Vai al contenuto

Messaggi consigliati

Credo anch'io che il tema di tutto questo bellissimo Forum sia l'arte della Spada, ma è anche vero che veicola una serie di informazioni sulla cultura giapponese che vengono condivise fra i suoi membri.

 

E reputo che sarebbe un peccato che su di un argomento di cui molti parlano (il Ninjutsu/Ninpo) spesso non vi sia una conoscienza storica abbastanza certa e si tenda a cadere nel mito e nell'immaginario....

 

Di sicuro è molto più che 4 scimmie urlatrici vestite di nero che saltano da un tetto all'altro... o di un gruppo di creduloni che si fanno prendere per il naso dopo aver visto un film con acrobati vestiti tipo power ranger...

sicuramente esistono grandissimi "personaggi" che vendono il ninjutsu (e la figura storica del ninja) come merce su di uno scaffale... ma questo avviene anche per tutte le altre arti marziali (e non solo)...

 

Secondo me il ninjutsu, o meglio la figura storica del ninja potrebbe essere usata per meglio comprendere alcuni aspetti di una delle culture più affascinanti (a mio avviso) della storia...

Condividi questo messaggio


Link al messaggio
Condividi su altri siti

E' vero...

 

Chiedo venia.

 

Io mi chiamo Diego Donadoni, sono di Verona, mi sono laureato in lingua e letteratura giapponese all'Università di Ca' Foscari di Venezia nel 2002 e sono un appassionato di Storia Giapponese. Da qualche anno mi sto dedicando alla Storia del Ninjutsu.


Associazione Culturale Hashi - Tenshin Shoden Katori Shinto Ryu

Condividi questo messaggio


Link al messaggio
Condividi su altri siti
E' vero...

 

Chiedo venia.

 

Io mi chiamo Diego Donadoni, sono di Verona, mi sono laureato in lingua e letteratura giapponese all'Università di Ca' Foscari di Venezia nel 2002 e sono un appassionato di Storia Giapponese. Da qualche anno mi sto dedicando alla Storia del Ninjutsu.

 

Questa non è la sezione per le presentazioni, però è già qualcosa.

 

Condivido appieno.... :ok:

 

Dato che sei laureato in materia, e ricerchi da un po' la storia del Ninjutsu puoi rispondere alle domande degli utenti che seguono questo topic...

(non è detto in tono incavolato come il precedente messaggio)


Mattia

 

Condividi questo messaggio


Link al messaggio
Condividi su altri siti

calma ragazzi, non è il caso di essere così puntigliosi.

ho eliminato qualche messaggio di troppo che era decisamente off topic.

 

Ripartiamo con l'argomento.

 

Shiken sei il benvenuto e sono sicuro che puoi contribuire anche in altre sezioni. se sei un appassionato di storia fa sempre piacere leggere qualcosa che riporti il mito alla realtà.



Condividi questo messaggio


Link al messaggio
Condividi su altri siti

Non ho letto tutto quindi può essere che mi abbiano preceduto:

La spada ninja non era dritta..... iga e koga pare da quel che ho saputo siano diventate una sorta di Gardaland a tema.

La Katana ninja era simile a quella samurai più corta, nella saya trovavano alcune volte posto cannuccie per respirare sott'acqua ed altri oggetti.

Il ninja non la venerava come un samurai, anzi in caso di necessità la usava come puntello per scalare muri ....


Sotto la spada levata in alto vi è l'inferno che ti fa tremare;

ma va avanti e avrai la terra della beatitudine - Miyamoto Musashi -

Condividi questo messaggio


Link al messaggio
Condividi su altri siti

scusate ma con tutti gli studiosi di storia del giappone che ci sono in questo forum è possibile che quando si parla di ninja e/o di ninjutsu tutti si azzannino e poi spariscano nel nulla facendo cadere il discorso ??

 

parlate di tutto l'onore dei samurai i tutte le lingue ma quando si parla di ninja sparite come tali..........

 

ecco che fine han fatto i veri ninja.....

 

vi siete infiltrati in questo forum !!!!!!!!!

 

muhahahahahahahahahaha..............


non c'è vento favorevole per chi non sa dove va.

 

il valore di un guerriero si vede dal valore dei suoi nemici.

 

c'è una legge che sta' al potere.... dice che l'essere sta' nell'avere.

Condividi questo messaggio


Link al messaggio
Condividi su altri siti

forse magari non lo reputano un discorso interessante visto che è stato trattato piu volte....

o forse sono anche stufi di parlare con gente di coccio

Condividi questo messaggio


Link al messaggio
Condividi su altri siti
forse magari non lo reputano un discorso interessante visto che è stato trattato piu volte....

o forse sono anche stufi di parlare con gente di coccio

 

 

Mah, se devo ragionare usando un pò il sale della zucca non posso che dar ragione alle considerazioni di Piva.

Da che mondo è mondo in ogni esercito ci sono sempre stati dei corpi speciali segreti che si sono occupati di

spionaggio o di fare il lavoro " sporco " .

Alla luce di questo non mi risulta neppure tanto strano che potessero avere tute nere di notte, travestimenti per il giorno

o teli mimetici, sono tutt' ora usati da tutti gli eserciti del mondo.

Esistono anche le mimetiche bianche per la neve ... quindi non mi sembra poi così bizzarro.

 

Sono comunque daccordo anche con Lorenzo, questa diatriba ha avuto fin troppo spazio in un forum dedicato

alle lame. Se effettivamente si vogliono cercare delle risposte meglio rivolgersi ad alti forum dove, oltre a trovare

maggiore documentazione al riguardo, magari l' argomento potrebbe essere più apprezzato.

 

In questa sede già la foto della lama nel museo senza sori e con la tsuba appuntita era sufficiente per chiudere il discorso.

 

Vi saluto, ritorno nell' ombra ( sparendo in una nuvoletta di fumo ) ... :ph34r


Ognuno di noi nasconde dentro di sè una scintilla divina, basta saperla cercare.

Condividi questo messaggio


Link al messaggio
Condividi su altri siti

Questa è la sezione dedicata alle Arti Marziali, quindi non siamo off topic sebbene ci si trovi sul forum della I.N.T.K. Il fatto che la discussione non vada avanti più di tanto è dovuto sia a ciò che Matteo ha espresso e al fatto che non si trovi molto materiale a disposizione su cui fare ricerche e discutere. Nel forum ci sono alcuni praticanti di Ninjutsu, se non sono loro a presentare nuovi spunti persone che ne sanno molto di meno non possono, ovviamente, approfondire più di tanto :arigatou:

Condividi questo messaggio


Link al messaggio
Condividi su altri siti
Questa è la sezione dedicata alle Arti Marziali, quindi non siamo off topic sebbene ci si trovi sul forum della I.N.T.K. Il fatto che la discussione non vada avanti più di tanto è dovuto sia a ciò che Matteo ha espresso e al fatto che non si trovi molto materiale a disposizione su cui fare ricerche e discutere. Nel forum ci sono alcuni praticanti di Ninjutsu, se non sono loro a presentare nuovi spunti persone che ne sanno molto di meno non possono, ovviamente, approfondire più di tanto :arigatou:

 

 

... si in effetti hai ragione ... forse dopo 6 pagine di discussione ho perso anche io il filo del discorso.

Diciamo che ho trovato molto interessante gli approfondimenti di Maske, ed inutile e gratutito tutto ciò che è legato

alla diatriba " i ninja sono o non sono realmente esistiti ".

Anche se non erano esattamente come nei film e nei cartoni anni '80 o nei videogiochi non credo si possa mettere in dubbio il fatto che siano esistiti ed abbiano contribuito anche loro alla storia del Giappone, e comunque l' esistenza di Hattori Hanzo

è palesemente documentata.

 

:arigatou:


Ognuno di noi nasconde dentro di sè una scintilla divina, basta saperla cercare.

Condividi questo messaggio


Link al messaggio
Condividi su altri siti

Ragazzi i ninja non esistono !!

 

 

 

TOSHITSUGU TAKAMATSU 33rd Soke of Togakure Ryu Ninjutsu

L'ultimo vero ninja vissuto

 

DR MASAAKI HATSUMI 34rd Soke of Togakure Ryu Ninjutsu , fondatore della Bujinkan Dojo, attuale tesoro nazionale vivente Giapponese.

 

Ultima foto sempre a testimonianza che i ninja non sono esistiti.

U7UY4CA2D44L1CAXI06PGCAWHG8UPCAH8OR97CA132N5HCA5GH5AWCAQF739PCAAM629RCAPGJ96VCAZ9V1YRCACCPK26CAY20NELCAY6C66WCARP70G5CA3W7TVGCAZDB252CAKRTLMLCA4GD5OL.jpg

Soke_1_.jpg

Hattori_Grave_1_.jpg


Sotto la spada levata in alto vi è l'inferno che ti fa tremare;

ma va avanti e avrai la terra della beatitudine - Miyamoto Musashi -

Condividi questo messaggio


Link al messaggio
Condividi su altri siti
Scusate il lieve ot; mi fa piacere che queste discussioni raggiungano le sei e più pagine come quelle sulle arti marziali, ma la domanda sorge spontanea. Lo studio della spada giapponese come oggetto d'arte ( e come tema del forum, tralaltro ) vi interessa? Se si, potreste magari intervenire costruttivamente anche nelle altre discussioni?

 

Considerato il livello alto del forum e dei suoi topic il costruttivamente non è alla portata di tutti, io rientro nella fascia bassa quindi prediligo leggere fin che non sarò adeguatamente bagagliato culturalmente...

Queste discussioni sono più ruota libera quindi un pò più permissive, ma comprendo la tua osservazione.


Sotto la spada levata in alto vi è l'inferno che ti fa tremare;

ma va avanti e avrai la terra della beatitudine - Miyamoto Musashi -

Condividi questo messaggio


Link al messaggio
Condividi su altri siti
DR MASAAKI HATSUMI 34rd Soke of Togakure Ryu Ninjutsu , fondatore della Bujinkan Dojo, attuale tesoro nazionale vivente Giapponese

 

 

Autoproclamato Demon10.gif

Condividi questo messaggio


Link al messaggio
Condividi su altri siti

Si potrebbe forse pensare che questi personasggi che immaginiamo vestiti di nero e che usano trucchi improponibili forse se esistiti o esistenti facessero parte di una forma di "intelligense" e venissero addestrati proprio per delle operazioni di questo tipo, cioè operazioni non convenzionali un incrocio tra un commandos e uno 007 e proprio per questo motivo non ci sono notizie in merito. (Questo vorrebbe dire che sono stati addestrati bene)

d'altra parte anche ora su certi reparti e su personaggi o organizzazioni che si muovono in tal senso è difficile avere informazioni, ma ancora più difficile confutarne la loro autenticità.

Da noi un precursore in tal senso è stato Giovanni dalle Bande Nere.


"Io sono Anarca non perché disprezzi l'autorità ma perché ne ho bisogno. Così, non sono nemmeno un miscredente, bensì uno che esige cose degne di fede".

 

Ernst Jünger

Condividi questo messaggio


Link al messaggio
Condividi su altri siti
Si potrebbe forse pensare che questi personasggi che immaginiamo vestiti di nero e che usano trucchi improponibili forse se esistiti o esistenti facessero parte di una forma di "intelligense" ...

 

Ma possiamo anche pensare che i clan commissionassero omicidi. O anche organizzazioni di stampo mafioso facessero irruzioni notturne, assassini. E si può pensare che gli addetti a queste opere usassero armi di fortuna tecniche evasive , di spionaggio e infiltrazione e certamente avvicinandoci all'immaginario collettivo penso che almeno alcuni per mimetizzarsi di notte si vestissero di bende scure. Del resto anche le squadre speciali odierne si vestono di nero ma è una cosa più che plausibile. Io penso che cose di questo tipo sono sicuramente esistite e vengono raccolte in maniera sommaria sotto il nome di ninja, che poi in Giappone esistessero gruppi ben organizzati e identificati non saprei e non tanto mi interessa mi piace che resti nel mistero... qualcosa di fantasioso e oscuro.


Le questioni di maggiore gravità vanno trattate con leggerezza

Condividi questo messaggio


Link al messaggio
Condividi su altri siti

mi scuso se uppo la discussione, ma mi sembra che sia terminata su uno spunto interessante ^^

 

Del resto anche le squadre speciali odierne si vestono di nero ma è una cosa più che plausibile.

 

ecco, questo appunto... la maggior parte delle persone pensa che gli operatori siano abbigliati in nero per il mimetismo notturno... ma non è vero :gocciolone: il nero è il 'colore' meno mimetico in ogni contesto, di giorno e di notte, per la sua tendenza a fare l'effetto 'macchia'. il nero non c'è in natura, e è presente in molte mimetiche per ottenere l'effetto di 'spezzare la forma' della figura umana (ciò per il riconoscimento delle sagome proprio dell'occhio umano... non sto a dilungarmi per non essere troppo OT), ma è sempre deleterio per il mimetismo.

le squadre speciali, di pronto intervento e simili, sono in nero per un'idea completamente opposta: l'effetto psicologico!

il cittadino/ladro/terrorista medio (ora meno, a causa del bombardamento di tali immagini portato da film, videogames e purtroppo cronaca) non è preparato a vedersi piombare davanti una bestia nera di due metri che ti urla minacciosamente in faccia :ok: ed è quindi portato a tentennare per l' "apparizione" concedendo all'operatore un istante di vantaggio...

 

non dico che fosse così, ma mi sembra la spiegazione più plausibile per cui un ipotetico ninja avrebbe potuto usare la 'tuta' che ne è diventato stereotipo: specialmente in una cultura dove l'uomo medio crede a superstizioni, spiriti, diavoli e mostri, l'apparizione di un demone nero avrebbe potuto mandare in pezzi la risolutezza della maggior parte delle persone...

e consideriamo anche questo: quella che si attribuisce ai ninja è una strategia del terrore, cioè minare la sicurezza del nemico, vuoi con il colpire l'uomo della strada, vuoi con l'arrivare dove nessuno avrebbe creduto possibile spaventando il 'capo'... e in una strategia del genere, l'impatto psicologico è tutto. se non sbaglio, in parte è anche motivo dell' "espressione" dell'elmo del samurai, giusto?

 

ora immaginate: siete una guardia in una città assediata. state uscendo per dare il cambio a un commilitone. mentre lo vedete camminare verso di voi, all'improvviso da uno sbuffo di fumo compare un mostro nero, che con una spada stacca la testa a quello, e svanisce nel nulla con un'altra nuvola di fumo...

io credo che spezzerebbe i nervi di molti, specie se già provati dalla tensione di una battaglia =)

 

ah, ovviamente, non sto per niente dicendo sia così, anzi! il mio è un parallelo quasi privo di fonti, derivato da speculazioni sulle tecniche usate ora e da altri gruppi simili nella storia... :ok: tra l'altro, alcuni reparti speciali americani si erano attribuiti il nomignolo di ninjas con l'adozione delle tute nere :hehe:

Condividi questo messaggio


Link al messaggio
Condividi su altri siti
Ospite
Questa discussione è chiusa alle risposte.

Chi è I.N.T.K.

La I.N.T.K. – Itaria Nihon Tōken Kyōkai (Associazione italiana per la Spada Giapponese) è stata fondata a Bologna nel 1990 con lo scopo di diffondere lo studio della Tōken e salvaguardarne il millenario patrimonio artistico-culturale, collaborando con i maggiori Musei d’Arte Orientale ed il collezionismo privato. La I.N.T.K. è accreditata presso l’Ambasciata Giapponese di Roma, il Consolato Generale del Giappone di Milano, la Japan Foundation in Roma, la N.B.T.H.K. di Tōkyō. Seminari, conferenze, visite guidate a musei e mostre, viaggi di studio in Europa e Giappone, consulenze, pubblicazioni, il bollettino trimestrale inviato gratuitamente ai Soci, sono le principali attività della I.N.T.K., apolitica e senza scopo di lucro.

Come associarsi ad I.N.T.K.:

Potete trovare QUI tutte le informazioni per associarsi ad I.N.T.K..
Associandovi ad I.N.T.K. accettate in maniera esplicita il Codice Etico e lo statuto dell'associazione ed avrete accesso ad una serie di benefici:
- Accesso alle aree riservate ai soci del sito e del forum;
- Possibilità di partecipare agli eventi patrocinati dall'associazione (ritrovi, viaggi, kansho, ecc...);
- Riceverete il bollettino trimestrale dell'Associazione.

"Una singola freccia si rompe facilmente, ma non dieci frecce tenute assieme."

(proverbio popolare giapponese)

×
×
  • Crea nuovo/a...