Vai al contenuto
Mauro Piantanida

Tsuba Ōnin

Messaggi consigliati

Salve gente,

vorrei condividere una delle mie ultime acquisizioni. Si tratta di una piccola tsuba (75,7x75,5x2,5 mm, peso 58 g) in tipico stile Ōnin - 応仁.

Come è noto esistono due grandi tipologie di tsuba Ōnin: la prima con inserti "a capocchia di spillo" (ten-zōgan) e semplici inserti lineari (sen-zōgan), la seconda con inserti sagomati (suemon-zōgan) di soggetto floreale, zoomorfo o araldico. Questa seconda tipologia risulta difficilmente (ed in qualche modo arbitrariamente) separabile da gli epigoni della scuola Heianjō-zōgan. Ma questa che presento è indiscutibilmente una tsuba Ōnin classica, coeva delle ko-tōshō (vedi la sottigliezza del jigane), con piccoli tekkotsu globulari sul bordo. Purtroppo sul lato omote la maggior parte degli inserti sono mancanti (ma se la tsuba fosse stata in migliori condizioni semplicemente non me la sarei potuta permettere). Comunque un oggetto di studio interessante e piuttosto raro.

Onin tsuba.jpg

Onin tsuba.gif

Potrebbe essere descritta come:

星透鐔 - hoshi sukashi tsuba oppure 円相透鐔 - ensō sukashi tsuba

八ッ木瓜形 鉄槌目地 - yattsu-mokkō-gata tetsu-tsuchime-ji

陰透 真鍮点線象嵌 片櫃孔 丸耳 - in-sukashi shinchū-ten-sen-zōgan kata-hitsu-ana maru-mimi

 

Saluti, Mauro


Mauro Piantanida
武士に二言無し
Έτσι, δεν γνωρίζω

Condividi questo messaggio


Link al messaggio
Condividi su altri siti

Complimenti Mauro per questa nuova arrivata!

 

E' probabile supporre che le tsuba di questa tipologia se le potessero permettere solo le persone più ricche in questo periodo, in quanto gli zōgan erano in ottone (non propriamente in shinshū, ma in kōdō che ha una diversa composizione). Interessante notare che in questo primo periodo l'ottone utilizzato in Giappone era stato in gran parte importato dalla Cina e dalla Corea sotto forma di monete. :arigatou:


Prossimamente al cinema... "Indiana Jones e la lama perduta"

Condividi questo messaggio


Link al messaggio
Condividi su altri siti

I termini shinchū (真鍮) e ō-dō (黄銅) sono del tutto sinonimi, almeno secondo Marcus Sesko (Handbook of Sword Fittings Related Terms p. 42).

Comunque sui kanteisho NBTHK ho sempre trovato la dicitura shinchū:

 

01201a.jpg

(da: http://www.seiyudo.com/tu-098073.htm)

 

Saluti, Mauro


Mauro Piantanida
武士に二言無し
Έτσι, δεν γνωρίζω

Condividi questo messaggio


Link al messaggio
Condividi su altri siti

Da pag.12 del Nihontō Kōza vol VI, parte 1, riguardo le Ōnin tsuba si legge:

 

"Now then, it has been explained by forerunners that, metallurgically, this is not really shinchū (brass), but is kōdō (yellow copper, brass), but here, we will use the term shinchū (brass) in accordance with previous practice. Although both shinchū and kōdō are both translated as brass, there are obviously differences in composition, just as we, other than metallurgists, use brass as a generic term in English for copper based yellow metal alloys".

 

:arigatou:


Prossimamente al cinema... "Indiana Jones e la lama perduta"

Condividi questo messaggio


Link al messaggio
Condividi su altri siti

Ho trovato in un bel libricino (Tanoshi Shinchū Zōgan Tsuba: 100 Tsuba di Ōtani Sadao) la versione daitō della mia tsuba Ōnin.

zzz020.jpg

Come vedete un pezzo in perfetto stato di conservazione, che evidentemente non è stato indossato tanto a lungo quanto la mia.

Saluti, Mauro


Mauro Piantanida
武士に二言無し
Έτσι, δεν γνωρίζω

Condividi questo messaggio


Link al messaggio
Condividi su altri siti

Grazie per la condivisione Mauro!

 

Questa forma doveva proprio essere di "moda" in quel periodo, l'ho vista realizzata da diverse scuole con qualche variante, tra qui dalla Kamakura. :arigatou:


Prossimamente al cinema... "Indiana Jones e la lama perduta"

Condividi questo messaggio


Link al messaggio
Condividi su altri siti

Unisciti alla conversazione

Adesso puoi postare e registrarti più tardi. Se hai un account, Registrati adesso per inserire messaggi con il tuo account.

Ospite
Rispondi

×   Incolla come testo formattato.   Incolla invece come testo normale

  Sono permesse un massimo di 75 faccine.

×   Il tuo link è stato inserito automaticamente.   Visualizza invece come link

×   Il tuo contenuto precedente è stato ripristinato.   Editor trasparente

×   Non puoi incollare le immagini direttamente. Carica o inserisci immagini dall'URL.

Caricamento

Chi è I.N.T.K.

La I.N.T.K. – Itaria Nihon Tōken Kyōkai (Associazione italiana per la Spada Giapponese) è stata fondata a Bologna nel 1990 con lo scopo di diffondere lo studio della Tōken e salvaguardarne il millenario patrimonio artistico-culturale, collaborando con i maggiori Musei d’Arte Orientale ed il collezionismo privato. La I.N.T.K. è accreditata presso l’Ambasciata Giapponese di Roma, il Consolato Generale del Giappone di Milano, la Japan Foundation in Roma, la N.B.T.H.K. di Tōkyō. Seminari, conferenze, visite guidate a musei e mostre, viaggi di studio in Europa e Giappone, consulenze, pubblicazioni, il bollettino trimestrale inviato gratuitamente ai Soci, sono le principali attività della I.N.T.K., apolitica e senza scopo di lucro.

Come associarsi ad I.N.T.K.:

Potete trovare QUI tutte le informazioni per associarsi ad I.N.T.K..
Associandovi ad I.N.T.K. accettate in maniera esplicita il Codice Etico e lo statuto dell'associazione ed avrete accesso ad una serie di benefici:
- Accesso alle aree riservate ai soci del sito e del forum;
- Possibilità di partecipare agli eventi patrocinati dall'associazione (ritrovi, viaggi, kansho, ecc...);
- Riceverete il bollettino trimestrale dell'Associazione.

"Una singola freccia si rompe facilmente, ma non dieci frecce tenute assieme."

(proverbio popolare giapponese)

×
×
  • Crea nuovo/a...

Informazione importante