Vai al contenuto

getsunomichi

Membri
  • Numero di messaggi

    838
  • Registrato dal

  • Ultima visita

Reputazione comunità

0 Neutral

Che riguarda getsunomichi

  • Rango
    getsunomichi

Profile Information

  • Sesso
    Uomo
  • Provenienza
    Milano

Ospiti recenti del profilo

25576 lo hanno visualizzato
  1. getsunomichi

    Lealtà e Tradimento

    Ieyasu è il Principe che cercava Machiavelli. Volpe e Leone. Questi uomini non sono guerrieri ma politici opportunisti. Sono però i Cavour e i Bismarck a costruire gli Stati e non i Garibaldi... Lavorano di cesello, pecunia e cervello. Cappa e spada solo quando strettamente necessario e correndo pochi rischi. La gente non li ama. Non riesce a vedere l'eroe senza macchia e senza paura. Per questo non li ricorda.
  2. Grazie Francesco. Molto utile.
  3. Il Buddismo Shingon, con la sua ricca iconografia ed i suoi formulari magici, arricchisce da sempre il nostro mondo, quello delle Nihonto. Non solo, per la verità, molte forme d'arte ne sono debitrici. Abbiamo fatto un ampio excursus in quelle figurative. ...e in qualche maniera, come ci ha mostrato Beta, il Giardino Giapponese ricade tra queste. Ma non sfugga che tutt'oggi lo scopo di questa iconografia non è affatto decorativo. Queste immagini dal forte contenuto simbolico hanno un significato che noi occidentali saremmo tentati di chiamare religioso. La traduzione più corretta sarebbe, invece, magico. Forse troppo velocemente etichettiamo il Giapponese come superstizioso, quando invece certi riti erano un tempo anche nostri. Un tempo in cui non eravamo così disgiunti dal nostro pianeta e dalla Natura che gli dà vita. Non son le grete e le demonizzazioni della plastica a renderci bio, eco e quanto. Preposizioni che ormai ci ammorbano fino alla nausea. Più importante è riconnetterci con questo antico patrimonio tradizionale che, in nome di una scienza ed una tecnologia mal interpretata e mal vissuta, abbiamo perduto. Posti come il cimitero di Okunoin sono ricchi di questo patrimonio. ...Se smettessimo di osservarli da dietro lo schermo difensivo di un telefonino, potremmo accorgercene tutti. Grazie Beta, per aver avuto questo coraggio.
  4. Grazie Beta, bellissima dissertazione.
  5. getsunomichi

    Lealtà e Tradimento

    Sentirsi antico, essere moderno Anni fa, un maestro giapponese di Karate Tradizionale mi spiego che chi è nella tradizione non ha paura ad innovare. Il mondo cambia, come tutte le cose vive. Anche l'Arte cambia, in conformità con ciò che rappresenta e cioè il mondo stesso. Chi invece è fuori dalla tradizione e non ha nulla di significativo da tramandare, non innova. Ripete piattamente il passato restandone schiavo. Non contribuisce all'evoluzione mantenendo al più stabile quello che ci è arrivato. Un peccato. La Nihonto ha seguito lo stesso percorso, per cui valutiamo con umiltà il lavoro di chi è salito sulle spalle dei giganti, perché non era un imbecille qualunque. Talvolta guardiamo invece all'antico come il nec plus ultra, dimenticando che il mondo si evolve e cambia. Perciò Beta, non è un problema sentirsi antico. Specie se quegli echi del passato hanno un senso estremamente moderno e giovane, a patto di reinterpretarlo senza pretendere di applicare pedissequamente, sperando che il tanfo stantio di muffa non ammorbi l'aria. Perché è questo il tradimento della tradizione. Questo è dimenticare il proprio giuramento di lealtà.
  6. getsunomichi

    Lealtà e Tradimento

    Non è crudo. Si tratta di una descrizione lucida, ma parziale. Il Feudalesimo visto come fenomeno economico, politico e sociale. Giusto, ma sono gli occhi di oggi. Esiste una dimensione che oggi noi, uomini moderni, facciamo fatica a vedere. Una dimensione che per chi ha vissuto non era e non poteva essere sganciata da tutto il resto. Parlo della dimensione religiosa, filosofica e morale. Lo capirono molto bene i Tokugawa che costruirono la stabilità della prima sulla base della seconda, dando al Feudalesimo una vita lunga e tutto sommato prospera, come in nessuna altra parte del mondo. Una risonanza di questa dimensione, come un eco che viene dal passato, non può non essere udita da chi studia oggi la Nihonto.
  7. Bellissima favola, Beta. Grazie.
  8. Di recente ho visto tornare Giuseppe Piva sul forum. Ne ho avuto grande piacere, perché ritengo che sia un arricchimento per tutti noi. Qui a Milano ha fatto molto per la diffusione dell'arte e della cultura giapponese, collaborando attivamente all'allestimento di mostre di altissimo livello. Pur non trattando direttamente di Nihonto, segnalo perciò una delle sue ultime fatiche, uscita per Luni Editrice, che credo non abbia bisogno di presentazioni per i cultori della spada giapponese. Ne ho appena iniziato la lettura. Il testo è semplice e molto scorrevole, per tutti. Fotografie eccezionali, come da suo costume nei cataloghi. Del resto, chi ha fatto anche solo un salto nel suo atelier, sa quanto sia alto il livello qualitativo che Giuseppe offre ai suoi clienti. ...Anche se talvolta non tutti i suoi clienti sono in grado di apprezzarlo, come abbiamo visto qualche tempo fa. 😂😂😂 Grande lavoro, Giuseppe. Grazie.
  9. getsunomichi

    il club dell' Ukiyo-e

    Grazie per queste bellissime immagini, con cui ti prendi cura di noi.
  10. Musa, quell'uom di multiforme ingegnoDimmi, che molto errò, poich'ebbe a terraGittate d'Ilïòn le sacre torri;
  11. getsunomichi

    il club dell' Ukiyo-e

    Come sempre in ciò che dici, c’è poco da aggiungere, ma molto da illuminare. L'equazione di Dirac, con cui hai aperto, descrive il Campo. Il Campo non è che il Tokaido. Allo spettatore, ignaro rivelatore di particelle che entra esso stesso nell'interazione, il compito di svelare come la casualità non sia invece causalità, mediante le differenti ampiezze d'onda del campo, ovvero la probabilità di correlazione tra gli eventi che si manifestano. Fuori dal fisichese, la relazioni tra i personaggi dipendono dall'essere sulla stessa strada. Allo spettatore e alla sua immaginazione comprendere quanto accoppiati tra loro essi siano. Qui sta il potere dell'opera e l'interesse che suscita.
  12. Sì, Beta. Da oggi il mondo è un pochettino più buio, senza di lui. Grazie per averlo ricordato alla tua maniera.
  13. Ho letto il tuo racconto con grande interesse. Molto bello, grazie.
  14. La tartaruga, come mostra la storia raccontata da Betadine, è un animale per cui il tempo perde di senso. Pertanto animali dalla vita immortale. Spesso sugli yoroi, le armature Giapponesi, troverete il motivo della tartaruga. Ovviamente stilizzato nell'ottagono del carapace. Sotto forma di borchia o come motivo decorativo ad esempio degli schinieri. È lì per proteggere. In questa vita lunghissima, per non dire eterna, la tartaruga si impossessa di un altro attributo, la saggezza. Per questo i suoi movimenti sono lenti, pacati, sicuri e carichi di energia. Questi sono probabilmente tartarughini che provengono dalla schiusa delle uova e si dirigono sicuri verso il luccichio del mare, come dice il testo... Nella primissima primavera di una esistenza senza tempo Si apprestano ad affrontare una lunga e prosperosa vita, piena di gioia ed emozioni che solo immergendosi nel mare sconfinato si possono vivere. Un buon augurio per il fortunato possessore.
  15. La storia del Sciur Carera, il Pasquino de noantri, la conoscono in davvero pochi, anche tra i milanesi. Eppure continua a parlare, sommessamente, pare anche tra le lame Giapponesi..

Chi è I.N.T.K.

La I.N.T.K. – Itaria Nihon Tōken Kyōkai (Associazione italiana per la Spada Giapponese) è stata fondata a Bologna nel 1990 con lo scopo di diffondere lo studio della Tōken e salvaguardarne il millenario patrimonio artistico-culturale, collaborando con i maggiori Musei d’Arte Orientale ed il collezionismo privato. La I.N.T.K. è accreditata presso l’Ambasciata Giapponese di Roma, il Consolato Generale del Giappone di Milano, la Japan Foundation in Roma, la N.B.T.H.K. di Tōkyō. Seminari, conferenze, visite guidate a musei e mostre, viaggi di studio in Europa e Giappone, consulenze, pubblicazioni, il bollettino trimestrale inviato gratuitamente ai Soci, sono le principali attività della I.N.T.K., apolitica e senza scopo di lucro.

Come associarsi ad I.N.T.K.:

Potete trovare QUI tutte le informazioni per associarsi ad I.N.T.K..
Associandovi ad I.N.T.K. accettate in maniera esplicita il Codice Etico e lo statuto dell'associazione ed avrete accesso ad una serie di benefici:
- Accesso alle aree riservate ai soci del sito e del forum;
- Possibilità di partecipare agli eventi patrocinati dall'associazione (ritrovi, viaggi, kansho, ecc...);
- Riceverete il bollettino trimestrale dell'Associazione.

"Una singola freccia si rompe facilmente, ma non dieci frecce tenute assieme."

(proverbio popolare giapponese)

×
×
  • Crea nuovo/a...

Informazione importante