Vai al contenuto
betadine

Dimenticanze .. (o meglio, per non dimenticare)

Messaggi consigliati

Christo è morto ... (si , qualcuno obietterà.. lo sapevo.. da aprile.. ) ma questo è un altrocristo, che comunque ci ha dato l'illusione di camminare sulle acque.)

Duecentomila blocchi di polietilene, alti 35 centimetri, per 4,5 chilometri, per unire tra loro i tessuti, con 330 kilometri di filo..
L’opera non era costituita soltanto dalla passerella in sé, ma comprendeva il territorio circostante:. ne erano parte l’acqua, gli alberi, le case di Monte Isola e Sulzano.
Giallo dalia il colore scelto per il tessuto, molto sensibile all’umidità dell’aria..  al mattino diventava arancio, poi, rapidamente, si trasformava in un giallo dorato e riflettente.

Affermava che la sua espressività stava "nel coraggio a creare cose che poi se ne vanno, piuttosto che a creare cose che restano".
Restano i bozzetti delle istallazioni e.. le emozioni di chi le ha semplicemente percorse o viste.

Iseo
Iseo.jpg

Miami
Miami.jpg

Reichstag, Berlino
Reichstag.jpg


Sii immobile come una montagna ...
ma non trattare le cose importanti troppo seriamente.

Condividi questo messaggio


Link al messaggio
Condividi su altri siti

(.. per la gioia degli occhi ..)

 

lago.jpg  i.jpg  s.jpg  e.jpg

o.jpg

Modificato: da betadine

Sii immobile come una montagna ...
ma non trattare le cose importanti troppo seriamente.

Condividi questo messaggio


Link al messaggio
Condividi su altri siti

.. non è cambiato nulla .

Ippōsai_Chasing measles away.jpg

Ippōsai, Chasing measles away (1862)

Utagawa Yoshifuji (Nishimura Tōtarō ( 西村 藤 太郎 ); nato nel 1828 e spirato nel 1887) pittore giapponese in attività tra il tardo Edo e l’inizio del Meiji; usò anche il nome di Ippōsai ( 一 鵬 斎 , 一 宝 斎 ).

Yoshifuji fu uno dei numerosi artisti che impararono il mestiere da Utagawa Kuniyoshi. 
Nel periodo Kaei (1848-1854) sono apparse stampe di belle donne, di attori dek Kabuki, ma divenne noto soprattutto per le sue rappresentazioni dettagliate, che furono chiamate "foto giocattolo" ( 玩具 絵 , Omocha-e ) e che gli valse il soprannome di "Spielgzeug-Yoshifuji", oltre ad illustrare libri per bambini..  La maggior parte di queste stampe sono state successivamente perse. 

D'altra parte, Yoshifuji seguì la tendenza di rappresentare gli stranieri che apparvero a Yokohama dopo il 1854.. lo Yokohama-e, ad esempio, su una stampa con il titolo "Affrontare cose pratiche dalle importazioni con prodotti locali" ( 舶来 道具 調 , Hakurai-Wamotsu taware-dōgu chōhō .. che non è quella sopra rappresentata.).


Sii immobile come una montagna ...
ma non trattare le cose importanti troppo seriamente.

Condividi questo messaggio


Link al messaggio
Condividi su altri siti

.. lo stesso autore nel 1861, con l'ironia che lo contraddistinse, ricordava che "non è mai come sembra.."

 

Five head  Ten body

Human Pyramid - Five head Ten body.jpg

Woodblock print; ink and color on paper, Utagawa Joshifuji from MET


Sii immobile come una montagna ...
ma non trattare le cose importanti troppo seriamente.

Condividi questo messaggio


Link al messaggio
Condividi su altri siti

.. come spesso accade..
ci ricordiamo delle persone quando cambiano quartiere, e per non esser da meno farò come i miei tali, rammentandovi un simpatico e profondo libretto che ci narra di un filosofo provocatorio: un
Topo.

«Il Novecento ha avuto il suo filosofo più provocatorio che, per spregiudicatezza nell’attraversare i confini delle discipline e mettere in discussione la costellazione dei pregiudizi stabiliti, non ha nulla da invidiare a Russell, Popper o Heidegger... affrontando gli ambigui prodigi della scienza asservita alla guerra, l’impossibilità della giustizia e la difficoltà di trattare con le culture «altre», per non dire delle sfumate regioni del mito o dell’aldilà..  un ribelle capace di battersi contro ogni forma di prevaricazione, anche se l’esito non è sempre la vittoria.
Un Topo sempre più dubbioso sulla natura dell’universo e il complesso mondo di «uomini e topi» e proprio per questo continua ad affascinare, perché la ricerca, come l’avventura, non ha fine.»
Ti te set minga de Milàn.. aurevoire GiulioGiorello (filosofo matematico, amante del dubbio).
 
(ah, dimenticavo.. tanto per scavalcare qualche barriera, il libro consigliato è "La filosofia di Topolino".))

Sii immobile come una montagna ...
ma non trattare le cose importanti troppo seriamente.

Condividi questo messaggio


Link al messaggio
Condividi su altri siti

... tra uno shon-shon e pereperepee che han ronzato nella testa di molti noi older.. tra una sera messa a cena con un pianista sull'oceano nella mission di uccidere Bill nel Paradiso di un cinema dove una volta c'era l'ovest..
questo buono, brutto e cattivo vecchietto, umile all'inverosimile,  scanzonato nella sua immensa grandezza, s'è rotto un femore e se n'è andato a suonare con altri.

(tutto ciò premesso)) .. Mi sento di condividere un sentito (stavolta il verbo è azzeccatissimo) GRAZIE.. per le emozioni regalate (e non solo).

In tempi non sospetti, con Joan Baez sulle parole dello scarparo Nicola al proprio figlio Dante, e poi quelle del pescivendolo Bartolomeo al proprio padre (ambedue elettrificati nel '27 da una corrotta e sbrigativa sentenza, rinnegata cinquant'anni dopo dallo stesso giudice Dukakis)  ci lasciava questa lettera d'amore.. un amore ricambiato nella memoria di molti.

Figlio mio, invece di piangere sii forte
sii coraggioso e conforta tua madre
non piangere perché le lacrime sono sprecate
non lasciare che anche gli anni siano sprecati

Perdonami figlio, per questa morte ingiusta
che ti porta via tuo padre
perdona tutti coloro che sono miei amici
io sono con te, quindi non piangere

Se tua madre cerca di essere distratta
dalla tristezza e dalla depressione
portala a camminare
lungo la campagna tranquilla
e riposa sotto l'ombra degli alberi
dove qua e là raccogli fiori
oltre la musica e l'acqua
è la pace della natura
che lei apprezzerà molto
e sicuramente anche tu l'apprezzerai
Ma figlio, devi ricordarti
non fare tutto da solo
ma abbassati solo un passo
per aiutare i deboli al tuo fianco

I più deboli che piangono per un aiuto
il perseguitato e la vittima
sono tuoi amici
e compagni nella lotta
e sì, qualche volta cadono
proprio come tuo padre
sì, tuo padre e Bartolo
sono caduti
e ieri combatterono e caddero
ma nella ricerca di gioia e libertà
e nella lotta di questa vita troverai
che c'è amore e a volte di più
sì, nella lotta troverai
che puoi amare e anche essere amato

Perdona tutti coloro che sono miei amici
io sono con te,
ti prego non piangere

----
Sì Padre, son condannato
Non aver paura di parlare del mio reato
Crimine di amare i dimenticati
Solo il silenzio è vergogna.
..
omissis ..
Con me ho il mio amore, la mia innocenza, i lavoratori ed i poveri
per tutto questo sono integro, forte e pieno di speranze.
Ribellione, rivoluzione non han bisogno di denaro,
ma di immaginazione, sofferenza, luce ed amore e rispetto

per ogni essere umano.
Non rubare mai, non uccidere mai, sei parte della forza e della vita
la Rivoluzione si tramanda da essere umano a essere umano e da cuore a cuore
e percepisco quando guardo le stelle che siamo figli della vita
... la morte è poca cosa.

«Mai vivendo l'intera esistenza avremmo potuto sperare di fare così tanto per la tolleranza, la giustizia, la mutua comprensione fra gli uomini». BartV

 

(si, lo so ho scambiato le parti.. ma mi piaceva così)
https://www.youtube.com/watch?v=HNKPUuxaLRE

 

 

Mod. (per chi volesse fare un tuffo nel passato, o meglio.. Here's to you, anche detto «ecco a voi».. dalla orchestra della Münchner Rundfunkorchester..  https://www.youtube.com/watch?v=71vSvr9f_9E )
GrazieMaestro 🎵🎶
(
era, come alcuni di Voi per le Token, così amante della Musica tutta, che non esisteva un ascolto distratto in auto o in casa..  si era seduti in religioso raccoglimento.. dando il giusto peso ad ogni santo compositore.)
Le pernacchie, dopo.))
Carneade, chi era costui ??


Sii immobile come una montagna ...
ma non trattare le cose importanti troppo seriamente.

Condividi questo messaggio


Link al messaggio
Condividi su altri siti

Unisciti alla conversazione

Adesso puoi postare e registrarti più tardi. Se hai un account, Registrati adesso per inserire messaggi con il tuo account.

Ospite
Rispondi

×   Incolla come testo formattato.   Incolla invece come testo normale

  Sono permesse un massimo di 75 faccine.

×   Il tuo link è stato inserito automaticamente.   Visualizza invece come link

×   Il tuo contenuto precedente è stato ripristinato.   Editor trasparente

×   Non puoi incollare le immagini direttamente. Carica o inserisci immagini dall'URL.

Caricamento

Chi è I.N.T.K.

La I.N.T.K. – Itaria Nihon Tōken Kyōkai (Associazione italiana per la Spada Giapponese) è stata fondata a Bologna nel 1990 con lo scopo di diffondere lo studio della Tōken e salvaguardarne il millenario patrimonio artistico-culturale, collaborando con i maggiori Musei d’Arte Orientale ed il collezionismo privato. La I.N.T.K. è accreditata presso l’Ambasciata Giapponese di Roma, il Consolato Generale del Giappone di Milano, la Japan Foundation in Roma, la N.B.T.H.K. di Tōkyō. Seminari, conferenze, visite guidate a musei e mostre, viaggi di studio in Europa e Giappone, consulenze, pubblicazioni, il bollettino trimestrale inviato gratuitamente ai Soci, sono le principali attività della I.N.T.K., apolitica e senza scopo di lucro.

Come associarsi ad I.N.T.K.:

Potete trovare QUI tutte le informazioni per associarsi ad I.N.T.K..
Associandovi ad I.N.T.K. accettate in maniera esplicita il Codice Etico e lo statuto dell'associazione ed avrete accesso ad una serie di benefici:
- Accesso alle aree riservate ai soci del sito e del forum;
- Possibilità di partecipare agli eventi patrocinati dall'associazione (ritrovi, viaggi, kansho, ecc...);
- Riceverete il bollettino trimestrale dell'Associazione.

"Una singola freccia si rompe facilmente, ma non dieci frecce tenute assieme."

(proverbio popolare giapponese)

×
×
  • Crea nuovo/a...

Informazione importante