Vai al contenuto

rob

Socio INTK
  • Numero di messaggi

    446
  • Registrato dal

  • Ultima visita

Reputazione comunità

0 Neutral

Che riguarda rob

  • Rango
    Roberto Rovere

Profile Information

  • Sesso
    Uomo
  • Provenienza
    SU
  • Interessi
    bonsai, fotografia

Ospiti recenti del profilo

9234 lo hanno visualizzato
  1. cosa darei per un pomeriggio con i miei obiettivi dentro il suo laboratorio, mentre lavorano!
  2. rob

    O-Kissaki Wakizashi

    cià anche cose belline, poi magari ti butta in mezzo la sola
  3. rob

    O-Kissaki Wakizashi

    cosi dalle foto sembra un ko itame con habuchi brillante in nioideki. Muji o konuka? 🤔
  4. Uso da molti anni paypal e solo paypal per acquisti online di varia natura, verificando feedback e rating del venditore. Ho contestato alcune volte un oggetto non conforme e la contestazione , si è sempre conclusa col rimborso totale da parte di paypal dell'importo pagato senza che dovessi rispedire l'oggetto. Due volte però sono stato "fregato", la prima nell'acquisto di un 80/200 nikkor FS full frame, una splendida ottica che purtroppo ha manifestato un guasto dell'autofocus dopo il periodo utile per la contestazione e li ci sta, sono cose che possono accadere e comunque lo mandai in assistenza ed ancora oggi funziona egregiamente(alcune foto pubblicate delle mie lame le ho scattate con quello). La seconda volta, nell'acquisto di un Bimby ultimo modello, un robot da cucina, a meno di un terzo del suo valore, oggetto nuovo a dire del venditore, un doppione ricevuto come regalo di matrimonio per il quale mi fu chiesto di pagare con una ricarica postepay che però non accettai e pagai con paypal con la modalità "acquisto beni e servizi" che comunque permette di avere le coperture totali. All'arrivo del pacco palesemente più piccolo del dovuto anche se il peso era congruo, chiesi al corriere di poterlo aprire in sua presenza: c'erano tre rottami di amplificatori da impianto audio per auto. Faccio le foto, mi faccio lasciare le generalità del corriere e senza telefonare al venditore, peraltro persona fino a quel momento cordialissima, lo denuncio per truffa. Telefono quindi a paypal che informato del fatto recepisce la mia contestazione e contatta il venditore. Morale della storia, il tizio mi riaccredita l'importo sul mio conto paypal e in seguito, i carabinieri lo identificano e scoprono che aveva dei precedenti e che la carta postepay era intestata ad una sua conoscente rumena e mi chiedono se ho intenzione di procedere, al che ho risposto che per me il tutto non valeva le spese che avrei dovuto affrontare, viaggio aereo, noleggio auto, perdita giornata lavorativa ecc. Non avrei comunque svezzato il tizio giacchè aveva altre innumerevoli denuncie simili. Avevo ottenuto indietro i miei euro e tanto mi bastava. In conclusione, paypal è un sistema sicuro e se hai un buon rating nelle tue transazioni, godi di una affidabilità che facilita le risoluzioni, per il resto un pò di accortezza non guasta
  5. rob

    Un the con Lonnie Kapp

    in questi giorni il mio lavoro non si è interrotto perchè come tecnico, fortemente collegato alla pandemia in corso, e non lo sarà perchè è una quotidiana attività di primo supporto. Resto comunque un potenziale paziente, però conosco bene il nemico e per mia fortuna ho adottato fin da giorni non sospetti adeguate contromisure, che gestisco in prima persona senza dipendere dalla fornitura di supporti di protezione individuale da parte delle istituzioni(le prime, uniche due mascherine me le hanno fornite dopo due mesi di pandemia). Facevo solo alcune considerazioni riguardo quello che la natura sta facendo: Quello che accade oggi è paragonabile a quanto accaduto alla fine del XV secolo alle popolazione del sud America contagiate dal virus del vaiolo e del morbillo portati da spagnoli e portoghesi che ne provocarono la quasi totale estinzione e dove non completò l’opera la malattia ci pensarono i nuovi arrivati. Anche li vi fu un perturbazione catastrofica che mise in contatto mondi separati da milioni di anni dopo la deriva dei continenti che allontanò le placche della Pangea e del Gondwana a formare i grandi blocchi continentali che conosciamo oggi. A nord ghiacci perenni e temperature non compatibili con la vita degli esseri superiori impedivano migrazioni attraverso le uniche zone di continuità e tutto andava secondo i ritmi lenti e sicuri della natura. La navigazione transatlantica ruppe quell’equilibrio e quasi annientò con le malattie la popolazione delle americhe centro meridionali. La situazione ai tempi nostri è infinitamente peggiore per svariati motivi. Siamo sette miliardi di individui, ci muoviamo da una parte all’altra del pianeta in poche ore, abbiamo semi distrutto l’ambiente selvaggio delle foreste primarie e inquinato buona parte della terra e dell’atmosfera con agenti chimici che ne alterano la capacità di proteggerci dai raggi cosmici e trattengono il calore del sole fino al limite di sopportazione della vita nel mare e la persistenza dei ghiacci ai poli. La prospettiva prossima ventura è lo scioglimento massivo dei ghiacci con diminuzione della salinità degli oceani con rallentamento fino all’inversione delle correnti centro atlantiche e probabile inizio di una nuova glaciazione. Il pianeta subisce gli insulti e la natura si rimette in moto in suo aiuto per ristabilire gli equilibri nel modo più efficace: liberandolo da quegli esseri perniciosi che lo stanno devastando
  6. rob

    Un the con Lonnie Kapp

    Nell'aprile 2017, quando il covid-19 era solo una ipotesi recondita, anche se non troppo nell'ambiente degli addetti ai lavori, durante un viaggio a Tokyo, ebbi il piacere di chiedere a Leon Kapp alcune informazioni sulla metallurgia e la forgiatura del tamahagane. Mi disse alcune cose che allora erano nuove per me e quando ci salutammo mi invitò a mandargli una mail alla quale avrebbe risposto nei dettagli e si disse anche disponibile a tenere una discussione aperta sul nostro forum. Poi altri eventi si interposero e il progetto non ebbe più seguito. Mi sono rimasti gli scambi di quel giorno, ritrovati in quella mail che, avendo avuto la sua disponibilità a diffondere, oggi vi allego Lonnie, secondo la tua esperienza a contatto con Yoshindo, che tipo di materia prima hanno oggi a disposizione i fabbri? Oggigiorno, quando un forgiatore reperisce il tama hagane, non ha quasi mai un acciaio puro al 100%. Gli acciai prodotti nelle tatara tradizionali sono diversi come qualità e contengono scorie. Per eliminare le impurità bisogna, dopo aver riscaldato l'acciaio, ripiegarlo circa 12 volte. Sappiamo che durante la forgiatura il metallo perde carbonio. Cosa accade di preciso? Il livello di carbonio originale nel tamahagane è di circa 1,5-2%. Il contenuto di carbonio scende circa 0.02% ad ogni piega. Di solito 12 pieghe daranno un contenuto di carbonio circa dello 0,6/0,7% . In che maniera il carbonio si distribuisce all’interno del tamahagane e cosa si può fare per migliorare, se necessario, questa distribuzione? Il carbonio originale è distribuito in modo non uniforme nel tama hagane. Con ripetute piegature, il fabbro modifica la struttura del metallo e se fa un buon lavoro osservando precise regole, alla fine otterrà un prodotto in cui il carbonio sarà distribuito molto più omogeneamente. Quindi, se ho ben capito, una delle tecniche per migliorare la struttura del tamahagane è proprio ribattere il metallo riscaldato? E’ proprio cosi. Piegare (o forgiare) l'acciaio aiuta a purificarlo. Ad ogni piega, elementi non ferrosi o altre scorie minerali vengono eliminati durante il martellamento. Dopo 12 pieghe, l'acciaio sarà molto più puro ma non è solo questo. Non è solo questo? Allora ci sono altri fattori che influiscono! Si, non è il solo processo di ribattitura e martellamento ad essere in gioco, un fattore non meno importante è il controllo della temperatura di fucinatura. Quello a cui il fabbro deve prestare massima attenzione è questo: l'acciaio non deve mai sciogliersi. Se l'acciaio si scioglie, la struttura del metallo degrada perdendo il suo aspetto a reticolo: come conseguenza ci saranno punti deboli nella spada. Questo non lo sapevo, quindi massima importanza alle temperature a cui si porta il metallo prima di ribatterlo. E’ cosi, il fabbro riscalda l'acciaio più in alto possibile prima della forgiatura perché alle alte temperature, più impurità vengono rimosse. Abbiamo detto che l’acciaio deve essere riscaldato per quanto possibile, ma non ad una temperatura abbastanza alta da fonderlo. Questo è però difficile e necessita di un controllo totale sulla lavorazione, non è cosa che possano fare tutti, richiede anni di esperienza sotto la guida di un mastro forgiatore esperto in questa lavorazione. Che tipo di Jihada produce questo tecnica di forgia? L'acciaio finale avrà un aspetto molto pulito e le linee della Jihada saranno quasi bianche e molto sottili. Se l'acciaio viene forgiato a temperature più basse, alcune impurità saranno lasciate nell'acciaio. Le linee della Jihada saranno più grandi o più ampie, e appariranno anche più colorate. Quindi il miglior acciaio sarà molto pulito e quasi bianco, con linee della Jihada molto fini come nella nashji-hada Dopo aver ottenuto un acciaio omogeneo e di buona qualità, il mastro forgiatore si appresterà a realizzare lo hamon. Ci sono delle particolari forme di hamon che migliorano le qualità strutturali di una spada? Se l'acciaio è ben forgiato, il passo successivo è quello di creare lo hamon. Lo hamon deve fornire resistenza e tra i vari tipi quello gunome con ashi o Choji garantisce un risultato ottimale. Tuttavia,anche un hamon suguha con ashi va bene. Yoshindo sostiene che un hamon semplice e senza troppi hataraki è resistente. Ma anche un hamon a base suguha o suguha-ko-Notare con ashi, va bene per fare una spada resistente. Quindi suguha o gunome con ashi o choji per la massima resistenza, Questo mi fa pensare che molti fabbri, anche famosi, hanno creato delle tipologie di hamon spettacolari ma alla fin fine, quel che conta è l’efficienza e sarebbe interessante verificare nei test di tameshigiri, quali fossero gli hamon delle spade più efficienti Il resto dei dettagli dell’ Hamon (larghezza, modelli, hataraki, ecc) sono solo effetti artistici. Grazie Lonnie per la tua disponibilità e speriamo di poter di nuovo, presto ritrovare una tua rubrica sul nostro bollettino If you would like an article for the INTK newsletter for Luca, I will be happy to write, Lonnie
  7. non lo conosco, comunque se può essere utile faccio una annotazione di carattere veniale: 59,50 euri su mondadori store, spese spedizione gratis https://www.mondadoristore.it/cart/view/?sessionToken=WNcWVm1sH58XauVNKNY9pPOrayvEzyk8
  8. rob

    la giornalista e la tsuba

    azz.. beta, stai sempre sul pezzo, non ti si può cogliere di sorpresa🤭
  9. rob

    la giornalista e la tsuba

    stasera il tg di sky trasmetteva un servizio da New York della sua corrispondente, mentre ascoltavo mi ha distratto il diadema che le ornava il collo
  10. rob

    Visioni

    ottimo beta
  11. c'è anche Yoshindo col nipote al 2019 San Francisco Sword Show dove ha debuttato il nipote come sword maker e a casa di Leon Kapp https://studyingjapaneseswords.com/2019/08/07/2019-san-francisco-sword-show/
  12. ho trovato curioso il fatto che Mori sensei si portasse a casa i tesori del museo per studiarseli con gli amici, una sfaccettatura del sistema giapponese
  13. probabilmente non citerò niente di nuovo ma ieri, facendo una ricerca sullo yakidashi, sono entrato casualmente in questo sito. Lo cito perchè raramente avevo trovato classificazioni cosi pratiche. Si inizia dal periodo storico o era, inquadrando il relativo sugata, le scuole, le migrazioni dei forgiatori e le varie contaminazioni conseguenti ad esigenze pratiche o culturali, estendendo lo studio ai vari stili di tempra, con disegni che aiutano efficacemente la memorizzazione perchè indicativi nella loro semplicità. il link è il seguente https://studyingjapaneseswords.com/ L'autrice è una appassionata studiosa giapponese di Tokyo trasferitasi in california che forse qualcuno dell'associazione avrà conosciuto. La sua storie è emblematica di come lo studio dal vivo di lame di qualità possa giovare. Qui sotto una traduzione del suo percorso di formazione da lei descritto: "Sono nata e cresciuta a Minato-ku, Tokyo, Giappone, poi mi sono trasferita a Kamakura. Adesso vivo a Los Angeles. Laureata all'Università Meiji ho conseguito una laurea in lettere e curatela. Possiedo una licenza di curatela. Inoltre, mi sono laureata in Economia all'Università statale di Calfornia di Northridge. Mio padre possedeva un'azienda manifatturiera legata al metallo. Come suo hobby, aveva collezionato spade giapponesi e altri tipi di oggetti d'arte giapponesi. Era uno degli amministratori di Nihon Bijutu Token Hozon Kyokai (日本 美術 刀 剣 保存 協会), che è un museo di spade situato a Tokyo. Uno dei suoi amici (Mori Sensei) che era anche l'amministratore principale, teneva in casa il gruppo di studio giapponese sulla spada. Mi sono unita al suo gruppo di studio. Il gruppo di Mori sensei era molto raro e prezioso perché poteva portare spade di alta qualità come materiale di studio a causa della sua posizione nel museo. Il tipo di spade con cui potevamo studiare erano spade da museo di alta qualità. Queste sono le spade che la gente poteva vedere solo attraverso teche di vetro. Inoltre, ho studiato spada con mio padre fin da quando ne ha collezionato molte in casa nostra. È così che ho iniziato a studiare la spada giapponese." Yurie Endo 遠藤由利江
  14. buon viaggio Massimo, buon kansho, fatevi valere

Chi è I.N.T.K.

La I.N.T.K. – Itaria Nihon Tōken Kyōkai (Associazione italiana per la Spada Giapponese) è stata fondata a Bologna nel 1990 con lo scopo di diffondere lo studio della Tōken e salvaguardarne il millenario patrimonio artistico-culturale, collaborando con i maggiori Musei d’Arte Orientale ed il collezionismo privato. La I.N.T.K. è accreditata presso l’Ambasciata Giapponese di Roma, il Consolato Generale del Giappone di Milano, la Japan Foundation in Roma, la N.B.T.H.K. di Tōkyō. Seminari, conferenze, visite guidate a musei e mostre, viaggi di studio in Europa e Giappone, consulenze, pubblicazioni, il bollettino trimestrale inviato gratuitamente ai Soci, sono le principali attività della I.N.T.K., apolitica e senza scopo di lucro.

Come associarsi ad I.N.T.K.:

Potete trovare QUI tutte le informazioni per associarsi ad I.N.T.K..
Associandovi ad I.N.T.K. accettate in maniera esplicita il Codice Etico e lo statuto dell'associazione ed avrete accesso ad una serie di benefici:
- Accesso alle aree riservate ai soci del sito e del forum;
- Possibilità di partecipare agli eventi patrocinati dall'associazione (ritrovi, viaggi, kansho, ecc...);
- Riceverete il bollettino trimestrale dell'Associazione.

"Una singola freccia si rompe facilmente, ma non dieci frecce tenute assieme."

(proverbio popolare giapponese)

×
×
  • Crea nuovo/a...

Informazione importante