Vai al contenuto

Welcome to INTK Forum
Register now to gain access to all of our features. Once registered and logged in, you will be able to create topics, post replies to existing threads, give reputation to your fellow members, get your own private messenger, post status updates, manage your profile and so much more. If you already have an account, login here - otherwise create an account for free today!
Foto

Seppuku


  • Per cortesia connettiti per rispondere
40 risposte a questa discussione

#37
Fiore di ciliegio

Fiore di ciliegio

    appena arrivato

  • Membri
  • 17 messaggi
  • Sesso: Uomo
  • teramo no kuni jū
Sandro, grazie del lavoro svolto, denso e preciso.

#38
sandro

sandro
  • Membri
  • 3068 messaggi
  • Sesso: Uomo
  • Tōkyō-to, Suginami-ku no kuni jū
Grazie mille a te per averlo letto :arigatou:

#39
Matteo

Matteo
  • Membri
  • 3029 messaggi
  • Friuli no kuni jū
visto.... molto bello
film molto difficile da trovare

#40
Klaus

Klaus
  • Membri
  • 217 messaggi
  • Sesso: Uomo
  • Roma no kuni jū

Io vorrei proporre una visione un pochino diversa, se posso...

Da una parte... quando il Giappone, per un palmare errore della Banca Centrale, piombò, negli anni '90, in una crisi economica epocale... il paese del Sol Levante non fu inondato dal sangue dei suicidi, ma dall'inchiostro dei falsi in bilancio e delle coperture di responsabilità...

Dunque starei attento a mitizzare un senso dell'onore, del dovere, della responsabilità e della vergogna che sono profondamente diversi dai nostri e che vanno contestualizzati...

La parola d'ordine fu "la crisi è troppo grave per portare davvero al fallimento"... e questo cozza un pochino dall'idea che abbiamo del bushido...

 

Non solo... dall'altra mi permetto di ricordare pure che il suicidio rituale è necessariamente anche plateale e quasi pubblico, per un motivo ben preciso.

Dato che il fallimento del singolo è fallimento dell'intero gruppo cui il fallito appartiene, il suicidio è soprattutto un preciso dovere nei confronti della propria famiglia, del proprio clan...

Voglio dire... nell'antica Roma, colui che fosse incappato in certe gravissime accuse preferiva quasi sempre suicidarsi, ma non per chissà quale altissimo senso dell'onore, della responsabilità e della vergogna, quanto per un realistico e concreto dovere nei confronti della propria famiglia.

Evitando accuse pubbliche, processi e condanne ad una morte ben più terribile, il reo, tagliandosi le vene, salvava la propria famiglia e il patrimonio familiare da ripercusssioni ben peggiori, come confische, stupri e morte per inedia...

 

Credo, però, che... a Roma come a Tokio e oggi come un tempo... se un fallito può... sceglie di non suicidarsi...



#41
betadine

betadine
  • Socio INTK
  • 1768 messaggi
  • Sesso: Uomo
  • Marte no kuni jū

Rispondendoti velocemente.. direi che "lì" era (e in un certo senso ancora è) codificata.  Di qua, oserei affermare, che è una via di uscita (leggasi fuga).

 

a grandi lineee

 

il libro tradotto da Sandro ne parla sotto vari aspetti..


Sii immobile come una montagna ...
E non trattare le cose importanti troppo seriamente.




1 utente(i) stanno leggendo questa discussione

0 members, 1 guests, 0 anonymous users