerrieri famosi, divennero tesori religiosi e icone di culto.

 

Le mogli dei Sato

Due fratelli Sato servirono i Minamoto.

Le guardie del corpo di Yoshitsune per molti anni servirono fedelmente e furono uccise.

Le loro vedove, Wakazakura e Kaede, osservando le pratiche confuciane, dopo il periodo del lutto, indossarono le armature dei loro mariti.

L'usanza è stata eseguita per mostrare onore e pietà filiale e secondo quanto riferito, anche per placare e consolare la suocera di Sato, Otowa.

Le mogli di Sato erano immortalate in una pergamena non datata che si trova nel Ioji Temple, che è stato costruito in onore dei caduti Guerrieri Sato.

L'opera raffigura le vedove per intero nella loro armatura, ritte davanti alla suocera, Otowa, in segno di devozione e lealtà per i suoi figli uccisi.

La storia popolare venerano queste donne come esempi d'onore, mentre "alcune varianti della storia li ritraggono (le vedove) come veri guerrieri che indossavano l'armatura per combattere e cercare vendetta, piuttosto che semplicemente un atto di commemorazione.”

L' autore Stephen Turnbull dichiarò..

“.. in nessun momento la moglie di un samurai si è mostrata migliore come un guerriero coraggioso rispetto a quando ha affrontato la sconfitta del suo clan, la caduta del suo castello e la morte di suo marito ”.

 

Ikko-ikki

Il Giappone feudale fu un periodo di combattimenti tra i clan per il potere politico.

Caos sociale e turbolenza, a seguito di qualsiasi modifica dei poteri regionali, dove il daimyo, alimentava la ribellione tra i membri dei bushi che avevano adottato il vero buddismo della Terra Pura.

Gli insegnamenti di Jodo-Shinshu “hanno promesso una facile salvezza per tutti quelli che pregavano Amida Buddha e ... avevano un grande richiamo per la gente comune.”

Gerarchico nell'organizzazione ed eccezionalmente militante”, la setta ha attratto non solo i membri del bushi , ma anche capi villaggio e piccoli proprietari terrieri che si unirono in un'alleanza autonoma, nota come Ikko (single-minded, determinazione/tenace) ikki (lega).

Il gruppo, firmava un giuramento di lealtà verso una causa comune, valido fino al che il compito fosse stato portato a termine.”

C. Blomberg, The Heart of the Warrior (Kent: Japan Library, Curzon Press Ltd., 1994)

La "rivolta" era una tattica comune utilizzata da ikki per mantenere una sorta di influenza di bilanciamento sui sovrani provinciali di rango superiore.

Ad esempio, Tsuchi-ikki erano quelli uniti per cercare giustizia economica contro una tassazione pesante e cancellazione del debito eccessivo.

I conflitti tra ikki e governo provinciale feudale erano così comuni che "proprio come ogni membro di Jodo-Shinshu condivise pienamente le proprie attività in tempo di pace, al pari condivise le responsabilità quando si profilavano conflitti.”

Era logico accettare che le donne fossero almeno istruite nelle abilità difensive per proteggere le loro famiglie o anche in tattiche combattive di base con armi e “sicuramente dal 1580, l'esperienza di un secolo di guerra aveva insegnato loro che se avessero perso contro un esercito di samurai, sarebbe seguito un massacro di ogni membro della comunità.”

Ou Eikei Gunki ha spiegato come l’impegno delle donne combattenti ikki fu un successo nella difesa del Castello di Omori, nel 1599, usando uno strumento di legno per il lancio di pietre:. le donne dall'interno del castello uscirono e iniziarono a buttare giù un'abbondanza di grandi e piccole pietre, precedentemente preparate.. Molti morirono, molti altri rimasero feriti.

Si narrava che girasse la voce che "stare troppo a lungo in quel posto ed essere colpito dalle pietre delle donne sarebbe un fallimento ridicolo per le generazioni a venire "…

S.R. Turnbull, The Samurai Swordsman: Master of War(Vermont: Tuttle Publishing, 2008)

 

 

Mentre rimane impossibile numerare le onna-musha che hanno partecipato alle battaglie.. “donne-guerriero erano abbastanza comuni da non suscitare sorpresa o commenti ”

TD Conlan postulò che «il genere» era considerato meno importante del rango sociale..

Le donne guerriere erano trattate praticamente indistinguibilmente dai loro uomini. Quando Kamakura è stato licenziato, molti sono stati macellati.

 

La storia degli uomini giapponesi di classe bushi è ampia, ricca di testimonianze e contributi sul coinvolgimento militare di individui e gruppi di individui.

Ragionevolmente, un'analoga quantità di scritti o avvenimenti dovrebbero essere riportati sul coinvolgimento e sul contributo di donne, contemporanee a quegli eventi storici.

Le stampe in xilografie Ukiyo-e illustrano le donne in battaglia, presentando spesso le donne in armatura completa, impugnando la naginata o un arco.

Gli artisti Yoshitoshi, Toyohara Chikanobu e Katsukawa Shuntei rappreseno Tomoe Gozen in combattimento nelle stampe del XIX secolo.

"Hangakujo", anche di Yoshitoshi, fu dipinto intorno al 1885 e raffigurato Hangaku Gozen in armatura completa su un cavallo bianco.

Diversi secoli dopo sia Tomoe che Hangaku Gozen erano personaggi già leggendari, celebrati nella letteratura antica, racconti tradizionali e spettacoli del No (teatro del Noh).

Era comune per le opere d'arte nel periodo Tokugawa a riflettere la cultura del tempo.. “il kimono nelle sue varie forme è stato spesso simile se non identico. Uomini e donne sono vestiti esattamente allo stesso modo ... a volte anche i loro capelli sono gli stessi ... ci sono foto di giovani (rasati) e donne che non si possono distinguere l'uno dall'altro.”

 

Le rappresentazioni e i resoconti di queste donne-guerriero risalgono all'inizio del XI secolo.

Successivamente agli “stati combattenti” il decadimento della classe samurai-combattente, portava con sé un ridimensionamento della figura femmile e non è lontano dalla logica aspettarsi che fossero sparite innumerevoli registrazioni o narrazioni di questo processo, cancellando o sminuendo gli originali resoconti storici dell'onna-musha.

 

Per esempio, esemplari archeologici appena scoperti potrebbero essere testati (DNA test) per validare la presenza femminile nella difesa di castelli e villaggi, o in combattimento sui campi di battaglia del Giappone.

Ricerche future ed analisi sui nuovi siti archeologici potrebbero fornire ulteriori testimonianze sulla presenza di donne – onna bugesha – fornendo maggiori informazioni riguardo alla vita feudale, ai cambiamenti culturali che hanno attraversato diverse guerre dove v’è stata la presenza di donne semplicemente eccezionali.

 

Una delle ultime nell’autunno del 1868 nel nord del Giappone, rimestava tra le genti del Clan Aizu, mentre si preannunciava una dura battaglia.. qualche mese prima, i samurai di Satsuma avevano organizzato un colpo di stato, ribaltando il governo e consegnando il potere nelle mani di un nuovo imperatore, il giovane Mutsuhito, l'imperatore Meiji.

Le forze imperiali alle porte del castello di Wakamatsu assediarono la fortezza con 30mila truppe... oltre le mura, 3mila guerrieri valorosi si preparavano allo scontro finale.

Si narra di un gruppo di agguerrite e irriducibili combattenti, che diverse vite tolsero prima di cader loro stesse, con le loro lame in asta, sotto i colpi del fucile.

Di lei si narra che nulla lasciò al caso.. allieva di Akaoka Daisuke, si specializò nell’uso della naginata, diventando a sua volta abile istruttrice.. e, per non lasciar nulla al caso, anche la sua testa chiese alla sorella di recidere.. nulla era lasciato al caso, tantomeno nelle mani del nemico.

Oggi riposa in un cortile del tempio di Aizu Bangmachi, sotto un albero, dove ora sorge un monumento in suo onore.

Un giorno scrisse ..

“Non oserei mai considerarmi

membro della cerchia dei più grandi e famosi guerrieri

anche se condivido con tutti loro

il medesimo coraggio.”

Si chiamava Nakano Takedo.. aveva ventuno anni.

 

 

 

 

Oltre ai citati testi e autori, si ringrazia per la collaborazione RN dell'università di Hilo, Hawaii edu-academia. :arigatou:


Sii immobile come una montagna ...
ma non trattare le cose importanti troppo seriamente.

Condividi questo messaggio


Link al messaggio
Condividi su altri siti

Grazie Beta per l'interessante racconto.

Se l'arco, che colpisce da lontano, è da sempre considerata in tutte le culture l'arma del non forte, quindi arma anche da donna, un discorso assolutamente a parte è legato all'alabarda.

Era infatti la Nanginata, l'arma per eccellenza della donna di classe Bushi.

Se il decapitare a distanza con efficacia è senz'altro efficace anche senza arrivare al corpo a corpo muscolare, va onestamente rilevato che maneggiare una alabarda non è affatto facile e richiede una forza non proprio da signorina...

L'addestramento all'alabarda era iniziato in giovane età.

 

C’è poi un campo d'applicazione, non sfiorato, l'intelligence.

Le donne sono da sempre state addestrate in Giappone a questo tipo di attività e, non casualmente, mandate in sposa per garantire alleanze e... verificarle.

Alcune, come le potenti Miko, venivano anche utilizzate per le loro capacità paranormali.

Queste streghe ante litteram mostravano capacità di preveggenza e di controllo mentale precluse agli uomini.

 

Sono tuttavia fatti del mondo ura.

Non ho mai letto libri approfonditi sull'argomento.


 

月の道

Condividi questo messaggio


Link al messaggio
Condividi su altri siti

Grazie beta, argomento interessante e non molto noto.

Nel Museo di arte orientale di Corfù vi è una sala dedicata, cosa assai rara.

 

In Giappone ho avuto modo di affrontare, shinai alla mano, qualche nobile donzella armata di naginata e vi posso assicurare che non è una passeggiata. Entrare nella guardia è molto difficile e senza parastinchi son dolori.

Condividi questo messaggio


Link al messaggio
Condividi su altri siti

Grazie mille Beta davvero interessante, in questi giorni cercherò di integrare con qualche foto scattata la scorsa estate nell'Oyamazumi jinja - isola di Omishima :arigatou:


Prossimamente al cinema... "Indiana Jones e la lama perduta"

Condividi questo messaggio


Link al messaggio
Condividi su altri siti

... hai sbirciato tra i miei appunti e la scaletta ??

Come sai e sicuramente sanno in molti, nell'Oyamazumi Shrine sono conservati diverse lame e altri oggetti considerati Tesori del Giappone.
Ma visto che le connessioni si stan ramificando sempre più, vi lascio solo questo riferimento e attenderò il tuo intervento sull'jinja temple e sul tuo bellissimo viaggio.
https://www.japanvisitor.com/japan-temples-shrines/oyamazumi

A presto..


Sii immobile come una montagna ...
ma non trattare le cose importanti troppo seriamente.

Condividi questo messaggio


Link al messaggio
Condividi su altri siti

Grazie Francesco, per averlo riesumato.

... e se per caso non state andando verso Hiroshima, per raggiungere l'isola di Omishima e vi trovate invece dalle parti di Kyoto, allungatevi verso Nagoya, dove si narra di un Hotel con una ampia collezione di arms and armour.

Potrebbe essere un buon posto dove, mentre il resto della truppa si diverte nell'ampio parco, tra terme et varie, si può spaziare tra antichi reperti.

Tado Onsen Hotel .. https://soranews24.com/2019/07/20/this-hotel-has-one-of-the-coolest-katana-collections-in-japan-and-admission-is-totally-free%E3%80%90pics%E3%80%91/

(v'assicuro che non ho quote di proprietà.))

 

Mentre, pensando alle gentili e graziose donzelle sopra descritte, questo per me è uno dei video più belli ed intensi apparsi sulla rete che mostra l'uso di questa particolare arma.

Di certo Ajiki ha carattere da vendere.. e non lo manda a dire. Determinazione e tecnica per umani garretti.

 

 

Qua, invece, per chi volesse approfondire il lato omote, c'è un esaustivo articolo di Ellis Amdur ... dal quale attigo dall'altro millemmio.. https://koryu.com/library/wwj1.html


Sii immobile come una montagna ...
ma non trattare le cose importanti troppo seriamente.

Condividi questo messaggio


Link al messaggio
Condividi su altri siti

... e grazie per l'interesse che dimostrate ad ogni new-thread.. Vi lascio un manualetto interessante e divertente, che attraverso un gioco, ci lascia intravedere qualcosa del lato Ura.

 

Kitsunemori.pdf

Tanto per .. stuzzicare la vs.curiosità ..

 

Il sole sorge sul folto baldacchino di cime degli alberi strette, dando alla nebbia una luminosità ultraterrena mentre si avvolge pigramente attorno ai tronchi e al sottobosco.

L'unico sollievo dall'oceano verde è la strada, mantenuta dalle autorità locali per facilitare i viaggi, e il tetto appuntito occasionale di un santuario shintoista.

Alcuni viaggiatori si stanno già facendo strada, arrancando lungo strade fangose ​​che non sono ancora state costruite con pietre per lastricati, controllando che i loro documenti siano in ordine agli avamposti di confine che controllano il traffico tra le diverse terre feudali.

Un vagabondo solitario asciuga la rugiada del mattino dal suo spesso mantello da viaggio e individua un piccolo santuario su un lato della strada.

L'uomo non è particolarmente religioso, ma riconosce a chi è dedicato il santuario.

Attento a non incitare all'ira dello spirito del santuario, il viaggiatore si ferma a lasciare un boccone come offerta sulla zampa di una statua di pietra di una volpe.

L'uomo recita una breve preghiera prima di allontanarsi rapidamente.

Non appena il viaggiatore è fuori dalla vista, la statua di pietra si trasforma in una vera volpe e mangia l'offerta, ruotando le sue quattro code in direzione del viaggiatore per concedere all'uomo una piccola benedizione come ringraziamento. La volpe quindi si trascina nel sottobosco, pianificando la sua malizia per la giornata.

 

Kitsunemori è un'impostazione autonoma che descrive un'area specifica? la valle di Yonhosu? di un mondo altrimenti non specificato ....

Puoi inserire Kitsunemori in un mondo più grande e preesistente, espandere l'impostazione o semplicemente limitare il viaggio verso le quattro terre dettagliate all'interno di Kitsunemori.

Lo stesso kitsune era ovviamente la principale fonte d'ispirazione per questo libro.

Sono creature intriganti presenti in molti racconti popolari giapponesi e nella storia attuale, sono stati reinterpretati in vari modi nei moderni media popolari.

I Kitsune sono portatori di malizia e miseria, e così tante persone sono veloci a classificarli come demoni.

Ma il kitsune sono anche messaggeri del dio Inari, mecenate del riso, della vita e della fertilità, e quindi sono anche esseri benevoli.

In entrambe le concezioni, il kitsune è descritto come giocoso, astuto, affascinante e assolutamente pericoloso.

 

Altre graffette del mito giapponese incluse in Kitsunemori sono il tanuki, il tengu e il kappa, così come il male oni e l'ambiguo bakemono.

In molti casi, le descrizioni dei mostri si discostano da quelle trovate nel folklore tradizionale; questi mostri sono presentati come razze fantasy e creature ispirate al folklore giapponese piuttosto che rigide ricreazioni.

Lo shintoismo si mescola al buddismo per creare uno sfondo cosmologico per l'ambiente, ma non è necessaria una conoscenza approfondita di entrambi.

Un'altra fonte di ispirazione per Kitsunemori fu il genere chambara rappresentato nei fumetti e nell'animazione, che presenta eroici samurai e ronin senza padrone che coraggiosamente incrociano spade per amore dell'onore.

 

Anteprima capitolo Kitsunemori

Capitolo I: Personaggi contiene regole per la creazione di un personaggio in Kitsunemori, inclusi dettagli sulle due razze standard (umana e kitsune) e informazioni di base per aiutarti a dare forma alla storia di un personaggio.

Capitolo II: Classi descrive come adattare le classi fantasy d20 standard per l'uso in Kitsunemori. Il capitolo introduce anche due classi kitsune (il myobu e il nogitsune) e una nuova classe socialmente orientata (il cortigiano), oltre a suggerimenti su come multiclass al fine di realizzare concetti giapponesi popolari come il samurai, il ninja e il prete shintoista .

Capitolo III: Opzioni Personaggio presenta il concetto di prestigio e un sistema per calcolare quanta esperienza ricevono Kitsune per il loro inganno. Questo capitolo discute anche dell'importanza dei santuari e contiene nuove imprese e vulnerabilità razziali kitsune.

Capitolo IV: L'attrezzatura consiste in una raccolta di oggetti utili dal sapore giapponese. Gran parte di questo equipaggiamento obbedisce alle convenzioni del mito piuttosto che alle leggi della fisica.. e alcune opzioni di equipaggiamento sfocano il confine tra capolavoro e equipaggiamento magico.

Capitolo V: La magia presenta geomanzia, reperti e amuleti sia per l'uomo che per il kitsune, oltre alla magia della volpe, un nuovo sistema di poteri razziali che solo il kitsune può esercitare.

Capitolo VI: Kitsunemori espone in dettaglio la Valle di Yonhosu, una piccola regione coperta dalla Foresta infestata di volpi, dove i kitsune si nascondono in vallate nascoste e da cui si avventurano in terre umane per provocare il caos e trasmettere i favori degli dei. Questo capitolo include i ganci della trama per storie basate su Kitsunemori e descrive la trama principale, che ruota attorno alla protezione dell'intera valle (e forse del mondo) da una minaccia crescente. Il capitolo include anche statistiche e descrizioni di importanti personaggi famosi nel contesto di Kitsunemori, nonché informazioni dettagliate sugli usi e le tradizioni delle popolazioni della valle di Yonhosu.

Capitoli VII - VIII: fornire informazioni generali, ami della trama e altre informazioni affinché i GM possano giocare a Kitsunemori.

Capitolo VII: Forest Denizens offre statistiche e descrizioni per le molte creature che abitano i Kitsunemori. Questo capitolo presenta diversi mostri basati sulla mitologia giapponese, dal tanuki giocoso a diversi tipi di demoni terrificanti.

 

Del resto chi più di una donna (bugheisha nell'anima e, al bisogno, onda nel corpo..) incarna il lato Ura della nostra misteriosa e non ancora svelata esistenza ?

 

 

(ho solo cambiato l' affett.ato … nel rispetto della migliore tradizione giapponese .. ma che ci volete fare, son fatto così, e così dovrete sopportarmi.)

Modificato: da betadine

Sii immobile come una montagna ...
ma non trattare le cose importanti troppo seriamente.

Condividi questo messaggio


Link al messaggio
Condividi su altri siti

Mi ricollego al topic per pubblicare una bellissima locandina che realizzammo con Manuel e raffigurante la celebre Tomoe Gozen circa un nostro evento a Scarperia nel 2015.. 

1437811274706_Manifesto_42_MFT.jpg

-------------------------------

Riguardo l'Oyamazumi jinja che dirvi, è davvero un luogo magico, ogni appassionato di storia giapponese, ed in particolare noi legati alla "via della spada giapponese".. ci dovremmo andare almeno una volta nella vita.. dettagli su come ho fatto a raggiungerlo, varie e video, li caricherò direttamente nella sezione dedicata in Musei. 

Statua raffigurante Tsuruhime:

statua.jpg

Sotto vi riporto qualche pezzo eccezionale appartenuto a Onna bugeisha che ho avuto la fortuna di vedere:

"Sala del Tesoro":

Sala del tesoro.jpg

 

Armatura originale appartenuta a Tsuruhime e donata al tempio:

Armatura Tsuruhime.jpg

Naginata appartenuta a Tomoe Gozen:

_MG_0180.jpg


Prossimamente al cinema... "Indiana Jones e la lama perduta"

Condividi questo messaggio


Link al messaggio
Condividi su altri siti

Grazie Francesco... non solo belle immagini .. ma «cose» toccate con mano.

... ora tralasciando le anemità scritte altrove, torno sulla "onna" e su l'arma con cui spesso viene rappresentata.

Faccio tale affermazione, perchè oltre al fatto che le ns. Tomoe e Tsuruhime son rappresentate con il daisho e di loro si posson leggere pagine di epici duelli, nell'immaginario collettivo parlando di naginata si parla della d.onna.

image.jpeg

L’adozione della naginata come arma da guerra va di pari passo con l’avvento della cavalleria nelle grandi battaglie.

Per un guerriero appiedato, che non possegga un cavallo, fronteggiare un avversario a cavallo è un’impresa pressoché impossibile.

Il samurai a cavallo si trova naturalmente in una posizione privilegiata: è più in alto – difficile da raggiungere - è più veloce ed ha la possibilità di colpire in favore di gravità.. dall’alto verso il basso.

In uno scontro di questo tipo, con la sola lama in mano, il guerriero appiedato è pressoché spacciato.

Il cavaliere, invece, probabilmente ne uscirà indenne.

L’uso massiccio della cavalleria nelle guerre dell’epoca Nara (VIII secolo) e Heian (VIII – XII secolo), portò allo sviluppo e alla diffusione di tutti quegli strumenti che permettevano di spostare su lunghezze più ampie la distanza di combattimento: gli archi e, ovviamente, la naginata e lo yari.

Grazie alla sua lunghezza infatti e alla sua particolare conformazione, la naginata si prestava a un compito prima impossibile: l’azzeramento del fattore “cavallo”, che tanto vantaggio dava alla cavalleria giapponese.

Un bushi addestrato all’uso della naginata poteva facilmente recidere, con la sua arma, i tendini delle gambe dei cavalli, rendendoli inservibili. Il cavaliere, una volta azzoppato il cavallo, veniva inevitabilmente scaraventato a terra, diventando un facile obiettivo di un avversario armato di naginata o di yari, che grazie alla lunga distanza consentita da queste armi, riusciva a colpirlo, mantenendosi fuori portata dai suoi eventuali fendenti.  

Le naginata, in mancanza di yari, potevano essere utilizzate come “picche”, opponendo ad una carica di cavalleria un muro di lame innestate, difficilmente superabile anche dal più agile dei cavalli.

Alcuni storici ritengono che la naginata sia l’evoluzione di uno strumento agricolo, una specie di lunga zappa, che venne adoperata a partire dal III secolo a.C. dai contadini giapponesi non solo per la coltivazione dei campi, ma anche per la difesa dai predoni.

Ciò che è certo è che il termine "naginata" può essere rintracciato per la prima volta nel Kejiki ("Diario delle cose antiche" anno 712) e, successivamente, nel Oushu Gosanneki ("Diario di tre anni in Oshu", anno 1086). Raffigurazioni di battaglie in cui è chiaramente visibile l'uso della naginata, inoltre, sono state realizzate durante il periodo Tengyo no Ran (Insurrezione Tengyo), nel 960 a.C.

L'uso di quest'arma comincia a diffondersi a partire dalle ere Nara (710-794 d.c.) ed Heian (794-1185), a seguito del ruolo decisivo assunto dalla cavalleria nelle grandi battaglie campali, dove la naginata si dimostrò un'arma molto efficace per tagliare o ferire a distanza le gambe dei cavalli ed uccidere i nemici, non appena questi fossero caduti al suolo.  Questa particolare tecnica di combattimento assunse un'importanza fondamentale durante la Guerra Gempei (1180), nella quale il clan dei Taira si scontrò con quello dei Minamoto e le testimonianze del suo impiego si protraggono fino al sedicesimo secolo, quando la diffusione della polvere da sparo e delle prime armi da fuoco resero un’arma come questa, meno efficace di quanto non lo fosse in precedenza.

Al pari delle katana, le naginata venivano disposte dalle antiche famiglie samurai in luoghi importanti (quali ad esempio le entrate delle proprie case) ed erano utilizzate durante le parate organizzate dai signori locali e divennero un elemento essenziale nella dote delle spose.

Dopo la restaurazione Meiji (a partire dal 1868 d.c.), la progressiva occidentalizzazione della società nipponica fece diminuire drasticamente l'importanza delle arti marziali tradizionali anche se, dopo il periodo Showa, gli allenamenti con la naginata divennero parte integrante del programma scolastico femminile, mentre ai maschi era riservata la pratica del Kendo.

La pratica con la naginata venne vietata dalle forze di occupazione americane alla fine della Seconda Guerra Mondiale insieme a tutte le altre Arti marziali nipponiche, e riprese solo qualche anno più tardi, sotto forma di una nuova moderna arte marziale conosciuta con il nome di "Atarashii Naginata".
Nel 1955 venne fondata la "All Japan Naginata Federation, con l'obiettivo di diffondere la pratica della disciplina tra i giovani, mentre nel 1990 è stata fondata la "International Naginata Federation, allo scopo di diffondere la conoscenza e la pratica della naginata a livello internazionale.

Al pari di quelle della katana, anche le forme e le dimensioni della naginata sono state caratterizzate da una ampia variabilità nel corso dei secoli; originariamente l’arma era formata da un lungo bastone provvisto in una estremità di una lama tagliente su un solo filo (a volte ricavata da una katana) e di un punteruolo nell'altra ma oggi la più diffusa, l'atarashi naginata è costituita da un lungo bastone in quercia, detto ebu, lungo tra i 210 e 225 centimetri del peso di 650/900 grammi circa, e da una lama, chiamata habu realizzata in bambù e lunga circa mezzo metro.

Un modello di arma simile al naginata ma con una lama pressoché dritta e spesso più lunga è detto nagamaki (letteralmente: "inastamento lungo"), mentre nella shobuzuki-naginata le lame possono arrivare fino ad un metro e trenta di lunghezza e fu maneggiando questo tipo di naginata che il samurai Gochin No Tajima fu soprannominato "Tajima, il tagliatore di frecce".

Mentre più famoso praticante di naginata, Saito Musashi-Bo Benkei, usava un’arma dalla lama di 4 shaku (152 cm.) e l'asta di 6 shaku e 5 sun (2m e 46cm)!!

Durante le ere Yoshino e Ashikaga, le lame diventano pesanti e fisse, ma si riducono alla lunghezza abituale di circa 60 cm mentre nelle guerre del XVI secolo apparve una nagianata con l'asta più corta, una lama normale ed una tsuba.

 

image.jpeg                   image.jpeg

 a sx una  Naginata, Mino Late Edo -  a dx Naginata, Kanbun era


Una collezione, guardailcaso proprio nel citato Shrine di Oyamazumi, mostra anche un altro tipo di arma in asta nota come nagamaki e ciò ci porta a valutarne le differenze..

Entrambe le lame sono bracci del palo, ma la nagamaki potrebbe essere descritto come un "tachi su un bastone".  (esiste anche il termine nagatachi .. riportato anche nel Glossario visivo di Kotoken Kajihara)

Il nome nagamaki si riferisce al fatto che al di fuori del suo lungo nakago, la nagamaki ha un’asta più corta, solitamente avvolta in pelle o cordoncino.

La forma ormai familiare della naginata, invece, si basa su una lama larga con curvatura montata su una lunga asta.

La nagamaki ha una sugata piuttosto diversa, basata su un classico tachi spesso lungo, con un raddrizzamento nel monouchi e nel fumbari e con l'aggiunta di un nakago che si estende alla lunghezza della lama stessa o oltre.

Gli Shinobi ana o buco nascosto, sono spesso presenti vicino al nakago-jiri .

La nagamaki non possiede la curva uncinata della naginata, per quanto delicata possa essere.  La curvatura è piuttosto koshi zori e inoltre, la naginata generalmente non ha delimitato il kissaki da uno yokote.

Le distinzioni tra le aste furono presto abbandonate a favore della naginata, perché le sue funzioni erano più generalizzate di quelle del nagamaki.

Tutte le successive armi in asta (tranne lo yari) dal Kamakura fino al periodo Meiji sono generalmente naginata. Questo dovrebbe valere per tutte le armi in asta classificate Juyo Bijutsuhin, Bunkazai e Kokuho.
Un altro punto importante è che ciò che il fumbari rappresenta, in realtà è un raddrizzamento dell'ultima parte verso l'hamachi. Questa sezione diritta corrisponde, e sottilmente equilibra e inverte, la geometria della lama dritta, rappresentando non un semplice affusolamento della lama o un gonfiore verso l'habakimoto.

Sappiamo che è stata usata contro i cavalieri, ma ….

..dissertazioni in libertà

La lunga storia della pirateria sul Seto Naikai è attestata dalla storia di Fujiwara Sumitomo, un nobile inviato nel 936 per reprimere i pirati nell'Inland Sea, al tempo della dirompente ribellione del 935-940 da parte di Taira no Masakado contro l'autorità Heian in Kyoto.

La lunga storia della pirateria sul Seto Naikai è testimoniata dalla storia di Fujiwara Sumitomo, un nobile inviato nel 936 per sopprimere i pirati sul Mare Dell'Entroterra, al momento della ribellione dirompente del 935-940 da Taira no Masakado contro l'autorità Heian a Kyoto. La capitale stessa soffriva di saccheggi e dileggi, ma Sumitomo, in parte contrariato, sebbene attento ai bisogni della “società”, presto emerse come lui stesso quale leader pirata più entusiasta di tutti.

Iniziò a fare scorribande sul Mare Interno con una flotta altamente organizzata che salì a 1500 navi. Fu infine schiacciato da Ochi (Oryo-shi) Yoshikata nel 941, che poi dedicò la sua armatura a Oyamazumi-jinja.

Questo è ora un tesoro nazionale, ed è il più antico Omodaka-Odoshi-Yoroi esistente in Giappone.

 

Questo contesto di pirateria in mare può darci alcuni indizi nel cercare di spiegare le chiare differenze che esistono tra i due tipi di arma, la naginata e la nagamaki, ben consci delle semplici supposizioni nella nostra totale ignoranza sulle effettive condizioni d'uso e delle tecniche di combattimento.

La maggiore robustezza e compattezza della naginata, anche se alcuni modelli hanno raggiunto una grande lunghezza della lama con la curva uncinata, sembrano tutti efficaci contro i tendini e con la prestanza mobile di cavalli e armature. Il peso della lama pesa su un cavallo o un uomo che cavalca, con il tagliente ad uncino con curvatura verso l'esterno che ne aumenta l'effetto.
Ricordiamo che l'esercitazione militare per l'uso della lunga sciabola da cavalleria curva del XIX secolo insegnava che il peso del cavallo che si muoveva in avanti era più efficace del taglio selvaggio.

Queste qualità dinamiche non erano esattamente ciò che era necessario contro il sartiame e gli uomini a bordo della nave, o nave per nave, o contro gli uomini a piedi a una certa distanza.

Il sottile nagamaki con il suo corto palo avvolto in pelle era sicuramente più utile in tali occasioni.

Al contrario questa forma snella del nagamaki non sembra adatta all'uso a piedi contro un cavaliere in movimento. Le armi in asta erano utili nella guerra di montagna, rappresentate in diversi dipinti, anche se generalmente si rappresentano come naginata.  Non c'è motivo di supporre che una di queste armi avesse una sola funzione esclusiva.

Come l'O-dachi e il No-dachi, sia la naginata che la nagamaki potrebbero chiaramente essere efficaci contro i cavalieri, che è ciò con cui i guerrieri si trovavano spesso di fronte, ad esempio, sulle pianure erbose di Musashi..
Però le forti associazioni di Oyamazumi-jinja con il Mare Interno e i trascorsi di pirateria perenne, suggeriscono che l'enfasi trovata qui sul nagamaki, anche perché sarebbero state particolarmente efficaci come armi in asta nel combattimento barca-a-barca, contro uomini e persino sartiame, piuttosto che contro i cavalli.

 

... nell'ordine ..  Naginata Hizen Tadayoshi shodai - Early Edo Shinto (1616);  Nagamaki Soshu Kashio Ju Yasuchika - Bunkyu era; (sotto)  Nagamaki Kanabo Masatsugu - Muromachi;  Yari Muramasa - Late Muromachi

image.jpeg               image.jpeg

image.jpeg                 image.jpeg

 

 


Sii immobile come una montagna ...
ma non trattare le cose importanti troppo seriamente.

Condividi questo messaggio


Link al messaggio
Condividi su altri siti

Orbene ... visto che se n’è accennato, ve lo propongo alla beneemeglio.

Tratto dall’HEIKE MONOGATARI - CHAPTER IV. THE DEATH OF KISO.

Capitolo IV  La morte di Kiso


Ora Kiso aveva portato con sé da Shinano due belle ragazze di nome Tomoe e Yamabuki; ma Yamabuki si era ammalata ed era rimasta indietro nella Capitale.

 Tomoe aveva lunghi capelli neri e una carnagione chiara, e il suo viso era molto adorabile; inoltre era una cavaliere senza paura, che né il cavallo più impavido né il terreno più accidentato potevano sgomentare, e così abilmente maneggiava spada e arco che “era una partita per mille guerrieri.. ed era indifferente se incontrava dio o il diavolo.”

Molte volte era scesa in campo, armata a tutto punto, e aveva guadagnato fama senza pari negli incontri con i capitani più coraggiosi.... e così fu in quest'ultimo combattimento... quando tutti gli altri erano stati uccisi o erano fuggiti, tra gli ultimi sette..   Lì cavalcava Tomoe.

Inizialmente fu riferito che Kiso era fuggita a nord o attraverso Nagasaka dalla strada per Tamba o dal passo Ryūge, ma in realtà era tornato indietro e si era diretta verso Seta, per vedere se poteva sentire qualcosa del destino di Imai Kanehira.

Imai aveva a lungo coraggiosamente mantenuto la sua posizione su Seta, ma i continui assalti del nemico ridussero i suoi ottocento uomini a soli cinquanta, quando arrotolò il suo stendardo e tornò a Miyako per accertare il destino del suo signore.. e così accadde che i due si unirono l'uno con l'altro sulla riva di Ōtsu.

Riconoscendosi quando erano ancora a più di cento metri di distanza, spronarono i loro cavalli e si radunarono gioiosamente.    Afferrando Imai per la mano, Kiso escalmò: "Ero così ansioso di te che non mi sono fermato a combattere fino alla morte nel Rokujō Kawara, ma ho voltato le spalle a una miriade di nemici e mi sono affrettato a cercarti."

"Come posso esprimere la mia gratitudine per la considerazione del mio signore?".. rispose Imai

"Anch'io sarei morto in difesa di Seta, ma temevo per il destino incerto del mio signore, e così fui fuggito da quelle parti".

"Allora il nostro antico impegno non sarà infranto e moriremo insieme", disse Kiso, "e ora spiega il tuo stendardo, per dar un segno ai nostri uomini che si sono sparpagliati tra queste colline."

Così Imai dispiegò lo stendardo e molti dei loro uomini che erano fuggiti dalla Capitale e da Seta lo videro e si radunarono di nuovo… ben presto ebbero un seguito di trecento cavalli e cavalieri.

"Con questo gruppo il nostro ultimo combattimento sarà un grande", urlò Kiso con gioia.. "Chi guida il grande schieramento?"

"Kai-no-Ichijō Jirō, mio signore."

"E quanti ne ha,  o pensi?"

"Circa seimila, a quanto pare."

"Bene!", Rispose Yoshinaka, "se dovessimo morire, quale morte potrebbe essere migliore che cadere superati da valorosi nemici?  -- Avanti allora!"

 

Quel giorno Kiso era abbigliato in una hitatare di broccato rosso e un'armatura armata di seta cinese; al suo fianco pendeva una magnifica spada montata in argento e oro e il suo elmo era sormontato da lunghe corna dorate.

Delle sue ventiquattro frecce piumate d'aquila, la maggior parte era stata sparata nei combattimenti precedenti, e ne erano rimaste solo alcune.. estrasse in alto dalla faretra e afferrò il suo arco nel mezzo mentre montava, feroce come un diavolo, su una sella intarsiata in oro.

Alzandosi in alto sulle staffe, gridò ad alta voce: "Kiso-no-Kwanja .. di cui hai spesso sentito parlare..  ora lo vedrai davanti ai tuoi occhi!

Sama-no-kami e Iyo-no-kami, Asahi Shōgun, Minamoto Yoshinaka sono io!

Vieni! Kai-no-Ichijō Jirō!    Prendi la mia testa e mostrala a Hyōye-no-suke Yoritomo! "

"Ascoltate, uomini!"  Gridò Ichijō-no Jirō in risposta; " Su ... attacco!   Questo è il loro grande capitano!

Vedrai che non ti sfuggirà ora!

"E con tutta la forza caricò contro Kiso per prenderlo. Quindi Kiso e i suoi trecento si abbatterono sui loro seimila nella furia della morte, tagliando e tagliando e facendo oscillare le loro lame in ogni direzione fino a quando alla fine sfondarono dal lato più lontano.  Ma il gruppo, oramai ridotto a soli cinquanta cavalieri, quando verso loro Doi-no-Jirō Sanehira si avvicinava per sostenere i loro nemici con un'altra forza di duemila cavalieri.

Lanciandosi su di essi, li attraversarono anche loro, dopo di che si scontrarono con altri gruppi più piccoli che seguivano in riserva.

Ma ora erano ridotti a solo cinque sopravvissuti, e tra questi Tomoe manteneva il suo posto.

Chiamandola a lui Kiso disse: "Dato che sei una donna, è meglio che ora fai la tua fuga..  Ho deciso di morire, sia per mano del nemico che per conto mio, e come sarebbe vergognoso per Yoshinaka se nella sua ultima battaglia fosse morto con una donna? "

Anche a queste parole forti, tuttavia, Tomoe non lo avrebbe abbandonato, anzi  continuando a sentirsi piena di ardore, rispose: " Ah, lasciami un coraggioso guerriero al pari, che o mio  Kiso, vorrei mostrarti quanto una morte possa valere al tuo servizio.. "    Allontanò il cavallo e attese.

Onda-no-Hachirō Moroshige di Musashi, un samurai forte e valoroso, si stava avvicinando con trenta cavalieri, e Tomoe, immediatamente precipitandosi su di loro, si gettò su Onda trascinandolo dal suo cavallo .. afferrato per la testa .. lo premette contro il pomello della sella e glila tagliò.

Poi .. uno sguardo e .. si tolse l'armatura e fuggì verso le province orientali.

Tezuka-no-Tarō fu ucciso e Tezuka-no-Bettō prese il volo, lasciando Kiso solo con Imai-no-Shirō.

"Ah", esclamò Yoshinaka, "la mia armatura mi sembra pesante oggi."

"Ma tu non sei ancora stanco, mio signore, e il tuo cavallo è ancora fresco, quindi perché la tua armatura dovrebbe sentirsi pesante?   Se è perché sei scoraggiato dal non lasciare nessuno dei tuoi servitori, ricorda che io, Kanehira, sono uguale a mille uomini-cavallo, e ho ancora sette o otto frecce nella mia faretra. :. lasciami trattenere il nemico mentre voi, mio signore, dirigete in quella pineta di Awazu che vediamo laggiù, che lì sotto gli alberi potreste mettere fine alla vita in pace. "

" È stato per questo che ho trasformato «la mia» di nuovo sui miei nemici a Rokujō-kawara .. e non è morto allora?  rispose Yoshinaka .. " non ci separeremo affatto, ma ora incontriamo il nostro destino insieme."

E mentre si apprestava a spronare il suo cavallo accanto a quello di Imai verso il nemico, Kanehira, scendendo dal suo cavallo, afferrò la briglia del suo padrone e scoppiò a piangere:  "Per quanto un guerriero possa essere famoso, una morte indegna è una vergogna duratura.  Il mio signore è stanco e anche le sue armi lo sono .. e se, per quanto possa essere, incontrare la morte per mano di qualche servitore di basso rango.. o quanto vergognoso che si debba dire che Kiso Dono, noto in tutto Nippon come il «Guerriero demone», fosse stato ucciso da un tipo senza nome…   quindi ascolta la ragione, vi prego e vai dai pini laggiù."

Così Kiso, così persuaso, si diresse verso la pineta di Awazu.

Poi Ima-no-Shirō, girandosi indietro, mentre veniva raggiunto da cinquanta cavalieri, gridò:

 "Sono Imai Shirō Kanehira, fratello adottivo di Kiso Dono, trentatré anni.  Persino Yoritomo a Kamakura conosce il mio nome, quindi prendi la mia testa e mostraglielo, chiunque possa farlo!"

E tirò così rapidamente le otto frecce che aveva conservato che caderero otto di loro dai loro cavalli, morti o feriti.

Quindi, estraendo la sua spada, si mise sul resto, ma nessuno lo affrontava in combattimento corpo a corpo:  "Abbattilo! Abbattilo!"      . . . .  piansero mentre lasciavano volare una grandine di frecce verso di lui, ma la sua armatura era così buona che nessuno poteva perforarla, e ancora una volta fuggì .

 

Nel frattempo Yoshinaka partì da solo verso Awazu, ed era il ventitreesimo giorno del primo mese.

Ormai era quasi buio e tutta la terra era ricoperta di ghiaccio sottile, in tal modo che nessuno poteva distinguere le profonde risaie, e non era andato molto lontano prima che il suo cavallo fosse precipitato pesantemente nella melma fangosa sottostante.

Giungeva fino al collo, e sebbene Kiso con la frusta e lo sperone con forza e forza..  tutto era inutile.

Anche in questa situazione pensava ancora al suo servitore, e si stava girando per vedere come andava con Imai, quando Miura no Ishida Jirō Tamehisa di Sagami salì in piedi e lanciò una freccia che lo colpì in faccia sotto il suo elmo.

Quando il guerriero colpito cadde in avanti nella sua sella, che la sua cresta si piegò sulla testa del suo cavallo, due “servitori” di Ishida si avventarono su di lui e gli staccarono la testa.

Tenendola in alto sulla punta di una spada, Ishida urlò a gran voce:  "Kiso Yoshinaka, conosciuto in lungo e in largo da Nippon come «Demon Warrior», è stato ucciso da Miura-no-Ishida Jirō Tamehisa."

Imai stava ancora combattendo quando queste parole gli caddero sulle orecchie, ma quando vide che il suo maestro e signore era davvero stato ucciso, gridò:  "Ahimè, per chi ora devo combattere?

Vedete, esclamò agli atterriti contendenti..   vi mostrerò come un guerriero può porre fine alla sua vita! "

si ficcò la punta della spada in bocca e si gettò a testa in giù dal suo cavallo.

 

 


Sii immobile come una montagna ...
ma non trattare le cose importanti troppo seriamente.

Condividi questo messaggio


Link al messaggio
Condividi su altri siti
Il 4/12/2019 alle 05:27 , betadine ha scritto:

.. come promesso tempo fa ad AkaiHana, ho raccolto un pò di materiale su questo intricato e in parte sconosciuto aspetto della storia giapponese.

Una delle ultime nell’autunno del 1868 nel nord del Giappone, rimestava tra le genti del Clan Aizu, mentre si preannunciava una dura battaglia.. qualche mese prima, i samurai di Satsuma avevano organizzato un colpo di stato, ribaltando il governo e consegnando il potere nelle mani di un nuovo imperatore, il giovane Mutsuhito, l'imperatore Meiji.

Le forze imperiali alle porte del castello di Wakamatsu assediarono la fortezza con 30mila truppe... oltre le mura, 3mila guerrieri valorosi si preparavano allo scontro finale.

Si narra di un gruppo di agguerrite e irriducibili combattenti, che diverse vite tolsero prima di cader loro stesse, con le loro lame in asta, sotto i colpi del fucile.

Di lei si narra che nulla lasciò al caso.. allieva di Akaoka Daisuke, si specializò nell’uso della naginata, diventando a sua volta abile istruttrice.. e, per non lasciar nulla al caso, anche la sua testa chiese alla sorella di recidere.. nulla era lasciato al caso, tantomeno nelle mani del nemico.

Oggi riposa in un cortile del tempio di Aizu Bangmachi, sotto un albero, dove ora sorge un monumento in suo onore.

Un giorno scrisse ..

“Non oserei mai considerarmi

membro della cerchia dei più grandi e famosi guerrieri

anche se condivido con tutti loro

il medesimo coraggio.”

Si chiamava Nakano Takedo.. aveva ventuno anni.

 

 

 

 

Oltre ai citati testi e autori, si ringrazia per la collaborazione RN dell'università di Hilo, Hawaii edu-academia. :arigatou:

Sono riuscito a ritrovare il documentario andato in onda qualche anno fa a cura del mitico Prof. Alessandro Barbero sulla coraggiosa Nakano Takeko, buona visione!

 


Prossimamente al cinema... "Indiana Jones e la lama perduta"

Condividi questo messaggio


Link al messaggio
Condividi su altri siti

Per chiudere con i miei quattro onna-appunti raccolti ..

un fumetto   https://www.rejectedprincesses.com/princesses/takeko-nakano

e una mini-monografia di Isabella Guzy Kirkden  (..con un simpatico video)  

  NakanoTakeko by IGK.pdf  .. :arigatou:

 

ah.... dimenticavo per gli amanti del genere... "il simpatico video" è un estratto di un "drama" in due puntate che andò in onda nell'86, proprio alla fine dell'anno.. nel caso "Byakkotai" (白虎隊) - 1986

Modificato: da betadine

Sii immobile come una montagna ...
ma non trattare le cose importanti troppo seriamente.

Condividi questo messaggio


Link al messaggio
Condividi su altri siti

Unisciti alla conversazione

Adesso puoi postare e registrarti più tardi. Se hai un account, Registrati adesso per inserire messaggi con il tuo account.

Ospite
Rispondi

×   Incolla come testo formattato.   Incolla invece come testo normale

  Sono permesse un massimo di 75 faccine.

×   Il tuo link è stato inserito automaticamente.   Visualizza invece come link

×   Il tuo contenuto precedente è stato ripristinato.   Editor trasparente

×   Non puoi incollare le immagini direttamente. Carica o inserisci immagini dall'URL.

Caricamento

Chi è I.N.T.K.

La I.N.T.K. – Itaria Nihon Tōken Kyōkai (Associazione italiana per la Spada Giapponese) è stata fondata a Bologna nel 1990 con lo scopo di diffondere lo studio della Tōken e salvaguardarne il millenario patrimonio artistico-culturale, collaborando con i maggiori Musei d’Arte Orientale ed il collezionismo privato. La I.N.T.K. è accreditata presso l’Ambasciata Giapponese di Roma, il Consolato Generale del Giappone di Milano, la Japan Foundation in Roma, la N.B.T.H.K. di Tōkyō. Seminari, conferenze, visite guidate a musei e mostre, viaggi di studio in Europa e Giappone, consulenze, pubblicazioni, il bollettino trimestrale inviato gratuitamente ai Soci, sono le principali attività della I.N.T.K., apolitica e senza scopo di lucro.

Come associarsi ad I.N.T.K.:

Potete trovare QUI tutte le informazioni per associarsi ad I.N.T.K..
Associandovi ad I.N.T.K. accettate in maniera esplicita il Codice Etico e lo statuto dell'associazione ed avrete accesso ad una serie di benefici:
- Accesso alle aree riservate ai soci del sito e del forum;
- Possibilità di partecipare agli eventi patrocinati dall'associazione (ritrovi, viaggi, kansho, ecc...);
- Riceverete il bollettino trimestrale dell'Associazione.

"Una singola freccia si rompe facilmente, ma non dieci frecce tenute assieme."

(proverbio popolare giapponese)

×
×
  • Crea nuovo/a...

Informazione importante