Vai al contenuto
Aldo Vanini

Katana Muromachi

Messaggi consigliati

Ti ringrazio!

 

Cosa intendi con:

...e non sia stato necessario riportare tutta la mei su quello che restava del nakago...

??

 

P.S. ma è riportato sul "certificato" che è gakumei?


Prossimamente al cinema... "Indiana Jones e la lama perduta"

Condividi questo messaggio


Link al messaggio
Condividi su altri siti

grazie per averci mostrato l'altro lato!

 

...che conferma invece la stranezza. non noti che la mei è stata "incollata" sopra? si vede chiaramente al nakagojiri che ci sono 2 blocchi ben distinti... quello omote con la mei e quello ura intatto originale.

 

la stranezza sta nella dimensione dell'inserto... magari è normale ma in tal caso io non ne ho mai viste di così (gaku mei)

 

in piu mi sembra strano che in gaku mei, operazione apposita per salvagiardarr la mei, venga tolto un kanji... non avrebbe molto senso. in piu poi visto lo spazio che c'è sotto l'ultimo carattere non si sarebbe dovuto vedere almeno un accenno se non l'inizio del kanji "saku"?

 

forse la mei non è della seconda generazione, del cui esempio postato da Francesco non noto particolare somiglianza di direzione e tratti delle incisioni?

mah, è solo io mio pensiero però.

Condividi questo messaggio


Link al messaggio
Condividi su altri siti

quando smonto di nuovo la tsuka voglio vederla sul fianco per vedere lo spessore dell'eventuale riporto che, effettivamente sembrerebbe essere tale dal cambio di colore del metallo.

Il riporto è veramente accurato...Certo è che se fosse un falso sarebbe un falso ben sofisticato!

La cosa mi piace sempre di più :smile:

Condividi questo messaggio


Link al messaggio
Condividi su altri siti

Non credo srtva rismontare la tsuka...

 

20180119_212407.png

 

attenzione che io non ho parlato di falso però...

 

credo sarebbe invece utile cercare di parlare un po meno del nakago e più della lama... proviamo a dare un pò più spazio ad alcuni spunti di Francesco... partendo da quelle formazioni tondeggianti nella hada. che cosa ti sembrano?

Condividi questo messaggio


Link al messaggio
Condividi su altri siti

A proposito della lama, vorrei sottolineare una cosa.

Benché riportate dopo un abbondante resizing, le foto che ho postato sono fatte in raw con un macro di serie L della Canon e con una fotocamera full frame priva di filtro antialiasing.

Questo significa una impietosa capacità di evidenziare anche il più sottile dettaglio. Se prendete la lama in mano (si fa per dire!) sembra quasi priva di formazioni.

Mi viene solo da chiedermi come si comporterebbero altre lame se fotografate alle condizioni di cui sopra.

Capisco che sembrino le giustificazioni di un genitore per i difetti del figlio, ma consentitemele... :-)

Condividi questo messaggio


Link al messaggio
Condividi su altri siti

Sarò forse orbo ma io da qui non vedo alcun riporto.

non vedi lo scalino in tutta la parte terminale (anche negli spigoli di mune e ha) del makago ? a me sembra palese, come se fossero i due lati di un panino... se non è dovuto ad una operazione tipo gaku mei da cosa potrebbe essere dovuto?

ripeto, magari è normale ma io non ne ho mai visti fin'ora di così su un nakago ubu o con semplice suriaghe

Condividi questo messaggio


Link al messaggio
Condividi su altri siti

Vorrei vederlo di profilo. Segare perfettamente a metà un nakago nel senso dello spessore mi pare in operazione esageratamente complicata.

A meno di non farla con una lama da traforo moderna.

E poi va saldata la fetta.

Comunque, tutto può essere. Da questa foto però non ce lo vedo proprio.

Condividi questo messaggio


Link al messaggio
Condividi su altri siti

sicuramente vederlo di profilo aiuterebbe molto in tal senso a capire. sul come "attaccare" la fetta non mi pronuncio proprio, a me pare complicata anche la semplice gaku mei anche se effettivamente non saprei come possano fare se non con una saldatrice od una buona colla...

però come ti spiegheresti in lato omote allora, mancanza di yasuri e patina diversa, con stacco netto, nella "placca" della mei?

oltre ad immaginare una placca diversa cosa potrebbe essere?

Condividi questo messaggio


Link al messaggio
Condividi su altri siti

Io sono dell'opinione di G.Luca. Non riesco a vedere il motivo per una operazione così complicata (possibile teoricamente anche a mano, ma veramente ingiustificata), come dividere in due nello spessore il nagako per riappicicarlo con tanta precisione, quando anche sulle lame più pregiate il gaku mei è ottenuto in maniera tanto più rozza senza che nessuno se ne faccia un problema. Se l'operazione fosse stata condotta in questo modo per non farsene accorgere non sarebbe stato lasciato lo stacco netto sul lato omote. Lo scalino, che voglio verificare a vista potrebbe essere dovuto al taglio suriage, quando si sega spesso non si riesce a fare un solo piano di taglio. D'altro canto che il colore del metallo sia diverso solo sul lato della mei è evidente e non giustificato senza l'ipotesi del riporto e Lorenzi parla decisamente di gaku mei. Quindi gaku mei rimane l'ipotesi più attendibile anche se sarebbe un gaku mei veramente insolito. Misterioso... Oggi vedo di smontare, osservare bene e fotografare il profilo.

Condividi questo messaggio


Link al messaggio
Condividi su altri siti

appunto...

ridurre a metà un nakago però è il meno, se ci vai pesante di lima. citando un film che adoro: "È tutto quello che

serve: pressione. E tempo". E' il resto il mistero...

 

se il lato omote fosse più omogeneo allora non sarei cosi propenso per la firma aggiunta

Condividi questo messaggio


Link al messaggio
Condividi su altri siti

...o forse, la risposta è proprio la più semplice di tutte...

hanno limato il nakago ovunque, tranne che nel lato omote zona mei. E lo scalino evidente dipende dal suriaghe. potrebbe essere una possibilità anche questa, anche se la reputo una idiozia se fosse così.

chissà che non abbia ragionr Occam anche stavolta.

Condividi questo messaggio


Link al messaggio
Condividi su altri siti

Questa della limatura mi sembra l'ipotesi più attendibile. Avevo messo in conto solo l'inverosimile taglio di una fetta.

Ed è giusto il richiamo di Enrico ad Occam: perché la soluzione più semplice è quella più probabile...

Datemi tempo per smontare la tsuka con calma e dovremmo avere le idee più chiare.

In ogni caso provo a sentire anche il parere di Lorenzi che me l'ha venduta.

 

P.S.: Concordo con il fatto che l'attendibilità del certificato NBTHK non può essere sostituita da alcun che, sotto il profilo tecnico (ovviamente sempre che non sia farlocco :-) ). Però, per la precisione, per la legge, in Italia, 'certificato' , é solo quello rilasciato ai sensi dell'art.64 del D.L.42/2004 (il così detto Codice Urbani), che riprende il vecchio art.2 della L.1062/1971, fermo restando, per l'art.21 della Costituzione, il diritto di chiunque di manifestare il proprio pensiero e fornire un parere da esperto...

Condividi questo messaggio


Link al messaggio
Condividi su altri siti

Mi pare che l'ipotesi gaku mei sia confermata, in versione limatura nagako. Per pigrizia non ho tirato fuori la fotocamera seria e quindi con lo smartphone non sono riuscito a fotografare in grazia di dio, né, tanto meno a riprendere il laterale. Devo dire chesul laterale, a vista, la saldatura è perfetta e invisibile. Se non fosse per quello che si vde in testa, sarebbe difficile immaginarlo riportato e sembrerebbe un unico pezzo con il tratto del nagako oltre la mei leggermente ribassato per limatura... Certo è che chi ha fatto il lavoro conosceva il fatto suo, soprattutto nel risaldare il tutto. La luce fa sembrare argentata la testata, in realtà è tutto ossidato.

2018-01-20 11.45.45.jpg

Condividi questo messaggio


Link al messaggio
Condividi su altri siti

Unisciti alla conversazione

Adesso puoi postare e registrarti più tardi. Se hai un account, Registrati adesso per inserire messaggi con il tuo account.

Ospite
Rispondi

×   Incolla come testo formattato.   Incolla invece come testo normale

  Sono permesse un massimo di 75 faccine.

×   Il tuo link è stato inserito automaticamente.   Visualizza invece come link

×   Il tuo contenuto precedente è stato ripristinato.   Editor trasparente

×   Non puoi incollare le immagini direttamente. Carica o inserisci immagini dall'URL.

Caricamento

Chi è I.N.T.K.

La I.N.T.K. – Itaria Nihon Tōken Kyōkai (Associazione italiana per la Spada Giapponese) è stata fondata a Bologna nel 1990 con lo scopo di diffondere lo studio della Tōken e salvaguardarne il millenario patrimonio artistico-culturale, collaborando con i maggiori Musei d’Arte Orientale ed il collezionismo privato. La I.N.T.K. è accreditata presso l’Ambasciata Giapponese di Roma, il Consolato Generale del Giappone di Milano, la Japan Foundation in Roma, la N.B.T.H.K. di Tōkyō. Seminari, conferenze, visite guidate a musei e mostre, viaggi di studio in Europa e Giappone, consulenze, pubblicazioni, il bollettino trimestrale inviato gratuitamente ai Soci, sono le principali attività della I.N.T.K., apolitica e senza scopo di lucro.

Come associarsi ad I.N.T.K.:

Potete trovare QUI tutte le informazioni per associarsi ad I.N.T.K..
Associandovi ad I.N.T.K. accettate in maniera esplicita il Codice Etico e lo statuto dell'associazione ed avrete accesso ad una serie di benefici:
- Accesso alle aree riservate ai soci del sito e del forum;
- Possibilità di partecipare agli eventi patrocinati dall'associazione (ritrovi, viaggi, kansho, ecc...);
- Riceverete il bollettino trimestrale dell'Associazione.

"Una singola freccia si rompe facilmente, ma non dieci frecce tenute assieme."

(proverbio popolare giapponese)

×
×
  • Crea nuovo/a...

Informazione importante