Vai al contenuto
idk

Fighting Spirit?

Messaggi consigliati

Io pratico Seitei Iai, e spero di non aver scritto male... In tal caso, mi scuso per la figuraccia colossale :omg:

Condividi questo messaggio


Link al messaggio
Condividi su altri siti
PS Shinkokyu mi sa che anche te dovrai farci l'abitudine a prendere le bastonate sulle mani.... :ichiban: ahah

E gia :biggrin:

 

Anche perchè il mio maestro è suscettibile a i colpi andati a segno contro di lui per puro caso :hehe:


HAqDe6c.png

Condividi questo messaggio


Link al messaggio
Condividi su altri siti

Ma non si usano protezioni? :omg:

Condividi questo messaggio


Link al messaggio
Condividi su altri siti

Grazie idk per la risposta!

 

ahah auguri allora Shinkokyu! Voi vi capita di utilizzare le tsuba sui bokken? (scusate l'offtopic..)


"Indiana Jones e la lama perduta"

Condividi questo messaggio


Link al messaggio
Condividi su altri siti

Grazie idk per la risposta!

 

ahah auguri allora Shinkokyu! Voi vi capita di utilizzare le tsuba sui bokken? (scusate l'offtopic..)

Inizialmente comprai un Bokken in quercia rossa abbastanza pesante con la Tsuba (usato per poco tempo), poi ho visto che nessuno cè l'aveva, allora comprai un Bokken in quercia bianca più leggero senza Tsuba.

 

Penso che tu voglia dirmi che senza Tsuba i colpi alle mani arrivano più facilmente? :hehe:


HAqDe6c.png

Condividi questo messaggio


Link al messaggio
Condividi su altri siti

:rolleyes: Se tu facessi Kendo almeno avresti dei Kote... ma se proprio proprio ti fa schifo, alloooora... :dry:

 

(sto tentando di convertirti, lo ammetto :arigatou: )

Condividi questo messaggio


Link al messaggio
Condividi su altri siti

:rolleyes: Se tu facessi Kendo almeno avresti dei Kote... ma se proprio proprio ti fa schifo, alloooora... :dry:

 

(sto tentando di convertirti, lo ammetto :arigatou: )

Io parlavo dello Iaido, che non mi fa schifo, però preferisco Katori :yes:

 

Di Kendo non ne ho ancora parlato, è un'arte che mi affascina e sicuramente mi piace, chissà magari un domani... Per adesso mi dedico al Katori :arigatou:


HAqDe6c.png

Condividi questo messaggio


Link al messaggio
Condividi su altri siti

Neanche lo Iaido prevedeva gare . Inoltre non prevedeva stage , ecc.. Tutto quello che si fa oggi . La regola era: un Maestro , le regole , la prassi.

Si infatti mi sembrava strano sentire parlare di gare di Iaido! Ricordo di aver visto anche qualche gara ti Tameshigiri in passato! Io pratico anche Karate oltre a Katori e so che anch'esso era nato esclusivamente come Arte Marziale, poi la storia ha cambiato alcune cose.. Nel campo infatti ci si imbatte spesso in tradizionalisti e sportivi..

Il Katori Shinto Ryu è molto più legato alla tradizione, e spero che rimarrà tale! Le gare rischiano, come nel caso del Karate, di snaturalizzare l'arte e addirittura eliminare alcune tecniche pericolose (vedi tecniche a mano aperta) per favorire la salute degli atleti!

Condividi questo messaggio


Link al messaggio
Condividi su altri siti

Durante la seconda parte dell’epoca Edo, ed in particolare nel Bakumatsu, i cosiddetti taryūjiai (competizioni tra le varie scuole) si svolgevano spessissimo. Quasi tutte le tradizioni schermistiche avevano approvato il combattimento con bōgu e shinai, in particolar modo dopo l’istituzione del Kōbusho da parte del governo centrale. Scuole come la Katori Shintō Ryū o la Kashima Shintō Ryū, nonostante fossero riconosciute come gli stili originari e più importanti, venivano oramai considerate anacronistiche per il fatto di essere legate a dei santuari e non permettere il confronto libero. Basti pensare che durante il 1°anno dell’era Man’en (1860), mentre ad Edo il più grande dōjō di spada della storia giapponese (il Genbukan del maestro Chiba Shūsaku, scuola di Hokushin Ittō) contava oltre tremila praticanti al giorno, la Tenshin Shōden Katori Shintō Ryū sembra che avesse un solo allievo registrato ufficialmente. Credo che un dato del genere sia estremamente significativo per determinare l’importanza che un praticante di kenjutsu dava alla pratica in armatura. :arigatou:

Condividi questo messaggio


Link al messaggio
Condividi su altri siti

Crea un account o accedi per commentare

Devi essere un utente per poter lasciare un commento

Crea un account

Registrati per un nuovo account nella nostra comunità. è facile!

Registra un nuovo account

Accedi

Hai già un account? Accedi qui.

Accedi ora

Chi è I.N.T.K.

La I.N.T.K. – Itaria Nihon Tōken Kyōkai (Associazione italiana per la Spada Giapponese) è stata fondata a Bologna nel 1990 con lo scopo di diffondere lo studio della Tōken e salvaguardarne il millenario patrimonio artistico-culturale, collaborando con i maggiori Musei d’Arte Orientale ed il collezionismo privato. La I.N.T.K. è accreditata presso l’Ambasciata Giapponese di Roma, il Consolato Generale del Giappone di Milano, la Japan Foundation in Roma, la N.B.T.H.K. di Tōkyō. Seminari, conferenze, visite guidate a musei e mostre, viaggi di studio in Europa e Giappone, consulenze, pubblicazioni, il bollettino trimestrale inviato gratuitamente ai Soci, sono le principali attività della I.N.T.K., apolitica e senza scopo di lucro.

Come associarsi ad I.N.T.K.:

Potete trovare QUI tutte le informazioni per associarsi ad I.N.T.K..
Associandovi ad I.N.T.K. accettate in maniera esplicita il Codice Etico e lo statuto dell'associazione ed avrete accesso ad una serie di benefici:
- Accesso alle aree riservate ai soci del sito e del forum;
- Possibilità di partecipare agli eventi patrocinati dall'associazione (ritrovi, viaggi, kansho, ecc...);
- Riceverete il bollettino trimestrale dell'Associazione.

"Una singola freccia si rompe facilmente, ma non dieci frecce tenute assieme."

(proverbio popolare giapponese)

×
×
  • Crea nuovo/a...

Informazione importante