Vai al contenuto

Ricordiamo a tutti i soci che a fine mese verranno resettati gli status utente e seguiremo le nuove iscrizioni 2023.
Prego vedere QUI come rinnovare, grazie! Se doveste avere già rinnovato e il vostro status sul forum non dovesse essere ancora sistemato, avvisate l'admin Enrico Ferrarese.

Massimo Rossi

La lama di Yoshindo forgiata a Novara 2012.

Messaggi consigliati

Sono arrivate le foto della lama che Yoshindo a forgiato a Novara 2012.

facciamo le nostre considerazioni.

Koshirae Y.Y.jpg

 

Yoshindo 2014 togi.jpg

 

Lama Y.Y 1.jpg

 

53.jpg

 

56.jpg

 

54.jpg

 

57.jpg

 

58.jpg

Condividi questo messaggio


Link al messaggio
Condividi su altri siti

Massimo, ci puoi dare qualche notizia su questa lama.
E' stata riportata in Giappone per terminarla?
La politura per portarla a questo stato è stata realizzata da Y.Y. , se non l'ha fatta lui chi l'ha realizzata?
Chi è l'artigiano che ha realizzato il Koshirae?

Esiste una scheda di questa lama?


"accorciati la firma". Ernst Jünger

Condividi questo messaggio


Link al messaggio
Condividi su altri siti

E' vero, Massimo hai modo di farci avere qualche caratteristica tecnica?

Io più di sapere di chi ha fatto cosa, sarei curioso di sapere dagli esperti quà sul forum un loro parere, e perchè no, non solo sulla forgiatura, ma anche sulla politura e realizzazione del koshirae, perdonatemi ma io non sono in grado di giudicarli :arigatou:


"Indiana Jones e la lama perduta"

Condividi questo messaggio


Link al messaggio
Condividi su altri siti

Hi,

 

It's looks like a shinto sword with yakidashi and choji hamon, it is an utsushi of shinto ishido ?

Condividi questo messaggio


Link al messaggio
Condividi su altri siti

MI pare di vedere saka choji midare e saka ashi molto profondi. Certo, l'ispirazione Ishido (e specialmente Fukuoka) pare evidente. Che sia davvero un utsushi ? A parte il sugata, ci vedo anche Katayama Ichimonji: lui stesso mi pare abbia detto a Scarperia che Bizen Ichimonji è la sua scuola di riferimento preferita. :arigatou:

Modificato: da G.Luca Venier

Condividi questo messaggio


Link al messaggio
Condividi su altri siti

Mi metto in contatto e gli faccio le domande che avete chiesto.

Per la politura, penso che sia un lavoro di Sensei Karita Naoji, a breve dovrei avere tutte le risposte, compreso di misure.

Comunque il Saka choji è veramente bello.

Condividi questo messaggio


Link al messaggio
Condividi su altri siti

Peccato che quei due fratelli che riprendevano con una telecamera professionale non abbiano più consegnato il firmato per fare un eventuale montaggio.

 

O meglio ... io non ne ho avuto più notizie dopo diversi solleciti fatti. Voi ne sapete qualcosa ? E' un peccato che restino nell'archivio di chi non le usa e non nell'archivio INTK.

 

Shirojiro

Condividi questo messaggio


Link al messaggio
Condividi su altri siti

Io ho raccolto tutti i video per l'associazione... tranne quelli.

Ma possiamo ricontattarli, credo che Leonardo sia ancora raggiungibile qui dal forum.



Condividi questo messaggio


Link al messaggio
Condividi su altri siti

Salve

Forse non e' il posto giusto per questo post ma visto che si tratta della stessa lama ci provo.

Mi sono cimentato (per la prima volta) nella traduzione di una mei. Posto che sapendo esattamente dove e' stata forgiata la spada (Novara) e da chi (Yoshindo Yoshihara) la cosa e' facilitata vorrei chiedervi un aiuto sui primi caratteri del mei lato omote(quelli evidenziati in giallo) Penso volgiano dire fatta in Italia a Novara. Il primo carattere dovrebbe voler dire fatta a, il secondo Italia ed il quinto e sesto No Wara (forse, non so, sto tirando troppo la corda?). Non riesco a dare un significato al terzo e quarto. I numeri di pagina ed i numeri tra parentesi corrispondono alla pagina del libro di Roatti e Verrina Token no Kanji ed il numero di tratti del kanji (almeno per come li ho contati io).

Ripeto sono un principiante, la materia e complessa e ci capisco poco, potrei aver sbagliato tutto.

Grazie

P.S. La spada e' quella che Yoshihara sensei ha formato non quella che ha poi temprato.

mei.png

Condividi questo messaggio


Link al messaggio
Condividi su altri siti

Se vi interessa ho maggiori info su questa lama:

 

Shinoghi Zukuri - Yori Mune
Heisei 2013
Nagasa: 746 mm
Sori: 22.2 mm (Torizori)
Moto-Haba 30.5 mm
Saki-Haba: 22 mm
Kasane: 7.4 mm
Saki-Kasane: 5.1 mm
Kissaki: Chu Kissaki
Hada: Ko Mokume - Itame - Sumingane
Hamon: Saka Choki - Gunome Midare - Nioi Deki - Saka Ashi
Boshi: Gunome Midare - Ko Maru - Kaeri Yoru
Nakago: Ubu - Kurijiri
Yasurime: Sujikai
Horimono: Bo-Hi Marudome

Condividi questo messaggio


Link al messaggio
Condividi su altri siti

Perfetto fino a quì ci siamo. Speriamo che un giorno la si possa vedere e fare nuovi commenti sui lavori di Yoshindo Sensei.

Condividi questo messaggio


Link al messaggio
Condividi su altri siti

onestamente non mi piace un granchè, e ho visto lame di Yoshindo Yoshihara che reputo decisamente(e di gran lunga) superiori, oltre che di ottima qualità, e non mi piace per nulla la politura, che non mi sembra valorizzarla proprio per niente.

forse ricorda un po' una ishido, di sicuro non una Katayama Ichimonji.

Condividi questo messaggio


Link al messaggio
Condividi su altri siti

ciao Simone: attenzione, non sto parlando della qualità della politura(eventuale poca cura nell'eliminare graffi, ecc ecc), sto parlando della resa che ha avuto, e quella è una cosa che da una foto si giudica tranquillamente, visto che molto di quello che la lama "mostra di se" è opera del politore.

non mi piacciono determinate scelte, come l'andamento dell'hadori, lo stacco -troppo- netto tra questo e l'hada, mi pare(ma questo potrebbe essere effetto della foto) troppo contrastata.

comunque della lama non c'è nulla che non mi torni( alla fine è una lama "standard"), semplicemente non mi piace quanto altre realizzazioni di Yoshindo Yoshihara, la trovo un po' "artefatta". per quello dicevo che magari somiglia un po' ad una Ishido, ma sicuramente non ad una Ichimonji. l'hamon, per quanto bello, non ha la violenza e la forza espressiva delle lame kamakura o nambokucho.

questo dovrebbe far riflettere sul fatto che molto probabilmente, materiali e tecnica erano differenti da quelli utilizzati oggi.

Condividi questo messaggio


Link al messaggio
Condividi su altri siti

ciao Simone: attenzione, non sto parlando della qualità della politura(eventuale poca cura nell'eliminare graffi, ecc ecc), sto parlando della resa che ha avuto, e quella è una cosa che da una foto si giudica tranquillamente, visto che molto di quello che la lama "mostra di se" è opera del politore.

non mi piacciono determinate scelte, come l'andamento dell'hadori, lo stacco -troppo- netto tra questo e l'hada, mi pare(ma questo potrebbe essere effetto della foto) troppo contrastata.

comunque della lama non c'è nulla che non mi torni( alla fine è una lama "standard"), semplicemente non mi piace quanto altre realizzazioni di Yoshindo Yoshihara, la trovo un po' "artefatta". per quello dicevo che magari somiglia un po' ad una Ishido, ma sicuramente non ad una Ichimonji. l'hamon, per quanto bello, non ha la violenza e la forza espressiva delle lame kamakura o nambokucho.

questo dovrebbe far riflettere sul fatto che molto probabilmente, materiali e tecnica erano differenti da quelli utilizzati oggi.

Gian, stai facendo dei paragoni su delle foto di una lama forgiata da Sensei Yoshindo e dal togiba di Karita Sansei, mettendoci dentro: Ishido,Ichimonji, kamakura e nanbokucho. In conclusione la frase evidenziata in giallo. Tutto è criticabile e opinabile, però a volte è difficile seguirti, in certi commenti c'è un pò di confusione :confused:

(eventuale poca cura nell'eliminare graffi, ecc ecc)

 

( questo dovrebbe far riflettere sul fatto che molto probabilmente, materiali e tecnica erano differenti da quelli utilizzati oggi ).

Condividi questo messaggio


Link al messaggio
Condividi su altri siti

Crea un account o accedi per commentare

Devi essere un utente per poter lasciare un commento

Crea un account

Registrati per un nuovo account nella nostra comunità. è facile!

Registra un nuovo account

Accedi

Hai già un account? Accedi qui.

Accedi ora

Chi è I.N.T.K.

La I.N.T.K. – Itaria Nihon Tōken Kyōkai (Associazione italiana per la Spada Giapponese) è stata fondata a Bologna nel 1990 con lo scopo di diffondere lo studio della Tōken e salvaguardarne il millenario patrimonio artistico-culturale, collaborando con i maggiori Musei d’Arte Orientale ed il collezionismo privato. La I.N.T.K. è accreditata presso l’Ambasciata Giapponese di Roma, il Consolato Generale del Giappone di Milano, la Japan Foundation in Roma, la N.B.T.H.K. di Tōkyō. Seminari, conferenze, visite guidate a musei e mostre, viaggi di studio in Europa e Giappone, consulenze, pubblicazioni, il bollettino trimestrale inviato gratuitamente ai Soci, sono le principali attività della I.N.T.K., apolitica e senza scopo di lucro.

Come associarsi ad I.N.T.K.:

Potete trovare QUI tutte le informazioni per associarsi ad I.N.T.K..
Associandovi ad I.N.T.K. accettate in maniera esplicita il Codice Etico e lo statuto dell'associazione ed avrete accesso ad una serie di benefici:
- Accesso alle aree riservate ai soci del sito e del forum;
- Possibilità di partecipare agli eventi patrocinati dall'associazione (ritrovi, viaggi, kansho, ecc...);
- Riceverete il bollettino trimestrale dell'Associazione.

"Una singola freccia si rompe facilmente, ma non dieci frecce tenute assieme."

(proverbio popolare giapponese)

×
×
  • Crea nuovo/a...

Informazione importante