Vai al contenuto
Francesco Marinelli

Yaki ire: due metodi a confronto

Messaggi consigliati

...appunto, che lama è?

(pare una vecchia ichimonji.. ma non so.)


Sii immobile come una montagna ...
ma non trattare le cose importanti troppo seriamente.

Condividi questo messaggio


Link al messaggio
Condividi su altri siti

:arigatou: molte grazie.. e molto bravo anche questo giovane kaji. (ho azzeccato la scuola e periodo))banzai


Sii immobile come una montagna ...
ma non trattare le cose importanti troppo seriamente.

Condividi questo messaggio


Link al messaggio
Condividi su altri siti

:arigatou: molte grazie.. e molto bravo anche questo giovane kaji. (ho azzeccato la scuola e periodo))banzai

Questa è proprio l'originale Yama Tori Ge, per cui giovane di parecchi secoli :vecchiocinese:


Prossimamente al cinema... "Indiana Jones e la lama perduta"

Condividi questo messaggio


Link al messaggio
Condividi su altri siti

(il giovane era riferito a Ono Yoshimitsu.. - anche ..))

Qua ho trovato un altro filmato della Yama Tori Ge

Volendo poi ci sono anche i vol.2 e 3 (uno con Paul Martin in inglese..)


Sii immobile come una montagna ...
ma non trattare le cose importanti troppo seriamente.

Condividi questo messaggio


Link al messaggio
Condividi su altri siti

Mi fa piacere condividere qualche foto scattata lo scorso anno al museo di Bizen, purtroppo la Yamatorige "originale" non era ancora visibile, ma devo ammettere che l'utsushi di Ono Yoshimitsu era davvero stupendo!

 

_MG_0235 - Copia-2.jpg

_MG_0236 - Copia.jpg

_MG_0237 - Copia.jpg

_MG_0238 - Copia.jpg

_MG_0239.jpg

_MG_0240 - Copia.jpg

_MG_0241 - Copia.jpg

 


Prossimamente al cinema... "Indiana Jones e la lama perduta"

Condividi questo messaggio


Link al messaggio
Condividi su altri siti

Che meraviglia! E' l'immagine pratica per spiegare ad un profano cosa è l'utsushi, un grande lavoro del Togi, e comunque ho ripercorso l'intero post e mi sono goduto i bellissimi filmati contenuti e anche gli interventi. Complimenti a tutti. :arigatou:


Antonio Vincenzo

Condividi questo messaggio


Link al messaggio
Condividi su altri siti

Grazie Francesco, belle foto.

Non posso fare a meno di notare come nella lama di Yoshimitsu, quantunque realizzata splendidamente, l’hamon non segua molto fedelmente l’originale nella zona del monouchi ma resta molto alto fino in fondo. Mi viene spontaneo ritenere che l’originale avesse considerato un opportuno alleggerimento della zona temprata in un punto così critico. 
Inoltre, non c’è nulla da fare, la tempra dell’originale conserva un aspetto più “naturale”.

Non sono critiche, naturalmente. Solo considerazioni stilistiche assolutamente personali.

Voi che ne pensate ?

Condividi questo messaggio


Link al messaggio
Condividi su altri siti

... in senso generale ho sempre pensato che "una copia sia una copia".. per quanto uno s'impegni a riprodurla, mancherà sempre «un perché», considerato che l'artista-copiatore può solo vedere quello che l'originale ha creato.   Mai e poi mai potrà vederne le motivazioni nella sua anima o i ragionamenti nella sua testa.
(e questo, chi approfondisce la materia o lo studio lo sente, lo vede e lo percepisce...  talvolta anche senza comprenderne appieno la motivazione.)

 

(ALtura... non ce l'ho con te, ma è solo per tagliare il lapsus e rimettere le parole nel loro posto..
utsushi è una copia .. fabbro=swordsmith=kaji  è quello che realizza .. il togi o politura vien dopo
.)


Sii immobile come una montagna ...
ma non trattare le cose importanti troppo seriamente.

Condividi questo messaggio


Link al messaggio
Condividi su altri siti

hai ragione beta, ho confuso utsushi con utsuri, un lapsus e quindi il Togi era correlato all'utsuri naturalmente. Mi scuso ancora.


Antonio Vincenzo

Condividi questo messaggio


Link al messaggio
Condividi su altri siti

Altura (intanto non scusarti.. la confuzione fa parte di noi pivelli)... tanto per.. rinfrescarci

Il Togi è quella attività di levigatura (.) di una lama, ovvero ridare dignità al metallo che un fabbro aveva forgiato.. a maggior ragione se quel pezzo di metallo è appena stato forgiato.
Il fabbro in giapponese è Kaji.

Utsushi è una "copia" (una copia dichiarata e quindi non un falso o gimei.. con firma o similitudini tali da far pensare che...)
Utsuri è una sorta di ombra che segue lo hamon (segue è una parola grossa... abbiamo visto nel tempo che ci sono tanti tipi di utsuri e tante interpretazioni sulla sua natura.)

Forse ora è un pò più chiaro (ma ricordiamoci, come tu fai notare, che un utsuri si crea in forgia e un togishi - nel fare togi o polendo la lama - può solo dargli o meno risalto.)

:arigatou: (così ne ho approfittato per fare un mental ripasso e se per caso ho detto qualche castroneria vi prego, corrigeretemi.))
e ora me lo vado a bere, un bel ripasso..


Sii immobile come una montagna ...
ma non trattare le cose importanti troppo seriamente.

Condividi questo messaggio


Link al messaggio
Condividi su altri siti

Unisciti alla conversazione

Adesso puoi postare e registrarti più tardi. Se hai un account, Registrati adesso per inserire messaggi con il tuo account.

Ospite
Rispondi

×   Incolla come testo formattato.   Incolla invece come testo normale

  Sono permesse un massimo di 75 faccine.

×   Il tuo link è stato inserito automaticamente.   Visualizza invece come link

×   Il tuo contenuto precedente è stato ripristinato.   Editor trasparente

×   Non puoi incollare le immagini direttamente. Carica o inserisci immagini dall'URL.

Caricamento

Chi è I.N.T.K.

La I.N.T.K. – Itaria Nihon Tōken Kyōkai (Associazione italiana per la Spada Giapponese) è stata fondata a Bologna nel 1990 con lo scopo di diffondere lo studio della Tōken e salvaguardarne il millenario patrimonio artistico-culturale, collaborando con i maggiori Musei d’Arte Orientale ed il collezionismo privato. La I.N.T.K. è accreditata presso l’Ambasciata Giapponese di Roma, il Consolato Generale del Giappone di Milano, la Japan Foundation in Roma, la N.B.T.H.K. di Tōkyō. Seminari, conferenze, visite guidate a musei e mostre, viaggi di studio in Europa e Giappone, consulenze, pubblicazioni, il bollettino trimestrale inviato gratuitamente ai Soci, sono le principali attività della I.N.T.K., apolitica e senza scopo di lucro.

Come associarsi ad I.N.T.K.:

Potete trovare QUI tutte le informazioni per associarsi ad I.N.T.K..
Associandovi ad I.N.T.K. accettate in maniera esplicita il Codice Etico e lo statuto dell'associazione ed avrete accesso ad una serie di benefici:
- Accesso alle aree riservate ai soci del sito e del forum;
- Possibilità di partecipare agli eventi patrocinati dall'associazione (ritrovi, viaggi, kansho, ecc...);
- Riceverete il bollettino trimestrale dell'Associazione.

"Una singola freccia si rompe facilmente, ma non dieci frecce tenute assieme."

(proverbio popolare giapponese)

×
×
  • Crea nuovo/a...

Informazione importante