Vai al contenuto
paolo placidi

Tsuba - Piccola Nota Didattica

Messaggi consigliati

Tsuba - Lato Omote e lato Ura

 

Ogni lama è caratterizzata da un lato Omote e dall'opposto lato Ura.

Il lato Omote è il lato rivolto verso l'esterno (ossia verso un osservatore) quando la lama viene indossata.

E' noto che Katana, Wakizashi e Tantō vengano indossati (inseriti nella cintura od Obi) con il tagliente rivolto verso l'alto mentre i Tachi vengano indossati (appesi alla cintura) con il tagliente rivolto verso il basso.

 

Ebbene, analogamente anche la Tsuba ha un lato Omote ed un lato Ura.

Quando la Tsuba è montata sulla lama, il lato Omote è il lato rivolto verso l'impugnatura ossia è il lato che un osservatore, posto di fronte a chi indossa la spada, può vedere (e generalmente ammirare).

Sul lato Omote, se presenti, troviamo la Mei dell'artista e la parte principale del motivo ornamentale che a volte può svilupparsi, per alcuni particolari, anche sull'opposto lato Ura.

Osservando una Tsuba appoggiata su di un piano con il lato Omote verso l'osservatore, troviamo:

- sempre, un foro centrale per il passaggio del Nakago (Nakago-ana) con la parte appuntita rivolta verso l'alto;

- spesso, ma non sempre, uno o due fori (Hitsu-ana) posti lateralmente al Nakago-ana. Tali fori hanno forme ed utilizzi diversi: quello di destra (Kogai-ana) è utilizzato per il passaggio del Kogai; quello di sinistra (Kozuka-ana) è utilizzato per il passaggio del Kozuka.

Attenzione ! A volte è presente solo uno dei due Hitsu-ana (quello di destra o quello di sinistra), a volte la forma dei due fori è identica (due Kogai o due Kozuka-ana), a volte uno od entrambe i fori sono occlusi con del metallo (rame, Shakudō, ....) inserito, naturalmente, in epoca successiva alla realizzazione della Tsuba.

 

Tsuba___didascalica.JPG

Modificato: da Paolo

Condividi questo messaggio


Link al messaggio
Condividi su altri siti

grazie mille paolo per la tua nota, è stata utilissima anche perchè così ho capito che fino ad oggi avevo confuso i due lati... :gocciolone:


<!-- isHtml:1 --><!-- isHtml:1 --><em class='bbc'>Insisti, Resisti e Persisti...Raggiungi e Conquisti!<br /><img src='http://www.intk-token.it/forum/uploads/monthly_11_2008/post-34-1227469491.jpg' alt='Immagine inserita' class='bbc_img' /><br /></em>

Condividi questo messaggio


Link al messaggio
Condividi su altri siti

mi accodo ai ringraziementi

 

domada stupida: per quale morivo venivano ostruiti il Kogai-ana piuttosto che il Kozuka-ana e viceversa??

Condividi questo messaggio


Link al messaggio
Condividi su altri siti
domada stupida: per quale morivo venivano ostruiti il Kogai-ana piuttosto che il Kozuka-ana e viceversa??

 

 

Probabilmente per motivi estetici qualora una Tsuba dotata di Hitsu-ana venisse montata in Uchigatana Koshirae ossia senza Kozuka e Kogai

Condividi questo messaggio


Link al messaggio
Condividi su altri siti

Alcune domande:

quando è vista dal lato omote il foro kogai, lobato (se solo uno è lobato) è sempre sulla destra?

Se lo tsuba ha solo un foro, è sempre kozuka ana, sempre kogai ana oppure sono possibili entrambe le alternative?

Il foro, quando è solo uno, deve capitare sempre sulla destra o sempre sulla sinistra, guardando lo tsuba dal lato omote, oppure anche in questo caso sono possibili entrambe le alternative?

Grazie.

Condividi questo messaggio


Link al messaggio
Condividi su altri siti

Guardando la tsuba dal lato omote il kogai ana è sempre sulla destra.

Spesso ci sono due kozuka ana. Più raramente due kogai ana.

Ma se sono presenti entrambi, la configurazione è quella.

Quando il foro è uno solo può stare sia a sinistra che a destra e in genere è per kozuka, che era una specie di Victorinox per samurai.

Talora utilizzato anche come arma da lancio, anche se la non perfetta bilanciatura mi lascia qualche dubbio.

Sul kogai ne ho sentite di tutti i colori, ma l'oggetto è decisamente meno utile.

Spillone per salassare cavalli, bacchette per mangiare (scomodissime), pettine per fissare la crocchia dei capelli in emergenza.

In tempo di guerra veniva piantato nel cadavere di un nemico importante e valoroso, per certificare chi lo aveva effettivamente sconfitto.

...Perciò credo sia abbastanza chiaro che in epoca Edo abbia perso popolarità tra gli tsubashi, facendolo comparire con meno frequenza nei pezzi creati.


 

月の道

Condividi questo messaggio


Link al messaggio
Condividi su altri siti

Ottimo, grazie!

Ne consegue che, se il foro è uno solo, non sempre è facile dire quale lato è quello omote, se manca la firma e se non c'è molta differenza nella decorazione dei due lati, sbaglio?

Faccio un esempio:

 

DSC_0021.JPG

 

DSC_0020.JPG

 

I due lati sono pressochè simili: non ce n'è uno più decorato rispetto all'altro... il foro è uno solo...

Qualcosa mi dice che il lato omote è il primo dei due che ho postato...

 

Per dire quale è il lato omote possono essere utili i tagane-ato?

Dovrebbero trovarsi sul lato omote o sbaglio?

Condividi questo messaggio


Link al messaggio
Condividi su altri siti

.. tecnicamente "la battitura" si fa sul lato libero... e quindi se la tsuba è inserita sarà difficile batterla in aderenza alla tsuka.

 

Poi tutto è possibile .. (come batterla fuori sede e provarla di colpo in colpo) poi con i giapponesi le tecniche a volte sembrano essere tutto e il contrario di tutto.


Sii immobile come una montagna ...
ma non trattare le cose importanti troppo seriamente.

Condividi questo messaggio


Link al messaggio
Condividi su altri siti

Per averne viste, ti direi che generalmente quei colpi di punzone stanno sul lato omote, ma non c’è una regola fissa.

Mi sembra di averne viste anche con colpi su entrambi i lati.

Qui, mi verrebbe da dire che hai ragione, anche per via del foro del kozuka.

Il kozuka si porta più comodamente sul lato che sta tra te e la spada.

Si estrae e si ripone più facilmente ed è probabilmente meno facile che esca per errore (sarebbe da avere conferma da chi tra noi le porta per pratica). Per questo quel buco sta generalmente lì.


 

月の道

Condividi questo messaggio


Link al messaggio
Condividi su altri siti

(Guido Schiller di Japanesesword.. CONFERMA)

tsuba.gif

Tsuba

Sometimes it might be difficult to determine the front (i.e. facing away from the body) and back side of a tsuba.

If the tsuba has a kozuka hitsu or kogai hitsu (slots for kozuka and kogai), the one for the kozuka is always to the left and the one for the kogai always to the right. The mei (inscription) of the maker is usually on the front, but there are sometimes exceptions. In most cases the more decorated side is the front side. If it is an undecorated tsuba, or a sukashi tsuba, without any slots, the side showing more wear is probably the front.

 

 

Riflettendo e .... guardando la precedente didascalia, sicuramente errata nel "nome" dei nn.8 e 9 (le waribashi son ben visibili) stavo pensando a un bushi mancino.. perche avrebbe dovuto nontare una tsuba "regular" e non farsi fare una tsuba adatta ??


Sii immobile come una montagna ...
ma non trattare le cose importanti troppo seriamente.

Condividi questo messaggio


Link al messaggio
Condividi su altri siti

Grazie ancora...

 

Leggevo su un sito in lingua inglese che un'area di grande usura è anche il quadrante superiore destro del lato ura, dove si poggia spesso il pollice della mano sinistra durante il porto e dove si usa spingere in fuori la spada nell'estrazione.

Come si vede... è una zona molto usurata sulla tsuba che ho postato...

Condividi questo messaggio


Link al messaggio
Condividi su altri siti

(Guido Schiller di Japanesesword.. CONFERMA)

 

 

tsuba.gif

Tsuba

Sometimes it might be difficult to determine the front (i.e. facing away from the body) and back side of a tsuba.

If the tsuba has a kozuka hitsu or kogai hitsu (slots for kozuka and kogai), the one for the kozuka is always to the left and the one for the kogai always to the right. The mei (inscription) of the maker is usually on the front, but there are sometimes exceptions. In most cases the more decorated side is the front side. If it is an undecorated tsuba, or a sukashi tsuba, without any slots, the side showing more wear is probably the front.

 

 

 

Riflettendo e .... guardando la precedente didascalia, sicuramente errata nel "nome" dei nn.8 e 9 (le waribashi son ben visibili) stavo pensando a un bushi mancino.. perche avrebbe dovuto nontare una tsuba "regular" e non farsi fare una tsuba adatta ??

Non credo che le didascalie siano sbagliate, ma che la lama della spada in basso sia con tagliente verso il terreno... se la ribalti, come si deve, tutto torna.

Condividi questo messaggio


Link al messaggio
Condividi su altri siti

Dunque, vediamo un po' di riassumere:

 

LATO OMOTE:

le firme sul nagako e sullo tsuba;

il kogai;

il kogai hitsu ana...

 

LATO URA

kozuka;

kozuka hitsu ana;

mekugi;

tsukamae-tome...

 

e tutto?

Condividi questo messaggio


Link al messaggio
Condividi su altri siti

Unisciti alla conversazione

Adesso puoi postare e registrarti più tardi. Se hai un account, Registrati adesso per inserire messaggi con il tuo account.

Ospite
Rispondi

×   Incolla come testo formattato.   Incolla invece come testo normale

  Sono permesse un massimo di 75 faccine.

×   Il tuo link è stato inserito automaticamente.   Visualizza invece come link

×   Il tuo contenuto precedente è stato ripristinato.   Editor trasparente

×   Non puoi incollare le immagini direttamente. Carica o inserisci immagini dall'URL.

Caricamento

Chi è I.N.T.K.

La I.N.T.K. – Itaria Nihon Tōken Kyōkai (Associazione italiana per la Spada Giapponese) è stata fondata a Bologna nel 1990 con lo scopo di diffondere lo studio della Tōken e salvaguardarne il millenario patrimonio artistico-culturale, collaborando con i maggiori Musei d’Arte Orientale ed il collezionismo privato. La I.N.T.K. è accreditata presso l’Ambasciata Giapponese di Roma, il Consolato Generale del Giappone di Milano, la Japan Foundation in Roma, la N.B.T.H.K. di Tōkyō. Seminari, conferenze, visite guidate a musei e mostre, viaggi di studio in Europa e Giappone, consulenze, pubblicazioni, il bollettino trimestrale inviato gratuitamente ai Soci, sono le principali attività della I.N.T.K., apolitica e senza scopo di lucro.

Come associarsi ad I.N.T.K.:

Potete trovare QUI tutte le informazioni per associarsi ad I.N.T.K..
Associandovi ad I.N.T.K. accettate in maniera esplicita il Codice Etico e lo statuto dell'associazione ed avrete accesso ad una serie di benefici:
- Accesso alle aree riservate ai soci del sito e del forum;
- Possibilità di partecipare agli eventi patrocinati dall'associazione (ritrovi, viaggi, kansho, ecc...);
- Riceverete il bollettino trimestrale dell'Associazione.

"Una singola freccia si rompe facilmente, ma non dieci frecce tenute assieme."

(proverbio popolare giapponese)

×
×
  • Crea nuovo/a...

Informazione importante