Vai al contenuto
GiulioC

Succede anche in Svizzera

Messaggi consigliati

L'accusa mi sembra corretta, anzi "precisa".. parlando di Svizzeri. 

Mi sembra cosa buona e giusta., questo il mio parere. (io delinquo.. se mi prendono pago e requisiscono.)


Sii immobile come una montagna ...
ma non trattare le cose importanti troppo seriamente.

Condividi questo messaggio


Link al messaggio
Condividi su altri siti

Effettivamente il valore stimato è veramente alto... Che sia la Masamune?? 

Provate a decifrare l'iscrizione sul saya

001bd34b-1440.webp


Sii immobile come una montagna ...
ma non trattare le cose importanti troppo seriamente.

Condividi questo messaggio


Link al messaggio
Condividi su altri siti

Purtroppo succede anche questo, credo cause indirette della guerra.

Non si tratta di Masamune.

 


"Indiana Jones e la lama perduta"

Condividi questo messaggio


Link al messaggio
Condividi su altri siti
22 ore fa, Renato Martinetti ha scritto:

670.000 franchi? E che é? Caravaggio?

Potrebbe benissimo essere la stima fatta dal proprietario e sarebbe un grande classico del mondo della token. 

Provate a chiedere oggi a uno di quei collezionisti italiani che hanno acquistato negli anni ‘80/‘90, a suon di centinaia di milioni di lire, o a uno degli ultimi acquirenti di Sotheby’s, che prezzo attribuiscono alle loro lame....

Condividi questo messaggio


Link al messaggio
Condividi su altri siti
32 minuti fa, G.Luca Venier ha scritto:

Potrebbe benissimo essere la stima fatta dal proprietario e sarebbe un grande classico del mondo della token. 

Provate a chiedere oggi a uno di quei collezionisti italiani che hanno acquistato negli anni ‘80/‘90, a suon di centinaia di milioni di lire, o a uno degli ultimi acquirenti di Sotheby’s, che prezzo attribuiscono alle loro lame....

Da quel poco che si può evincere dalle scarne informazioni sembrerebbe essere l’importo della fattura effettiva trovata in auto. Anche perché sarebbe stupido per chi è stato colto sul fatto dichiarare un importo esagerato

Condividi questo messaggio


Link al messaggio
Condividi su altri siti
6 ore fa, G.Luca Venier ha scritto:

Potrebbe benissimo essere la stima fatta dal proprietario e sarebbe un grande classico del mondo della token. 

Provate a chiedere oggi a uno di quei collezionisti italiani che hanno acquistato negli anni ‘80/‘90, a suon di centinaia di milioni di lire, o a uno degli ultimi acquirenti di Sotheby’s, che prezzo attribuiscono alle loro lame....

E provate anche a chiedergli perchè vorrebbero venderle e non ci riescono.

...concordo con Beta: ben fatto.

io sarei pure per sequestro e galera per contrabbando.

Condividi questo messaggio


Link al messaggio
Condividi su altri siti

io onestamente non sono cosi radicale.... anche perchè forse non conosciamo bene come stanno le cose....quindi...

Intanto allargo il discorso per esempio al nostro caso italiano.... in quanti hanno girato o hanno lame non denunciate? magari in buona fede perchè un pubblico ufficiale della questura  gli ha detto che non c'era bisogno della denuncia, poi in realtà un altro ti ferma e ti dice il contrario e vai incontro a grossi casini, grossi per giunta in buona fede. Non per niente molte persone nel settore forze dell'ordine ecc. a me hanno sempre detto lasciare perdere e non dire nulla che vai incontro a soli casini. Uno ha una spada storica di suo interesse culturale e viene magari considerato alla stregua di un criminale perché ha un arma bianca.  Per esempio uno compra i coltelli/coltellini di libera vendita che nessuno direi denuncia, io da ragazzino per esempio facevo la collezione,poi  se per una sfiga gli vanno in casa le forze dell'ordine,  viene fuori l'articolo di giornale " trovato arsenale" in casa ecc ecc.    Chi ci garantisce che questa lama sia di contrabbando????   Poi probabilmente il tutto è stato ingigantito da qualche buon ufficiale alla ricerca di fama...come spesso succede.  Questo ha la colpa che non voleva pagare le tasse doganali visto già l'importante esborso.  Non giustifico , ma neanche metto alla gogna ecc ecc.  ma direi che tutti, se potessimo, pagheremo meno delle altissime e spropositate tasse doganali, poi magari non con le stesse modalità del soggetto svizzero in questione.  

A proposito della lama......  Da dove arriva ??? chi è??? ECCOLA!!

Guardate da dove arriva... soshuden-museum 

Che dire , meravigliosa

http://nihonto-museum.com/collection/exhibit/juyo-bijutsuhin-hiromitsu-tachi

 

 

11.png

1.jpg

2.jpg

3.jpg

4.jpg

5.jpg

6.jpg

7.jpg

8.jpg

Condividi questo messaggio


Link al messaggio
Condividi su altri siti

Grazie Raffa .. spettacolare.

Masamune in qualche modo era da quelle parti e questa antica spada stava per essere contrabbandata. Eh si, Raffa, perché se un tizio passa la dogana senza dichiarare nulla, quello si chiama contrabbando, sia che si tratti di whiskey sia che si tratti di una lama.

(tanto per "non essere moralista"... quando in un ostello da $4 mi frego una bottiglietta d'acqua non è come quando sto nella suite dell'Hyatt a $900 .. non sono i 10dollari di una bottigletta che fanno la differenza.))


Sii immobile come una montagna ...
ma non trattare le cose importanti troppo seriamente.

Condividi questo messaggio


Link al messaggio
Condividi su altri siti

sarà beta, ma personalmente associo in questo caso l'idea di contrabbando al traffico di un oggetto rubato o  protetto come patrimonio culturale ecc ecc . In questo caso , è solo qualcuno che ha provato a pagare meno di tasse doganali o che temeva la dogana al confine la requisisse ecc, non lo sappiamo.  Se importi una lama da dentro l'unione europea, dove non c'è la dogana, teoricamente nessuno dice o si accorge di niente, ma fuori dall'unione europea salvati cielo.  Poi vogliamo parlare delle dogane??  io mi sono ritrovato tassazioni doganali diverse per oggetti uguali arrivati dal Giappone, probabilmente perchè un addetto interpretava in un modo , un altro in un altro modo. e non è stata una volta sola, ma diverse, anche per  cose arrivate da altri paesi. Quindi ho molta poca considerazione.  Sarà ,ma associo , io, personalmente, l'idea di contrabbando a qualcosa di più grande.   Qui a parte il gran valore, è stato un acquisto fra privati con un confine di mezzo.  ma è solo il mio parere. 😉 :)   Detto questo adesso sono cazzi suoi :))), tanto non credo che gli manchino i soldini, di sicuro gli è costata :))))

Condividi questo messaggio


Link al messaggio
Condividi su altri siti

Grazie mille @raffa della segnalazione, lama interessantissima anche per la sua storia.

Non credo tuttavia che storia sia dipesa da un timore simile. La mia limitata esperienza con le dogane svizzere è decisamente buona e non ho mai ravvisato impedimenti di natura amministrativa o burocratica e neppure plurime interpretazioni delle norme.

Anche perché basta mandare una mail alla sede centrale della polizia federale a Berna competente per la regolamentazione delle armi per ricevere entro poche ore conferma scritta delle disposizioni di legge (che ti dicono puoi poi far valere in dogana per loro stessa chiarificazione). Forse più dimore della dogana in uscita dalla Germania?

Ora, a meno di discorsi specifici per l’importanza della lama che comunque non credo esserci (vengono importate opere d’arte di valore ben maggiore), credo si tratti di semplice avidità unita a stupidità.

Più la seconda a dire la verità dato che una persona in grado di pagare 670k CHF per una Token immagino possa agevolmente permettersi di pagarne 54 di iva.

Poi proprio in un paese dove le sanzioni pesano (si parla di un valore complessivo di sola sanzione più alto del valore della lama + iva) e dove non è mai piacevole avere gli occhi delle autorità addosso. Mi aspetto ora controllino cosa questo tizio abbia in casa.

Condividi questo messaggio


Link al messaggio
Condividi su altri siti

""personalmente associo in questo caso l'idea di contrabbando al traffico di un oggetto rubato o  protetto"" Esatto!!! 
E' quello che continuo a ripetere alle Dogane.. "la piantagione è la mia, gli aerei anche e non capisco tutto questo accanimento per qualche megagrammo di polvere ad uso personale."

Caro Giulio immagino che conosci meglio di me i traffici dei mercanti d'arte (legale) talvolta tutt'altro che mecenati. .. e la simpatica swissera fu metà di spalloni e illustri nullatenenti beneficiari di religiosi e segreti artifici.
Stavolta il plauso va all'AFD.


Sii immobile come una montagna ...
ma non trattare le cose importanti troppo seriamente.

Condividi questo messaggio


Link al messaggio
Condividi su altri siti

In realtà non c'è neppure bisogno di importarle:

https://www.ilsole24ore.com/art/il-porto-franco-ginevra-ultimo-baluardo-segretezza-svizzera-AEcwnpMD

Trovate molte altre informazioni online, si tratta di un tema interessante.

Comunque è per questo che dubito si tratti di traffico o di transazioni illecite o concatenate. Questo la voleva tenere a casa per sé e per non pagare 54k di iva su una spada che ha pagato 670 ora si becca una multa da 800 per non parlare dei problemi che potrebbe avere da ora in avanti.

La cosa assurda è che il primo pensiero per un collezionista, ancor prima del puro rispetto della legge, dovrebbe essere la tutela del pezzo. Credo che sia stata sbloccata, ma se fosse rimasta confiscata in un magazzino?

 

Condividi questo messaggio


Link al messaggio
Condividi su altri siti

(cvd)

.. ma si, mica mi sto facendo un film. 
E' solo che "la sottrazione di merci al controllo doganale ipotizza il reato di contrabbando." Tutto qua. 

Che poi si traduca tutto con una sanzione non mi cambia nulla, anzi.. son contento per chi potrà godersi questo gioiellino che speriamo di ammirare presto in mostra in qualche cantone ...


Sii immobile come una montagna ...
ma non trattare le cose importanti troppo seriamente.

Condividi questo messaggio


Link al messaggio
Condividi su altri siti

Crea un account o accedi per commentare

Devi essere un utente per poter lasciare un commento

Crea un account

Registrati per un nuovo account nella nostra comunità. è facile!

Registra un nuovo account

Accedi

Hai già un account? Accedi qui.

Accedi ora

Chi è I.N.T.K.

La I.N.T.K. – Itaria Nihon Tōken Kyōkai (Associazione italiana per la Spada Giapponese) è stata fondata a Bologna nel 1990 con lo scopo di diffondere lo studio della Tōken e salvaguardarne il millenario patrimonio artistico-culturale, collaborando con i maggiori Musei d’Arte Orientale ed il collezionismo privato. La I.N.T.K. è accreditata presso l’Ambasciata Giapponese di Roma, il Consolato Generale del Giappone di Milano, la Japan Foundation in Roma, la N.B.T.H.K. di Tōkyō. Seminari, conferenze, visite guidate a musei e mostre, viaggi di studio in Europa e Giappone, consulenze, pubblicazioni, il bollettino trimestrale inviato gratuitamente ai Soci, sono le principali attività della I.N.T.K., apolitica e senza scopo di lucro.

Come associarsi ad I.N.T.K.:

Potete trovare QUI tutte le informazioni per associarsi ad I.N.T.K..
Associandovi ad I.N.T.K. accettate in maniera esplicita il Codice Etico e lo statuto dell'associazione ed avrete accesso ad una serie di benefici:
- Accesso alle aree riservate ai soci del sito e del forum;
- Possibilità di partecipare agli eventi patrocinati dall'associazione (ritrovi, viaggi, kansho, ecc...);
- Riceverete il bollettino trimestrale dell'Associazione.

"Una singola freccia si rompe facilmente, ma non dieci frecce tenute assieme."

(proverbio popolare giapponese)

×
×
  • Crea nuovo/a...

Informazione importante