Vai al contenuto
Altura

il club dell' Ukiyo-e

Messaggi consigliati

Grazie Beta,

Grazie per quanto ci hai regalato in questo thread.

Per averci portato nel tuo mondo, fatto di arte, di cultura, di ironia, di intelligenza e di sentimenti.

Per averci chiesto di partecipare, forse non sempre alla tua altezza, a questo tuo divertissement facendo un po da sponda al tuo pensiero.

Buon Natale. 💫


 

月の道

Condividi questo messaggio


Link al messaggio
Condividi su altri siti

COLPITO... troppo facile, Maestro. Troppo facile affondare un colpo su una vecchia cintura "sporca" più che nera. (perchè?)

(cercherò di stare attento con la risposta.. hai visto mai che un giorno decida di passare a fare il professionista e ti trovo ad un colloquio dall'altra parte della scrivania).

 

Noi tutti siamo burattini nelle mani del Caso, e il fatto di trovarci qua a parlar di arte tra le lame ne è riscontro.

Ma mi sento in parte artefice di questo Club (una buona parte); come già detto in altri templi, avevo, grazie a voi, ripreso tra le mani un vecchio lavoro sul mondo fluttuante e, nell'integrarlo e condividerlo, mi son assunto al ruolo di "presentatore", facendo una sorta di scaletta, impreziosita dai vostri interventi.. e anche se alla fine siam rimasti in due, mai l'ho vissuta come una sfida (dalla mia altezza), anzi, dal basso ho cercato di stendere un filo per ampliare la visione e regalarci nuove visioni, umane oltre che artistiche.

E questo filo, robusto e delicato allo stesso tempo, è sempre stato colorato e pronto a spezzarsi.. non cercavo una sponda comprimaria, nel senso di sciocca, ma una sponda complice, per ampliare il rimbalzo, la conoscenza e l'approfondimento, a partire dal mio.

In questi ultimi periodi però il rimbalzo è rimasto solo tra noi due e ho ritenuto che, se vogliamo, potremmo raccontarcelo seduti al tavolino di un bar della stazione o sul divano di casa tua e che, per salvaguardare il bel percorso fatto - si rischiava di far diventare questo Club una mera presentazione di stampe - ognuno di noi può trovarle nella propria rete.

Mi spiace che hai mollato "il controllo" e affondato il colpo sul riflesso della Luna, perchè io quel bagliore lo ammiro veramente, e non c'è mai stato contrasto nell'esprimere o difendere posizioni diverse... si sa che il riflesso dipende dalla superficie su cui si proietta, ma penso sempre che siamo legati allo stesso filo, eravamo già stati qua.

 

Forse ho ingigantito e mal colto l'ironia del tuo ultimo scritto... Capita anche questo.. ma sono acqua (e il riflesso talvolta si amplia).

Mi prendo il primo "grazie" ((e aspetto il post che ci racconta delle connesioni tra Lirica e Giappone) non penserai mica che evaporo così semplicemente).
.. almeno la chiudiamo in musica, in allegria.. Senza fretta e Buon Natale.

T'abbraccio


Sii immobile come una montagna ...
ma non trattare le cose importanti troppo seriamente.

Condividi questo messaggio


Link al messaggio
Condividi su altri siti

Non c'era ironia, amico mio.

È ciò penso davvero, dal cuore.

 

Questo tuo thread ha avuto cinquecento risposte e sedicimila lettori.

...E se qua e là cè stato un riflesso della pigra luna, lo si deve al sole che ha illuminato e scaldato con vigore e senza mai mollare queste ventisette pagine.

Sfido chiunque frequenti questo forum assiduamente a dirmi che non ha mai pensato "chissà cosa si sarà inventato questa sera Betadine? Quale stampa ci avrà proposto questa volta e cosa avrà voluto raccontarci?".

 

Talora questo mezzo si presta a qualche piccola incomprensione, specialmente se, per eccesso di umiltà o forse per qualche amarezza di troppo, non si ha la lucidità per riconoscere fino in fondo il ruolo attivo che si è svolto, producendo cultura.


 

月の道

Condividi questo messaggio


Link al messaggio
Condividi su altri siti

allora... è l'altezza che mi ha inebriato. Siamo qua tutti seduti in seiza, senza gradi, senza comprimari, tutti insieme attorno al fuoco, mediando sulla vita. (anche se al momento pensiamo di avere solo questa ....

 

.. è fresco fuori, meglio rincasare e mai momento sarà migliore di questo per stare con i nostri cari.

 

Hiroshige, Meguro Drum Bridge and Sunset Hill, 1857.jpg

 

Hiroshige, Meguro Drum Bridge and Sunset Hill, 1857

 

 

 

Proverò a farne una raccolta di questo nostro lavoro, così .. tanto per lasciarne traccia.

Grazie a tutti

(con un particolare abbraccio a chi mi ha seguito fino alla fine... anche se manca ancora l'aneddoto sulla musica, che avevi a suo tempo rimandato...))
era un abbraccio e l'ho preso per un atemi. :fiori:
(
sarà colpa di Pascal..)


Sii immobile come una montagna ...
ma non trattare le cose importanti troppo seriamente.

Condividi questo messaggio


Link al messaggio
Condividi su altri siti

.. un caro saluto e un grande augurio ad Altura (chissà se ci legge ancora, all'ombra delle foglie)

gift.jpg


Sii immobile come una montagna ...
ma non trattare le cose importanti troppo seriamente.

Condividi questo messaggio


Link al messaggio
Condividi su altri siti

Vi segnalo questa mostra, che si terrà a breve.

Chissà che non sia un'occasione per riunire il club...dal vivo.

 

"Dal 12 ottobre 2019 al 9 febbraio 2020, alle Scuderie del Castello Visconteo di Pavia, una mostra pone a confronto il fascino delle stampe giapponesi di autori quali Katsushika Hokusai (1760-1849), Utagawa Hiroshige (1797-1858) e Kitagawa Utamaro (1753-1806) con quelle di artisti quali Edouard Manet, Henri Toulouse Lautrec, Pierre Bonnard, Paul Gauguin, Camille Pissarro e altri.

La rassegna "Hokusai, Hiroshige, Utamaro. Capolavori dell'arte giapponese", promossa dal Comune di Pavia – Settore Cultura, Istruzione e Politiche Giovanili, prodotta e organizzata da ViDi, in collaborazione con i Musei Civici di Pavia, vuole mostrare le meraviglie delle ukiyo-e, ovvero le raffinate incisioni a colori su legno sviluppatesi nel Paese del Sol Levante a partire dal XVII secolo, e la profonda influenza che ebbero sulla storia dell'arte europea, soprattutto francese, del XIX secolo.

L'esposizione presenta circa 170 opere, provenienti dalla collezione d'arte asiatica della Johannesburg Art Gallery, formatasi a partire dal 1938, a cui si aggiungono 29 stampe ukiyo-e di proprietà dei Musei Civici di Pavia, databili a prima del 1858, ed eseguite da quattro allievi di Utagawa Toyokuni, grande maestro della tecnica ukiyo-e nell'Epoca di Edo."

 

http://www.vivipavia.it/site/home/eventi/hokusai-hiroshige-utamaro.html

 

:arigatou:

Condividi questo messaggio


Link al messaggio
Condividi su altri siti

Grazie

anche se verrebbe da dire Certo o meglio Certosa... e non solo Gian Galeazzo ne sarebbe contento, ma anche i nostri palati tra la Madonna o la Malora .... separti da un sol Ponte Coperto.

(eperchéno!! anche tuttiedue... pre-post mostra)

 

Avremo tempo fino ai primi di febbraio... parliamone.


Sii immobile come una montagna ...
ma non trattare le cose importanti troppo seriamente.

Condividi questo messaggio


Link al messaggio
Condividi su altri siti

Non è lontanissimo.

Se faccio un salto, vi racconto.

Grazie per la segnalazione.


 

月の道

Condividi questo messaggio


Link al messaggio
Condividi su altri siti

... quindi sei pe saltar sol Ponte da solo.

Vabbé.. i consigli pe l'osterie, restano.
La Madonna è prima del ponte
La Malora dopo
(rif.MuseiCivici)

:ciaociao:


Sii immobile come una montagna ...
ma non trattare le cose importanti troppo seriamente.

Condividi questo messaggio


Link al messaggio
Condividi su altri siti

Magari riusciamo a fare uno sforzo logistico e ci prendiamo un caffè assieme (prima o dopo la mostra) :-)

Condividi questo messaggio


Link al messaggio
Condividi su altri siti

Una buona salute a tutti. Vorrei prima di tutto chiedere il permesso di postare di nuovo i miei pensieri in questa "casa", dico permesso non a caso ma a ragion veduta visto che lasciai il forum ma direi piuttosto degli amici senza un motivo, sembrando, e forse lo era, mera ed inutile presunzione.

Chiedo scusa a tutti ed in particolar modo a chi è stato infastidito e deluso da questo mio comportamento, all’amico Betadine che in seguito citando l’Hagakure mi augurava del bene sprecando sentimenti che non meritavo.

Ebbi poi un passaggio in cui la vita decise di farmi lanciare i dadi così che in seguito ad esami clinici fatti, uscì il numero giusto sconfissi il banco e continuai il tragitto. Stupidaggini in confronto a ciò che sta accadendo in questo storico momento in cui il dramma “vero” va in scena alle sei di ogni sera a voce della Protezione Civile che ci aggiorna della battaglia giornaliera dei nostri soldati che cercano di difendere i nostri cari.

Vi ho sempre letto! All’ombra delle foglie non avendo il coraggio di partecipare, (gran bel Samurai!) ma ho continuato ad arricchirmi alle Vostre discussioni godendo della saggezza che ogni post conteneva. Ed eccomi qua compatibilmente con la Vostra bontà, con il mio lavoro (che fortunatamente non si è interrotto) e con gli impegni. Chiedo di essere riammesso al consesso quindi non prima di essermi inchinato a tutti VOI.

P.S. Ho scelto questo club per postare spero mi perdoniate l'off topic


Antonio Vincenzo

Condividi questo messaggio


Link al messaggio
Condividi su altri siti

Bentornato Altura, spero che tu e famiglia stiate bene. 
In un gruppo di amici, quello molto bravo ad ascoltare è sempre prezioso...

Condividi questo messaggio


Link al messaggio
Condividi su altri siti

CIAO Altura .. e bentrovato.
Son felice di rileggerti (per quel che mi riguarda non mi sono mai sentito infastidito o deluso, se non da me.. ma questa è acqua .   Ed è meglio non sprecarla.)

Ovvio che mi fa piacere che la vita continui a scorrere, malgrado i sassi che incontriamo e che non sembravano così grandi all'orizzonte.
Orizzonte un pò pieno di nebbie, ultimamante.. ma così è la vita.  Vedremo.

 


(anche se non ce ne stiamo rendendo conto .. è primavera.)

KatsushikaHokusai.jpg

Goten-Yama Hill, Shinagawa on the Tokaido by Katsushika Hokusai (1760-1849)
A traditional illustration of sakura blossom with Mount Fuji in the background and village people having a picnic and enjoying life.


Sii immobile come una montagna ...
ma non trattare le cose importanti troppo seriamente.

Condividi questo messaggio


Link al messaggio
Condividi su altri siti

E allora ricominciamo.

Una stampa meravigliosa. Perché.

Io vorrei analizzare la superficie di quest'opera ed il perché  a me piace, cominciando dalle cose semplici:

la bellezza dei colori si, troppo semplice, la serenità del movimento certo, la calma di questa piccola stazione che descrive la vita dei primi anni o forse decenni del 1.800 in Giappone. Quindi, perché Hokusai ci appaga lo spirito, forse per l'omino che maliziosamente si complimenta con la dama di fronte a lui: - bellissima giornata madame! Ideale per un picnic - senza ricevere risposta. Le mamme con i bimbi sulle spalle che parlano fra loro, il signore di verde vestito con la sua coppia di spade ordinatamente incrociata al fianco, i tre seduti sul futon in basso a sinistra guardate quante pieghe ha scolpito il maestro, guardate la precisione simmetrica dei tetti alla loro sinistra, poi alzi gli occhi e tutto si ferma, l'immobilità del monte Fuji, silenzio, abbassi gli occhi e tutto riprende vita. adesso qualche piccolo particolare che segna la differenza tra un buon giocatore ed un campione: guardate poco sopra la testa del bimbo sulle spalle più alto, dalla rupe spunta un viso, soltanto un viso, poteva non farlo, il colpo di tacco del campione, nessuno avrebbe pensato di farlo e poi ancora estremo angolo in basso a destra, dal ramo principale parte un rametto, non c'era bisogno di farlo forse sono molte ore di lavoro in più ma...

senza parlare delle genti rappresentate in alto che si affrettano in una prospettiva che via via rende le figure più minute e guardate in che maniera minuziosa "disegna" le figure fra gli alberi visi vesti ripresi esattamente oltre i rami. ok basta però dovete riconoscere che non ho parlato semplicemente dei blu meravigliosi delle simmetrie e delle prospettive. Ci siamo resi conto Beta una bellissima primavera. :arigatou:

 


Antonio Vincenzo

Condividi questo messaggio


Link al messaggio
Condividi su altri siti

... forse ci piace proprio per i suoi colori allegri e scanzonati e per l'idea di una scampagnata. 

(forse non l'avevamo apprezzata l'altra volta... tanto traffico impaziente e i soliti sulla corsia di destra...

Oggi, apparte quelli che son rimasti sulla destra, tutto il resto ci manca un po'.)) 


Sii immobile come una montagna ...
ma non trattare le cose importanti troppo seriamente.

Condividi questo messaggio


Link al messaggio
Condividi su altri siti

Bentornato Altura, ci sei mancato.
Un amico che ritorna da sempre una gran gioia al cuore.


 

月の道

Condividi questo messaggio


Link al messaggio
Condividi su altri siti

Crea un account o accedi per commentare

Devi essere un utente per poter lasciare un commento

Crea un account

Registrati per un nuovo account nella nostra comunità. è facile!

Registra un nuovo account

Accedi

Hai già un account? Accedi qui.

Accedi ora

Chi è I.N.T.K.

La I.N.T.K. – Itaria Nihon Tōken Kyōkai (Associazione italiana per la Spada Giapponese) è stata fondata a Bologna nel 1990 con lo scopo di diffondere lo studio della Tōken e salvaguardarne il millenario patrimonio artistico-culturale, collaborando con i maggiori Musei d’Arte Orientale ed il collezionismo privato. La I.N.T.K. è accreditata presso l’Ambasciata Giapponese di Roma, il Consolato Generale del Giappone di Milano, la Japan Foundation in Roma, la N.B.T.H.K. di Tōkyō. Seminari, conferenze, visite guidate a musei e mostre, viaggi di studio in Europa e Giappone, consulenze, pubblicazioni, il bollettino trimestrale inviato gratuitamente ai Soci, sono le principali attività della I.N.T.K., apolitica e senza scopo di lucro.

Come associarsi ad I.N.T.K.:

Potete trovare QUI tutte le informazioni per associarsi ad I.N.T.K..
Associandovi ad I.N.T.K. accettate in maniera esplicita il Codice Etico e lo statuto dell'associazione ed avrete accesso ad una serie di benefici:
- Accesso alle aree riservate ai soci del sito e del forum;
- Possibilità di partecipare agli eventi patrocinati dall'associazione (ritrovi, viaggi, kansho, ecc...);
- Riceverete il bollettino trimestrale dell'Associazione.

"Una singola freccia si rompe facilmente, ma non dieci frecce tenute assieme."

(proverbio popolare giapponese)

×
×
  • Crea nuovo/a...

Informazione importante