Vai al contenuto
Lorenzo

Afuri (no) Tsurugi - Spada Caduta Dal Cielo

Messaggi consigliati

Jarou quando ti inalberi mi fai troppo ridere. Si percepisce proprio l'incazzatura (leggera e pungente tipica del tuo carattere)

 

:happytrema::tioffrounabirra:

 

IN quest'ottica, a prescindere dal risultato, l'opera descritta da Jarou assume dunque una certa valenza nel giudicare la capacità di ottenere risultati apprezzabili con un materiale tanto ostico. Possiamo consideralo un esercizio estetico, un test, un'opera singolare ...quello che ci pare.

 

Esatto. La notizia è interessante presa così com'è.

Modificato: da Jarou

Condividi questo messaggio


Link al messaggio
Condividi su altri siti

Interessantissima notizia Jarou, grazie mille. Non sapevo nulla al riguardo. Ragionando bene sul nome della lama (Afuri no Tsurgi), non posso resistere dall'esprimere un parere filologico. Guardando i Kanji 天降剣 si vede subito che il primo di questi è Ten 天: è vero che indica il cielo, ma si parla di un celo inteso come qualcosa di spirituale. Infatti il cielo inteso in senso fisico è Sora 空. Sembrerebbe come se quest oggetto venisse considerato un dono degli Dei o qualcosa di simile, non so se mi spiego. Jarou, tu cosa ne pensi a riguardo? :arigatou:

Condividi questo messaggio


Link al messaggio
Condividi su altri siti

Io penso sia una speculazione ideologica giocata sulla ambivalenza del termine. Mia modesta opinione da inesperto in lingua.


Mani fredde, schiena curva, odore di pietre bagnate. Questo è il togi.

Condividi questo messaggio


Link al messaggio
Condividi su altri siti

Lo penso anche io, sicuramete è una scelta voluta :arigatou:

Condividi questo messaggio


Link al messaggio
Condividi su altri siti

Certo che si. Il fatto è che per noi il cielo è quello azzurro e anche quello dove volano le anime, non abbiamo due termini diversi. Ok ci sarebbe lo spazio ma quello è un termine ancor più scientifico. Concordo con te Sandro, la scelta è decisamente voluta.

Condividi questo messaggio


Link al messaggio
Condividi su altri siti

Alcuni degli ultimi tanto che il maestro ha portato in Italia erano stati forgiati includendo una percentuale di minerale meteoritico.

Ha detto che in America ha trovato un bel blocco di metallo estratto da un meteorite a pochi dollari e se lo è portato in Giappone per fare diverse prove.

Aveva già avuto alcune esperienze in passato e adesso stava lavorando per affinare le tecniche necessarie. Come diceva prima Ken, si è trovato a lavorare con un acciaio molto difficile e ha quindi variato le proporzioni fino ad ottenere un miscela dalle ottime carattteristiche estetiche e funzionali.

Vedrò di fare un pò meglio mente locale adesso che scrivo l'articolo per il prossimo NIpponto



Condividi questo messaggio


Link al messaggio
Condividi su altri siti

E' un topic davvero interessante. A proposito di meteoriti e forgiatura... lo sapevate che gli Egizi utilizzavano i meteoriti per forgiare oggetti in ferro?

Condividi questo messaggio


Link al messaggio
Condividi su altri siti

Proprio in oriente, il "kriss" malese, il famoso pugnale a forma di serpente, è fatto con ferro meteorico.

 

Questo, compone uno degli strati della forgiatura, meno raffinatamente ma in modo molto simile alla forgiatura giapponese.


Un proverbio orientale recita: "La verità non suona bene all'orecchio".

Le persone, in genere, tendono a preferire le cose piacevoli alle cose vere:

Per quanto nelle mie possibilià, ricerco le cose vere ... anche se dovessi riscontrarle spiacevoli.

Condividi questo messaggio


Link al messaggio
Condividi su altri siti
Proprio in oriente, il "kriss" malese, il famoso pugnale a forma di serpente, è fatto con ferro meteorico.

 

Questo, compone uno degli strati della forgiatura, meno raffinatamente ma in modo molto simile alla forgiatura giapponese.

già. nel kriss tradizionale è (o era?) ricercato l'effetto estetico e il ferro meteorico, in virtù del contenuto di nikel, che gli conferisce un aspetto particolarmente brillante, contrasta vivacemente con l'acciaio "terrestre", più opaco. si ricerca la marezzatura senza curarsi di dove finisce l'acciaio duro.

Condividi questo messaggio


Link al messaggio
Condividi su altri siti
E' un topic davvero interessante. A proposito di meteoriti e forgiatura... lo sapevate che gli Egizi utilizzavano i meteoriti per forgiare oggetti in ferro?

forse l'uso del ferro meteorico, che si presenta in natura come metallo, è precedente all'uso del ferro terrestre, presente inevitabilmente come ossidi e quindi di difficile scoperta-associazione al fatto che fosse un metallo.

manufatti di ferro meteorico, se ne sono trovati anche in mesopotamia, in epoche coeve alla nascita della nmetallurgia (età del rame o prima età del bronzo) e tali manufatti erano costosissimi. immaginarsi fucinare una lega ostica come il ferro-nikel con martelli di rame e incudini di pietra

Condividi questo messaggio


Link al messaggio
Condividi su altri siti

bella discussione,non pensavo che qualcuno provasse a forgiare meteoriti,pensavo che fosse una leggenda metropolitana....


"il tuo metodo"disse un giorno un visitatore al Maestro,"sembra un insieme di cristianesimo,panteismo a altre filosofie.Tu cosa dici a proposito?"

"non saprei amico mio"rispose il Maestro sorridendo"sono troppo impegnato a vivere per occuparmi delle etichette"

 

 

 

Un giorno il Maestro disse a proposito dell'arte del combattere:"L'essenza della vera arte del combattere è il silenzio.Tutto il resto è rumore inutile".

Condividi questo messaggio


Link al messaggio
Condividi su altri siti

il famoso metallo " dono degli dei " , presente in molte culture .

 

Effettivamente il suo utilizzo ora può apparire come un vezzo strano .. tuttavia non si può negare il fascino di un arma prodotta con un materiale non di questo mondo .

 

Per quanto riguarda il " raffreddamento di un grado ogni milione di anni " non capisco che influenza possa avere nella formazione di quel tipo di struttura , piùttosto direi che l'influenza maggiore la possa avere un raffreddamento "lento" nel vuoto .. come può esserlo se il materiale proviene da una supernova in seguito all'uscita dal raggio d'azione della sua esplosione .. A occhio direi che dovrebbe avvenire nel corso di 5-10 anni o meno .


Alla fine del vento

Ancora cadono le foglie ..

..Un falco lancia il suo grido

Si fa più fondo il silenzio dei monti

Condividi questo messaggio


Link al messaggio
Condividi su altri siti

Crea un account o accedi per commentare

Devi essere un utente per poter lasciare un commento

Crea un account

Registrati per un nuovo account nella nostra comunità. è facile!

Registra un nuovo account

Accedi

Hai già un account? Accedi qui.

Accedi ora

Chi è I.N.T.K.

La I.N.T.K. – Itaria Nihon Tōken Kyōkai (Associazione italiana per la Spada Giapponese) è stata fondata a Bologna nel 1990 con lo scopo di diffondere lo studio della Tōken e salvaguardarne il millenario patrimonio artistico-culturale, collaborando con i maggiori Musei d’Arte Orientale ed il collezionismo privato. La I.N.T.K. è accreditata presso l’Ambasciata Giapponese di Roma, il Consolato Generale del Giappone di Milano, la Japan Foundation in Roma, la N.B.T.H.K. di Tōkyō. Seminari, conferenze, visite guidate a musei e mostre, viaggi di studio in Europa e Giappone, consulenze, pubblicazioni, il bollettino trimestrale inviato gratuitamente ai Soci, sono le principali attività della I.N.T.K., apolitica e senza scopo di lucro.

Come associarsi ad I.N.T.K.:

Potete trovare QUI tutte le informazioni per associarsi ad I.N.T.K..
Associandovi ad I.N.T.K. accettate in maniera esplicita il Codice Etico e lo statuto dell'associazione ed avrete accesso ad una serie di benefici:
- Accesso alle aree riservate ai soci del sito e del forum;
- Possibilità di partecipare agli eventi patrocinati dall'associazione (ritrovi, viaggi, kansho, ecc...);
- Riceverete il bollettino trimestrale dell'Associazione.

"Una singola freccia si rompe facilmente, ma non dieci frecce tenute assieme."

(proverbio popolare giapponese)

×
×
  • Crea nuovo/a...

Informazione importante