Vai al contenuto
rob

wakizashi scuola Hizen

Messaggi consigliati

Complimenti Rob,

Bella lama, purtroppo sono all'estero per lavoro e mi devo accontentare di guardare le foto sul telefono.

Non sono un amante dell' hadori, ma comunque mi sembra faccia la sua bella figura.

Concordo sul fatto del kissaki risagomato, almeno dalle foto sembrerebbe.

Gustala per bene.

Grazie per averla mostrata.


Marco C.

Condividi questo messaggio


Link al messaggio
Condividi su altri siti

Scheda tecnica:

 

  • Iyo no Jô Minamoto Munetsugu (伊予掾源宗次)
  • Jidai date: around Keicho Era (慶長, 1596-1615)
  • Sugata structure: Shinogi-zukuri
  • Mune: Iori-mune
  • Boshi: Chu-maru
  • Kitae hada: Mokume hada
  • Hamon temper line: Gunome mixed with Choji irregular temper lines
  • Nakago tang: Iri-yamagata
  • Yasuri-me: Katte-sagari
  • Mekugi hole: One
  • Habaki collar: Single piece silver plated copper

Size (approximation):

  • Nagasa: 52 cm (20 1/2")
  • Moto-haba: 29.1 mm
  • Saki-haba: 19.8 mm
  • Moto-gasane: 6.7 mm
  • Saki-gasane: 4.4 mm
  • Sori curve: 17 mm
  • Kissaki point: 32.6 mm
  • Nakago tang length: 13.5 cm (5 5/16”)
  • Shirasaya fitting: 76 cm (29 15/16")
  • Tsuka handle: 19 cm (7 1/2")

Weight (approximation):

  • Bare blade: 450 g (0.99 lb)

When fit in Shirasaya fitting: 721 g (1.59lb)

 

_DSC2213.jpg_DSC2217.jpg_DSC2218.jpg_DSC2219.jpg_DSC2222.jpg_DSC2224.jpg_DSC2225.jpg

Condividi questo messaggio


Link al messaggio
Condividi su altri siti

come hada credo abbia fatto centro Gianluca... Tanto per cambiare.

sull'index di Sesko per questo forgiatore: "jigane is a rather standing-out itame with nagare and ji-nie all over the blade", che è un pò anche come pare a me..

poi continua come caratteristiche salienti di questo fabbro: "the hamon is a gunome midare mixed with notare in nie-deki which varies in its width, in addition many togari elements as well as kinsuji and sunagashi appear, the nioiguchi is rather wide, the boshi is midare komi with hakkike and tends sometimes to kaen". Forse lo hamon non è proprio la descrizione di questa, ma soprattutto il boshi mi sembra calzare bene: lo hakkike è evidente dall'ultima foto secondo me e da quel che mi par di vedere tende proprio a kaen...

 

mi piacerebbe vedere la lama nella sua interezza ed un dettaglio del codolo! :D

 

Mi ripeto: lama interessante! :arigatou:

Condividi questo messaggio


Link al messaggio
Condividi su altri siti

come hada credo abbia fatto centro Gianluca... Tanto per cambiare.

sull'index di Sesko per questo forgiatore: "jigane is a rather standing-out itame with nagare and ji-nie all over the blade", che è un pò anche come pare a me..

poi continua come caratteristiche salienti di questo fabbro: "the hamon is a gunome midare mixed with notare in nie-deki which varies in its width, in addition many togari elements as well as kinsuji and sunagashi appear, the nioiguchi is rather wide, the boshi is midare komi with hakkike and tends sometimes to kaen". Forse lo hamon non è proprio la descrizione di questa, ma soprattutto il boshi mi sembra calzare bene: lo hakkike è evidente dall'ultima foto secondo me e da quel che mi par di vedere tende proprio a kaen...

 

mi piacerebbe vedere la lama nella sua interezza ed un dettaglio del codolo! :D

 

Mi ripeto: lama interessante! :arigatou:

Grazie a tutti voi per i commenti e le precisazioni, molto stimolanti e di enorme aiuto alla comprensione del periodo e delle tendenze dell'epoca. Non mi sembra che ci siano ancora dei dati inoppugnabili sull'attribuzione ma nemmeno il contrario. Quindi spero nel meglio. Sai Enrico, ero in contatto con Markus Sesko al quale ho avuto modo di chiedere un parere sul nakago e sui kanji. Questa la sua risposta:

 

Il 03/09/2016 19:50, Markus Sesko ha scritto:

Dear Roberto,

 

There are a few characters illegible or almost illegible but from the remaining ones, I can identify the signature as:

 

Iyo no Jô Minamoto Munetsugu (伊予掾源宗次).

 

There were three generations active under that name in Hizen province but only the first two bore the honorary title Iyo no Jo. The first generation worked roughly around the 1630s and the second generation died in 1683.

Indeed, the blade indicates a good quality. Too bad that the tang got damaged. There are some wrinkly cracks on the one side under the habaki. It is possible that the blade was once bent there and got straightened again.

 

With best regards,

Markus

Condividi questo messaggio


Link al messaggio
Condividi su altri siti

scusate l'intrusione, innanzitutto bella lama complimenti rob, una domanda per cercare di capire, cerco di studiare applicando le vostre conclusioni, ma la piccola imperfezione a cui Massimo si riferisce è il non paralellismo che in effetti si nota tra le linee yokote - kissaki, yokote - mune nel boshi? Perdonatemi se ho detto una castroneria.


Antonio Vincenzo

Condividi questo messaggio


Link al messaggio
Condividi su altri siti

scusate l'intrusione, innanzitutto bella lama complimenti rob, una domanda per cercare di capire, cerco di studiare applicando le vostre conclusioni, ma la piccola imperfezione a cui Massimo si riferisce è il non paralellismo che in effetti si nota tra le linee yokote - kissaki, yokote - mune nel boshi? Perdonatemi se ho detto una castroneria.

credo di sì. anch'io avevo chiesto se effettivamente deve esserci sempre parellellismo tra kissaki e ko-shinogi. (perchè da ignorantone, mi piacciono anche così...).

Condividi questo messaggio


Link al messaggio
Condividi su altri siti

Complimenti Roberto anche da parte mia per la nuova arrivata.

 

Con ogni probabilità ha perso un poco di boshi in punta, e per rispondere agli amici sopra, grosso modo il ko shinogi dovrebbe essere parallelo, in modo da essere aggraziato.

 

La lame è bella, interessante da studiare e con tanti bei nie, quoto Gian.

 

Immagino che avrai fatto in questo tempo una bella raccolta di firme in modo da poterlo confrontare, come ti sembrano i tratti? Sono incisi con decisione e sicurezza?

 

Questa una lama della seconda generazione con tokubetsu hozon (se ho letto bene eheh):

http://members3.jcom.home.ne.jp/kumpu.1/MS003munetsugu.html


Prossimamente al cinema... "Indiana Jones e la lama perduta"

Condividi questo messaggio


Link al messaggio
Condividi su altri siti

Allora. Secondo Sesko sia la prima che la seconda generazione si sono firmate "Iyo no Jô Minamoto Munetsugu (伊予掾源宗次)".

E da quanto scrive sempre Sesko sul suo Index della seconda generazione: "worked in the style of the 1st gen. Munetsugu".

Quindi comunque tutte le mie supposizioni di cui sopra secondo me si possono traslare anche sulla seconda generazione.

Ora: prima o seconda? (giusto ai fini della curiosità di ipotizzare quella apparentemente più corretta)

 

Se dovessi basarmi sui tratti della firma, visto un nakako attestato della seconda:

[cut] Questa una lama della seconda generazione con tokubetsu hozon (se ho letto bene eheh):

http://members3.jcom.home.ne.jp/kumpu.1/MS003munetsugu.html

e viste le oshigata del fushijiro e quest'altro nakago attestato Jyuyo http://www.tsuruginoya.com/mn1_3/a00227.html, dall'alto della mia enorme ignoranza ed inesperienza direi che la mei della tua lama Rob è più simile alla seconda generazione che non alla prima.

 

Che sia la prima o la seconda (e ammesso che sia una firma genuina, ma giudichiamo la lama, non la firma: una signora lama) comunque è un fogiatore jo saku!, scusate se è poco :D

Condividi questo messaggio


Link al messaggio
Condividi su altri siti

Dai ragazzi aspettiamo che Roberto ci dia un parere sulla mei, è tutto esercizio anche questo.

 

Se no facciamo come la N.B.T.H.K. che per delle firme dice "to mei ga aru" (と銘がある) cioè "bisogno di ulteriori studi" :vecchiocinese:


Prossimamente al cinema... "Indiana Jones e la lama perduta"

Condividi questo messaggio


Link al messaggio
Condividi su altri siti

Unisciti alla conversazione

Adesso puoi postare e registrarti più tardi. Se hai un account, Registrati adesso per inserire messaggi con il tuo account.

Ospite
Rispondi

×   Incolla come testo formattato.   Incolla invece come testo normale

  Sono permesse un massimo di 75 faccine.

×   Il tuo link è stato inserito automaticamente.   Visualizza invece come link

×   Il tuo contenuto precedente è stato ripristinato.   Editor trasparente

×   Non puoi incollare le immagini direttamente. Carica o inserisci immagini dall'URL.

Caricamento

Chi è I.N.T.K.

La I.N.T.K. – Itaria Nihon Tōken Kyōkai (Associazione italiana per la Spada Giapponese) è stata fondata a Bologna nel 1990 con lo scopo di diffondere lo studio della Tōken e salvaguardarne il millenario patrimonio artistico-culturale, collaborando con i maggiori Musei d’Arte Orientale ed il collezionismo privato. La I.N.T.K. è accreditata presso l’Ambasciata Giapponese di Roma, il Consolato Generale del Giappone di Milano, la Japan Foundation in Roma, la N.B.T.H.K. di Tōkyō. Seminari, conferenze, visite guidate a musei e mostre, viaggi di studio in Europa e Giappone, consulenze, pubblicazioni, il bollettino trimestrale inviato gratuitamente ai Soci, sono le principali attività della I.N.T.K., apolitica e senza scopo di lucro.

Come associarsi ad I.N.T.K.:

Potete trovare QUI tutte le informazioni per associarsi ad I.N.T.K..
Associandovi ad I.N.T.K. accettate in maniera esplicita il Codice Etico e lo statuto dell'associazione ed avrete accesso ad una serie di benefici:
- Accesso alle aree riservate ai soci del sito e del forum;
- Possibilità di partecipare agli eventi patrocinati dall'associazione (ritrovi, viaggi, kansho, ecc...);
- Riceverete il bollettino trimestrale dell'Associazione.

"Una singola freccia si rompe facilmente, ma non dieci frecce tenute assieme."

(proverbio popolare giapponese)

×
×
  • Crea nuovo/a...

Informazione importante